Giorno: 30 dicembre 2011

30 dicembre 2011 0

Elicottero con turisti si schianta su pista da sci, tutti salvi grazie alla neve – LE FOTO

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un elicottero adibito a trasporto turistico si è schiantato al suolo, questa mattina, a Campitello Matese, località sciistica molisana nel comune di S. Massimo (Cb). Eran quasi mezzogiorno quando il Robinson 44, appartenente ad una società del casertano ha impattato al suolo durante la manovra di atterraggio. Il velivolo imbarcava quattro persone: il pilota e tre passeggeri, un uomo, una donna ed un bambino, gli ultimi tre residenti a San Vito dei Normanni. L’incidente non ha avuto conseguenze letali per nessuno degli occupanti: infatti, il pilota è rimasto completamente illeso, mentre i tre passeggeri hanno riportato soltanto contusioni ed escoriazioni e sono stati comunque ricoverati per accertamenti presso l’Ospedale Cardarelli, a Campobasso. Ancora tutte da chiarire le cause dell’incidente: il pilota ha cercato di atterrare, ma l’impatto al suolo ha fatto ribaltare il velivolo. L’impatto è avvenuto, fortunatamente, piuttosto distante dalle piste da sci, a quell’ora abbastanza affollate. I rottami sono stati proiettati in un raggio di 100m intorno al velivolo. Al forte rumore dovuto all’impatto dell’elicottero al suolo, che ha provocato, come è del resto comprensibile, molta paura, sono istantaneamente accorsi sul luogo dell’incidente i tecnici del Soccorso Alpino del Molise, che si trovavano sul posto per verificare le condizioni del manto nevoso, gli uomini dell’Arma dei Carabinieri e del Soccorso Piste. Tutti gli occupanti sono stati aiutati e tratti in salvo dall’elicottero, che avrebbe potuto prendere fuoco. Subito dopo, sono stati accompagnati presso il Centro Medico, presente nella stazione sciistica, che ha prestato le prime cure del caso. Nel frattempo, è giunta sul posto anche un’ambulanza del 118, immediatamente allertato dopo l’incidente, che ha preso in carico i feriti, provvedendo al trasporto in ospedale. Soltanto la presenza di un soffice manto nevoso, che ha attutito l’impatto al suolo ed una fortunata casualità ha scongiurato quella che avrebbe potuto trasformarsi in una vera e propria tragedia.

30 dicembre 2011 0

Filettino dice sì al Principato, eletti i 30 deputati del Parlamento. Si insedia il Principe Reggente

Di redazione

Il Principato di Filettino prende forma, una forma sagomata dai 710 votanti al referendum per l’istituzione che ha fatto contare un solo no. Oggi, nell’unico seggio, è stata aperta l’urna che, oltre ai voti del referendum per l’approvazione della Costituzione, conteneva anche quelli per l’elezione dei 30 deputati che costituisco il Parlamento. In lizza c’erano una quarantina di candidati oltre al sindaco del paesino montano Luca Sellari, anche l’ex sindaco di Frosinone Sandro Lunghi, anche altri rappresentanti del mondo politico ed imprenditoriale di Frosinone e Latina. Questa sera si insedia, quindi, il principe reggente Carlo Taormina nella chiesa di Santa Maria. Nei prossimi giorni, il Parlamento nominerà i 12 ministri e, tra quei nomi, ci saranno grosse sorprese. Er. Amedei

30 dicembre 2011 0

Valle del Sacco, quattro imprenditori denunciati per … inquinamento

Di redazione

Controlli ambientali, quattro imprenditori ferentinati denunciati a piede libero dai carabinieri della locale stazione. I militari coadiuvati dal personale dell’Arpa Lazio, a conclusione di articolata attività investigativa avviata nella zona industriale dell’hiterland ferentinate, hanno deferito in stato di libertà quattro titolari di altrettante aziende operanti nel campo dell’edilizia e della chimica, poichè ritenuti responsabili di inquinamento atmosferico. Gli accertamenti, alquanto complessi, hanno consentito di stabilire che gli impianti di emissione delle industrie non erano conformi alle normative vigenti in materia ambientale. Continuerà e sarà incessante il monitoraggio dei Cc nella già martoriata Valle del Sacco e nell’area industriale tra Ferentino e Anagni salita più volte alla ribalta delle cronache per l’inquinamento ambientale. Aldo Affinati

