Giorno: 15 gennaio 2012

15 gennaio 2012 0

Il circolo del Pd di Sora: “Il nostro sviluppo passa per il corridoio Tirreno-Adriatico”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Sabato 14 Gennaio presso il bar “Coffee break” di Via Campovarigno a Sora si è svolta la conferenza stampa sul tema “LE NUOVE POLITICHE DI COESIONE PER SORA E PER LO SVILUPPO DEL COMPRENSORIO”. L’iniziativa è stata promossa dal Circolo del PD di Sora che, dopo il congresso, si sta riorganizzando. Proprio di recente, infatti, ha aperto, insieme a Sel, una sezione, che punta ad essere un luogo di incontro e di dibattito, per discutere del futuro della città. Ha aperto i lavori il dirigente regionale e referente del locale Circolo del PD Antonio Lombardi: “Vogliamo gettare le basi per rilanciare il nostro Partito e far si che sia un Partito aperto e propositivo e che non sia più schiavo di personaggi che si servono della politica per raggiungere i loro obiettivi. Dobbiamo puntare con decisione sulle priorità per lo sviluppo del territorio, abbandonando la politica clientelare: non ci interessa il punto luce o la buca, questa è ordinaria amministrazione, bisogna fare di più per far tornare Sora il capoluogo di un vasto territorio, punto di congiuntura della valle di Roveto, valle di Comino e valle del Liri. Vogliamo incontrare la gente di tutta Sora, con coloro che vogliono dare il loro contributo per lo sviluppo della città. All’eurodeputato Francesco De Angelis, che già come assessore regionale ha dimostrato di essere molto vicino al nostro territorio, assicurando alla nostra città risorse importanti, chiediamo oggi di farsi portavoce delle nostre istanze in seno al parlamento europeo, lì a Bruxelles dove risiedono le risorse per lo sviluppo delle comunità, investendo in infrastrutture e valorizzando il nostro ampio patrimonio. Così come chiediamo all’amico Mauro Buschini, di fresca nomina all’Arsial, di supportarci per rilanciare l’agricoltura della nostra zona. Infine, siamo contenti dell’adesione di Roberto Di Ruscio, che ci potrà dare un valido aiuto grazia alla sua esperienza politica, e di Gianni Celli”. Dopo, la parola è passata a Roberto Di Ruscio, già assessore provinciale, che ha dichiarato: “Dopo due anni di silenzio, sono tornato a far politica ed ho ritrovato gli stimoli in questo difficile momento di crisi quando il Senatore Marino, unico nel Senato, ha alzato la voce contro l’acquisto dei caccia bombardieri. Nessun partito, nemmeno quelli cattolici, hanno alzato la voce contro questa cosa. Mi sono convinto così ad aderire al PD, sperando che sia davvero un partito di idee e non di persone. Attualmente il nostro territorio è in grossa crisi, i licenziamenti che ho visto in questo periodo non li ho mai visti prima e serve da tutti un contributo per il superamento di questa difficile fase. Mi auguro che il PD possa diventare un momento di aggregazione per far nascere un tavolo e portare avanti un progetto portando avanti la trasversalità di comunicazione. Noi dobbiamo guardare non a Roma ma all’Abruzzo. Non si può proseguire nello sviluppo longitudinale Roma-Napoli. Investire nelle infrastrutture per far si che il nostro territorio possa guardare al mare e da lì ai Balcani, ai paesi emergenti. Ma per far questo bisogna superare i personalismi e ragionare di squadra”. In merito Gianni Celli è entrato nel dettaglio di questo interessante progetto di ampio respiro: “L’obiettivo deve essere quello di unire il Basso Lazio all’Abruzzo: il fiume Liri deve delineare per intero questo territorio omogeneo, attraverso la realizzazione di una piattaforma, anello di congiuntura tra i traffici marittimi che arrivano dall’Est Europa e dall’Oriente. Attraverso la realizzazione del corridoio Tirreno-Adriatico, cerniera tra il sud e l’Europa. Un collegamento di infrastrutture, che parte da Gaeta, passa per Pescara, per arrivare a Sarajevo e da lì espandersi a tutto l’Est Europa ed anche verso l’Oriente. Dobbiamo saper sfruttare il libero mercato che si sta espandendo nel Mediterraneo. Possiamo chiamarlo Corridoio intermodale Tirreno-adriatica, con la realizzazione di un collegamento Sora -Fondi e di un traforo di 6 km da Balsorano a Collelongo (riducendo il percorso di 27 km) collegando il mercato di Fondi alla piana del Fucino”. Ha chiuso i lavori l’eurodeputato Francesco De Angelis: “Un grazie a Lombardi per l’iniziativa e a Gianni Celli e Roberto Di Ruscio per l’adesione al PD: consente alla sinistra storica di Sora di ritrovarsi, perché dentro il PD dobbiamo far vivere i valori e le idee della sinistra. Uniamoci e confrontiamoci sulle idee. Sui progetti concreti, come quello proposto. Per costruire le condizioni per tornare a governare la città di Sora. La destra alla prova del governo, alla Regione Lazio, alla Provincia, ed anche a Sora, è una destra che ha fallito. Questa è la provincia più martoriata e più tartassata dalla Regione Lazio, la più penalizzata. Dopo la sanità, adesso anche il Piano di Sviluppo Regionale dimentica la ciociaria. Oggi non c’è più nulla. La Regione Lazio ha azzerato il sostegno alle PMI, ai distretti industriali, debilitando il sistema produttivo ed economico della zona. Non si trova nulla. Bisogna lanciare un grido d’allarme. La Provincia è ferma. Immobile. Questi signori non meritano più il voto e la fiducia, non meritano più di governare, tradendo soprattutto la fiducia dei ciociari che hanno dato molto alla destra. Noi siamo quelli che abbiamo mantenuto gli impegni di consegnare dopo tanti anni la Sora-Frosinone-Ferentino. Vogliamo tornare al governo con le nostre idee. L’Europa è sempre di più il nostro orizzonte strategico, quella prospettiva che consente al nostro paese di poter crescere. L’Europa è sempre più la chiave per uscire dalla crisi. I riflettori stanno sempre lì, a Bruxelles. Il parlamento ha cominciato la discussione sui fondi 2014-2020 ed è in questa fase che si apre una partita decisiva per lo sviluppo e la crescita e noi dobbiamo farci trovare pronti. I fondi strutturali europei sono oggi uno strumento importantissimo per le autonomie locali, sono risorse preziose che consentono di superare le fasi difficili con investimenti produttivi destinati allo sviluppo, all’occupazione e alla coesione sociale. Stiamo parlando di 376 miliardi di euro, di cui 53 miliardi per le regioni obiettivo 2 (in cui c’è anche la Regione Lazio), 11 miliardi per la cooperazione territoriale e 50 miliardi di euro sui trasporti. Lo sviluppo del territorio passa attraverso la politica di coesione, dando risorse e forza ai progetti di rilancio come quello esposto da Gianni Celli che è davvero interessante: l’area dei Balcani è in forte espansione. Si tratta di un progetto ambizioso ma concreto, interregionale ma di respiro europeo e che può ridare linfa all’economia del territorio”.

