Giorno: 19 novembre 2011

19 novembre 2011 0

Incidente di caccia a Rocca San Giovanni, uomo si ferisce al volto

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Tragedia della caccia sfiorata, nella tarda mattinata di ieri a Rocca San Giovanni. Un cacciatore di circa 50 anni si è ritrovato con la guancia e l’orecchio sinistro trafitto da una scarica di pallini. Il tutto è accaduto nella zona di San Giacomo dove l’uomo si è recato con un amico per alcune ore di caccia. Poco prima delle 12, però, è rincasato con il lato sinistro della faccia sanguinante e sotto shock. Non è ben chiaro se la scarica di pallini si arrivata dal suo fucile o da quello dell’amico, ma comunque si sarebbe tratto di un incidente. La moglie e i parenti, alla vista di tanto sangue, non ci hanno pensato su e dopo averlo caricato in auto, scortati da una pattuglia di polizia locale dell’Unione dei Comuni, lo hanno trasportato al pronto soccorso dell’ospedale civico di Lanciano dove all’accettazione lo hanno classificato con il codice rosso e immediatamente soccorso. Poco dopo, però, a confortare la preoccupazione dei parenti che aspettavano fuori, i sanitari hanno riferito che l’uomo non era in pericolo e che la scarica di pallini di piombo, aveva colpito di struscio, causando ferite superficiali alla guancia e all’orecchio sinistro del cacciatore. Del caso, però, se ne sono occupati i carabinieri della stazione di Fossacesia comandati dal capitano Gianfilippo Manconi.

19 novembre 2011 0

A fuoco le auto del maresciallo dei carabinieri di Ceprano. Si indaga sui suoi nemici

Di redazione

Una Fiat Panda e una Fiat Uno di proprietà del maresciallo Bruno Falena, comandante della stazione dei carabinieri di Ceprano, sono state distrutte la scorsa notte da un incendio di natura dolosa. Le fiamme hanno avvolto le vetture poco dopo l’una e le ha completamente distrutte nonostante l’intervento dei vigili del fuoco. Le indagini si concentrano sull’operato del carabiniere e in particolare sulla lotta che la sua stazione sta svolgendo da tempo per contrastare a Ceprano lo spaccio della droga e i reati di tipo ambientale. Ermanno Amedei

19 novembre 2011 0

Schiuma nel fiume nel Vallone Cupa a Lanciano, corso d’acqua a rischio inquinamento

Di redazione

Il fiume che attraversa la zona del Vallone Cupa nella località Villa Martelli a Lanciano è coperto da uno spessa coltre di schiuma bianca. Una caratteristica certamente non naturale e che indica la presenza nell’acqua di un agente inquinante. La zona la si Raggiunge scendendo per Villa Martelli ed imboccando la stradina per il canile municipale. Una zona che spesso è stata oggetto di scempi ambientali, con scarichi di rifiuti di ogni genere. In particolare, alcuni mesi fa, gli agenti della polizia municipale trovarono ammucchiate diverse decine di lastre di eternit; ma non è raro trovarci anche mobili ed elettrodomestici dismessi e gettati tra la vegetazione da chi, evidentemente, non ha a cuore l’ambiente. Il fenomeno del fiume sotto la schiuma, però, sembra essere l’aspetto più preoccupante anche in considerazione del forte lezzo che rende l’aria irrespirabile nella zona in cui, invece, dovrebbe essere ben ossigenata per via della lussureggiante vegetazione. L’odore è insopportabile e aumenta sempre più che ci si avvicina al fiume; sembra essere molto simile ad uno scarico fognario. Cosa e chi inquina quel piccolo fiume? Una domanda a cui rispondere non è semplice. Si possono solamente ipotizzare alcune spiegazioni. Una potrebbe essere quella degli scarichi di abitazioni. Il corso d’acqua, infatti, scende direttamente dal popoloso quartiere di Santa Rita. Un’altra spiegazione potrebbe essere legata al periodo della raccolta e lavorazione delle olive. La schiuma e il cattivo odore potrebbe essere anche l’effetto del lavaggio di macchinari per la spremitura delle olive. Entrambe, però, sono solamente ipotesi che per essere confermate o meno bisognerebbe trovare eventuali scarichi. Proprio in prossimità dell’acqua, poi, crescono rigogliosi funghi che in apparenza posso sembrare gustosi. Se il fiume è realmente inquinato, però, quei funghi potrebbero essere tossici.

