Giorno: 14 gennaio 2012

14 gennaio 2012 0

Armato di pistola ferisce e minaccia l’ex convivente, arrestato 51enne di Roccasecca

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ad Arpino i carabinieri della locale Stazione, hanno tratto in arresto M.G. 51 enne residente a Roccasecca, perchè responsabile di lesioni personali e minacce aggravate con uso delle armi indirizzate nei confronti della ex convivente. I carabinieri, a seguito di denuncia della malcapitata, hanno proceduto a perquisizione domiciliare nei confronti del 51 enne, (estesa anche in Colfelice). Nel corso delle operazioni, i Militari hanno rinvenuto una pistola cal. 22 con matricola abrasa, occultata all’interno della cavità di un tronco d’albero. Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

14 gennaio 2012 0

Crociera maledetta, si cercano 36 dispersi

Di admin

Sono ancora 36 i dispersi per cercare i quali, i soccorritori continuano nelle ricerche. Il numero ufficiale dei morti è fermo a 3. Si tratterebbe di due cittadini francesi e di un peruviano. Mentre si spera che il numero delle vittime aumenta, ci si interroga su cosa sia accaduto, e la magistratura ha interrogato per ore il capitano della grossa nave, la più grossa battente bandiera italiana. L’ufficiale in comando ha riferito che la nave viaggiava sottocosta su una rotta turistica e che lo scoglio che ha squarciato lo scafo, e che vi è rimasto incagliato in mezzo alle lamiere, non era segnalato nelle carte nautiche. Lo stesso capitano avrebbe raccontato che la nave, al momento del parziale inabissamento, era così vicino alla costa perché, dopo l’impatto, avrebbe diretto la nave verso costa per avvicinarsi ai soccorritori. A bordo della nave si stava girando un reality televisivo per Sky, Professione Look Marker, al quale stavano partecipando importanti parrucchieri.

14 gennaio 2012 0

Rientro sonda russa Fobos-Grunt, la protezione civile monitora evoluzione

Di admin

L’Agenzia Spaziale Russa ROSKOSMOS nei giorni scorsi ha annunciato che la sonda interplanetaria FOBOS-GRUNT, lanciata nello spazio il 18 novembre 2011, per cause tecniche rientrerà nell’atmosfera terrestre in maniera incontrollata senza aver svolto la missione prevista.

Secondo le informazioni e i comunicati ricevuti dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) il momento e il punto dell’impatto non sono per ora determinabili in maniera certa.

Sulla base degli ultimi dati e comunicati forniti dall’Agenzia Spaziale Italiana, centro di competenza del Dipartimento di Protezione civile la previsione di rientro sulla terra è compresa tra le 10:30 (ora italiana) del 15 gennaio e le 5:00 del 16 gennaio 2012. All’interno di questo arco temporale, non è ancora possibile escludere la possibilità che uno o più frammenti del satellite possano cadere sul nostro territorio.

L’ASI tuttavia informa che la probabilità a priori di provocare una vittima sul pianeta inferiore alla soglia di attenzione adottata a livello internazionale, pari a 1/10.000.

Al momento sono 3 le finestre di interesse per l’Italia. La prima è compresa tra le 19.14 e le 19.44 del 15 gennaio e coinvolge potenzialmente le regioni Liguria, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana e marginalmente Lombardia e Marche.

La seconda è invece compresa tra le ore 23.50 del 15 gennaio e le 00.20 del 16 gennaio e coinvolge Lombardia, le Province Autonome di Trento e Bolzano, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

La terza è compresa tra le ore 1.20 e 1.50 del 16 gennaio e coinvolge la Sardegna sudoccidentale.

Allo stato attuale non è quindi ancora possibile escludere la possibilità, corrispondente a una probabilità stimabile attualmente intorno allo 1,5%, che uno o più frammenti della sonda FOBOS-GRUNT possano interessare il territorio italiano.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in stretta collaborazione con l’ASI e le componenti e le strutture operative del Sistema di Protezione civile.

