Giorno: 23 febbraio 2012

23 febbraio 2012 0

Camorra, la Finanza mette le mani sul tesoro di un affiliato del clan Serino. Sequestri anche a Cassino

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Questa mattina, il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Salerno ha eseguito una misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Salerno su richiesta della locale Procura – DDA nei confronti del noto pregiudicato CORRADO Ferdinando, già appartenente al sodalizio criminoso denominato “clan SERINO”, capeggiato da SERINO Aniello, alias “o’pope”, zio dello stesso CORRADO. Quest’ultimo era già stato tratto in arresto in passato in analoga vicenda giudiziaria, nell’ambito delle indagini condotte dal medesimo organo investigativo sotto l’egida della Direzione Nazionale Antimafia e della locale Direzione Distrettuale Antimafia, operazione denominata “IL REGNO DELLE CARNI”. E’ stata data, altresì, esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal GIP del Tribunale di Salerno dell’intero patrimonio riconducibile direttamente e/o per interposta persona al CORRADO e costituito da beni mobili, immobili, aziende e disponibilità finanziarie per un valore complessivo superiore a 15 milioni di euro. La complessa attività investigativa svolta, che si inserisce nel solco del contrasto ai patrimoni illecitamente costituiti, ha avuto origine da segnalazioni antiriciclaggio di operazioni finanziarie sospette, il cui sviluppo, unitamente alle più tipiche attività di polizia giudiziaria, ha consentito non solo di ricostruire tutti i flussi finanziari sottostanti, ma, soprattutto, di accertare che il soggetto in questione – già destinatario di misura irrevocabile di prevenzione personale e patrimoniale – ha posto in essere articolate operazioni e fittizie operazioni di intestazione fraudolenta dei beni a persone fisiche e giuridiche “controllate” al fine di eludere le disposizioni in materia antimafia. In particolare, il CORRADO Ferdinando in ragione dei provvedimenti che lo avevano già attinto in passato, ha avuto la necessità di costruire attorno a sé, come hanno dimostrato le indagini, una rete di prestanome e di filtri societari per dissimulare la riconducibilità alla sua persona dei beni in sequestro. Patrimonio illecitamente costituito e in assoluta sproporzione rispetto ai redditi dichiarati. Tale condotta delittuosa – art. 12 quinquies della l. 356/92 (Intestazione fittizia di beni) – ha costituito il presupposto per la richiesta di sequestro preventivo in base alla vigente normativa (art. 12 sexies della medesima legge) avanzata dalla Procura/DDA al competente GIP. Nell’ambito dello stesso procedimento, risultano indagati per il medesimo reato di cui all’art. 12 quinquies ulteriori sette soggetti, nei cui confronti sono state eseguite numerose perquisizioni domiciliari. La misura restrittiva personale è stata adottata sulla base della pervicace e perdurante condotta tenuta dal CORRADO, finalizzata all’inquinamento del quadro probatorio a suo carico. Il provvedimento ha avuto ad oggetto il sequestro dell’intero capitale sociale nonché patrimonio aziendale delle seguenti società e ditte individuali: “D.I. ANTICHI SAPORI DI CORRADO FERDINANDO”, con sede in Vetri sul Mare, fraz. Molini , alla via De Marinis, nr. 4; “IDEA INTERNATIONAL GRUPPO CORRADO S.p.A. – UNIPERSONALE”, con sede in Salerno, operante sotto l’insegna SIGMA SUPERMERCATI; “D.A.L. 2 S.R.L.” già denominata “FERGEST S.r.l.”, con sede in Cassino (FR). Complessivamente è stato sottoposto a sequestro finalizzato alla confisca, quanto di seguito elencato: – patrimonio aziendale e intero capitale sociale di nr. 3 aziende; – nr. 8 punti vendita – minimarket e supermarket – all’insegna SUPERMERCATI SIGMA GRUPPO CORRADO, dislocati sull’intero territorio cittadino, tra i quali si annovera anche lo storico “Vaporforno” di Via Vernieri; – nr. 01 bar con sede in provincia di Salerno; – nr. 28 unità immobiliari (appartamenti, opifici, terreni, locali commerciali) ubicate tra le province di Salerno e Roma, – nr. 10 automezzi (furgoni, motocicli ed autovetture di lusso); – disponibilità finanziarie, relativi ad oltre 30 rapporti bancari accesi presso 15 diversi istituti di credito nazionali; – polizze vita per un valore accertato di oltre 710.000 euro. – nr. 02 stabilimenti balneari siti rispettivamente in Pontecagnano e Vietri sul Mare; Il valore di quanto sottoposto a sequestro ammonta a circa quindici milioni di euro, oltre alle disponibilità finanziarie in corso di quantificazione.

23 febbraio 2012 0

Masso sulla strada, a rischio la viabilità sulla Provinciale per Sgurgola

Di redazione

Il distacco di un gtrosso masso da un costone, questa mattina a Sgurgola, ha creato disagi alla circolazione stradale sulla via Montilepini. Il macigno è finito sulla strada rischiando di travolgere le autovetture in transito ma, per fortuna, senza arrecare loro danni. Sul posto sono arrivati anche i vigili del fuoco di Frosinone che, dopo aver rimosso il masso, prima di ripristinare la circolazione, con l’ausilio di un elicottero, hanno monitorato dall’alto il pericolo di altri crolli. Er. Am.

