Spara contro la mogilie e i figli, 33enne in manette per tentato omicidio

4 ottobre 2011 0 Di redazione

E’ un trentatreenne del capoluogo l’uomo che nella notte tra mercoledì e giovedì scorso ha sparato con la propria arma, un’automatica calibro 9 x 21, tre colpi contro un’abitazione di corso Lazio.
Due dei proiettili, superando il portone dello stabile, erano penetrati nel divano su cui madre e figlia di due anni stavano riposando. Tragedia sfiorata. Il giovane, infatti, ha usato l’arma puntandola ad altezza uomo e solo grazie al tempestivo intervento delle pattuglie Volanti ha interrotto la pericolosa esecuzione dandosi alla fuga. Subito è iniziata la caccia all’uomo.
Diramate le ricerche su tutto il territorio nazionale; sono cominciati i controlli nel capoluogo ed in provincia passando al setaccio tutti i luoghi che abitualmente frequentava e la cerchia delle sue amicizie. Venti le perquisizioni domiciliari eseguite che hanno portato ad un arresto e tre denunce per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Questa mattina è stata messa la parola fine alla fuga del folle individuo. Il personale della Squadra Mobile dopo mirati appostamenti, ha fatto irruzione, a Frosinone, nell’abitazione di una parente del ragazzo che l’aveva ospitato. Il giovane sorpreso con un borsone tra le mani, alla vista dei poliziotti ha cercato di fuggire ancora. Inutili i tentativi. L’uomo bloccato dalla Polizia di Stato dovrà ora rispondere di tentato omicidio.