Giorno: 22 dicembre 2011

22 dicembre 2011 0

Argo, il cane che ha vegliato sul corpo dell’amico morto, su Stop

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La storia di Argo, il cane abbandonato a Balsorano che ha commosso tutti vegliando per una settimana sul corpo dell’amico randagio morto, ha trovato spazio su due pagine del settimanale nazionale Stop. La signora Bianca, nell’articolo, racconta come è difficile riconquistare la fiducia di un cane maltrattato dall’uomo. Er. Amedei

22 dicembre 2011 0

E’ di Ceccano il 23enne morto questa notte nella stazione di Cassino

Di redazione

Era un ragazzo di 23 anni di Ceccano quello che questa notte ha trovato la morte sul secondo binario della stazione di Cassino. C. L. era scomparso ieri sera e i suoi parenti che lo hanno dovuto riconoscere oggi in obitorio, avrebbero riferito che il giovane soffriva di depressione. I macchinisti che hanno tentato inutilmente di frenare il treno hanno raccontato che il ragazzo si sarebbe gettato sulle rotaie urlando. Dopo l’impatto, il convoglio si è fermato a circa 400 metri. Prende forza l’ipotesi, quindi, del suicidio anche se la procura ha chiesto l’autopsia sul cadavere. Ermanno Amedei

22 dicembre 2011 0

Maltempo, Anas: nevica sulle principali arterie stradali del Molise ma senza particolari disagi per la circolazione

Di admin

Prosegue ininterrottamente l’attività di gestione della viabilità lungo le strade statali gestite dall’Anas in Molise dove, dalla scorsa notte, sono in corso abbondanti nevicate.

L’Anas comunica che al momento sta nevicando lungo le statali 652, 17, 17var e 87, senza però particolari disagi alla circolazione.

Nel corso della scorsa notte si sono verificate precipitazioni nevose in tutta la regione, tuttora in corso nella parte al confine con l’Abruzzo in provincia di Isernia, e in provincia di Campobasso sulla statale 87, tra Campobasso e Termoli.

Dalle ore 6.00 sino alle ore 11.00 di questa mattina si sono verificati alcuni disagi per la circolazione stradale: sulla statale 652 in provincia di Isernia (dal Km 2,500 al Km 12 circa), dove ci sono stati rallentamenti e code per circa un’ora a causa di un incidente tra un’autovettura e un mezzo sgombero neve che ha impedito il regolare flusso del traffico ostacolando l’attività degli altri mezzi operativi presenti su strada; sulla statale 650 in provincia di Isernia (dal Km 0 al Km 15) ci sono stati rallentamenti con code a tratti causati da mezzi pesanti privi di catene o pneumatici invernali che si sono intraversati sulla sede stradale; sulla statale 17 in provincia di Isernia si sono verificati brevi rallentamenti per circa 500 metri in prossimità della svincolo Isernia Nord per mezzi pesanti di traverso sulla sede stradale. A causa di questi problemi, in corrispondenza dello svincolo di Isernia nord (dove confluiscono la SS 650, la SS 85 e la SS 17) il traffico – già intenso della mattina -, è stato evidentemente rallentato e interessato da code in uscita dalla città.

Nessun problema invece sulle restanti strade interessate dalle nevicate, sia in provincia di Isernia che di Campobasso: SS 85, SS 158, SS 17 (restante tratto), SS 17 VAR, SS 87, SS 647, SS 647 DIR A, SS 647 DIR B, SS 645, SS 212, tangenziali di Campobasso.

L’evoluzione della situazione in tempo reale è consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure con l’applicazione ‘VAI’, disponibile gratuitamente per Android, Ipad e Iphone (http://www.stradeanas.it/vaiapp).

L’Anas invita gli automobilisti alla prudenza nella guida, ricordando che l’informazione sulla viabilità e sul traffico di rilevanza nazionale è assicurata attraverso il sito www.stradeanas.it e il numero unico “Pronto Anas” 841.148.

