Da “Aquino nel cuore” solidarietà a Giulio Scappaticci

12 dicembre 2011 0 Di redazionecassino1

Dalla lista “Aquino nel cuore” e dal consigliere Libero Mazzaroppi, riceviamo e pubblichiamo.

“La mano invisibile che si alimenta ingenerando odio politico nella nostra Città colpisce ancora… ma lo farà ancora per poco!!!Il comunicato a firma “gruppo di maggioranza” ove si infanga e si insulta volgarmente una persona perbene quale il Geom. Giulio Scappaticci, è assolutamente vergognoso. E’ l’ennesima dimostrazione delle angherie, dei soprusi ed delle prepotenze di alcuni amministratori che oltre ad aver il triste primato di aver sfasciato Aquino, sono annoverati (dati alla mano) tra i peggiori d’Italia in termini di competenza ed affidabilità amministrativa, capitanati da un Sindaco che non conosce eguali per insensibilità e menefreghismo. Sappiamo bene, tuttavia, che le ultime sortite del “gruppo di maggioranza” sono dettate, come lo ha ben definito un ex consigliere della maggioranza, dal “pensiero impuro dell’uomo che guarda… e non solo alle vicende politiche”. Questo ha sempre fatto, vigliaccamente, questo soggetto ed ancora per poco continuerà a fare, perché, purtroppo, questa è la sua indole e la sua forma mentis. Ma noi non ce ne curiamo e, come abbiamo sempre fatto, continuiamo ad andare avanti per la strada che abbiamo e stiamo tracciando, occupandoci delle cose serie che affliggono e che riguardano i cittadini e la Città. 

A Giulio Scappaticci, che ha dimostrato, anche in questa circostanza tutto il suo valore e quanto i cittadini di Aquino lo stimino, va la nostra solidarietà per l’attacco subito, il nostro apprezzamento anche per lo straordinario ed inconfutabile successo personale ottenuto alle elezioni del Consorzio Valle del Liri. Anche al di fuori del territorio comunale, è stato evidenziato e rimarcato, anche dagli stessi avversari, il dato personale del geometra aquinate che ha saputo tener testa ad una organizzazione ben radicata sul territorio.

Al “Mandrake” da strapazzo, che invece fa finta di non saper leggere i risultati, e che scrive i comunicati firmandoli a nome di altri che sono costretti ad appurarli dai giornali o a leggerli in Piazza, vorrei solo suggerire di firmarli e di leggere l’articolo di Scappaticci ove non si accusava nessuno bensì si manifestava sdegno e sconcerto per l’episodio della sottrazione notturna del tabellone. L’unica accusa che è stata mossa – a mio avviso – giustamente, è che il Sindaco di Aquino oltre ad aver posizionato il manifesto per invitare a votare una precisa lista in competizione, all’interno della sede di seggio (nella sala del Comune), ha anche utilizzato gli operai del Comune per far affiggere negli spazi pubblici gli stessi manifesti. Ci chiediamo perché la mano invisibile che semina odio si scalda e se la risente così  tanto, in virtù del fatto che erano in lizza quattro liste e nessuno delle altre compagini ha commentato l’increscioso episodio.  Se poi qualche altra mano ben informata, un paio di giorni dopo (ovviamente di notte), ha depositato il tabellone davanti al cancello di un consigliere, è lecito pensare che, probabilmente, la stessa mano, è stata guidata da “un pensiero impuro e… non solo sulle vicende politiche”.

E’ stato appurato, poi, che sono successe molte altre cose strane e non sta a noi occuparci di questo, perché se ne occuperà chi di competenza. Comunque il panico che assale il gruppo dei disUniti per Aquino si legge nell’incontinenza verbale di questo individuo a cui voglio dare un consiglio spassionato:  quando la casa brucia la prima cosa da fare è spegnere l’incendio, non accendere altri focolai!!!

Noi continueremo, come sempre, a mettere le cose in chiaro, promettendo di smetterla solo il giorno in cui la nostra Città, sarà veramente libera, da certe volgarità, perché Aquino merita ben altro e non merita amministratori che, loro malgrado, continuano a  farsi “tirare a capezza”. E lo dice uno che civilmente, ha accettato l’ingiuriosa accusa in merito al dissesto, prima deliberato e difeso da Grincia e poi annullato, di essere “immorale e spregevole” e tutto questo, dopo aver speso energie e soldi per dimostrare che avevamo ragione noi, per mettere a nudo l’incompetenza della maggioranza. Ma la gratitudine è una virtù che è insita nelle persone civili, integre e corrette.

Lo stile che evidentemente quella mano invisibile non ha, non ha mai avuto e mai avrà, avrebbe dovuto imporre di ammettere i limiti, le negligenze, di chiedere perdono agli aquinati e di ringraziare un gruppo di persone (Mazzaroppi, Risi, Iadecola ed altri) che si sono tassate di tasca propria, si sono privati di denaro personale, togliendolo alle proprie famiglie, per difendere i cittadini di Aquino il cui futuro ed i cui interessi erano stati messi a rischio dall’incompetenza e dal lassimo di due, forse tre amministratori che pensavano di essere “il meglio della maggioranza”.”

Aquino, 06.dic.2011                                                                                                                                              Il Capogruppo “Aquino nel cuore”

                                                                                                                                                                                                                                                     (Cons. Com. dott. Libero Mazzaroppi)