30 dicembre 2011 0

Rapinatori derubano di soldi e gioielli un 50enne poi fuggono con la sua auto

Di redazionecassino1

Questa notte L.P., 50enne di Giulianova, mentre rincasa nella sua abitazione con i propri familiari, veniva bloccato fuori l’ingresso di casa da quattro individui, travisati con passamontagna, di cui uno armato di pistola verosimilmente giocattolo, che lo costringevano ad aprire la porta di casa e consegnare loro la somma contante di 8.000 euro e monili in oro per un valore da quantificare ma che si aggira intorno ai  3.000 euro. I malviventi dopo l’azione delittuosa si dileguavano a forte velocità a bordo della BMW della vittima. L’allarme veniva subito dato ai Carabinieri che nell’immediatezza effettuavano posti di blocco nella zona con presidio nelle principali arterie stradali e, in tale contesto, non lontano dalla casa della vittima veniva rinvenuta l’autovettura rubata poco prima dai malfattori ed utilizzata per la fuga, che veniva restituita al legittimo proprietario. Sono in corso indagini per fare luce sulla vicenda.

30 dicembre 2011 0

Botti illegali, la Guardia di Finanza sequestra due mortai e oltre 2,5 quintali di materiale esplodente

Di admin

Alle prime luci dell’alba del 30.12.2011 nel corso di controlli nel settore delle armi e degli esplosivi in genere, i finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia della Guardia di Finanza di Frosinone hanno sottoposto a controllo due autovetture, condotte da due persone residenti nella capitale, al cui interno erano custoditi in maniera visibile alcuni cartoni contenenti prodotti esplodenti.

Gli specifici accertamenti finalizzati alla verifica del legittimo possesso e della tipologia dei prodotti esplodenti consentivano di rilevare che all’interno delle autovetture erano custoditi due mortai in ferro, utilizzabili per il lancio di razzi esplodenti, e circa 6.500 artifizi pirotecnici, destinati al mercato illegale della capitale e del litorale romano, non appartenenti alla categoria della libera vendita, per un peso complessivo di circa Kg. 250, mentre i proprietari delle autovetture erano privi delle necessarie autorizzazioni prefettizie attestanti il rispetto di tutte le norme di sicurezza imposte dalle vigenti leggi.

Durante il controllo i finanzieri rilevavano, altresì, che i materiali pirici illegittimamente detenuti erano privi delle prescritte istruzioni d’uso, dell’indicazione della quantità di polvere attiva utilizzata per il loro confezionamento e della prevista marcatura CE che attesta la sicurezza e la conformità del prodotto stesso alle vigenti disposizioni normative.

Tutti i prodotti esplodenti rinvenuti, complessivamente costituiti da 6.500 artifizi pirotecnici dal peso di circa Kg 250, e le due autovetture, sono state sottoposte a sequestro, con conseguente segnalazione all’A.G. inquirente dei due cittadini romani per le responsabilità penali derivanti dall’illecita detenzione di materiali esplodenti senza licenza del Prefetto, dall’omessa denuncia di materie esplodenti e dalla detenzione di prodotti esplodenti non riconosciuti e classificati dal Ministero dell’Interno.

Attesa la consistente quantità e la pericolosità dei prodotti sequestrati, gli stessi venivano concentrati presso un deposito giudiziario autorizzato ed idoneo alla custodia in attesa degli opportuni accertamenti della magistratura.

I prodotti esplodenti sequestrati, se immessi nel mercato, avrebbero fruttato circa 12.000,00 euro.

30 dicembre 2011 0

Migliaia di pensionati in coda ai patronati per salvaguardare la loro pensione, la Cgil di Frosinone “diffida” l’Inps

Di admin

In questi giorni l’INPS ha inoltrato a migliaia di pensionati una comunicazione in cui si chiede di inviare all’Istituto il modello RED 2009 e 2010 ed in assenza di riscontro ai richiedenti saranno sospese le prestazioni collegate al reddito e le pensioni di invalidità civile.

Dopo i continui tagli ai pensionati legati alle manovre finanziare dei Governi di centro destra negli ultimi anni il ruolo di assistenza e garanzia dell’INPS è stato messo seriamente in discussione.