14 gennaio 2012 0

Scoperto con la cocaina in casa, arrestato un 62enne

Di admin

Questa notte i carabinieri del Comando Stazione di Minturno, a conclusione di uno specifico servizio teso a contrastare l’uso di sostanze stupefacenti, traevano in arresto un pregiudicato, P.P. 62 enne, disoccupato che, a seguito di perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso gr. 100 di cocaina, un bilancino di precisione, materiale atto confezionamento della predetta sostanza, nonché della somma di € 350,00 provento dell’ attività delittuosa, il tutto posto in sequestro.  Il 62enne è stato associato presso la casa circondariale di Latina.

14 gennaio 2012 0

Dimissioni per i componenti della vecchia amministrazione comunale coinvolti nel caso ex-Latermusto

Di admin

Da Roberto Bucci riceviamo e pubblichiamo: Il movimento politico “Progetto per San Vittore” e il consigliere comunale Bucci Roberto esprimono solidarietà al sindaco e amministratori coinvolti nel caso ex-Latermusto e condannati a 6 mesi di reclusione, pena sospesa. Sicuri che riusciranno a dimostrare la loro innocenza allo stesso tempo ne chiedono le dimissioni. Le persone coinvolte nella vicenda e che oggi ricoprono cariche istituzionali farebbero bene a sospendere le loro cariche in attesa che sia fatta chiarezza dalla magistratura, “prendano atto della decisione della magistratura e puntino a dimostrare la verità”. I cittadini convinti della buonafede degli amministratori apprezzerenno una loro decisione in tal senso, soprattutto in un momento come questo nel quale occorre restituire al cittadino la fiducia nelle istituzioni e nei loro rappresentanti. Appare comunque evidente la superficialità e incapacità nel gestire una così grave emergenza da parte della vecchia amministrazione comunale di San Vittore del Lazio. Dall’articolo dell’11 gennaio 2012 riportato su Ciociaria Oggi e’ chiaro che e’ stata persa l’occasione di mettere in sicurezza e bonificare il sito, che ad oltre 10 anni dall’allarme lanciato dai noi e dall’Arpa Lazio rimane tra i più pericolosi per la salute umana presenti nella provincia di Frosinone e regione Lazio. Una condizione, quella dell’area da bonificare, inaccettabile considerato che a quanto ci risulta e riportato sullo stesso articolo l’area non sembra ancora essere stata messa in sicurezza e sembra che dal 2005 ad oggi nessuno si è preoccupato di verificare la contaminazione ambientale nell’intorno del sito. Nella speranza di aver compreso male e quindi nell’interesse della collettivita’ chiediamo agli amministratori e ai responsabili dell’Arpa Lazio di rendere pubblici i dati sul monitoraggio ambientale nell’area. A preoccupare i cittadini è la possibile presenza di sostanze inquinanti nelle acque dei pozzi e se c’è stata in questi anni contaminazione delle colture attraverso l’acqua o attraverso polveri contaminate trasportate dal vento.

14 gennaio 2012 0

Crociera Maledetta. Tra gli imbarcati anche alcuni abruzzesi, due sono di Lanciano

Di admin

L’hanno scampata bella due Lancianesi Silvio Luciani e Alessia Balducci, entrambi 35 anni, lui noto e stimato parrucchiere di Lanciano mentre lei, di Guastameroli, che opera nello stesso settore della cosmetica. I due, venerdì sera, si sono imbarcati sulla Costa Concordia. Tre sono di Pescara: le sorelle Barbara e Cinzia Antelmi e l’estetista Teresa D’Aiello; due sono marsicani, i fidanzati Valentino De Ascentis e Mariangela di Genova.

14 gennaio 2012 0

Accordo tra Coldiretti ed Acea per integrare il reddito agricolo grazie alle energie alternative