15 gennaio 2012 0

Costa Concordia, trovati altri due corpi: sale a 5 il numero dei morti

Di admin

I sommozzatori hanno individuato due corpi nello scafo sommerso della Costa Concordia, la nave da crociera che salpata il 13 gennaio da Civitavecchia con circa 4.500 passeggeri a bordo per una crociera nel Mediterraneo e che si è arenata davanti il porto dell’Isola del Giglio in seguito all’urto con uno scoglio. I corpi trovati dai sommozzatori sarebbero due uomini anziani. Questa notte una coppia di coreani in luna di miele è stata tratta in salvo mentre alle 13 di oggi anche il commissario di bordo della Concordia è stato salvato. Restano al momento ancora 15 le persone disperse di cui non si hanno notizie.

15 gennaio 2012 0

Il sindaco Grincia: “Prossimi ulteriori interventi per la segnaletica stradale”

Di admin

Che ci siano proteste oer la segnaletica stradale, è una cosa per me nuova. Già nei mesi scorsi, quando il Comune ha proceduto a ridisegnare molta nuova segnaletica per le strade di Aquino, avevo comunucato che per il resto si sarebbe proceduto in un secondo momento, sia perchè dovevamo reperire altri fondi, sia perchè dovevano essere asfaltati alcuni ulteriori tratti di strade comunali. Allora sono state rifatte molte strisce pedonali, anche di nuovo tipo. bianco su sfondo azzurro: attorno al Municipio e davanti a tutte le scuole. Altra segnaletica orizzontale, agli incroci delle principali strade del centro urbano: viale Manzoni, via Risorgimento, via della vittoria, via Giovenale, via Soldato Ignoto, via Venditti, ecc..proprio nei punti potenzialmente più pericolosi del centro urbano. Recentemente, dopo aver reperito altri fondi con l’assestamento finanziario dello scorso novembre, l’ufficio tecnico, su indicazione dell’amministrazione, ha proceduto ad assegnare un nuovo lotto di interventi ad apposita ditta. dove sono previste altre strisce pedonali in diversi tratti, e segnaletica orizzontale per delimitare i parcheggi; a questa si deve aggiungere il rifacimento e l’integrazione anche di parte della segnaletica verticale, sopratutto indicatoria, anche questa appaltata nel mese di dicembre. Tutto questo comunque è abbastanza noto, anche perchè pubblicato negli atti amministrativi del sito web comunale, per cui desta meraviglia l’apprendere che ci sarebbero proteste, pensando che chi ha scritto la nota “di protesta”, questi atti li avesse letti. Ovviamente, per non vanificare l’intervento, si deve aspettare almeno un pò, almeno fino a quando le strade non siano sempre bagnate com’è adesso, perchè la vernice della segnaletica non aderirebbe bene al suolo, e quindi la segnaletica dopo un pò,non si vedrebbe più. Quindi, per quanto detto, tra alcune settimane si interverrà nuovamente con la segnaletica in diversi punti di Aquino, anche se, dovendo bitumare vari altri tratti di strada, in questi tratti da rinnovare, si dovrà intervenire successivamente. Spero che quanto appena detto da me adesso, serva a placare le”proteste”, non saprei bene ancora da chi inscenate.

