Giorno: 11 dicembre 2011

11 dicembre 2011 0

Domani sciopero generale di 4 ore contro la manovra del governo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dall’A.S.La COBAS riceviamo e pubblichiamo: L’A.S.La COBAS, sciopera per 4 ore, in tutte le categorie affinchè in Parlamento siano previste modifiche al Decreto Legge che tendano ad una chiara lotta all’evasione fiscale, ad una tassazione maggiore dei capitali rientrati dall’estero, alla introduzione di un imposta patrimoniale e al ritiro dei provvedimenti nei confronti delle pensioni . Ci auspichiamo che il Governo ed il Parlamento raccolgano le Nostre istanze per migliorare questa manovra. Gli italiani si attendono una maggiore equità. La manovra dovrà prevedere misure rivolte all’occupazione e al sostegno alle imprese. Non si possono chiedere sacrifici ai cittadini senza avere un programma di ripresa economica. Per 4 ore tenteremo di bloccare il paese e a obbligare i parlamentari a cambiare questa manovra.

11 dicembre 2011 0

Smog: Stop alla circolazione, targhe alterne, domani iniziano le dispari, ferme le pari

Di redazionecassino1

La situazione  dell’inquinamento atmosferico derivante dall’eccesso di polveri sottili non accenna a migliorare, così il Comune ha emesso un’apposita ordinanza che da domani limiterà la circolazione cittadina delle auto. Prosegue, quindi, l’impegno dell’amministrazione Petrarcone conto lo smog e le polveri sottili.  Domani scattano le targhe alterne: in centro potranno circolare solo quelle dispari, mentre giovedì via libera solo a quelle pari. Oggi, intanto, è in corso la prima delle due domeniche a piedi, con il centro off-limits per auto e moto. Giovedì scorso, invece, era stata attuata una giornata di blocco totale per fronteggiare l’innalzarsi delle polveri sottili in città. Sono già 56 i giorni di superamento dei limiti di legge delle Pm10 rispetto ai 35 fissati dalla normativa nazionale.

11 dicembre 2011 0

120mila animali sotto l’albero come regalo di Natale

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Tra i 20 ed il 25.000 cuccioli di cane, circa 10.000 gatti, ma anche almeno 20.000 uccelli, 4.000 animali esotici, 5.000 conigli,un migliaio di furetti e almeno 30.000 tartarughe d’acqua, per un totale di quasi 120.000 animali e cuccioli di animali saranno acquistati in queste due settimane che precedono il natale e finiranno sotto l’albero di natale come regali. E’ infatti in aumento, secondo i dati rilevati nei cento negozi di animali sparsi sul territorio nazionale e monitorati da AIDAA, la richiesta di animali (in particolare animali piccoli e poco costosi) quali regali di natale, di loro il 60% viene acquistato via internet con tutti i problemi che questo comporta (compreso il diritto di recesso per cani e gatti), circa 30.000 persone apriranno dei veri e propri finanziamenti per poter pagarsi a rate l’animale (specialmente cani, gatti ed esotici),mentre e questo è il vero dramma oltre la metà di loro saranno abbandonati entro i prossimi 6-8 mesi (cani-gatti, ma anche conigli e soprattutto tartarughe d’acqua dolce). Da qui l’appello dell’associazione italiana difesa animali ed ambiente ad evitare l’acquisto degli animali come regalo di natale, specialmente se si tratta di cani, gatti e animali esotici l’invito è quello di evitare comunque l’acquisto sul web in quanto spesso gli animali acquistati sono cuccioli ammalati destinati quasi certamente alla morte in quanto importati dall’est e tolti alla madre prima del tempo e che quindi portano con se problemi di salute enorme, oltre alla possibile provenienza del traffico clandestino. Un altro acquisto assolutamente da evitare se non si ha la certezza dello spazio e la passione è quello delle tartarughe d’acqua che poi crescendo vengono abbandonate nei corsi d’acqua o nei laghetti, lo stesso vale per gli uccellini cosi detti di casa come i canarini e per furetti e conigli i quali richiedono un costante impegno della loro gestione quotidiana. “Se da una parte sono in aumento le richieste di animali specialmente quelli a basso costo e quelli venduti a rate come regali di natale – ci dice il presidente di AIDAA Lorenzo Croce- dall’altra parte invece si nota una flessione di richieste di adozioni in canile e gattile, e questo non è un buon segnale, ovviamente le adozioni devono avvenire in maniera responsabile, guai ad andare a prendere un cane in canile la vigilia di natale magari per ovviare alla mancanza di altri regali senza conoscere il percorso di vita ed il carattere dell’animale, il rischio di un suo successivo abbandono è altissimo con grave danno psicologico per l’animale. Adottare ma anche acquistare un animale- conclude il presidente AIDAA- è un atto consapevole che esige il suo tempo di conoscenza reciproca per questo chiediamo a tutti di evitare di regalare animali a Natale anche perché l’estate prossima ci ritroveremo ancora una volta con le strade e le autostrade, ma anche i fiumi e i laghi pieni di cani, gatti , tartarughe ma anche qualche serpente e iguana abbandonati. Piuttosto comperate un peluche”.

