Giorno: 4 marzo 2012

4 marzo 2012 0

Antonio Fazio premiato con la Fiaccola d’Oro

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“I miei concittadini pensano che l’euro sia il Paradiso. Ma l’euro non è il Paradiso… l’euro sarà…” “Sarà un purgatorio Hans”. Era un colloquio informale a tavola, a fine anni Novanta, tra i presidenti delle Banche Centrali Europee. Il primo interlocutore era Hans Tietmeyer, allora presidente della Bundesbank. Il secondo, Antonio Fazio, allora presidente di Bankitalia.

Sabato 3 marzo, Antonio Fazio è stato premiato ad Aquino con la Fiaccola d’Oro del Circolo San Tommaso d’Aquino. Ha parlato di “Crisi, sviluppo e bene comune”. Ha ripercorso la politica monetaria europea dalla fine della Seconda Guerra Mondiale ad oggi. Dagli accordi di Bretton Woods, che avevano definito il cambio del dollaro in oro, alla decisione di Nixon di fermare la convertibilità, perché circolava più moneta che oro, al liberismo che ne è conseguito, dove sono le banche a creare la moneta. Da lì nascono le crisi speculative che hanno colpito il mondo oggi.

Eppure, quando c’era un tasso di cambi variabile e “aggiustabile” dagli Stati – ricorda Fazio – la crescita economica dell’Italia andava bene e anche quella Europea. Oggi lo scenario è cambiato. E allora cosa fare? Guardare indietro al Trattato di Roma, che costituì l’Europa. “Nel Trattato di Roma – ricorda Fazio – l’enfasi è sullo sviluppo, in quello di Maastricht l’enfasi è sul mercato. Nel trattato di Roma c’è il richiamo forte alla sussidiarietà (introdotta nella Quadragesimo Anno di Pio XI). E basta ricordare che la Comunità Europea doveva aiutare gli Stati a rimanere nel sistema Economico Europeo. Oggi l’Unione Europea mette le multe. Forse sarebbe il caso di tornare a guardare il trattato di Roma, e allo spirito di quelli illustri ‘fondatori’ dell’Europa Unita”.

Spiega il governatore che il livello di civiltà si misura al livello di occupazione. Se non si investa nello sviluppo cresce la disoccupazione; e se cresce la disoccupazione diminuisce il consumo; e se diminuisce il consumo chiudono delle imprese; e se chiudono delle imprese cresce la disoccupazione”.

Prima della lectio magistralis di Fazio – anticipata dalla laudatio di Manlio Sodi, presidente del Pontificio Istituto di Teologia, che ne ha ricordato le solide basi tomiste – sono stati premiati i vincitori del concorso internazionale Veritas et Amor: per la sezione arte (destinata ad un’opera d’arte destinata a Tommaso d’Aquino) ha vinto Giulia Zincone, con la scultura “Natura”. Per la sezione cultura, è stato premiato Ignacio A. Silva, dell’università di Oxford, per un lavoro su Divine Action in Nature. Thomas Aquinas and the Contemporary Debate. “Fazio – ha affermato il presidente del Circolo San Tommaso Onlus Tommaso Di Ruzza – non ha mai nascosto attenzione zelo verso il pensiero di San Tommaso anche nell’esercizio di una carica istituzionale come è quella di governatore della Banca d’Italia”.

Ha concluso la serata Marcelo Sànchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle scienze, che ha ricordato che tutta la Dottrina Sociale gira intorno ai concetti che ha messo in gioco Tommaso: il bene comune, la persona umana e il concetto di giustizia. Per Tommaso, la giustizia è il primo atteggiamento della coscienza sociale. In fondo, la giustizia non è un’invenzione dei socialisti o marxisti o i teologi della liberazione, come anche altri concetti di origine cristiana che poi si sono secolarizzati. Per esempio, quando parliamo di sussidiarietà, dobbiamo ricordarci che è un concetto che ha formulato Pio XI che ha avuto successo nella costituzione tedesca e che, in ultima analisi, viene da Tommaso come parte della giustizia. Così come la solidarietà: la definizione che ne dà Giovanni Paolo II è tipicamente tomista”. Importantissimo per Sànchez anche il discorso della grazia, “che non è un accidente come gli accidenti naturali, ma un nuovo atto di essere, una nuova creazione. Così, fra i ricreati in Cristo, si stabilisce una rete di coloro che hanno la grazia, una rete di flusso e riflusso della grazia che potenzia tutte le attività umane e le apre allo sviluppo del Regno di Dio, come diceva Giovanni Paolo II alla fine della sua Enciclica sul lavoro. Eppure, fino ad adesso, che io sappia, non c’è mai stato uno studio serio su quella che San Tommaso chiama la grazia capitale di Cristo, nonostante Tommaso ci regali testi fortissimi, testi in cui è ben spiegato che la pienezza della grazia di Cristo è la fonte di ogni grazia, di cui tutti i santi partecipano, come la pienezza dell’essere di Dio è la fonte mare infinito dell’essere, nel quale siamo, viviamo e ci muoviamo”. Foto Alberto Ceccon