Antonino Grincia sindaco di Aquino

15 gennaio 2012 0

Maltempo, in arrivo temporali e venti forti sulla Sicilia

Di admin

Due masse d’aria con caratteristiche diverse, una di origine continentale europea e l’altra di origine atlantica, confluiranno sullo Stretto di Sicilia e determineranno condizioni di spiccata instabilità, specie sui settori meridionali della Sicilia e sulle isole dello stretto.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche, valido dalla notte di oggi, domenica 15 gennaio 2012. Si prevedono precipitazioni a carattere di rovescio o temporale sulla Sicilia, specie sui settori meridionali e sulle isole dello stretto di Sicilia. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, attività elettrica e forti raffiche di vento.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

15 gennaio 2012 0

Addetti alle pulizie nelle scuole, nuovi tagli nel 2012

Di admin

Dall’A.S.La COBAS riceviamo e pubblichiamo:

Per gli ex Lavoratori e Lavoratrici socialmente utili ATA il 2012 sarà un anno disastroso! Infatti già dal 1 gennaio, gli attuali dipendenti di cooperative che gestiscono l’appalto delle pulizie nelle scuole pubbliche, hanno subito la riduzione quattro ore lavorative settimanali per un totale di 16 ore mensili. Dall’11 giugno al 5 settembre si prevedono 87 giornate di cassa integrazione in deroga a zero ore. Il MIUR continua nella scelta delle esternalizzazioni costringendo gli ex LSU ATA a pagare alti costi sociali e lavorativi. Tutto questo causerà notevoli disagi economici ai lavoratori e un servizio sempre piu’ carente nelle scuole. Inoltre dovranno fare i conti anche con il nuovo Governo dei tecnici che con le recenti manovre di bilancio e gli annunciati provvedimenti sul lavoro sta di fatto sferrando un attacco più generale ai diritti e al futuro lavorativo e pensionistico aggravando ancor più la già disastrosa condizione lavorativa degli ex LSU ATA.

15 gennaio 2012 0

Sora – tribunale ed ufficio del giudice di pace, De Angelis: “Istituzioni che vanno difese”

Di admin

“Il Tribunale e l’Ufficio del Giudice di Pace di Sora sono istituzioni che vanno difese”. L’eurodeputato Francesco De Angelis interviene con decisione sulla questione che vede a rischio due istituzioni importanti del sorano che, secondo lo schema di decreto legislativo “revisione delle circoscrizioni giudiziarie – uffici dei giudici di pace” saranno soppresse. “Per quanto riguarda il Tribunale, stiamo parlando – ha proseguito De Angelis – di una sede operativa molto utile, che ha svolto un prezioso servizio ai cittadini in questi anni. Stesso discorso per l’Ufficio del Giudice di pace che, nel lento mondo della giustizia italiana, si è adoperato al fine di snellire le lungaggini processuali esistenti. Due istituzioni a servizio di un bacino d’utenza non limitato solo alla città, che comunque vanta circa trentamila abitanti, ma insiste su tutto il comprensorio della Valle del Liri e della Valle di Comino. L’accorpamento previsto, inoltre, rischia di ingessare il Tribunale di Cassino, già gravato da un numero elevato di atti giudiziari. Le istituzioni, in primis l’amministrazione comunale, si attivino affinché si eviti la soppressione di punti di riferimento importanti per la città di Sora e di questo comprensorio; di sicuro, se le due sedi saranno abolite, i cittadini avranno un accesso più gravoso e più difficoltoso ai servizi giudiziari”.

15 gennaio 2012 0

Rientro sonda russa Fobos-Grunt, il dipartimento della protezione civile monitora evoluzione

Di admin

In riferimento al rientro nell’atmosfera della sonda interplanetaria FOBOS-GRUNT, l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), nell’ultimo aggiornamento, ha comunicato al Dipartimento della Protezione civile che la previsione di rientro è compresa tra le 16:55 (ora italiana) e le 21:20 del 15 gennaio 2012.

