Giorno: 1 gennaio 2012

1 gennaio 2012 1

Filettino verso il Principato, pronti a chiedere il riconoscimento

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La Costituzione è stata votata ed anche i 30 parlamentari sono stati eletti dai residenti di Filettino. Il passo successivo per il Principato è la richiesta di riconoscimento che il comitato Costituente avanzerà la prossima settimana presso la Presidenza della Repubblica e presso i presidenti di Camera e Senato. A quel punto, non resterà altro da fare che chiedere il riconoscimento presso gli altri Stati. Impianti sciistici chiusi per mancanza di neve ma il paesino montano è preso d’assedio dai turisti. “E’ un fatto assolutamente straordinario – dichiara il sindaco Luca Sellari – L’anno scorso, il primo dell’anno, nonostante la neve, nel piazzale non c’erano più di venti auto. Oggi ci sono state oltre mille persone in giro per il paesino”. Frutto dell’effetto Principato il cui iter si sta muovendo a passi da gigante verso l’approvazione. Venerdì il referendum popolare (avevano diritto al voto i 400 residenti maggiorenni e i proprietari di almeno una casa) ha premiato con 711 si, un no e tre schede bianche la costituzione del principato nominando tra, l’altro i trenta componenti della Parlamento. Nella stessa sera si è insediato il principe reggente Carlo Taormina, nominato dall’assemblea costituente e rimarrà in carica per sei mesi dalla nomina, fino a quando non sarà ultimato l’iter e non verrà nominato il Principe ereditario da una lista di circa 700 candidati tra nobili e imprenditori italiani e stranieri. Intanto l’iniziativa voluta dal sindaco Sellari per sopravvivere al taglio dei comuni al di sotto dei mille abitanti, ha fatto breccia nell’interesse dei media mondiali. Nel piccolo comune ciociaro sono arrivate televisioni oltre che dall’Europa, dal Giappone, dalla Cina e dall’America.

1 gennaio 2012 0

Maltempo, da domani temporali al centronord e venti forti su Sardegna e Tirreno

Di admin

Una perturbazione atlantica in avvicinamento verso la nostra Penisola sarà responsabile nella giornata di domani di un generale peggioramento delle condizioni meteorologiche sul centro-nord, con precipitazioni che potranno dar luogo a quantitativi cumulati moderati specie su Toscana e Liguria. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dalla mattinata di domani, lunedi 02 gennaio 2012, precipitazioni sulla Toscana, anche a carattere di rovescio o temporale di forte intensità e accompagnati da attività elettrica e forti raffiche di vento. Dalla sera di domani, inoltre, si prevedono venti forti di Maestrale sui bacini occidentali, con rinforzi di burrasca sulla Sardegna e mareggiate lungo le coste esposte. Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

1 gennaio 2012 0

Botti di Capodanno, tragedie per uomini e animali

Di redazione

Due morti e 561 feriti di cui 76 minori di 12 anni, 437 arrestate o denunciate per detenzione di materiale esplodente e 1200 lanciarazzi, otto armi da sparo, e 64 tonnellate di prodotti pirici sequestrati. Sono questi i numeri della tradizionale corsa ai botti di Capodanno. Nonostante i divieti i farne uso imposti da alcuni sindaci di grandi città, quest’anno si è sparato molto, forse più dello scorso anno quando si contò un morto e si registrano una settantina di feriti in meno. Sul fronte animale, invece, l’Aidaa denuncia l’uccisione di 132 cani e 105 gatti mentre sarebbero circa un migliaio quelli fuggiti a causa dllo spavento nelle ultime sedici ore prima della mezzanotte di San Silvestro. Ermanno Amedei

1 gennaio 2012 0

In fiamme il presepe della chiesa di San Vittore del Lazio – LE FOTO

Di redazione

Presepe in fiamme, questa mattina, a San Vittore del Lazio. Nella splendida raffigurazione della Natività nella chiesa di Santa Maria delle Rose le fiamme, purtroppo vere, si sono propagate velocemente questa mattina poco dopo le 8. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco di Cassino che hanno domato il rogo in pochi minuti anche se il danno al presepe è stato notevole. La chiesa, inoltre, è stata invasa dal fumo costringendo i parrocchiani a rinviare la prima Santa messa dell’anno che si è tenuta poi, all’aperto Pare che ad innescare l’incendio sia stato un corto circuito e che le fiamme si siano propagate proprio a partire dalla Santa Grotta. Ermanno Amedei [nggallery id=379]