22 dicembre 2011 0

Manovra, Nencini: “Sì del Psi, ma Monti intervenga su welfare e lavoro”

Di admin

Dalla direzione Psi riceviamo e pubblichiamo: Il Senato ha approvato senza modifiche il testo già licenziato dalla Camera che è stato convertito in legge. Il Psi ha votato sì alla fiducia posta dal governo sul decreto legge sulla manovra economica (6 Dic 2011, n° 201 recante disposizioni urgenti per la crescita, l’equità, il consolidamento dei conti pubblici) e ha dato fiducia al Governo Monti “per senso di responsabilità nei confronti del Paese e per far uscire l’Italia dal disastro economico in cui si trova” avverte Riccardo Nencini, segretario nazionale del Psi, ma per il leader socialista “sono necessarie ancora delle riforme per ridare equità al Paese. Daremo una valutazione complessiva dell’azione di governo, infatti, soltanto quando l’esecutivo di Monti presenterà delle misure efficaci sul welfare e sul lavoro”. “Ciò che è stato fatto –continua Nencini –comincia a dare qualche segnale di equità, ma non è sufficiente, il lavoro da fare è ancora tanto”. Il Psi, ha presentato alle commissioni Affari e Bilancio del Senato tre emendamenti, il cui contenuto resterà oggetto delle iniziative politiche dei socialisti. Gli emendamenti, presentati dal Sen. Carlo Vizzini, Presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato, riguardano alcuni temi discussi nel corso dell’ultima riunione della segreteria nazionale del Psi: Il primo escludeva dal ripristino dell’ICI sulla prima casa le abitazioni principali che costituiscono l’unica e sola proprietà immobiliare perché questa “rappresenta il solo salvadanaio sicuro per molti italiani”- commenta il segretario nazionale del Psi, Riccardo Nencini. A questo si aggiunge la contestuale abrogazione dell’esenzione dell’imposta a favore degli edifici di proprietà di enti religiosi adibiti anche ad attività commerciale (quindi “non esclusivamente” commerciali) , “perché – aggiunge il Segretario – in un momento simile tutti sono chiamati a fare dei sacrifici”. ‘L’esercizio a qualsiasi titolo di un’attività commerciale – si legge nell’emendamento- anche nel caso in cui abbia carattere accessorio rispetto alle formalità istituzionali dei soggetti e non sia rivolta a fini di lucro, comporta la decadenza immediata dal beneficio delle esenzioni dell’imposta’. Il secondo emendamento introduceva nell’ordinamento il cosiddetto “prestito forzoso”a carico dei detentori dei grandi patrimoni: ‘in considerazione della eccezionalità della situazione economica e tenuto conto della esigenza di raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica concordati in sede europea, ai soggetti che detengono attività finanziarie di importo superiore a 1milione di euro, è fatto obbligo di sottoscrivere, nella misura dello 0,5% del patrimonio, titoli del debito pubblico poliennali. Sui titoli è corrisposto un tasso di interesse corrispondente all’indice dei prezzi al consumo applicabile su base annua- si legge nell’emendamento’. Il terzo emendamento intervieniva sui cosiddetti “costi della politica” eliminando la disposizione che consente ai privati, che contribuiscono a favore dei partiti per importi fino a 50.000 euro, di rimanere occulti. Inoltre, nel medesimo emendamento, si prevede per i contributi ai partiti politici la medesima detraibilità spettante alle Onlus.

22 dicembre 2011 0

Sequestrati dalla Guardia di Finanza migliaia di articoli ed addobbi natalizi ai cinesi

Di admin

I militari del Nucleo Mobile della Tenenza della Guardia di Finanza di Ortona hanno proceduto al sequestro amministrativo di un migliaio di articoli ed addobbi natalizi e di altro genere posti alla vendita da parte di due esercizi commerciali gestiti da cittadini di etnia cinese nel comune di Francavilla al Mare (Ch). Dai controlli effettuati sulla merce posta sugli scaffali, i finanzieri hanno riscontrato molteplici violazioni alle norme di cui al codice del consumo, con particolare riferimento alla violazione dell’articolo 11 che impone l’indicazione, sui prodotti destinati alla commercializzazione, delle istruzioni e prescrizioni in lingua italiana. Nello specifico, l’attenzione dei militari è stata rivolta agli articoli natalizi e, più in genere, a quei prodotti che, constatata l’assenza sulle etichette delle informazioni basilari che possono proteggere il consumatore dai pericoli derivanti dall’uso improprio di quanto acquistato, risultano essere fonti di pericoli e potenzialmente nocivi in quanto, per la loro peculiarità, normalmente sono introdotti nell’ambito familiare ed alla portata dei bambini.

Il risultato ottenuto dai finanzieri conferma l’elevato livello di attenzione del Corpo nell’adottare i dispositivi operativi per garantire la tutela del mercato dei beni e dei servizi nonché della sicurezza dei prodotti al fine di salvaguardare la salute dei cittadini.

Il periodo natalizio viene visto dagli operatori commerciali senza scrupoli come l’occasione migliore per cercare di vendere prodotti nocivi e di scarso valore per incrementare le loro entrate.