All’interno di questo arco temporale, non si può ancora escludere la possibilità che uno o più frammenti del satellite possano cadere sul nostro territorio; a probabilità stimata è attualmente inferiore allo 1,7%. Al momento, è una la finestra temporale di interesse per l’Italia, compresa tra le 19.14 e le 19.44 del 15 gennaio e coinvolge potenzialmente le regioni Liguria, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana e marginalmente Lombardia e Marche.

L’ASI tuttavia informa che la probabilità a priori di provocare una vittima sull’intero pianeta è inferiore alla soglia di attenzione adottata a livello internazionale, pari a 1/10.000.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in stretta collaborazione con l’ASI e le componenti e le strutture operative del Sistema di Protezione civile.

15 gennaio 2012 0

Roadkill, nel 2011 sono stati uccisi sulle strade 11.344 animali

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Sono stati complessivamente 11.344 le segnalazioni relative agli animali rinvenuti morte sulle strade ed autostrade italiane rilevate dal telefono amico e dai volontari dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente – AIDAA. Di queste 4608 riguardano cani , 2841 gatti e 3895 animali selvatici (volpi, ungulati, piccoli roditori e uccelli). Rispetto al 2010 le segnalazioni sono triplicate per quanto riguarda i dati relativi a cani e gatti, mentre sono raddoppiati per quanto riguarda gli animali selvatici. Per quanto riguarda le sole autostrade i dato disponibile è di 966 segnalazioni provenienti in prevalenza da AutostradA del Sole, dalla Milano-Venezia (tratto Milano-Brescia), Salerno-Reggio Calabria. Le segnalazioni sono andate diminuendo nel corso della seconda metà dell’anno forse anche in seguito al fatto che dal 13 agosto 2011 è entrato in vigore il codice della strada che obbliga gli automobilisti a prestare soccorso agli animali feriti. Il mese con il maggior numero di segnalazioni per cani e gatti è stato Agosto con 511 segnalazioni di cani e 322 segnalazioni di gatti morti sulle strade ed autostrade italiane, il mese con il minor numero di segnalazioni dicembre con 233 segnalazioni di cani e 104 segnalazioni di gatti morti. Le regioni in cui si è verificato maggiormente il fenomeno sono Sicilia, Sardegna, Lombardia e Campania. Vale la pena di ricordare infine che l’80% dei circa 130.000 animali abbandonati ogni anno vengono coinvolti in incidenti stradali e che la popolazione randagia dei cani in Italia è di circa un milione di cani, e altrettanti gatti. Infine ad oggi si ha notizia di 33 contravvenzioni elevate per mancato soccorso degli animali feriti su strade ed autostrade italiane.

15 gennaio 2012 0

Senatore Pedica eletto presidente onorario della Federcontribuenti: uniti negli intenti

Di admin

Dall’Ufficio Stampa Federcontribuenti riceviamo e pubblichiamo: Oggi si e’ riunita a Roma la direzione nazionale della Federcontribuenti, al termine della direzione e’ stato nominato presidente onorario il sen. Stefano Pedica. Il presidente della Federcontribuenti Finocchiaro durante l’evento che ha inaugurato la raccolta firme d’appoggio alla Legge – Delega presesentata dal senatore Pedica si è detto fiero d’essere riuscito nell’intento di obbligare il governo a prendere visione, attraverso la Camera, di questa riforma civile e fortemente voluta da milioni di cittadini: il primo movimento civile ad esserci riuscito. Il primo tavolo è stato un successo. A meta’ febbraio organizzeremo, dichiara il presidente Finocchiaro, una manifestazione per fare il bilancio della raccolta delle firme che accompagnera’ il ddl del Senatore Pedica.

15 gennaio 2012 0

Deteneva bombe e proiettili bellici con lo scopo di venderli, arrestato un 52enne

Di admin

A Casalvieri i carabinieri della locale Stazione, in collaborazione con i colleghi del NORM della locale Compagnia e quelli del Nucleo Artificieri del Comando Provinciale Carabinieri di Roma, hanno arrestato C.O., 52 enne domiciliato a Casalvieri perché responsabile di detenzione illegale di residuati bellici attivi. Il 52enne a seguito di una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di residuati bellici costituiti da: svariate bombe da mortaio attive contenenti tritolo ed altre disattivate ma potenzialmente efficienti; vari proiettili di artiglieria cal. 80/100; nr. 15 bombe a mano di diverse nazionalità svuotate dalla polvere ma comunque ricaricabili; una pistola lanciarazzi; quattro detonatori per mine antiuomo e due baionette. L’interessato, con l’intento di commercializzare i residuati fra gli appassionati del settore, aveva allestito presso la propria abitazione un’officina ove provvedeva a renderli inerti. Le armi ed il munizionamento è stato sottoposto a sequestro. L’arrestato, dove le formalità di rito, è stato posto in regime degli arresti domiciliari.