19 novembre 2011 0

Cade e si ferisce ad un braccio, 67enne di Pico rischia di morire dissanguato

Di redazione

Cade in casa e rischia di morire dissanguato. Si tratta di un 67enne di Pico (Fr) che questa mattina è caduto e ha sbattuto contro una porta a vetro infrangendo il cristallo procurandosi una profonda ferita al braccio. Il sangue fuoriusciva in gran quantità e gli operatori del 118 partiti da Pontecorvo, hanno faticato per bloccare l’emorragia. L’uomo è stato prima trasportato in ospedale a Pontecorvo, poi è statto trasferito a Cassino perché le sue condizioni erano preoccupanti. E’ stato lì, nel Santa Scolastica, che i medici sono riusciti a suturare la ferita bloccando definitivamente la fuoriuscita di sangue. Er. Amedei

19 novembre 2011 0

Eccellenza: Rocca D’Evandro prosegue la marcia solitaria. In Promozione (A) spunta Amatori Lenola, nel girone B Real Sordella sempre al comando

Di redazione

Resta saldamente al comando della classifica, con i suoi dicassette punti, nel torneo di ‘Eccellenza’, Amatori Rocca D’Evandro che di misura batte, 0 a 1, Acquafondata. Sono , però, alcune pesanti sconfitte delle sue dirette inseguitrici a caratterizzare la settima giornata del campionato. In particolare il pesante 0 a 5 subito in casa da Shascia Boys ad opera del Cenceglie Sora che rappresenta, insieme al 4 a 1 inflitto da Atletic Mignano al fanalino Castelnuovo, sono i risultati che richiamano l’attenzione nella settima giornata. Pesante, ai fini della classifica, la sconfitta casalinga per 0 a 2, subita della Longobarda Pontecorvo contro il Colfelice. Sono, infatti, tre le squadre che insidiano la terza posizione alla formazione pontecorvese, Colfelice, La Ferrara, fermata dal pareggio 1 a 1, con Moscuso e Cenceglie Sora tutte a quota undici e ad un solo punto dalla Longobarda. Saldamente alla piazza d’onore, a quota dodici, la Pol. Insieme Ausonia che ha ragione, per 3 a 1, di Soccer School. Cambia la testa della classifica, invece, nel girone ‘A’ del torneo di ‘Promozione’, ora a quota quindici, troviamo Amatori Lenola, vittoriosa in casa, 5 a 1, contro The Food’s Brothers. pesante sconfitta casalinga, 0 a 3, di Corsari Colfelice ad opera di Amatori Piedimonte. Due le squadre al secondo posto Tecnostore Roccasecca, vittorioso in trasferta sul terreno dell’altra compagine pontina Nuova Lenola per 1 a 2 e Freedom Coreno, fermata dalla vittoria per 2 a 1 da Aquino. Ancorata alla terza posizione anche Arce che batte per 2 a 0 Amatori Castro. Saldamente in testa del girone ‘B’ sempre Real Sordella forte della vittoria esterna , 1 a 3, contro Rist. Bianco Noir.Piazza d’onore, a quota quindici, per Real S. Andrea vittorioso, 0 a 1, sul terreno del fanalino di coda La Bottega del Vino. Un pareggio a reti inviolate per Cassino Doc contro Rocca D’Evandro 2011. La formazione del presidente Losani, sembra aver ancotra difficoltà a raggiungere i livelli di inizio torneo, le numerose assenze, ma soprattutto il passaggio di alcuni dei suoi atleti più importanti ad altre categorie hanno determinato il calo di risultati positivi ed il momento di difficoltà della squadra. Da segnalare le due vittorie esterne di Villa Latina, 1 a 4, ai danni Football Bellaria e quella di Pignataro. 1 a 3, inflitta a Real Collecedro. Felice Pensabene

