L’uomo discende dagli alieni, Biglino: “E’ scritto nella Sacra Bibbia” – L’INTERVISTA

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Ivan ha detto:

    Consideriamo l’asserzione basata sul termine plurale elohim, che in ebraico vuol dire Dio. Non significa assolutamente che Dio sia più di una persona, né che esistano diverse entità progenie della razza umana. Spesso in ebraico una parola plurale indica una sola cosa o persona. Aaron Ember scrive in The American Journal of Semitic Languages and Literatures (Vol. XXI, luglio 1905): “In ebraico parecchi fenomeni dell’universo erano indicati con espressioni plurali perché ispiravano alla mente ebraica un’idea di grandezza, maestà, grandiosità e santità”. Per citare un esempio, Ember rileva che “il re persiano è designato in vari passi del [Vecchio Testamento] col [plurale] melakhim ‘re’, cioè Il Gran Re, e l’Impero Persiano con il [plurale] mamlakhoth, ‘regni’, cioè Il Gran Regno”. Riguardo alla parola ebraica resa Dio, lo stesso autore dichiara: “Sono state proposte varie teorie per spiegare l’uso della forma plurale elohim come titolo dell’Iddio d’Israele. La meno plausibile è l’idea dei vecchi teologi, a cominciare da Pietro Lombardo (12° secolo), che abbiamo nella forma plurale un riferimento alla Trinità. . . . Che la lingua del [Vecchio Testamento] abbia interamente abbandonato l’idea di pluralità in elohim (applicato all’Iddio d’Israele) è specialmente mostrato dal fatto che viene costruito quasi invariabilmente con un predicato verbale singolare, e prende un attributo aggettivale singolare. . . . elohim si deve spiegare piuttosto come un plurale intensivo, indice di grandezza e maestà, equivalente al Gran Dio. Corrisponde ai plurali adonim [“signore”] e baalim [“proprietario”, “signore”] usati in riferimento a esseri umani”. Non c’è dunque nessun fondamento per arguire dal plurale ebraico elohim che Dio sia più di una persona o che l’uomo discenda dagli alieni chiamando questi ultimi “elohim”.

  2. gigi zurlo ha detto:

    caro ivan questa l’aspettavi come il pane,vero?
    l’annosa querelle sul termine elohim che tanti usano per cercare di smontare le oramai innumerevoli teorie che ci dicono di prendere letteralmente,o quasi,i vari testi sacri e semplici documenti storici che ci narrano chiaramente della presenza di esseri evoluti nell’antichità e delle loro “magiche” macchine,volanti e non (non è solo la bibbia a narrarlo.ci sono i veda indiani,il popol vuh maya le tante tavolette rese famose dai libri di sitchin etc…)
    purtroppo per te,il sig. biglino ci fa capire chiaramente che le “prove” vanno ben al di là di una semplice controversia plurale-singolare e,pur volendo ammettere che il termine elohim è usato per indicare un solo essere (il dio per eccellenza),le stesse tue affermazioni non escludono che si intendesse invece indicare più persone,anzi…se la tesi del singolo è solo un interpretazione non è più verosimile dare ad elohim il significato plurale che gli è più confacente?

  3. Ivan ha detto:

    Gentile gigi zurlo, ha ragione, con ‘elohìm si possono indicare una pluralità di esseri. Io non ho scritto che elohim significhi esclusivamente una divinità, cioè il Creatore. In Salmo 8:5 anche gli angeli sono chiamati ’elohìm, come è confermato dalla citazione che ne fa Paolo in Ebrei 2:6-8. In Genesi 6:2, 4, Giobbe 1:6 e 2:1 sono chiamati benèh ha’Elohìm, “figli di Dio” (CEI); “figli del vero Dio” (NM). Il Lexicon in Veteris Testamenti Libros (L. Koehler e W. Baumgartner, 1958, p. 134) dice: “(singoli) esseri divini, dèi”. E a pagina 51 dice: “i (singoli) dèi”, e cita Genesi 6:2; Giobbe 1:6; 2:1; 38:7. Perciò in Salmo 8:5 ’elohìm è reso “angeli” (LXX); “quelli simili a Dio” (NM). Il termine ’elohìm è usato anche a proposito di dèi idolatrici. A volte significa semplicemente “dèi”. (Eso 12:12; 20:23) Altre volte è un plurale di maestà e si riferisce a un unico dio (o dea). Comunque quegli dèi chiaramente non erano delle trinità. [1Sa 5:7b (Dagon); 1Re 11:5 (la “dea” Astoret); Da 1:2b (Marduk)]. In Salmo 82:1, 6, ’elohìm si riferisce a uomini, giudici umani d’Israele. Gesù citò questo Salmo in Giovanni 10:34, 35. Erano dèi in quanto rappresentanti e portavoce del Creatore. Similmente a Mosè fu detto che doveva servire come “Dio” per Aaronne e per Faraone. (Eso 4:16 e 7:1). Molte volte nelle Scritture ’Elohìm si trova anche preceduto dall’articolo determinativo ha. (Ge 5:22) Dell’uso di ha’Elohìm, F. Zorell dice: “Nelle Sacre Scritture particolarmente il solo vero Dio, Jahve, è designato da questo vocabolo; . . . ‘Jahve è il [solo vero] Dio’ De 4:35; 4:39; Gsè 22:34; 2Sa 7:28; 1Re 8:60 ecc.” (Lexicon Hebraicum Veteris Testamenti, 1984, p. 54; quadre dell’autore). Secondo le Scritture la vita extraterrestre non solo esiste ma esiste in gran quantità (angeli, cherubini, serafini e demoni). È più complessa, più interessante e più credibile di qualsiasi cosa abbiano mai sognato evoluzionisti, scrittori di fantascienza e registi cinematografici. Dopo tutto, un extraterrestre è soltanto un essere che ha origine al di fuori di questa terra e della sua atmosfera.

  4. Fabio Marino ha detto:

    Caro Ermanno, dopo aver ospitato questa vomitevole sequela di stupidaggini, che ne dici di intervistare anche me, che ho scritto una serie di articoli che demoliscono le fregnacce di questo MASSONE? Puoi ANCHE dare un'occhiata qui:
    http://ame-confutatio.blogspot.it
    dove leggerai anche il contributo di grandi Ebraisti, che sotterrano di pernacchie questo "signore".

  5. Enrico Tilotta ha detto:

    Vedi Fabio, io non nego che l' ipotesi che noi siamo frutto di una civiltà extraterrestre, questa ipotesi come le altre ci può stare, in verità quello che mi da fastidio è che tipini come Biglino (e non solo lui), pur di vendere BUFALIBRI da 2 soldi, danno per vere le ipotesi che già altri avevano azzardato tanto tempo fa, quindi se un Biglino da per certa questa ipotesi, dovrebbe come minimo portare le prove valide di questa "sua" sensazionale scoperta, ma eviti di dire che è scritto nella "bibbia" perché offende la mia intelligenza, anche perché, la, o meglio dire, le bibbie sono possono essere state scritte da scrittori di romanzi fantascientifici dell' epoca, quindi come fanno questi a dare per "CERTE" queste ipotesi ? … Che poi a riflettere bene, se gli fai domande sensate non sa nemmeno rispondere e ti banna, classico comportamento da fuffari. Poi non so se sai della sua compagna che va dicendo che è stata "CLONATA" hahaha… e da qui già si capisce tanto 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *