Otto imprenditori del vastese denunciati per bancarotta fraudolenta

8 novembre 2011 0 Di redazione

Sono stati denunziati all’A.G. otto imprenditori vastesi per bancarotta fraudolenta, in relazione a cinque aziende fallite operanti in settori merceologici diversi (edilizia commercio di frutta, carni e abbigliamento), per aver sottratto, in danno dei creditori, all’attivo della procedura concorsuale, con un passivo di € 2.685.165, denaro e crediti per complessivi € 1.269.751 automezzi ed attrezzature per il valore di € 96.441,00, merci per € 502.208,00 e essersi appropriati di contributi trattenuti ai dipendenti e non versati agli enti previdenziali per € 264.484.
Continuato, infatti, le attività investigative delegate alla Guardia di Finanza dalla locale Procura della Repubblica per contrastare il fenomeno dei fallimenti fraudolenti posti in essere per danneggiare i creditori che non vedono soddisfatti i loro crediti nemmeno in minima parte.
In due anni di attività, in totali n. 14 aziende fallite oggetto di indagini, con un passivo globale di € 10.084.103, sono stati denunziati 24 imprenditori che hanno sottratto all’attivo delle procedure concorsuali totali € 6.953.016 di denaro e/o crediti, € 753.662 di beni strumentali, € 1.104.368 quali merci ed infine si sono appropriati di € 264.484 di contributi trattenuti ai dipendenti e mai versati agli enti previdenziali.
I responsabili denunziati all’Autorità Giudiziaria in caso di condanna incorreranno nella pena prevista per tale reato: la reclusione da tre a dieci anni e l’inabilitazione decennale all’esercizio di un’impresa commerciale nonché all’esercizio di uffici direttivi presso qualsiasi impresa.