23 febbraio 2012 0

Sesso con animali e pedofilia in un sito internet. Aidaa lo denuncia alla polizia postale

Di redazione

Nuovo sito di sesso con animali contenenti migliaia di immagini e filmati si scene di sesso esplicito con animali (ed in alcuni casi anche con bambini) è stato scoperto e denunciato alla polizia postale ed alla procura della repubblica di Milano dall’ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE. Il sito internet accessibile senza alcuna password particolare e quindi a disposizione dei bambini e dei minori contiene immagini veramente raccapriccianti che vanno oltre ogni perversa immaginazione. In più di un filmato i protagonisti sono ragazzine adolescenti costrette a veri e propri atti sessuali completi con i più disparati animali (dai cavalli ai maiali). “E’ un sito da chiudere immediatamente- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA e firmatario della denuncia- occorre fare una vera e propria bonifica di questi siti internet pornografici dove si promuovono a vari livelli immagini e pratiche erotiche con animali. La cosa scandalosa è che ci sono scene di sesso esplicito con protagonisti bambini ed adolescenti, e questo è inaccettabile, se pensiamo poi che questo sito, come gli altri, è liberamente accessibile ai minori con un semplice clik del mouse ci viene da chiederci perché questi siti non vengano chiusi o resi almeno inaccessibili al grande pubblico”. La scoperta di questo sito è stata possibile attraverso una segnalazione sms giunta al numero unico delle segnalazioni AIDAA al 3403848654.

23 febbraio 2012 0

Quattro passi spacciando droga a Termoli, commerciante in manette

Di redazione

Una brillante operazione contro una rilevante attività di spaccio della sostanza stupefacente più pregiata “la cocaina”, è stata conclusa nella serata di ieri 22 febbraio, dai Carabinieri del NORM della Compagnia di Termoli, coordinati dal Cap. Maceroni che ha in prima persona disciplinato le attività investigative del caso. Infatti i militari dell’Arma hanno nuovamente fatto centro stringendo le manette attorno ai polsi di un insospettabile incensurato di nazionalità tunisina, M.S. 36enne, commerciante, che da un pò veniva seguito dagli operanti che hanno voluto vederci chiaro in merito a quelle “insolite” passeggiate che lo stesso quotidianamente sosteneva fra l’abitazione ove dimorava in pieno centro e i luoghi di ritrovo della città adriatica, frequentati da giovani e meno giovani. Difatti erano da poco trascorse le 18.30 quando l’uomo, impegnato a fare i soliti quattro passi, veniva fermato e sottoposto ad un normale controllo da una pattuglia del NORM che, visto lo stato di agitazione manifestato dallo stesso, approfondiva gli accertamenti dando corso ad una perquisizione personale che consentiva di rinvenire all’interno di una tasca dei pantaloni un involucro contenente n.9 dosi di cocaina per un peso complessivo di gr. 7, un coltello a serramanico del genere proibito, nonché la somma contante di € 405,00 quale provento di spaccio.

23 febbraio 2012 0

Costa Concordia, recuperati altri quattro corpi. Salgono a 25 le vittime

Di redazione

Sale a 25 il numero delle vittime del naufragio della nave Costa Concordia avvenuto il 13 gennaio a 150 metri dalla costa dell’Isola del Giglio. Questa mattina i sommozzatori dei vigili del fuoco, sono scesi nuovamente nel ventre del relitto e, nel ponte quattro, laddove ieri erano riusci solo ad individuarli oggi hannoi recupoerato le salme di altri quattro naufraghi. Stesso numero di corpi recuperati nelle immersioni di ieri, tra cui, quelle della piccola Dayana. Il personale della protezione civile non ha fornito ancora elementi in merito alle identità e del sesso dei corpi ritrovati ma stanno informando i parenti. Schendono così a sette il numero dei dispersi.

23 febbraio 2012 0

Tir si ribalta, chiusa la rampa di immissione dal GRA sull’autostrada A1

Di admin

L’Anas comunica che sul Grande Raccordo Anulare di Roma si è verificato un incidente che ha provocato il ribaltamento di un mezzo pesante sulla rampa che dalla carreggiata interna del GRA, in corrispondenza del km 21,300, immette sulla autostrada A1 diramazione Roma Nord.

A seguito dell’incidente si è reso necessario chiudere sia la rampa di immissione sull’autostrada A1, sia la carreggiata esterna del GRA in corrispondenza del km 21,300. Il traffico in carreggiata interna è attualmente deviato sulla complanare.

Sul posto sono presenti le squadre dell`Anas e della Polizia Stradale, per garantire la sicurezza alla viabilità, rimuovere il mezzo incidentato e garantire la riapertura al traffico nel più breve tempo possibile.

L’evoluzione della situazione in tempo reale è consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure con l’applicazione ‘VAI’, disponibile gratuitamente per Android, Ipad e Iphone (http://www.stradeanas.it/vaiapp).

L’Anas invita gli automobilisti alla prudenza nella guida, ricordando che l’informazione sulla viabilità e sul traffico di rilevanza nazionale è assicurata attraverso il sito www.stradeanas.it e il numero unico “Pronto Anas” 841.148.