Giorno: 4 novembre 2011

4 novembre 2011 0

Disastro meteorologico a Genova, i morti sono sei ma resta la paura per una notte di piogge

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Sono sei i morti dell’alluvione di oggi a Genova. Un ragazzo di 26 anni dato per morto perché trascinato via dalla corrente, è stato ritrovato e sta bene. Un bilancio comunque pesante che ha lasciato l’intero Paese sgomento di fronte a immagini di strade divenute fiumi impetuosi, capaci di trascinare via decine di macchine, cassonetti, scooter e, purtroppo, anche persone. Una scena post bellica quelle che si vedono per le strade genovesi. Cataste di auto e altro; purtroppo, ancora non è finita. Un’altra notte di pioggia torrenziale aspetta il capoluogo genovese e l’appello delle forze dell’ordine è quello di lasciare i primi piani rifugiandosi a livelli superiori. Inoltre si fa appello a non uscire di casa.

4 novembre 2011 0

Barletta non dimentica, il Presidente della Repubblica sul luogo del tragico crollo – LE FOTO

Di redazione

Barletta non dimentica le sue vittime. Matilde Doronzo, 32 anni, Giovanna Sardaro, di 30, Antonella Zaza di 36 e Tina Ceci di 37 e la 14enne Maria Cinquepalmi. La tragedia del crollo della palazzina avvenuta il 3 ottobre in via Roma ha lasciato ferite profonde perché quelle erano figlie e sorelle di ogni barlettano. Ieri sera un migliaio di persone ha partecipato stasera in piazza Moro, nel centro di Barletta, alla cerimonia religiosa per il trigesimo delle vittime. Sono vittime del lavoro, della cattiva edilizia ed anche degli allarmi lanciati e non recepiti; erano lavoratrici (a parte la 14enne figlia dei proprietari dell’azienda) che lavoravano per pochi euro, meno di 4 l’ora, e si sentivano anche fortunati di avere quel lavoro in un momento di forte crisi. Oggi pomeriggio, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, accompagnato dalla moglie Clio, ha visitato i luoghi della tragedia. Poco prima in prefettura aveva incontrato a porte chiuse i familiari delle donne rimaste uccise. Ermanno Amedei Foto Pino Marchisella – PM Photo & Video Corso Garibaldi Barletta

4 novembre 2011 0

Cormorano impigliato nella rete di protezione nel Lago di Canterno a Ferentino

Di redazione

Un bellissimo esemplare di cormorano questa mattina è rimasto impigliato in una rete protettiva sistemata nei fondali nelle acque del lago di Canterno ridotto ormai a una “pozzanghera”. Sono dovuti intervenire i vigili del fuoco del distaccamento di Fiuggi per liberare, con non poche difficoltà, il malcapitato volatile acquatico. A provocare il contrattempo è stato proprio l’abbassamento delle acque del bacino, in seguito al quale la rete è rimasta scoperta. Nei giorni scorsi alcuni pescatori di Ferentino avevano messo in guardia del rischio che quel reticolato rappresenti, mentre un altro avvertimento era arrivato dal presidente dell’associazione ferentinate “Il Cartello per la promozione e diffusione delle Arti” Gian Carlo Canepa. “Il lago di Canterno non c’è più – aveva informato il naturalista –. È agonizzante. Almeno il 50% del bacino si è prosciugato per la siccità dovuta essenzialmente ai cambiamenti climatici del pianeta, accelerati in modo esponenziale dalle dissennate attività umane”. Aldo Affinati

4 novembre 2011 0

Ladri di rame seminano il panico sull’autostrada, inseguiti e arrestati dalla Stradale