Il Comando Provinciale di Chieti nel corso del 2011 ha eseguito 19 controlli in materia di sicurezza prodotti sequestrando oltre 20 mila articoli di varia natura con la segnalazione alle Autorità competenti di 16 persone; e 38 controlli in materia di marchi contraffatti sequestrando oltre 1.650 articoli, denunciando all’A.G. nr. 33 persone.

22 dicembre 2011 0

L’Udc cassinate: “Il nostro ruolo all’interno della maggioranza vuole essere di costruzione oltre che di condivisione”

Di admin

Il gruppo Consiliare dell’Udc, ritiene opportuno fare chiarimenti in merito a quanto comparso su alcuni organi di stampa relativamente alla seduta di ieri dell’Assise cittadina. “Ci teniamo a precisare – riferiscono i componenti del gruppo – che l’Udc non è mai stato contrario alla revoca della variante del piano regolatore, abbiamo semplicemente voluto porre all’attenzione dell’intera maggioranza eventuali problematiche legate all’adozione del provvedimento in seduta consiliare. Più volte a mezzo stampa si continua a fare dell’ironia spicciola su presunte pressioni che l’Udc eserciterebbe sulla condivisa maggioranza di cui fa parte senza alcun dubbio di sorta, senza tenere in considerazione, invece, l’intento costruttivo che il nostro gruppo consiliare vuole portare all’interno di questa Amministrazione. Un contributo emerso anche in diverse questioni amministrative, come ad esempio il nuovo regolamento licenziato dalla commissione servizi sociali ed approvato ieri in consiglio, o all’adozione dell’albo pretorio on line, dove abbiamo condiviso gli indirizzi espressi dal Presidente di commissione Vincenzo Durante. Ma non solo, il nostro contributo è stato propositivo e lo sarà sempre sulla questione dei parchi tematici. Mentre alcuni, infatti, polemizzavano in maniera demagogica e sterile, noi in silenzio, supportati dai nostri consiglieri ed assessori regionali e dall’Onorevole Formisano, come fatto presente in sede di Consiglio dal Sindaco, abbiamo contribuito a sollecitare la Regione per un’eventuale ed auspicabile proroga che consenta anche al Comune di Cassino di non perdere importanti fondi da poter utilizzare a servizio della città. Questo chiarimento, che non deve essere pretesto per altre interpretazioni fuorvianti e non veritiere, si è reso necessario per ristabilire la verità dei fatti in riferimento al ruolo dell’Udc all’interno della maggioranza, e vuole ribadire a tutti coloro che continuano a giocare, elaborando ipotesi quantomeno fantasiose, che possono continuare a farlo. Noi, dal canto nostro, continueremo a lavorare per governare, insieme a tutta l’Amministrazione Petrarcone, nell’interesse della città di Cassino.”

22 dicembre 2011 0

830 comuni italiani vietano i botti di capodanno

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Sarà colpa della crisi, sarà che una certa cultura che proibisce i botti di capodanno che arrecano disturbo ma anche danno alle persone anziane, ai cardiopatici e soprattutto agli animali sta iniziando a prendere piede. Sta di fatto che ad oggi 830 comuni italiani hanno emesso ordinanze in cui sono vietati totalmente o parzialmente i botti di capodanno nella notte di San Silvestro, botti che vale la pena ricordare provocano ogni anno la morte di 5000 animali trai quali oltre 500 cani ed altrettanti gatti oltre a uccellini ed animali del bosco che muoiono di crepacuore. Anche tra gli umani la situazione non è migliore lo scorso anno infatti i botti (ed i proiettili vaganti) hanno provocato un morto ed oltre un centinaio di feriti. Entro la fine dell’anno dovrebbero essere oltre 1200 i comuni che si doteranno di ordinanze totali o parziali per proibire i botti nella notte di San Silvestro, la maggior parte dei comuni che ha adottato tale ordinanza si trova nel centro-nord Italia mentre la provincia più virtuosa al momento è quella di Bergamo dove sono moltissimi i comuni anti-botti. Come tutti gli anni anche quest’anno l’associazione italiana difesa animali ed ambiente mette a disposizione una serie di servizi gratuiti per aiutare a prevenire i problemi legati ai botti di capodanno per i nostri animali domestici, (con l’aggiunta quest’anno anche dei cavalli). Da oggi 22 dicembre e fino all’Epifania rimane attivo tutti i giorni dalle 10 alle 20 telefono anti botti di capodanno di AIDAA, chiunque può rivogersi all’associazione per avere informazioni e suggerimenti chiamando al 3478883546 oppure allo 02222228518. Inoltre da quest’anno è in distribuzione gratuita online Micio e Fido per affrontare ogni situazione che contiene le regole per evitare lo stress dei botti di capodanno ai nostri amici a quattro zampe, per richiederlo basta inviare una email all’indirizzo di posta elettronica direttivo.aidaa@libero.it ed inoltre è attiva la petizione per chiedere la messa al bando totale dei botti di capodanno che si può firmare online collegandosi all’indirizzo www.firmiamo.it/noaibottidicapodanno ad oggi sono gia circa 7000 gli italiani che hanno sottoscritto la petizione proposta da AIDAA e l’obiettivo è superare abbondantemente la quota di 10.000 firme entro la fine dell’Anno.