11 dicembre 2011 0

BlackBerry ancora sotto i riflettori per la facilità d’accesso a contenuti illegali di sesso tra cui quelli pedopornografici

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Ancora una volta la multinazionale degli smartphone BlackBerry nel mirino di associazioni a tutela dell’infanzia britanniche. Proprio in questi giorni, infatti, la questione è stata sollevata nell’ambito di una controversia dopo che è stato confermata la facilità di accesso a contenuti illegali di internet, tra cui quelli a contenuto pedopornografico. Dall’estate scorsa, quando sono scoppiate le prime polemiche, BlackBerry avrebbe omesso di implementare blocchi di accesso ad internet a tutela degli utenti, soprattutto dei bambini, al fine di impedire l’apertura di un cospicuo elenco di siti vietati. La notizia che riporta Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, costituisce un problema non solo d’oltremanica stante la diffusione di questi smartphone nonché l’ulteriore conferma di un allarme già lanciato da alcune associazioni che si occupano della tutela dell’infanzia anche perché gli adolescenti rappresentano una parte cospicua degli utenti del BlackBerry. Proprio in data di ieri l’autorità di garanzia per le telecomunicazioni britannica “Ofcom” ha manifestato la propria preoccupazione per la vicenda ed ha confermato di aver contattato con urgenza la canadese Research in Motion (RIM), proprietaria del marchio BlackBerry, al fine di risolvere con solerzia il problema. Tutti gli operatori di telefonia mobile in Gran Bretagna hanno infatti sottoscritto un codice di condotta che assicura la possibilità di un blocco all’accesso ai siti con contenuti sessuali. Un portavoce della RIM ha dato conferma che entro la fine del 2011, verrà data una soluzione definitiva a questo problema. Mentre l’associazione “Child Exploitation and Online Protection Centre” ha ribadito che tutti i fornitori di servizi hanno la responsabilità di contribuire a salvaguardare l’ambiente online e di definire sanzioni per i trasgressori.

11 dicembre 2011 0

Maltempo, da stanotte temporali su Sardegna e regioni centrali occidentali

Di admin

Una perturbazione atlantica in transito sul nostro Paese sta determinando condizioni di maltempo sulle regioni occidentali e nelle prossime ore apporterà condizioni di spiccata instabilità in particolare sul medio Tirreno e sull’Umbria.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche valido dalla nottata di oggi, domenica 11 dicembre 2011, e che prevede precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna in estensione a Toscana, Umbria e Lazio. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, attività elettrica e forti raffiche di vento.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

11 dicembre 2011 0

Rapina aggravata, arrestate tre persone. Una è minorenne

Di admin

Ieri i Carabinieri di Sonnino, in collaborazione con i carabinieri di Maenza, traevano in arresto, nella flagranza di reato M.A. 51enne, L.F.M. 18enne e B.F.M 15enne per rapina aggravata. Nell’ambito del medesimo contesto operativo si accertava che a carico della B.F.M. pendeva l’ordine di carcerazione dal G.I.P. del Tribunale per i Minorenni di Roma. I primi due verranno tradotti presso la Casa Circondariale di Latina, mentre la minore verrà associata presso l’istituto penale per i minorenni di Roma – Casal del Marmo.

11 dicembre 2011 0

La Cassazione penale ci ricorda le buone maniere: anche gli sputi finiscono in tribunale