4 marzo 2012 0

Da domani neve su Piemonte e Lombardia

Di admin

Dalle prime ore di domani l’ingresso di un fronte di aria fredda sul Mediterraneo occidentale porterà instabilità sulle Regioni del Nord, con un aumento della ventilazione e un generale abbassamento delle temperature e della quota neve.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dalla mattinata di domani, lunedì 5 marzo, nevicate su Piemonte e Lombardia al di sopra dei 500-600 metri; la quota neve scenderà localmente, a ridosso dei settori appenninici, fino ai 300-500 metri. Si prevedono, inoltre, venti forti nord-occidentali, con rinforzi fino a burrasca forte, sulla Sardegna, in estensione alla Sicilia nel corso della giornata, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Il Dipartimento della Protezione civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

4 marzo 2012 0

Costa Concordia, concluse le attività di ricognizione del settore di prua del Ponte 4

Di admin

I palombari della Marina Militare, con l’esplorazione odierna della zona hall e delle aree del casinò e del ristorante Roma, hanno concluso le attività di ricognizione del settore di prua del Ponte 4 della Costa Concordia, dal quale hanno avuto modo di accedere anche ai ponti superiore ed inferiore. Nei prossimi giorni l’attività di ricerca subacquea si concentrerà nelle aree di poppa non ancora esplorate; i percorsi precedentemente allestiti ed ispezionati dai Vigili del Fuoco, infatti, consentiranno agli uomini del GOS di poter raggiungere maggiori profondità.

Si sono svolte l’ordinaria attività di sopralluogo e assistenza in mare della Capitaneria di Porto, nonché le quotidiane immersioni dei sommozzatori della Polizia e dei Vigili del Fuoco per il monitoraggio dei marker che registrano i movimenti dello scafo. Non risultano, infine, anomalie da segnalare né nei movimenti della Costa Concordia monitorati dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, né nei rilevamenti ambientali assicurati da Ispra e Arpat.

I tecnici di Smit Salvage e Neri nella notte hanno portato a termine la realizzazione del varco nello scafo, mentre è tutt’ora in corso il recupero del carburante presente, in galleggiamento, all’interno della sala macchine. Al momento sono stati aspirati e convogliati all’interno della nave cisterna Elba circa 51 metri cubi di idrocarburi misti ad acqua.

4 marzo 2012 0

Ordigno bellico di 250 libbre sull’autostrada A1, chiuso e riaperto il tratto Caianello-Santa Maria

Di admin

Alle 11,45 circa è stata riaperta l’ A1 tra Caianiello e Santa Maria di Capua Vetere in entrambe direzioni dopo la chiusura programmata dalle ore 7 per far brillare l’ordigno di 250 libbre della seconda guerra mondiale, rinvenuto in prossimità del tracciato autostradale. Alle 12,30 resta chiusa l’entrata di Capua in entrambe e direzioni e si registra coda in uscita a Santa Maria di Capua Vetere Sono intervenuti sul posto le pattuglie della Polizia Stradale, gli artificieri del Genio Guastatori oltre al personale della Direzione 6° Tronco di Cassino. Costanti aggiornamenti sulle condizioni di viabilità vengono diramati da Isoradio 103.3 FM ed attraverso i pannelli a messaggio variabile. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840-04.21.21.

