Basket: Virtus TSB Cassino, contro l’Albano l’imperativo è vincere. Tanti assenti per Coach Biello

17 febbraio 2012 0 Di redazionecassino1

Dopo le due settimane di gelo ed i conseguenti due turni di stop forzato decisi dal Comitato Regionale, la Virtus TSB Cassino domani tornerà finalmente a calcare il parquet di casa.
Senza dubbio, le due giornate senza scendere in campo, non hanno giovato alla compagine cassinate. In primis per quanto riguarda la condizione fisica, che non sarà al massimo, ma anche per i diversi infortunati che si sono accumulati in questo frangente.
«Dal punto di visto agonistico questo fermo non giova ad alcuna squadra – afferma il Team Manager Carlo Schiavi – ed è per questo che si cerca in tali circostanze di organizzare delle gare amichevoli per tenere alta la tensione mentale dei giocatori. Purtroppo non ci è stato possibile nell’ultimo periodo disputare amichevoli e ancor di più, causa diversi infortuni, non è stato possibile mettere a disposizione del bravo allenatore Mimmo Biello tutti i giocatori per  i regolari allenamenti».
L’infermeria è stracolma: oltre ad un Andrea Lepore ancora alle prese con un fastidioso problema alla mano destra, coach Biello dovrà fare a meno anche della guardia Davide Mangiante, che si è sottoposto ad un piccolo intervento chirurgico che lo terrà lontano dal campo per 15 giorni. Alla lista, in settimana, si è aggiunto anche Daniele Schiavi, che ha subito una dolorosissima distorsione al ginocchio sinistro e si sta sottoponendo a fisioterapia. Dall’ecografia è emersa una brutta infiammazione del compartimento femoro-rotuleo, che si spera possa guarire in 20 giorni.
«La squadra si avvia ad affrontare  la ripresa del campionato non al meglio delle condizioni fisico-mentali – commenta Schiavi –  e soprattutto con diversi assenti, condizione che ci penalizza molto in questa fase del campionato, visti gli scontri con squadre posizionate in classifica nella nostra stessa fascia punti».
La gara di domani contro l’Albano Basket Club è di importanza cruciale per la BPC Cassino. La partita è di quelle da vincere senza se e senza ma. Non solo per la classifica, che vede gli albanensi al penultimo posto con 6 punti, ma anche perché la gara d’andata dimostrò la superiorità dei cassinati a livello tecnico, salvo poi incappare in un calo di concentrazione negli ultimi minuti del match che è stato pagato caro. La classifica, comunque, non deve trarre d’inganno. L’Albano Basket, ha dimostrato in più occasioni di poter dire la sua. Lo sa bene la capolista Master Roma che, contro i biancazzurri, rischiò grosso, riuscendo a vincere di un solo punto. A questo punto del campionato, però, non sono più ammessi errori e vincere deve essere l’imperativo per evitare di cadere in brutte acque.
«E’ difficile dire come evolverà il proseguo del campionato – prosegue il TM cassinate – tanto dipende anche dai tempi di recupero degli infortunati. La volontà da parte della società è di fare bene e di non deludere le aspettative degli sponsor che ci consentono di giocare questo splendido sport. Non voglio accattivarmi le simpatie di nessuno ma è forte l’emozione che si prova nel vedere Renato Di Carlo o esponenti della Banca Popolare del Cassinate o il nostro Presidente Dott. Manzari che in tribuna palpitano e applaudono i nostri giocatori in campo. Cercheremo a denti stretti di fare nostro il risultato di sabato e di provare a mettere dentro punti per disputare i play off. La difficoltà di  realizzazione di  un progetto come il nostro ci rende maggiormente orgogliosi di fronte alla  positività dei risultati. Tanto lavoriamo per questi ragazzi – serie D, U17, U19 – che ogni fine settimana scendono in campo per difendere i colori sociali, tanta è la passione che ci spinge a fare meglio, tanta è la voglia di vedere i più piccini che crescono nella nostra palestra».