Giorno: 5 dicembre 2011

5 dicembre 2011 0

Baccalà, prodotti caseari, e cosmetici sequestrati dal Nas al mercato di Termoli

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I Carabinieri del NAS di Campobasso hanno effettuato un controllo a tappeto in Termoli presso il mercato sito in piazza Papa Giovanni Paolo II dove: 1. sequestravano 120 kg di baccala’,– deferendo un 38enne di San Salvo (CH) per aver posto in vendita prodotti ittici per origine e provenienza diversi da quanto dichiarato; 2. sottoponevano a sequestro amministrativo 250 confezioni cosmetici di vario tipo a carico di un 42enne da San Severo (FG) poiche’ posti in vendita privi delle indicazioni obbligatorie; 3. sottoponevano a sequestro amministrativo 40 kg di prodotti lattiero caseari, a carico di un 45enne da Santa Croce di Magliano (CB), poiche’ posti in vendita privi delle indicazioni obbligatorie; 4. sottoponevano a sequestro amministrativo 10 kg di alimenti vari (insaccati e prodotti lattiero caseari) a carico di un 50enne da Foggia, poiche’ posti in vendita privi delle indicazioni obbligatorie; 5. contestavano ad un 47enne da Barletta (BT), carenze igienico sanitarie dell’autonegozio; 6. contestavano ad un 59enne da Cerignola (FG), il mancato possesso dell’autorizzazione alla vendita su aree pubbliche mediante l’uso di posteggio. Il valore complessivo delle merce sequestrata è pari a 10mila euro.

5 dicembre 2011 0

Isola pedoanle a Lanciano, delusione della Confcommercio per il no di Pupillo

Di redazione

Un incontro molto deludente. Definisce così il presidente di Confcommercio Angelo Allegrino il colloquio di stamane in sala di consiglio da parte di una delegazione di commercianti del centro città e dei rappresentanti della Confcommercio con alcuni esponenti della giunta Pupillo. Sul tavolo della discussione, alla presenza di una trentina dei circa 90 commercianti del centro firmatari di una petizione per la riapertura al traffico di corso Trento e Trieste, c’era proprio il ruolo dell’isola pedonale cittadina che da oltre trent’anni attende di essere riqualificata.

Per Confcommercio e i commercianti e titolari dei negozi in centro in questo particolare periodo di crisi l’unica alternativa alla morte del commercio e alla chiusura definitiva dei negozi potrebbe essere sperimentare una riapertura parziale di corso Trento e Trieste almeno fino all’inizio del cantiere per i lavori ai sottoservizi previsto per dopo le festività natalizie.

L’amministrazione Pupillo ha però ribadito una volta per tutte la sua netta contrarietà alla sperimentazione, anche solo per pochi giorni. “Mi ritengo molto insoddisfatto dall’esito dell’incontro – ha commentato il presidente Allegrino all’uscita dalla sala consiliare – questo atteggiamento di chiusa ostinazione dell’amministrazione non aiuta di certo a creare spiragli positivi al dialogo”. “La nostra proposta – prosegue Allegrino – così tenacemente osteggiata dal sindaco, oltre a dare voce ad una parte cospicua della cittadinanza rappresentata dai commercianti, peraltro da sempre inascoltati dalle precedenti amministrazioni, sarebbe servita a dare un bel segnale di partecipazione alle esigenze del settore e a creare delle opportunità di rilancio per la città”.

“Non è detto che la nostra proposta sarebbe in grado di fornire una soluzione immediata al disagio che vivono da anni i commercianti del centro – continua il presidente Allegrino – ma non costa nulla sperimentare anche solo per pochi giorni la riapertura al traffico del corso. Se poi l’esito del test non dovesse darci ragione allora saremmo pronti a tirarci indietro. Quello che chiediamo e che finora ci è stato negato è ascolto e uno sprazzo di coraggio da questa amministrazione che avrebbe l’occasione concreta per dimostrarsi diversa dalla precedente”.

Confcommercio tuttavia ha mostrato apprezzamento per i progetti futuri che la giunta Pupillo ha promesso di mettere in campo per risollevare il settore del commercio e la vivibilità e fruibilità del centro città, ma torna ad invocare la necessità di una sperimentazione, la stessa che chiede a gran voce la maggioranza dei commercianti del centro costretta a vivere sulla propria pelle le conseguenze di scelte fatte senza concertazione e senza partecipazione alle problematiche specifiche del settore.

