CittadinanzAttiva scrive all’assessore Consales: No al degrado, recuperare le aree per i servizi ai cittadini

9 gennaio 2012 1 Di redazionecassino1

Il coordinatore di Cittadinanzattiva, Mario DI LITTA, scrive all’Assessore all’ambiente e territorio del comune di Cassino per chiedere di intervenire sul territorio e recuperare aree destinate a servizi per il cittadino come le fermate di via Garigliano e del Capolinea: L’Associazione CittadinanzAttiva-Tribunale per il Diritto del Malato invita l’Amministrazione comunale di Cassino ad attivare un programma di risanamento ambientale del proprio territorio cittadino, le cui condizioni di abbandono sono sotto gli occhi di tutti i suoi cittadini ma anche di coloro che, pur non risiedendovi, a Cassino giornalmente arrivano per i loro impegni di studio, lavoro, attività di servizio, shopping, turismo ed altro. Di certo la città offre uno spettacolo di indecenza che supera il limite del concetto moderno di civiltà.

L’Associazione, che è consapevole dei disagi finanziari dei Comuni, non chiede, rispetto al pessimo stato di manutenzione delle infrastrutture cittadine, un intervento massiccio o comunque insostenibile, ma ritiene che luoghi frequentatissimi e siti nel cuore della città debbano essere recuperati o sottratti all’incuria ed all’abbandono.

Rispetto alle aree riservate alla fermata degli autobus chiede che le stesse siano dotate di pensiline per il riparo delle persone che debbano sostare, a volte per diverso tempo, in attesa di poter salire sul mezzo di trasporto, e che sia rispettato il senso di decoro ma anche la pubblica incolumità, nel risanare le aree a ridosso delle medesime assimilabili a vere e proprie discariche. In particolare la priorità cade sulle fermate di via Garigliano e del Capolinea, in entrambi i casi le medesime  insistono su uno sfondo di vegetazione incolta e malsana dove trova facile nascondiglio ogni genere di rifiuto ed animali, come i serpenti, i ratti ecc. L’Associazione, che, istituzionalmente, si occupa della difesa dei Diritti dei  cittadini, nel ritenere che l’aspettativa di tutti ad una migliore qualità dell’offerta dei servizi sia un diritto importante che va tutelato, chiede alla S.V. di intervenire rapidamente con la messa in sicurezza dei luoghi sopra detti.