Di redazione

Questa notte sull’autostrada Roma Napoli gli agenti della polizia Stradale di Cassino ha arrestato Sosoi Stancu, nato in Romania di 55 anni e Sosoi Lucian, nato in Romania di 29 anni. Gli stessi alle 05.30, tra i caselli di Ceprano (Fr) e Caianeilo (Ce) nel transitare a bordo di una autovettura di fabbricazione Renault Lagune sw, con targa di nazionalità ucraina, sono stati inseguiti perché non hanno rispettato l’alt della pattuglia. Inseguiti nonostante le ripetute intimazioni dell’alt, hanno continuato la loro corsa sorpassando i veicoli sia a destra che a sinistra, non curante del pericolo causato alla circolazione. Oltrepassato lo svincolo autostradale di San Vittore del Lazio (Fr), un’altra pattuglia coordinata dal vice questore Bruno Agnifili. cercava di affiancare di nuovo i fuggitivi allo scopo di bloccarli, ma questi con manovre repentine cercavano più volte di speronare l’autovettura d’istituto. In tale contesto gli occupanti del veicolo in fuga, allo scopo di bloccare l’inseguimento degli agenti aprivano il portellone posteriore vano portabagagli e gettavano sul piano viario, fasci di rame, alcuni capi di abbigliamento e per finire anche parte del sedile posteriore del mezzo, che hanno colpito le pattuglie. Il comportamento dei fuggitivi aveva senza ombra di dubbio lo scopo di sottrarsi al controllo oltre che di disfarsi di eventuale merce di provenienza furtiva. L’inseguimento si protraeva per circa quaranta chilometri, fino all’area di servizio Teano ovest, territorio del comune di Teano (Ce), dove, i soggetti vedendosi chiusi dalle pattuglie che li avevano ormai raggiunti e circondati, imboccavano repentinamente la corsia di accesso alla suddetta area di servizio andando in sbandamento e finendo la corsa contro una struttura in cemento armato. Dopo l’urto due dei tre occupanti venivano immediatamente bloccati dagli operatori, mentre il terzo riusciva ad allontanarsi nelle campagne adiacenti facendo perdere le proprie tracce. A bordo del veicolo veniva rinvenuta una tronchese da taglio e materiale in rame di provenienza furtiva – in particolare si rinvenivano circa 50 chilogrammi di piattine in rame ed un anello in rame per utilizzo in forno ad induzione per un peso quest’ultimo di circa 90 chilogrammi. Inoltre sul piano viario, venivano successivamente recuperati altri 70 chilogrammi di piattine in rame, precisamente quelli lanciati dal veicolo in corsa – per un totale di oltre 200 kg di rame di particolare finitura utilizzato a scopi energetici e produzione di calore avente un valore di diverse decine di migliaia di euro. Dopo accurati ed approfonditi accertamenti, anche attraverso i comandi territoriali di polizia, l’ipotesi investigativa veniva suffraga dalla denuncia di furto presentata dai rappresentati della società Industrie & Fondaria Metalli spa, con sede a Ceprano (Fr) i quali riconoscevano il materiale trafugato nella loro azienda.

4 novembre 2011 0

Maltempo, pronto il decreto ministeriale per la dichiarazione dell’eccezionale rischio per Genova

Di admin

Il Presidente del Consiglio dei Ministri firmerà il decreto per la dichiarazione dell’eccezionale rischio di compromissione degli interessi primari in conseguenza dei fenomeni meteorologici avversi che stanno interessando le regioni del Nord Ovest del Paese.

Al Capo del Dipartimento della Protezione Civile sarà attribuito l’incarico di Commissario delegato per l’adozione di ogni indispensabile provvedimento sul territorio interessato dall’eccezionale maltempo, al fine di assicurare ogni forma di assistenza e di tutela degli interessi pubblici primari delle popolazioni interessate, nonché di ogni misura idonea alla salvaguardia delle vite umane.

4 novembre 2011 3

Trovato piccolo esemplare di pitone reticolato a spasso per Frosinone

Di admin

Un piccolo esemplare di pitone reticolato è stato trovato questa mattina a Frosinone in località Cese Corridori. Il rettile è stato quasi certamente acquistato illegalmente e poi abbandonato. La bestiola presentava una ferita subito sotto la testa. Consegnato dalla polizia Municipale di Frosinone al Comando della Polizia Provinciale è stato subito trasportato presso il centro veterinario di Fogliano (Lt) dove sarà curato e poi affidato ad un istituto adeguato. Il pitone reticolato è uno dei serpenti più lunghi del mondo, misura da 4,5 a 9,5 metri, e anche uno dei più pesanti: può arrivare a pesare 140 kg e i 30 anni di età (fonte Wikipedia).

4 novembre 2011 0

Velardocchia: “Cassino comune virtuoso ed al passo con i tempi”

Di admin

Si è riunita, nella giornata di venerdì, la seconda commissione consiliare permanente presieduta dal consigliere Andrea Velardocchia, alla presenza dell’assessore al personale del Comune di Cassino Luigi Montanelli, dei consiglieri di maggioranza Ficaccio, D’Onofrio, Iannone, Durante (in sostituzione di Tortolano) e della sola Di Rollo per la minoranza. La seduta della commissione è servita per affrontare il tema dei servizi demografici, con particolare riferimento all’attività di raccolta dati relativa al censimento Istat 2011. “Innanzitutto la commissione – ha sostenuto Velardocchia – ha rilevato l’efficiente lavoro svolto dagli uffici preposti sotto la responsabilità del funzionario di settore Alfredo Langiano, mettendo in evidenza con orgoglio che il Comune di Cassino è tra i comuni all’avanguardia per quanto riguarda i rilievi on line del censimento. Questo è stato reso possibile anche grazie all’attività di sensibilizzazione ed informazione svolta in diverse strutture pubbliche presenti sul territorio cassinate, riservando un’attenzione particolare alle scuole della nostra città. Nel corso della seduta, inoltre, è maturata l’idea di inviare alcuni addetti alla rilevazione dei dati presso le zone periferiche di Cassino e nei vari centri anziani presenti in città, al fine di facilitare la somministrazione dei dati a tutte quelle persone che hanno difficoltà sia nel compilare il modello Istat che nel raggiungere gli uffici comunali per la consegna dello stesso. La commissione ha analizzato anche l’aspetto prettamente organizzativo della questione, reperendo locali idonei per l’elaborazione ed il deposito degli atti compilati relativi al censimento, al fine di agevolare il lavoro degli addetti alla rilevazione statistica demografica. Si è poi voluto improntare una programmazione per l’anno 2012, nel corso del quale avverrà l’istituzione di alcuni servizi informatizzati, tra cui la carta d’identità elettronica, l’e – government e la possibilità di attivare la certificazione on line. Servizi che per essere garantiti dovranno inevitabilmente passare attraverso il reperimento di ricorse economiche, necessarie per l’istituzione degli stessi, e la riorganizzazione del settore informatico. Un ulteriore passo, dunque, che si va ad aggiungere a quello fatto, qualche settimana fa, dalla prima commissione consiliare con il licenziamento del regolamento dell’Albo Pretorio on line. Obiettivi in linea con il nostro programma elettorale e con il lavoro che questa Amministrazione sta portando avanti per rendere Cassino una città al passo con i tempi ed in linea con quelli che sono gli standard europei in materia di efficienza ed informatizzazione, puntando sempre a livelli qualitativi di eccellenza.”

