Giorno: 25 dicembre 2011

25 dicembre 2011 0

Uccide strangolando una prostituta di 20 anni, 18enne arrestato dai carabinieri

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I Carabinieri del Comando Provinciale di Chieti, coordinati dal Sostituto Procuraratore d.ssa Marika Ponziani della Procura di Chieti, hanno arrestato D’Alessandro Luca di 18 anni residente a Chieti, ritenuto responsabile dell’omicidio della giovane Minastireanu Silvia Elena, rumena di 20 anni, avvenuto ieri a Francavilla al Mare (Ch). La donna, prostituta, era stata rivenuta cadavere nel suo appartamento con evidenti segni di strangolamento, dopo che alcuni parenti che avevano inutilmente cercato di contattarla avevano dato l’allarme nelle prime ore della mattinata. Al ragazzo, tratto in arresto per omicidio e rapina aggravati, si è giunti dopo una scrupolosa ed immediata attività investigativa che ha permesso di rinvenire nella sua disponibilità oggetti e documenti della vittima, segnatamente telefoni cellulari, documenti (passaporto e passaporto del cane), soldi. Ancora al vaglio le motivazioni del gesto.

25 dicembre 2011 0

25 dicembre 1943, morire a 18 anni fucilato dai tedeschi

Di admin

Sono passati 68 anni da quel Natale: era il 1943, gli anni del grande conflitto mondiale, gli anni in cui la guerra senza distinzione spezzava la vita di uomini donne e bambini, militari e civili. Tanti sono stati i morti, ma oggi, vogliamo ricordare la storia di un giovane di San Vittore del Lazio, Livio Valente. Livio era un giovane studente, nel ’43 aveva solo 18 anni. Il 25 dicembre di quell’anno in una casa di campagna in contrada Cesale a San Vittore, fu fucilato dai soldati tedeschi di stanza a San Vittore perchè era ritenuto una spia. Prima di essere fucilato, Livio dovette scavarsi la fossa, dove, poco dopo le ore 13.30, fu gettato. Così morì Livio, a soli 18 anni, per una causa comune a tutte le guerre nel mondo esistenti ancora oggi, di cui poco si parla e si conosce, ma che hanno in comune la sofferenza e il dolore della gente spesso incapace di comprendere e di reagire. (Fonte Centro documentazione e studi casssinati – Vittore Spennato – Il Martirologio di San Vittore del Lazio).