Yorkshire investito e ucciso a Pescara da un postino

3 novembre 2011 1 Di redazione

Lo ha investito con la sua macchina, dice di non essersene accorto, ma per il piccolo Micky – un piccolo yorkshire del peso di un chilo e mezzo – nonostante la corsa dal veterinario non c’è stato niente da fare: schiacciato sotto la ruota della macchina del postino non è sopravvissuto.
Il fatto è accaduto ieri mattina a Pescara quando il postino arrivando in auto in una via privata per consegnare la posta era accolto come al solito dagli abbai del piccolo Micky che come tutti i cani non aveva grande simpatia per il postino.
Forse una manovra errata con l’auto, forse uno scatto improvviso del cane, forse l’esasperazione del postino stufo di sentire gli abbai del piccolo cane, sta’ di fatto che lo yorkshire è finito schiacciato sotto le ruote dell’auto del postino davanti agli occhi della padrona.
Subito la corsa dal veterinario ma il piccolo non ce l’ha fatta.
Il postino si è giustificato dicendo che non aveva visto l’animale che era libero, anche se in realtà di fatto si trovava in proprietà privata e quindi senza obbligo di guinzaglio.
Ora la proprietaria del cane si è rivolta al tribunale degli animali di AIDAA che attraverso il proprio servizio legale coadiuverà la signora nella denuncia penale contro il postino per il reato di uccisione di animale (544 bis codice penale).
“Daremo alla signora tutta l’assistenza possibile, in quanto il postino a nostro avviso ha responsabilità anche se solo di natura colposa rispetto a quanto successo – ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA – il cane era libero ma si trovava davanti a casa ed in proprietà privata, quindi a nostro avviso non sussiste l’obbligo di guinzaglio; ora verificheremo come muoverci ma sicuramente sarà nostra cura tutelare la signora”.