Abusi sessuali su disabile, evade dai domiciliari, 66enne torna in carcere

11 novembre 2011 0 Di redazione

Ieri sera i Carabinieri della Stazione di Atessa hanno condotto al carcere di Lanciano un uomo del luogo, tale Pugliese Guido, di anni 66, sottoposto al regime degli arresti domicliari, in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale della Repubblica presso la Corte D’Appello dell’Aquila, intervenuto quale aggravamento della misura degli arresti domiciliari a cui era finora sottoposto. L’uomo, tratto in arresto nell’ottobre del 2009 per aver commesso abusi sessuali su di una giovane affetta da ritardo psicomotorio, era stato condannato dal Tribunale di Lanciano alla pena di anni 2 e mesi 4 di reclusione; dopo più di un anno trascorso in carcere, era stato ammesso al regime degli arresti domiciliari presso una casa di cura della zona per motivi di salute ma se ne era allontanato senza autorizzazione incorrendo quindi nell’ulteriore reato di evasione. E proprio per quest’ultima violazione che la Corte di Appello dell’Aquila ha ritenuto che l’uomo tornasse definitivamente in carcere per espiare il residuo della condanna.