22 dicembre 2011 0

Cassa integrazione: nei primi 9 mesi del 2011 utilizzato poco più del 46% delle ore autorizzate

Di admin

E’ di poco superiore al 46% (per l’esattezza è il 46,06%) la percentuale delle ore di cassa integrazione (cig) che sono state effettivamente utilizzate nei primi nove mesi del 2011. è quanto risulta dall’ultima analisi del cosiddetto “tiraggio” della cig, che sostanzialmente conferma l’andamento registrato nella rilevazione precedente, relativa ai primi 8 mesi dell’anno, quando la percentuale era stata del 44,9%. “Il tiraggio relativo ai primi nove mesi dell’anno – commenta il presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua – conferma che le aziende usano poco meno della metà delle ore di cassaintegrazione richieste. Il dato si unisce alla flessione delle richieste di nuove autorizzazioni, che nel 2011 è calata di circa il 20%”. Nel dettaglio, il tiraggio della cassa integrazione ordinaria (cigo) si ferma al 51,62%. Quello della cassa integrazione straordinaria (cigs) – che in questo computo comprende anche quella in deroga (cigd) – è ancora più basso: solo il 44,42% delle ore autorizzate risulta effettivamente utilizzato nelle aziende che ne hanno fatto richiesta. La media porta a quel 46,06% segnalato all’inizio. In sostanza, delle circa 732 milioni di ore autorizzate fino a settembre, ne sono state utilizzate 337 milioni. Se l’andamento si dovesse confermare stabile anche nell’ultimo trimestre dell’anno è prevedibile che nel 2011 si consumeranno meno di 450 milioni di ore, a fronte di circa un miliardo di richieste nel corso di tutto l’anno.

22 dicembre 2011 0

Sicurezza nei cantieri della variante di Valico, oltre la sperimentazione: prosegue il progetto che premia lavoratori attenti alla sicurezza

Di admin

12 squadre e 176 operai virtuosi nei cantieri della VAV che ad oggi si sono distinti per comportamenti virtuosi nella segnalazione di situazioni che avrebbero potuto generare incidenti sul lavoro. Autostrade per l’Italia continua a premiare questi lavoratori, insieme alla Provincia di Bologna e agli altri enti che compongono dal 2008 il Tavolo permanente per la sicurezza nei cantieri della VAV. Un numero sempre crescente, testimoniato dalle presenze alla terza premiazione, avvenuta nella sala consiliare della Provincia di Bologna, a ridosso delle feste natalizie. Sono stati ben 42 i singoli operai a ricevere il riconoscimento in denaro di 500 euro, 8 le squadre cui sono stati consegnati i premi di 5000 euro, poi suddivisi in quote uguali per ogni componente del gruppo di lavoro, eccezione fatta per il capo squadra, cui spetta un riconoscimento del valore di 1.000 euro. Grande è la soddisfazione espressa dai rappresentanti della Provincia di Bologna e di Autostrade per l’Italia: “la sicurezza sul lavoro – ha affermato Gennarino Tozzi, Condirettore Generale Sviluppo Rete di Autostrade per l’Italia – è per noi un tema fondamentale, un vero e proprio impegno sociale, che vogliamo portare avanti coinvolgendo attivamente tutti coloro che stanno collaborando alla realizzazione di questa grande opera: l’obiettivo è che la Variante di Valico divenga opera simbolo di un nuovo modo di concepire le grandi opere, anche e soprattutto attraverso chi l’ha costruita nel massimo rispetto della sicurezza nei cantieri. Le iniziative dei premi agli operai e alle squadre hanno ricevuto il plauso del Presidente della Repubblica e dell’ex Ministro del lavoro Sacconi, e costituiscono un vero e proprio salto culturale: la segnalazione del ‘quasi infortunio’ viene vissuta correttamente, come un atto fondamentale per la collettività che vive il cantiere quotidianamente”. L’Assessore Provinciale al Lavoro, Giuseppe De Biasi, ha poi aggiunto “questa degli incentivi ai lavoratori virtuosi è un’esperienza estremamente innovativa e rappresenta un passo importante nella direzione di un cambiamento culturale da parte delle aziende nei confronti della sicurezza sul lavoro. È fondamentale infatti che il tema della prevenzione entri a far parte a tutti gli effetti dell’organizzazione aziendale, occupando un posto di rilievo, sia come elemento etico valoriale, sia come strumento efficace per il contenimento dei costi sociali conseguenti agli infortuni. In questo contesto è stato possibile concretizzare la fattiva collaborazione tra le imprese e gli organi istituzionali preposti alla vigilanza, nel perseguimento di un obiettivo comune: la salvaguardia della salute dei lavoratori”. Gli operai e le squadre premiati nel secondo semestre del 2011 Premi ad Personam Per la Galleria di Base: Pasquale Totano, Mario Miceli, Francesco Todaro, Umberto Fabbri, Andrea Bellocci, Danilo Damiano, Giuseppe Terranova, Mirco Venditti, Francesco Panariello, Angelo Notaristefano, Rosario Prugnoli. Per il lotto 5A Domenico Donnarumma, Mircea Dragos Minzareanu, Antonino Cartella, Mirco Pianon, Domenico Ielpo, El Yamouni Abderrahman, Giuseppe De Luca, Giuseppe Martino, Mario Di Lella Per il lotto 5B Mario Di Domenico, Paolo Silveri, Remo Roselli, Donato Vinzi, Nello Barba, Silvestre Rizzuti, Luigi Melillo, Umberto De Chiara, Enrico Sabattini Per i lotti 6/7 Luigi Scannella, Patrizio Blasioli, Santolo Beneduce, Silvio Speranza, Vincenzo Donadel, Osvaldo Di Mascio, Marcello Bugnaresi, William Budetti, Nicola Ceccon, Pasquale Loffredo Per Nuovo Svincolo e Stazione di Rioveggio Antonio Stramondo, Carlo Esposito, Giacomo Vicario, Amed Garrouch

