Yara Gambirasio, sono decine di migliaia i prelievi del dna. Alcuni anche in Ciociaria

12 gennaio 2012 0 Di redazione

Non sarebbe stata la prima ad essersi dovuta sottoporre all’esame del Dna in Ciociaria sul filone dell’inchiesta per l’omicidio di Yara Gambirasio. Elisa Fusciello di Cassino, che comunque ha accettato la prova del tampone, si è detta assolutamente estranea a quanto accaduto alla povera Yara a Brembate dove, lei dice, di non essere mai stata. Un’utenza telefonica a lei intestata sarebbe stata rilevata dalla cella che copre la zona in cui è avvenuto l’omicidio della 13enne il 26 novembre 2010. A parte che la stessa avrebbe riferito di non avere quell’utenza telefonica ma sarebbero migliaia, forse decine di migliaia, i campionamenti del dna a cui si sono dovute sottoporre persone di tutta Italia i cui telefonini sono stati agganciati quel giorno dalla cella di Brembate. Quello della cassinate, non sarebbe neanche il primo prelievo in provincia di Frosinone.
Er. Amedei