19 novembre 2011 0

Una serra e materiale da giardinaggio per il centro disabili di Caira. Dono di “Nei giardini che nessuno sa”

Di redazione

Il progetto di giardinaggio per i ragazzi del Centro socio-educativo di Caira si realizzerà grazie alla serra, alle piante e a tutte le attrezzature necessarie donate dall’associazione ‘Nei giardini che nessuno sa’. il materiale è stato acquistato dal sodalizio grazie alla raccolta dei fondi da questo promossa durante la manifestazione a gli ‘Archi Village 2011’ che si è svolta nel periodo 30 luglio – 13 agosto scorso. Un progetto quello organizzato dai responsabili del Centro socio-educativo di Caira importante per i ragazzi disabili che lo frequentano, per accrescere le loro capacità, ma soprattutto per creare le basi ad un loro inserimento sempre maggiore nella società civile. “Ci eravamo prefissi – spiegano i responsabili dell’Associazione – un obiettivo più ambizioso, quello di raccogliere una somma necessaria all’acquisto di un pulmino per il trasporto dei disabili, da donare al Consorzio dei Servizi Sociali del Cassinate, ma non siamo riusciti nell’intento. Ciò nonostante siamo riusciti a raccogliere una somma sufficiente a questo importante progetto di utilità didattico-educativa e sociale per questi ragazzi. Sapevamo che l’acquisto del pulmino era di difficile realizzazione, ma ci abbiamo creduto fino in fondo, vogliamo ringraziare – prosegue il vicepresidente dell’Associazione, Claudia Vella – tutti coloro che hanno voluto sostenerci con il loro contributo, che in tempi di crisi economica che coinvolge il nostro territorio assume un valore di notevole solidarietà sociale verso chi è più bisognoso di attenzione”. I fondi raccolti permetteranno al sodalizio cassinate di donare anche due pulsiossimetri ed altre attrezzature al reparto di pediatria dell’ospedale Santa Scolastica. La cerimonia di consegna del materiale al Centro Socio-educativo di Caira è avvenuta alla presenza dei responsabili, la dott.ssa Annarita Fiorentino, degli operatori dell’assessore ai Servizi Sociali del comune di Cassino, Stefania Di Russo, dei responsabili dell’associazione ‘Nei giardini che nessuno sa’ e dei consiglieri comunali Anna D’Onofrio e Andrea Velardocchia. “Riteniamo di grande importanza – ha sottolineato il presidente de ‘Nei giardini che nessuno sa’, Felice Pensabene, – questo progetto perchè consente a questi ragazzi di accrescere le loro conoscenze in questo settore, ma soprattutto di avere un futuro, di sentirsi parte attiva della società uscendo dalle logiche pietistiche e meramente assistenzialistiche che hanno caratterizzato da sempre la figura delle persone disabili. Abbiamo voluto cogliere l’occasione per ribadire questo concetto fondamentale per le persone disabili proprio sostenendo l’iniziativa didattico-educativa del giardinaggio promossa dai responsabili del CSE di Caira “. F. Pensabene

19 novembre 2011 0

Terremoto di magnitudo 2.5 tra le province di Agrigento e Trapani

Di admin

Una scossa sismica è stata lievemente avvertita dalla popolazione nelle province di Agrigento e Trapani. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Santa Margherita in Belice, in provincia di Agrigento, e Montevago e Salaparuta, in provincia di Trapani.

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 19.15 con magnitudo 2.5.

19 novembre 2011 0

Maltempo, temporali su Sicilia e Sardegna

Di admin

Un minimo in quota con centro di massa sulla Tunisia darà luogo, nella tarda serata di oggi e nella giornata di domani, a fenomeni d’instabilità sulle due isole maggiori.

Sulla base dei modelli previsionali disponibili il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede, dalla tarda serata di oggi, sabato 19 novembre 2011, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia, specie sui settori centrali e orientali, e sulla Sardegna, in particolare sui settori meridionali e orientali.