I diritti degli assistiti, anche di quelli che hanno correttamente risposto nei mesi precedenti alle richieste dell’Ente Previdenziale oggi sono negati da una incapacità da parte dell’INPS di evadere le pratiche inviate. A seguito di questa comunicazione le sedi del Patronato INCA CGIL in questi giorni sono state assalite giustamente da pensionati ed invalidi civili che preoccupati di vedersi tolte quote reddituali determinanti per poter tirare a campare chiedono disperati lumi in merito.

La CGIL di Frosinone , il patronato INCA e lo SPI CGIL ( sindacato dei pensionati), ritengono inaccettabile e vergognoso tale modalità di gestione a maggior ragione che la stragrande maggioranza dei pensionati correttamente hanno assolto all’obbligo delle comunicazioni richieste dall’Ente.

Questa comunicazione è resa ancora più illegittima in quanto si richiede ai pensionati ed agli invalidi civili il RED 2010 che non è stato mai oggetto di richiesta nelle precedenti comunicazioni.

In questo momento di grave crisi economica e sociale del nostro paese riteniamo che tale comportamento mette in ulteriore seria difficoltà l’esistenza già precaria dei pensionati della nostra Provincia. La CGIL di Frosinone diffida l’INPS a sospendere l’erogazione delle prestazioni collegate al reddito e le indennità di invalidità civile e chiede di chiarire formalmente con i Patronati come tutelare tutti coloro che hanno ricevuto in questi giorni tale comunicazione. CGIL Frosinone Benedetto Truppa

30 dicembre 2011 0

Chiusa provvisoriamente la variante di Pescara, in direzione Ancona, per un incidente nella galleria San Giovanni

Di admin

L’Anas comunica che a causa di un veicolo rovesciato al km 446,780 della strada statale 16Var (variante di Pescara), il traffico è provvisoriamente bloccato in direzione Nord, all’interno della galleria San Giovanni.

Il personale dell’Anas, presente sul posto insieme alle Forze dell’Ordine, sta lavorando affinché siano ripristinate le condizioni di sicurezza nel più breve tempo possibile, per rendere nuovamente percorribile il tratto stradale.

L’evoluzione della situazione in tempo reale è consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure con l’applicazione ‘VAI’, disponibile gratuitamente per Android, iPad e iPhone (http://www.stradeanas.it/vaiapp).

L’Anas raccomanda di prudenza nella guida, ricordando che l’informazione sulla viabilità e sul traffico è assicurata attraverso il sito www.stradeanas.it e il numero unico “Pronto Anas” 841.148.

30 dicembre 2011 0

Botti di capodanno, consigli utili per chi ha animali

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: In Italia sono 7 milioni le famiglie che possiedono uno o più animali domestici, nelle nostre case e nei nostri giardini vivono circa 10 milioni di cani, altrettanti gatti e oltre 40 milioni di altri animali domestici (pesci, uccellini, tartarughe, conigli, furetti, tartarughe d’acqua,animali esotici etc) ma vi sono anche animali cosi detti da reddito o da lavoro a partire dai cavalli per finire con le galline ai quali dobbiamo sommare milioni e milioni di animali selvatici e del bosco che domani notte, la notte di San Silvestro, quella che per noi umani rappresenta il passaggio da un’anno all’altro vivranno un vero incubo, un incubo nel quale almeno 5.000 di loro perderanno la vita. La perderanno in vari modi, e noi il primo di gennaio saremo qui a raccontarveli, perché nonostante qualche primo importante sprazzo di civiltà di molti sindaci che hanno vietato i botti di capodanno, questi ci saranno ancora e saranno causa di morte tra gli animali, ma presumibilmente anche tra gli umani. AIDAA come tutti gli anni dedica gli ultimi giorni dell’anno alla campagna NO AI BOTTI DI CAPODANNO la cui petizione (www.firmiamo.it/noaibottidicapodanno) ha abbondantemente superato le 10.000 adesioni. Inoltre l’associazione animalista mette a disposizione un vademecum online con i consigli e le regole per evitare gli stress da botti di capodanno per micio e fido che si può richiedere gratuitamente fino a sabato mezzogiorno inviando una semplice email all’indirizzo di posta elettronica direttivo.aidaa@libero.it ed infine fino alle 22 di sabato 31 dicembre sarà attivo il telefono anti botti (3478883546) al quale è possibile rivolgersi per richiedere consigli ma anche indicazioni in merito ai comuni dove vige il divieto di sparare botti di capodanno e fuochi artificiali. Inoltre come tutti gli anni AIDAA mette a disposizione online sul suo blog (http://aidaa-animaliambiente.blogspot.com/) una serie di consigli diretti (i più semplici e facilmente applicabili) per tutelare i nostri amici a quattro zampe che saranno costretti a passare alcune ore di vero inferno tra le mura domestiche. Vigileremo anche attraverso i nostri volontari sull’applicazione delle ordinanze anti botti, e qualora queste una volta emesse non saranno fatte rispettare chiameremo a risponderne i responsabili della violazione e quelli dell’omesso controllo.