5 dicembre 2011 0

Arrivano le pensioni e le tredicesime, a Ripi anziani a scuola antitruffa

Di redazione

Nel pomeriggio di ieri, presso la Chiesa Sant’Agostino di Ripi, resa disponibile dal Parroco Don Sergio Reali, si è tenuto un incontro pubblico sull’informazione e prevenzione delle truffe, soprattutto in danno delle persone anziane, al quale hanno partecipato il Comandante della Stazione ed il Sindaco di Ripi. L’evento, organizzato anche per l’approssimarsi del pagamento di pensioni e tredicesime, che caratterizza un maggiore flusso di denaro, tipico del periodo prenatalizio, implica una recrudescenza della particolare fattispecie criminosa con una tale diversità e varietà di “modus operandi” da rendere chiunque una potenziale vittima. Nella circostanza, a tutti i presenti veniva distribuito un “vademecum” riportante le varie e diversificate modalità di approccio usate dal “truffatore” ed i relativi consigli utili ad evitare di cadere in tali raggiri. L’evento, che localmente ha riscosso un grande successo, ha portato numerose persone a presentarsi presso quella Stazione Carabinieri per avere una copia del vademecum.

5 dicembre 2011 0

Manda in frantumi un finestrino e ruba in un’auto, 24enne in manette

Di redazione

Domenica pomeriggio i carabinieri del Norm della Compagnia di Anagni, hanno arrestato per furto aggravato un 24enne albanese senza fissa dimora. Il giovane ha mandato in frantumi il finestrino di un’autovettura in sosta allo scalo ferroviario e ha asportato oggetti per un valore complessivo di 300 euro circa, dopodichè si è dato alla fuga a bordo di un treno. I militari, subito allertati dal capostazione, hanno atteso il convoglio alla fermata successiva, sono saliti a bordo e hanno acciuffato il malfattore traendolo in arresto. La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita al legittimo proprietario. Aldo Affinati

5 dicembre 2011 0

Natale e vendite on line: oggi in Gran Bretagna si aspettano 85millioni di visite nei negozi on –line di Internet

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Con l’avvicinarsi delle festività natalizie i rivenditori online si sfregano le mani perché già nella giornata di oggi si aspettano un record di 85 milioni di visite – quasi mille al secondo. Insomma, la guerra tra i negozi in città di High Street e quella che viene definita Cyber Street è aperta, con la quasi certezza di un sorpasso tra le vendite on line e quelle tradizionali. A segnarlo, Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”. Si stima che l’aumento delle vendite in rete nel periodo di Natale di quest’anno sarà del 15 % con una cifra che per la sola Gran Bretagna sarà pari a 75 miliardi di sterline. Al contrario le vendite tradizionali dovrebbero subire una perdita di 1.2 miliardi di sterline con incassi totali pari a 55.66 miliardi di sterline, tant’è che le catene di High Street sono state costrette ad avviare i tradizionali saldi di Santo Stefano con ventuno giorni d’anticipo per tentare di arginare la crisi. A convincere i consumatori d’oltre Manica i grande risparmi nel campo della moda, degli elettrodomestici, dell’informatica e dei giocattoli. Questa mania per il web unita alla recessione economica, svuota i negozi del centro mentre ci sono le avvisaglie di un aumento delle chiusure di tantissimi di questi a partire dal prossimo anno. E i dati conosciuti, non lasciano assolutamente ben sperare poiché nonostante i rimedi adottati, le vendite al dettaglio hanno continuato a cadere nel mese di novembre con un saldo negativo dell’1,7 %. Esperti di vendita al dettaglio si aspettano che i cittadini le prossime settimane passeranno una media di otto ore e 45 minuti per lo shopping on-line ed il Natale 2011 sembra essere destinato ad essere un altro anno di record per molti dei settori online e in particolare per la vendita al dettaglio. Tuttavia, le catene di negozi che basano la loro attività principalmente sul commercio tradizionale non sono restate con le mani in tasca ed hanno pensato di avviare immediatamente sconti e promozioni Per molte catene il Natale 2011 sarà una sorta di lotta tra la vita e la morte tant’è che secondo gli analisti i rivenditori stanno tagliando i margini di profitto al fine di finanziare questo turbinio di promozioni.

5 dicembre 2011 0

Di Lorenzo sui semafori guasti di S. Carlo: “Il comune intervenga subito per evitare possibili tragedie”