Di admin

Coldiretti ed Acea sigleranno a breve un protocollo d’intesa per delineare le modalità operative ed i punti salienti dell’accordo per far sì che nel Lazio le energie alternative possano rappresentare per gli imprenditori agricoli una effettiva modalità di integrazione del reddito senza però in nessun caso andare a utilizzare i campi produttivi della nostra regione che non perderanno la propria produttività. Questo l’esito dell’incontro che si è svolto questa mattina a Roma, presso la cornice del mercato di Campagna Amica in via S.Teodoro al Circo Massimo che ha messo a confronto proprio Coldiretti ed Acea trovando appoggio, condivisione ed aperture concrete ed immediate da parte del presidente di Confindustria Frosinone Marcello Pigliacelli pronto a sottoscrivere l’accordo. Il presidente Cremonesi da una parte ed il direttore della sede regionale di Coldiretti Lazio Aldo Mattia dall’altra hanno praticamente sancito questo percorso che però non si vuole solo di proclami o buoni propositi ma di immediate risposte con esempi tangibili con i quali avviare in modo virtuoso e serio ma soprattutto concreto delle buone pratiche da replicare nei territori laziali. Oggi nella nostra regione insistono 17.530 impianti (324.238 in tutto in Italia) con una potenza complessiva di 853.100 kW a fronte dei 12.629.938 Kw in tutto il Paese. CO2 non prodotta annualmente nel Lazio è pari a kg. 942.675.000 con una produzione elettrica annuale di.109.030.000 kw/h1. A seguire i lavori anche la folta e qualificata rappresentanza della Coldiretti di Frosinone con a capo il direttore Paolo De Cesare che ha ribadito la necessità di analizzare attentamente gli scenari possibili in relazione all’integrazione del reddito in agricoltura offerte dalle opportunità del fotovoltaico. Confindustria Frosinone tramite il presidente Marcello Pigliacelli che ha seguito con interesse i lavori ha garantito la propria collaborazione e sinergia e si è detto disponibile a siglare l’intesa con Coldiretti ed Acea tornando a sottolineare l’importanza dell’agricoltura quale fattore trainante dell’economia e anche l’urgenza di riportare alla ribalta le problematiche legate all’inquinamento che anche mediante le energie rinnovabili si possono contrastare, combattere e sconfiggere in un territorio come quello ciociaro e romano che ha già pagato un caro prezzo in termini di interdizione dei terreni.

14 gennaio 2012 0

Crociera maledetta, la nave Costa Concordia (4.500 passeggeri) urta gli scogli e affonda

Di admin

E’ una tragedia del mare senza precedenti quella che si è verificata questa notte, nelle acque del Tirreno, in vista dell’Isola Del Giglio in Toscana. La nave da crociera Costa Concordia, salpata ieri pomeriggio da Civitavecchia con circa 4.500 passeggeri a bordo per una crociera nel Mediterraneo, ha urtato inspiegabilmente contro degli scoglie procurandosi uno spacco nello scafo di circa 20 metri. Tutto è accaduto mentre a bordo si svolgeva la prima cena di benvenuto in una serata di gala. Dopo il boato ed il black-out, immediatamente si è inclinata su un fianco affondando per metà. Tre i morti accertati ma ci sarebbero una ventina di feriti e circa 50 dispersi. Una massiccia operazione di soccorso, fatta con navi di ogni genere, è riuscita a portare in salvo le migliaia di passeggeri. Al momento non ci si spiega come mai la nave fosse uscita fuori rotta. Ermanno Amedei Foto concessa dalla Redazione Giglionews (http://www.giglionews.it/)

14 gennaio 2012 0

Positiva recensione nazionale per il libro “Templari ad Alatri”