Premi alle squadre Per il lotto 5A: – squadra 1, coordinata da Filippo Ligato: Fethi Yahyaoui, Olindo Petrilli, Antonio Solone; – squadra 2: Corrado Vista, Rosario Antonio Pardo, Michele Ragno, Vincenzo Tomassini, Mohamed Sobhi Mougaida, – squadra 3, coordinata da Francesco Marroncelli: Nicola Rescina, , Domenico Garofano, Mario Martone, Alessandro Spezzano, Luigi D’angelo, Aldovello Magnani, Giancarlo Maletta, Antonio Di Riso Per il lotto 5B – squadra 1, coordinata da Michele Totano: Gavril Silasi, Vincenzo D’onofrio, Mihai Tupulan, Paul Eugen, Cristian Simionca, Paolo La Vecchia, Pietro Ricciardi, Bulai Marinica, Anselmo Belmonte, Giovanni Allegretta, Paolo Mastrorilli, Ion Cirstea, Costantin Vizireanu, Marian Datcu, Raffaele Esposito, Liviu Nicolae Feier, Daniel Danes, Vasile Cirstea, – squadra 2, coordinata da Nello Barba: Nazario Facchino, Domenico Le Rose, Angelo Garofano, Franco Ciulli, Manuel Dos Santos Carrasquiera, Giacomo Crecca, Berardino Sterpone, Carlo Garofalo, – squadra 3, coordinata da Giancarlo Sias: Michele Torraca, Carmelo Casagrande, Antonio Gentile, Kamel Habchi, Biagio Ielpo Per i lotti 6/7 – squadra 1, coordinata da: Omero Sabatini: Nunzio D’alfonso, Gabriele Orsini, Gianni Schiazza, Ismaili Ismail, – squadra 2, coordinata da Giommaria Mannu: Santolo Benedice, Rossano Di Berardino, Geremia Giorgio, Michele Iorio, Marco Puddu, Massimo Paoletti, Carmine De Crescenzo.

22 dicembre 2011 0

Ucciso da un treno nella stazione di Cassino, si ipotizza il suicidio

Di redazione

E’ alto circa un metro e 80, ha carnagione chiara e ha circa 25 anni l’uomo che questa notte è stato investito ed ucciso da un treno merci nella stazione di Cassino. Si ignora l’identità del deceduto perché, indosso non gli sono stati trovati documenti. Ad accorgersi di quanto accaduto intorno alle 3.20 di questa notte è stato il personale viaggiante del treno merci che ha fermato il convoglio e lanciato l’allarme al personale di polizia di Cassino. Inutili i soccorsi, per il giovane non c’è stato nulla da fare. Si indaga per risalire all’identità della vittima e alle cause dell’accaduto. Si ipotizza il suicidio. Ermanno Amedei