I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

19 novembre 2011 0

Inquietante la presenza della criminalità organizzata in Ciociaria, occorre cambiare strategie investigative

Di admin

Dal Silp per la CGIL Frosinone riceviamo e pubblichiamo: “Ieri si è riunito il Direttivo Provinciale del Silp per la CGIL di Frosinone, per fare il punto sull’attività dell’organizzazione nel corso del 2011. Nell’articolato dibattito, i membri dell’organismo hanno espresso viva preoccupazione per la presenza delle mafie in questa realtà, confermata anche dalle dichiarazioni attuale Questore di Frosinone, dopo anni di silenzi sull’argomento da parte dei rappresentanti istituzionali. Un riscontro oggettivo alle denunce che, negli anni scorsi, in assoluta solitudine, il Silp per la CGIL ha più volte fatto, invocando un’opera di contrasto più profonda rispetto a quanto avveniva, per scelte più che discutibili da parte di chi, diversamente, avrebbe avuto l’obbligo di indirizzare gli organismi preposti verso una più efficace opera preventiva nonché repressiva. Ora, essendo crollato il muro di silenzio eretto dai precedenti prefetti e questori, con l’ausilio di una politica cieca e sorda, appare indispensabile rimodulare l’attività di contrasto al consolidamento della presenza mafiosa in Ciociaria, predisponendo adeguate strategie investigative che possano incidere, concreto, sul questo territorio. Il Direttivo ha pertanto auspicato che da subito, siano individuati nuovi moduli operativi che, diversamente da quanto accaduto anche di recente, portino risultati tangibili in questa provincia, che l’opera investigativa sia indirizzata a colpire gli interessi della criminalità organizzata in Ciociaria, aggredendo i beni mobili ed immobili frutto dell’opera di riciclaggio da parte dei clan attivi a Frosinone. Questo finora non è avvenuto, se non raramente e, per la maggior parte dei casi, per l’attività svolta da uffici investigativi di altre province. E’ necessario pertanto cambiare priorità, affinché il fine non sia solo quello di arrestare in zona criminali di passaggio, magari sequestrando stupefacenti diretti in altre realtà, ma scovare e colpire i soggetti criminali attivi in questa provincia, i loro prestanome, i loro beni, procedendo a sequestri e confische per indebolire i patrimoni mafiosi. I segnali che costantemente giungono dai vari comuni ciociari, attestano l’impellenza di cambiare mentalità, di dare maggiore importanza ai risultati concreti e positivi per questo territorio, rispetto al colpo giornalistico. Un cambiamento che potrà essere agevolato dall’individuazione delle giuste competenze e professionalità e non dall’assegnazione di risorse soltanto per fare numero o accontentare qualcuno. Il Direttivo Provinciale ha quindi auspicato una rapida trasformazione dell’attività investigativa fin qui compiuta sul territorio, perché i segnali che giungono ogni giorno sembrano delineare scenari sempre più inquietanti, ai quali occorre rispondere immediatamente con le giuste strategie e migliori competenze.”

19 novembre 2011 0

Consales: «Domani al colosseo il secondo appuntamento del progetto “Il tuo quartiere non è una discarica”»

Di admin

Domani, domenica 20 novembre, avrà luogo il secondo appuntamento del progetto, promosso dall’assessorato all’ambiente del Comune di Cassino, “il tuo quartiere non è una discarica”. Questa volta il quartiere interessato dall’iniziativa comunale è il Colosseo, dove domani, dalle ore 8.00 alle 13.00, i cittadini potranno recarsi per il conferimento dei rifiuti ingombranti (mobili, materassi, reti, divani, scaffali, divani, biciclette) dei Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) e dei rifiuti speciali, quali farmaci scaduti e batterie esaurite. “Dopo il successo che abbiamo registrato – ha sostenuto l’assessore Riccardo Consales – con la prima iniziativa tenutasi nel quartiere di San Bartolomeo, domani replicheremo nel rione Colosseo, davanti al campo sportivo del quartiere. Ciascun cittadino è invitato a portare qualsiasi tipo di rifiuto ingombrante, come per esempio televisori, lavatrici, divani e quant’altro, oltre a batterie usate e farmaci. Mi preme ricordare, inoltre, a tutti i cittadini che il servizio di raccolta degli ingombranti è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 13.00 chiamando al numero verde ‘800 086 508’.”