Di admin

Da Amalio Di Lorenzo riceviamo e pubblichiamo: Amalio Di Lorenzo, noto imprenditore gaetano, da sempre sensibile ed attento alle problematiche cittadine questa volta alza la voce in merito ad una situazione, di per sé preoccupante che riguarda la sicurezza e la pubblica incolumità. “Da alcuni giorni i semafori situati all’altezza del campo sportivo e della chiesa, nel quartiere S. Carlo, non sono funzionanti con l’arancione che lampeggia continuamente.- Spiega il ristoratore locale- Con mia grande meraviglia, nonostante il grave pericolo ed il forte rischio di possibili sinistri, anche con conseguenze drammatiche, nessuno si fa carico di intervenire. Stiamo parlando di una zona con un notevole flusso di veicoli, molti mezzi pesanti,in pratica il punto nevralgico della città dal punto di vista del traffico. Ed inoltre voglio rimarcare la presenza del l’incrocio con la Flacca, cosa che avrebbe da subito dovuto far scattare l’allarme ai massimi livelli. Non vorrei che, come capitato in passato, i necessari e doverosi provvedimenti si vadano poi ad assumere a tragedia avvenuta”. Poi Di Lorenzo punta ancora una volta il dito contro l’Amministrazione Comunale. “Anche se la competenza sui semafori non è del Comune, .- afferma l’imprenditore- non vedo perché coscienza, senso di responsabilità e sensibilità non debbano spingere il Sindaco o l’Assessore alla Viabilità a muoversi, ad operare un sollecito nei confronti di chi di dovere visto che ne hanno tutti i mezzi. Intervenire per la salvaguardia della pubblica incolumità dovrebbe essere un atto immediato oltre che spontaneo. Cosa si fa, si riparano i marciapiedi per evitare all’anziano di cadere e poi si fa finta di non vedere o ci si tappano gli occhi di fronte ad un caso come questo? E non è la prima volta che accade che i semafori di San Carlo vadano in tilt e restino non funzionanti per diverso tempo. Personalmente,seguo la problematica dopo averla constatata di persona e perché sollecitato da tanti cittadini, sì perché il popolo ha il diritto di protestare e di manifestare, anche attraverso la stampa il disagio, facendo sentire la propria voce. E non mi importa se qualcuno anziché rispondere con i fatti, intervenire per risolvere le esigenze ed i problemi di Gaeta, asserisce che si tratta di propaganda elettorale di un Di Lorenzo pronto a scendere in campo per le Amministrative. Le mie segnalazioni, le mie denunce, le mie critiche costruttive continueranno ad andare avanti.” Amalio Di Lorenzo

5 dicembre 2011 0

Banda di violenti rapinatori arrestata dai carabinieri di Pontecorvo

Di redazione

Nella mattinata odierna, a conclusione di una complessa attività investigativa, volta a far luce su una serie di rapine in abitazione, i Carabinieri delle Stazioni di Roccasecca e Rocca d’Evandro (CE) hanno notificato una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio G.I.P. – Tribunale di Cassino e dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale per i Minorenni di Roma, su conforme richiesta delle competenti Procure della Repubblica che hanno concordato con le risultanze investigative prodotte dai Comandi di Stazione, nei confronti di due soggetti, già detenuti, ritenuti responsabili di tentata rapina aggravata e lesione personale grave. A. R., classe 1990, domiciliato a Napoli; minore, classe 1995, domiciliato a Napoli. L’attività di indagine è stata avviata dai Carabinieri il 20 agosto 2011, a seguito dell’arresto di tre soggetti domiciliati al campo nomadi di Napoli Secondigliano, di cui due minori di età, sorpresi in flagranza dei reati di “rapina aggravata”, “furto aggravato” e “tentato furto”. Quella mattina, a Roccasecca, i tre si erano introdotti all’interno di una villa isolata, dove, dapprima con minacce e poi con violenti pugni al volto, avevano sottratto a una donna anziana, cl. 1929, sola in casa, gli orecchini che indossava e denaro contante. Colpì la crudezza dimostrata dai tre, che, di fronte alla ritrosia della donna a consegnare loro gli orecchini, strapparono dai lobi i gioielli provocandole vistose lesioni. Una pattuglia del Radiomobile riusciva a rintracciare e a bloccare i tre responsabili mentre tentavano di accedere all’interno di un’altra abitazione di Castrocielo. La perquisizione veicolare, eseguita sul posto, dell’autovettura Ford Focus, risultata utilizzata dagli arrestati, aveva consentito di rinvenire la refurtiva proveniente dalla rapina in danno della donna, attrezzi da scasso, e un’ingente quantitativo di monili in oro e metalli preziosi risultati provento di numerosi furti avvenuti in quella mattinata in abitazioni di Roccasecca e Castrocielo. Nel prosieguo delle indagini, svolte congiuntamente dalle Stazioni di Roccasecca e Rocca d’Evandro (CE), venivano riscontrate analogie nel modus operandi degli autori di questa rapina con un tentativo di rapina avvenuto nella mattinata dell’11 agosto 2011, a Rocca d’Evandro. In quell’occasione, un uomo, cl. 1930, mentre si trovava all’esterno della propria abitazione, veniva aggredito da due malviventi, a volto scoperto, con il chiaro intento di condurlo all’interno per sottrarvi denaro e monili. L’uomo si era opposto e i due lo avevano percosso con violenza con calci e pugni, e, quando, ormai privo di sensi, era caduto al suolo, avevano continuato colpendolo con calci al volto. Gli aggressori si erano poi allontanati allarmati dalle grida della moglie dell’uomo, terrorizzata, volte a richiamare l’attenzione dei vicini. La vittima, lasciata esanime a terra, riporterà gravissime fratture plurime del viso che ancor oggi, a distanza di 4 mesi dall’aggressione, lo obbligano a cure quotidiane. Le risultanze investigative hanno consentito ai militari di individuare nei due arrestati odierni gli autori delle terribili violenze. Sono tuttora in corso indagini per accertare l’eventuale responsabilità degli stessi in altre rapine in abitazione avvenute nel Lazio e in Campania.