30 dicembre 2011 0

Sanità Roma e Lazio, Cuozzo (Ugl): “Siglato accordo su rinnovo contratti precari”

Di admin

Dall’UGL Sanità di Roma e Lazio riceviamo e pubblichiamo:

“Con la firma dell’accordo sul rinnovo per un anno dei contratti di lavoro nella Sanità Pubblica, abbiamo compiuto un altro passo in avanti nel percorso di stabilizzazione delle posizioni dei precari del comparto, iniziato un anno fa con l’accordo del 29 dicembre 2010”.

Lo rende noto il segretario dell’Ugl Sanità Roma e Lazio, Antonio Cuozzo, al termine dell’incontro alla Regione Lazio, aggiungendo che “il nostro obiettivo è di arrivare, mediante soluzioni condivise, a superare la logica delle ‘assunzioni a scadenza’, per garantire non solo un lavoro stabile alle lavoratrici e ai lavoratori attualmente precari, ma anche un servizio migliore e più elevati standard qualitativi a pazienti e utenti della sanità laziale, nel rispetto dei vincoli imposti dal Piano di rientro e dal Piano Sanitario Regionale 2010-2012”.

30 dicembre 2011 0

Si completa il riassetto del Gruppo Equitalia. Perfezionate le strutture di Nord, Centro e Sud

Di admin

Si conclude il piano di riorganizzazione del Gruppo Equitalia con il definitivo passaggio a tre agenti della riscossione, Equitalia Nord, Equitalia Centro ed Equitalia Sud. Il riassetto del Gruppo, iniziato lo scorso luglio, si perfeziona come da calendario il 31 dicembre 2011 con le ultime operazioni societarie che riguardano Abruzzo, Marche, Sardegna e Trentino Alto Adige-Südtirol.

Equitalia Nord, Equitalia Centro ed Equitalia Sud si articolano in Direzioni regionali e Aree territoriali corrispondenti alle province, in linea con il sistema organizzativo dell’Agenzia delle entrate e dell’Inps. Dal 2006 a oggi Equitalia ha realizzato una lunga serie di interventi volti a semplificare il precedente sistema della riscossione, frammentato in oltre 40 società private. La riorganizzazione ha l’obiettivo di rendere più efficiente e omogenea l’attività sul territorio, con particolare attenzione al costante miglioramento delle relazioni con i contribuenti.

Equitalia Nord, con sede a Milano, ha competenza in 7 regioni, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Valle d’Aosta, Veneto, Piemonte, Trentino Alto Adige-Südtirol, per un totale di 38 province per oltre 23 milioni di cittadini residenti. Equitalia Centro, con sede a Bologna, è agente della riscossione in 6 regioni, Abruzzo, Emilia Romagna, Marche, Sardegna, Toscana e Umbria, gestisce complessivamente oltre 13 milioni e mezzo di residenti in 33 province. Equitalia Sud, con sede a Roma, gestisce l’attività di riscossione in Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Molise e Puglia, in totale 25 province con circa 20 milioni di  residenti.

Nel 2012, quindi, il nuovo assetto societario del Gruppo Equitalia sarà composto dalle tre società operative sul territorio, Equitalia Nord, Equitalia Centro ed Equitalia Sud, da Equitalia Servizi ed Equitalia Giustizia e dalla capogruppo Equitalia.