4 marzo 2012 0

Terremoto di magnitudo 2.3 in provincia di Perugia

Di admin

Un lieve evento sismico è stato avvertito dalla popolazione in provincia di Perugia. Le località prossime all’epicentro sono Scheggino, Santa Anatolia di Narco e Spoleto.

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 13.28 con magnitudo di 2.3.

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

4 marzo 2012 0

Aquino: Luca Capuano eletto segretario dei Giovani Democratici

Di redazionecassino1

E’ Luca Capuano il primo segretario dei Giovani Democratici di Aquino, l’organizzazione giovanile del Partito Democratico.

Parte così anche ad Aquino l’organizzazione giovanile del PD, un segnale importante in continuità con l’azione del circolo territoriale. In questa fase di crisi dei partiti è importante dare segnali positivi e ancora più importante è la partecipazione giovanile alla vita politica.

“Ringrazio gli amici dei Giovani Democratici di Aquino che mi hanno indicato quale loro segretario, -ha dichiarato Luca Capuano – è un impegno importante che assumo con entusiasmo consapevole delle sfide che ci attendono.”

Soddisfazione per l’elezione di Capuano è stata espressa dal segretario cittadino del PD Gervasio “non è facile partire da zero ma sono certo che Luca riuscirà a creare una bella realtà grazie anche alla collaborazione di tutti i GD. Ringrazio i giovani che hanno aderito al movimento giovanile e che stanno portando nuovo entusiasmo all’interno della sezione.”

Inoltre sono stati eletti, quali delegati al congresso provinciale dei GD, Martina Petrilli e Luca Capuano.

4 marzo 2012 0

Licenziamenti in Provincia di Lecce. Lettera degli ‘stabilizzati’, moderne vittime dell’alternanza politica

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

Nel 2008 circa quaranta lavoratori dell’Ente Provincia di Lecce, impiegati alcuni da parecchi anni con contratti a tempo determinato o co.co.co., venivano stabilizzati a seguito di una complessa procedura che rendeva finalmente fisso e certo un diritto dei cittadini costituzionalmente garantito: il diritto al posto di lavoro a tempo indeterminato. L’allora giunta di centrosinistra guidata dal sen. Giovanni Pellegrino aveva dimostrato grande sensibilità istituzionale e competenza amministrativa vagliando un piano di stabilizzazione concertato con le organizzazioni sindacali che, peraltro, non fu impugnato dall’opposizione di centrodestra. Con un’azione che sembra più una prevaricazione o una vendetta dettata dal passaggio di consegne tra amministrazione di centrosinistra a quella di centrodestra guidata da Antonio Gabellone, all’epoca capo dell’opposizione, i 16 dipendenti della Provincia di Lecce hanno perso il lavoro. A fronte di 16 lavoratori che resteranno a casa, altri 20 saranno assunti ex novo. La Provincia ha infatti indetto un concorso per l’assunzione part time di 20 dipendenti. Questo ha scatenato l’ira dei sindacati che hanno annunciato battaglia contro Palazzo dei Celestini. Ed anche la disperazione dei 16 licenziati. Pubblichiamo una lettera in versione integrale firmata da “i 36 stabilizzati della Provincia di Lecce”. Nella lettera si svela che i nuovi posti di lavoro saranno effettivamente undici e non 67 come è stato detto e scritto. Per Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, è chiarissima, la disperazione di chi da un giorno all’altro si ritrova nella condizione di non sapere più come andare avanti. Una disperazione a cui ci sembra giusto dare voce.

“ Gentile Direttore,

Le scrivo per commentare gli articoli che in questi giorni sono usciti sui vari giornali per plaudire le iniziative della Provincia riguardo alle nuove assunzioni. Articoli che finalmente guardano il bicchiere mezzo pieno anziché guardare il bicchiere mezzo vuoto. Articoli che puntano a rafforzare l’idea che la crisi sta passando: pronti in Provincia 67 posti.