5 dicembre 2011 0

La FLMUniti denuncia lo strano fenomeno dei “rastrellamenti” dei lavoratori con capacità ridotte

Di admin

Dalla Federazione Lavoratori Metalmeccanici Uniti-Confederazione Unitaria di Base riceviamo e pubblichiamo: Da diversi mesi assistiamo a strani ed ambigui spostamenti all’interno dei reparti e/o capannoni del sito Fiat di Cassino. Sembra di assistere ad un film già visto nel 1999 e replicato a Pomigliano nel 2009. Infatti ogni giorno vengono rastrellati lavoratori, dai reparti di appartenenza, e deportati verso i reparti della logistica. Oggi come un decennio fa, questi lavoratori “deportati” hanno gli stessi comuni denominatori: ridotte capacità lavorative (RCL), determinate da anni di catena di montaggio e altri lavori usuranti (sono molti i lavoratori che hanno contratto in Fiat le più svariate patologie); e l’appartenenza a sindacati di base, in particolare FLMUniti-CUB. A questo punto è legittimo chiedersi quale sarà il destino di questi lavoratori Assisteremo forse a nuove terziarizzazioni? Se si considera ciò che ruota intorno allo stabilimento (COSILAM – NIPA – SDE – CEVA) qualche dubbio, in effetti, cominciamo a nutrirlo. Infatti, la presenza di alcuni di questi “imprenditori” non può passare inosservata perchè già alcuni anni fa si sono resi protagonisti di infelici performances imprenditoriali. A tal proposito giova ricordare l’acquisizione di uno dei reparti della ex-ITCA (filiale 5) e chiuso solo dopo pochi mesi dall’acquisto. Sulla base di questi elementi non c’è da stare tranquilli. Chi dovrebbe informare i lavoratori è occupato, oggi come ieri, in altre faccende. L’unico metodo efficace per conoscere le intenzioni della Fiat e mettere a nudo la situazione è LA LOTTA

5 dicembre 2011 0

Incidente frontale tra un pullmino ed un’autocisterna, tre feriti gravi

Di admin

L’Anas comunica che la strada statale 645 “Fondo Valle del Tappino” è provvisoriamente chiusa al traffico in entrambe le direzioni al km 15,000, in località Pietracatella, in provincia di Campobasso.

La chiusura si è resa necessaria a seguito in un incidente frontale tra un pullmino e una autocisterna. Nel sinistro tre persone sono rimaste gravemente ferite.

Sono intervenute sul posto le squadre dell’Anas, dei Carabinieri, dei Vigili del Fuoco e del 118. La strada statale sarà riaperta al traffico non appena saranno terminati i rilievi del caso e rimossi i mezzi incidentati.

L’evoluzione della situazione in tempo reale è consultabile attraverso il sito http://www.stradeanas.it/traffico.

L’Anas invita gli automobilisti alla prudenza nella guida, ricordando che l’informazione sulla viabilità e sul traffico di rilevanza nazionale è assicurata attraverso il sito http://www.stradeanas.it e il numero unico “Pronto Anas” 841.148.

5 dicembre 2011 0

Autotrasporto, novembre nero per il costro del gasolio. Galanti (Fiap): “E Monti ha già annunciato nuovi rincari”

Di redazione

“Un mese di novembre da dimenticare per quanto riguarda il costo del gasolio. Aumenta il costo di produzione (circa 15 € ogni mille litri ) e aumentano pure le accise (circa 9 € ogni mille litri). A dire il vero non è che nei prossimi mesi ci dobbiamo aspettare qualcosa di meglio, il Governo Monti ha già annunciato che da gennaio le accise aumenteranno senza specificare se all’autotrasporto i maggiori costi verranno compensati”. Lo si legge in una nota redatta da Roberto Galanti segretario del sindacato degli autotrasportatori Fiap.