Di admin

Ennesimo importante riconoscimento per il libro “Templari ad Alatri” di Claudio Imperatore e Giancarlo Pavat (Nuova Stampa Frosinone) uscito la scorsa primavera e dedicato alle ricerche sulla presenza dei Cavalieri Templari nella Ernica. Il volume aveva già riscosso un grande successo di pubblico e l’apprezzamento di molti studiosi della materia. Ora è la volta della recensione del prestigioso sito “Tradizione Templare” (http://tradizionetemplare.blogspot.com/), curato in collaborazione con la L.A.R.T.I. (Libera Associazione Ricerche Templari Italiani), la più antica associazione di studi sui celebri e misteriosi cavalieri e con il neo costituito C.I.D.O.T. (Centro Italiano di Documentazione sull’Ordine del Tempio) – Fondo “Padre Goffredo Viti”, istituito presso l’Abbazia di Casamari. All’inizio di ogni anno, “Tradizione Templare” compila le recensioni di tutti i libri dedicati alla tematica dell’Ordine del Tempio usciti in Italia nel corso dell’anno precedente. Queste recensioni, a cagione dell’autorevolezza, imparzialità e totale assenza di fini di lucro del sito e dei suoi redattori, sono attese con ansia e spesso timore. Non si contano le feroci stroncature senza appello, anche di volumi e firme altrimenti molto quotate nel panorama culturale e scientifico della Penisola. Senza fare nomi e cognomi, basta dare un’occhiata al sito per rendersene conto. “Tradizione Templare” analizza con precisione e bizantina pignoleria tutti gli aspetti dei volumi pubblicati. Verificando soprattutto l’attendibilità di quanto scritto, la ricerca delle fonti, la plausibilità di eventuali nuove ipotesi. Tutto viene vagliato, sviscerato, setacciato e le critiche, i giudizi severi e le bocciature non si fanno attendere. Con l’immancabile seguito di polemiche, anche molto accese. Non è stato il caso del libro di Imperatore e Pavat, “Templari ad Alatri”, che ha ottenuto il voto di 7/10 (il massimo è 9/10, 10/10 non viene mai assegnato). I recensori rimarcano che uno dei pregi del volume è la “rassegna delle ricchezze medievali di Alatri e del suo territorio” ed il corredo delle “belle fotografie dei luoghi evidenziati”. Viene pure sottolineato (nella migliore tradizione della L.A.R.T.I., che cerca sempre la prova documentale) il fatto che non siano ancora emersi documenti coevi che attestino con assoluta certezza la presenza dei Templari ad Alatri. Ma va ricordato che molto spesso tali documenti sono andati distrutti per sempre. La recensione favorevole di un sito così autorevole ( e temuto) rimane comunque un ottimo invito ai due autori a proseguire nelle ricerche ad Alatri ed in tutto il territorio ciociaro. Lo scorso anno, il precedente libro di Giancarlo Pavat, “Nel segno di Valcento. Viaggio ne Lazio meridionale attraverso le simbologie Templari e degli altri ordini monastico cavallereschi” (Edizioni Belvedere – Latina), anch’esso grande successo di pubblico e di critica a livello nazionale, tanto che ha ispirato persino due puntate del programma “Voyager” (quelle dedicate ad Alatri, andate in onda il 26 gennaio e 7 febbraio 2011), ottenne un 9/10, piazzandosi a pari merito assieme ad altri tre volumi in cima alla classifica nazionale. Ricordiamo che proprio per questo volume Giancarlo pavat è candidato al prestigioso “Premio Nazionale Ricerca nel Mistero”. Per il quale è ancora possibile votarlo. Basta inviare una e-mail all’indirizzo premioricercanelmistero@gmail.com. Nell’oggetto della mail si ripete “Premio nazionale ricerca nel mistero” e nel testo va scritto “GIANCARLO PAVAT” ed il nome , cognome ed indirizzo di chi vota.

14 gennaio 2012 0

Evasione di 2 detenuti da Regina Coeli, è emergenza penitenziaria

Di admin

Non passa ormai giorno che negli Istituti accadano eventi critici importanti: dalle ripetute aggressioni in danno del Personale Penitenziario a clamorose evasioni. Stanotte è toccato al carcere romano di Regina Coeli dove, in stile cinematografico anni ’70, 2 detenuti sono evasi. Le indagini di rito – già avviate – serviranno solo a far emergere nuovamente le carenze strutturali del sistema che ormai, causa gravissime carenze delle dotazioni organiche di Personale di Polizia Penitenziaria, oltre che di problemi dovuti al sovraffollamento detenuti e di eventuali mancati funzionamenti di sistemi elettronici di sorveglianza, non vedono poter garantire adeguatamente quanto il carcere dovrebbe invece assicurare ai Cittadini… la sicurezza! La CISL FNS auspica solo che – come purtroppo troppe volte accaduto – invece di ricercare le responsabilità generali e complessive di chi consente che il “sistema carcere sia così ridotto”, non si voglia scaricare tutto sugli ultimi “anelli della catena”….. gli Operatori Penitenziari, costretti a farsi carico da soli delle carenze di sistema che loro stessi subiscono. Pompeo Mannone Segretario Generale Cisl Fns