4 novembre 2011 0

Disastro meteorologico a Genova, salgono a sette le vittime. Si attendono altre ondate di piena

Di admin

C’è tensione e paura a Genova per l’ondata di piena di alcuni fiumi e torrentida la cui esondazione ha già causato poco prima delle 16 già 7 morti. Tra le vittime due donne e tre bambini. I residenti delle zone alluvionate sono stati costretti ad uscire dalle abitazioni e dai negozi al piano terra mentre gli automobilisti in transito sono dovuti salire sul tetto delle macchine, molte delle quali sono state spazzate via. Alcune delle vittime sono state schiacciate dall’impatto di più vetture trascinate dalla corrente. Al momento la situzione è di massima allerta e si sta lavorando per informare tutte le persone che abitano ai piani terra di abbandonare le loro case e trovare riparo ai piani superiori.

4 novembre 2011 0

Disastro meteorologico a Genova sotto “assedio” dei torrenti in piena, gia sei morti tra cui bambini

Di redazione

Il maltempo continua mietere vittime. Ancora una volta la tragedia si è abbattuta sulla Liguri. Sotto assedio di un fiume in piena è Genova le cui strade sono state inondate dal fiume Bisagno. Sei i morti già accertati tra cui tre bambini. Un disastro annunciato ma non si poteva immaginare, a quanto pare, che arrivasse a colpire così duramente Genova. Alcune delle vittime sono in via Fereggiano dove un’ondata di piena ha trascinato via auto, scooter, addirittura un pullman e purtroppo anche lacune persone. Ma il peggio ancora non è arrivato dato che si prevedono altri straripamenti. Si sta facendo evacuare tutti i piani bassi delle case ma il tempo stringe e si teme che possano esserci altre vittime. Er. Amedei

4 novembre 2011 0

Maltempo, piogge intense e persistenti al nord-ovest, da domani estensione in gran parte del paese

Di admin

Il Dipartimento della Protezione Civile sta seguendo con attenzione, in contatto con le prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile, l’evolversi dei fenomeni meteorologici avversi che in queste ore stanno interessando – come preannunciato nei giorni scorsi – le nostre regioni nord-occidentali, con effetti particolarmente pesanti sulla città di Genova.

Nel pomeriggio di oggi si è riunita l’unità di crisi per valutare le criticità in atto, ed è convocato per le ore 17 a Roma, presso la sede del Dipartimento della protezione Civile, il Comitato Operativo che seguirà l’evolversi della situazione disponendo, nel caso, le eventuali misure necessarie.

Come preannunciato nei giorni scorsi, infatti, le precipitazioni persisteranno su gran parte del centro-nord anche nella giornata di domani, determinando su Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria quantitativi cumulati di pioggia elevati o localmente molto elevati. Dalle prime ore di domattina, la lenta progressione verso levante della depressione atlantica presente sulla Spagna determinerà inoltre un’intensificazione della ventilazione sud-orientale sulle regioni centro-meridionali e l’estensione delle precipitazioni al quadrante di nord-est, alla Sardegna e alle regioni tirreniche.

Sulla base dei modelli previsionali disponibili il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche, che integra ed estende quello diffuso ieri e che prevede l’arrivo di precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale di forte intensità, anche sul nord-est, sulle regioni centrali tirreniche e sulle due isole maggiori. I fenomeni potranno essere accompagnati da frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Analogamente, i venti forti di Scirocco, con raffiche di burrasca o burrasca forte, che già oggi stanno interessando Liguria, Sardegna e Toscana interesseranno a partire da domattina anche Lazio e Sicilia, per estendersi progressivamente alle restanti regioni meridionali, con possibili mareggiate sulle coste esposte.