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Proprio così anche gli sputi finiscono in cassazione. A volte la Cassazione penale ci fa sorridere ma svolge una funzione che potremmo definire preventiva ed educativa con decisioni che riguardano vicende che ci possono capitare tutti i giorni, tipo quella che commenta Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, che nella specie riguarda un uomo di Avellino reo di aver lanciato degli sputi contro l’auto di un anziano. In primo grado il caso era stato deciso dal giudice di pace di Castel Baronia (Av) che lo aveva condannato. La condanna era stata poi annullata dal Tribunale con la motivazione che “il semplice sputo non e’ idoneo a produrre un’alterazione quantomeno temporanea e superficiale della res, necessaria ai fini della configurazione del reato”. Il caso finiva quindi in Cassazione dove la Seconda sezione penale (Sentenza 45924/2011) ha accolto i ricorsi della parte civile e del Pubblico Ministero. Secondo i Supremi Giudici il tribunale che “non ha considerato che nella fattispecie trattavasi di diversi sputi” ed e’ stato “confuso l’elemento soggettivo del reato con quello oggettivo della idoneita’ della condotta”. Gli ermellini hanno chiarito nei dettagli quando gli sputi sono leciti e quando invece integrano il reato di deturpamento. Secondo i giudici di piazza Cavour il reato sussiste “allorche’, per la particolare densita’, o perche’ reiterati, risultino idonei ad imbrattare il bene, sporcandolo e insudiciandolo”.

11 dicembre 2011 0

Autostrade, domani possibili disagi ai caselli per sciopero generale

Di admin

Autostrade per l’Italia informa che nella giornata di lunedì 12 dicembre potrebbero verificarsi disagi per uno sciopero generale proclamato dalle Organizzazioni Sindacali. Saranno garantiti i servizi di assistenza e il funzionamento degli impianti per il pagamento del pedaggio che, si ricorda, è dovuto per legge. Per qualsiasi informazione sulle condizioni di viabilità è attivo il numero verde 840.04.21.21

11 dicembre 2011 0

Armiamoci e partite, la Casta tenta di difendere i propri privilegi

Di redazione

La crisi è causa di tagli alle spese, di aumento delle tasse, ma fa aumentare il disgusto per la classe politica. In una Italia in cui scarseggiano i buoni esempi, i parlamentari, coloro che dovrebbero costituire l’elite della nostra società, di fronte al taglio dei loro stipendi fanno “velina”, prendono tempo, nicchiano, fanno orecchie da mercanti, ritengono che ci siano cose più urgenti su cui intervenire, vendono fumo. Ieri la polemica è divampata quando si è diffusa la notizia che la discussione sul taglio agli emolumenti dei parlamentari di Camera e Senato previsto dal piano tagli di Mario Monti, fosse rinviato. La Casta ha spiegato poi che l’intenzione era di rendere quella decisione di tipo Parlamentare, cioè non imposta con Decreto, ma votata dal Parlamento. Alla gente, però, la spiegazione non basta. Giustina ad un precedente articolo sull’argomento ha commentato: “Basta, non ce la facciamo più. Io con un’attivita’ aperta, massacrandomi per arrivare a fine mese, e loro continuano a mangiare con il culo caldo sulle loro poltrone….DIMETETTEVI TUTTI…SIAMO STANCHI DI VOI”. Sulla stessa line c’è Salvo: “ho una piccola attivita di auto da noleggio ed oggi mi trovo in una difficolta atroce se sento questi stronzi che non vogliono ridursi i loro stipendi mi viene da vomitare ma lo vogliono capire che siamo alla fame una rivolta e l unica soluzione. È un po’ il termometro di questo Paese costretto a pagare gli stipendi faraonici a chi lo ha ridotto sul lastrico e che per togliere le castagne dal fuoco è stato necessario far intervenire Tecnici, i quali, vedi Monti, che in quanto tecnico, avrebbe tutto il diritto ad essere pagato ed invece, rinuncia al suo compenso. Insomma si cambia ogni regola finora conosciuta. I politici che non hanno alcun titolo, ma solo responsabilità, e fanno fare il loro lavoro ad altri, pretendono dalla gente lacrime e sangue, mentre tentano di salvaguardare i loro guadagni. E’ spaventoso. E’ una classe di mostri. Purtroppo è facile pensare che, superata la crisi, qualora ci si riuscisse, la casta ritornerebbe più forte. Qualcosa non va. di Ermanno Amedei

11 dicembre 2011 0

Cartelloni pubblicitari, continuano le rimozioni sulle strade di Cassino

Di admin

Continua l’operazione legalità sulla cartellonistica pubblicitaria a Cassino. Dopo le prime rimozioni effettuate da parte della polizia Municipale della Città martire ne sono seguite altre e, l’ulima, quella che è stata effettuata stamattina, si è focalizzata sulla rotatoria della superstrada Cassino Formia nei pressi del ristorante Varlese. Alche in questo caso sono state rimossse insegne pubblicitarie ritenute abusive. Sull’argomento non sono mai mancate le polemiche, c’è da scommetterci, non mancheranno neanche questa volta.