Due imprenditori di Sora nell’operazione anticamorra. Aiutavano i Casalesi nelle fidejussioni false

6 dicembre 2011 0 Di redazione

Avrebbero fatto parte della struttura imprenditoriale dei Casalesi per far nascere un centro commerciale a Casal Di Principe. Sono 57 le misure cautelari notificate questa mattina dalla Dia di Napoli e dai carabinieri del comando provinciale di Caserta. Tra loro Alberto Francesco La Rocca, 65 anni e Mauro La Rocca, 41 anni, entrambi imprenditori di Sora. Per tutti, a vario titolo, sono contestati i reati di associazione a delinquere di tipo camorristico, estorsione, turbativa delle operazioni di voto mediante corruzione e o concussioni elettorali, estorsione, truffa ai danni dello stato, abuso d’ufficio, falso in atto pubblico, riciclaggio e reimpiego di illecita provenienza. Tutta l’operazione nasce dalla costruzione del centro commerciale a Casal di Principe (Ce). Le indagini avrebbero accertato che dietro il progetto e la realizzazione della struttura commerciale c’era il temibile clan dei Casalesi, il quale, grazie alle promesse di posti di lavoro nel cantiere, sarebbe riuscito a pilotare le elezioni comunali facendo eleggere propri “fiduciari”. I due ciociari avrebbero permesso l’apertura di quel cantiere e avrebbero fornito le false fidejussioni per ottenere dalla Unicredit di Roma, anche grazie all’intercessione dell’ex sottosegretario Nicola Cosentino, lo sblocco di un grosso finanziamento.