Finalmente! Ma sono davvero 67 i posti da coprire? Oppure sono solo 27 perché i restanti 40 in mobilità stanno già lavorando? E qual è il prezzo di questa manovra? Beh, gentile direttore, i cittadini salentini dovrebbero sapere che questa manovra costa 16 posti di lavoro. Quindi a ben guardare questa manovra porterà a soli 11 nuovi posti di lavoro. E quanto guadagneranno le fortunate 11 persone che vinceranno il concorso? Sa qual è il 30% dello stipendio di un funzionario di categoria D della Provincia di Lecce? Sono circa 500 €. Può un professionista guadagnare 500€ ? Ma i giornalisti fanno bene a riportare a gran voce il grandissimo numero di posti a disposizione: addirittura 67. Del resto chi avrebbe letto un articolo che titola “Provincia, 11 posti a 500€”? Il Presidente Gabellone non ne sarebbe stato contento. Ci tiene tanto ai numeri alti, altrimenti avrebbe fatto 5 concorsi al 100%, garantendo a cinque persone uno stipendio dignitoso senza elemosine di sorta.

Da dipendente part-time al 50% della Provincia di Lecce Le posso dire che con 700€ si vive male, soprattutto quando l’amministrazione per tre anni cerca di licenziarti. I giornalisti non possono sapere cosa significa aver lavorato per 20 anni in questa amministrazione da precario, aver visto un barlume di speranza di una mezza stabilizzazione e vedere infine che con tanta insistenza cercano di toglierla. I giornalisti non hanno di certo visto il collega che in preda alla furia, essendo monoreddito ha lanciato in aria tutto quello che trovava piangendo ed urlando “Chi lo dice a mia moglie adesso. Con il mutuo da pagare…”. Stiamo parlando di cinquantenni che sarebbero pure disposti a trovare un altro lavoro qui nel Salento, come del resto suggerisce il nostro caro Presidente Monti. Lei saprebbe per caso suggerirci qualche azienda disposta a farlo? Se è vero che nessuno qui trova lavoro, tanto che con i giornali hanno plaudito così vivacemente a questa azione della Provincia, può tale dipendente trovare qualcosa da fare? In ogni caso, in barba a quei poveri sfortunati che saranno licenziati, ha fatto bene l’amministrazione a procedere in questo modo, a ristabilire la legalità violata. Ma da chi è stata poi violata questa legalità? Cosa hanno fatto i lavoratori di illegittimo? Hanno fatto un concorso? Hanno lavorato tanti anni per questa Provincia? Maledetti lavoratori. Che non lo facciano mai più. Hanno fatto bene a cacciarli via, non dovevano permettersi di fare questo. Ben vengano i nuovi 27 lavoratori che non saranno certo amici di questa amministrazione, perché questa amministrazione rispetta la legalità.” I 36 “stabilizzati” della Provincia di Lecce

4 marzo 2012 0

Volley: BLS Lanciano successo contro lo Start Ortona (3-0) e sabato arriva il Montesilvano

Di redazionecassino1

La BLS Lanciano fa un buon 3 a 0 con lo Start Ortona; il risultato poteva non essere in discussione ma c’era più di un tema  da sviluppare: Dalerci a riposo per maggiore tranquillità, “derby” delle ex (Della Valle dalla Start e Trivilino dalla Volleyball), le bianco blu padrone di casa venivano da una sconfitta con l’Altino di soli tre giorni fa. La gara ha un andamento abbastanza lineare: le frentane si avvantaggiano di alcuni punti sfruttando il servizio e il contro gioco dopo il muro e la difesa, attaccano con buona efficacia e gestiscono in maniera complessivamente ordinata lo svolgimento dei set; solo nel terzo si complicano un po’ la vita  facendosi raggiungere nel finale, ma poi chiudono con discreta autorità. Nel complesso il gioco non  ha risentito più di tanto  dell’assenza del capitano, la ricezione ha tenuto, gli attacchi hanno avuto buona varietà, il muro è stato importante sia in contenimento che come fondamentale punto, la formazione ha difeso e contenuto bene l’offensiva delle ospiti, cinque giocatrici sono andate in doppia cifra, e su un complessivo 3 a 0 è un buon risultato di efficacia offensiva, indice anche di una distribuzione equilibrata. Sabato prossimo ancora appuntamento casalingo, ospite al Palavolley il Montesilvano

BLS LANCIANO-START VOLLEY ORTONA 3-0 25/19 (21’) 25/12 (17’) 26/24 (23’)

BLS LANCIANO: Milano 0  Dalerci ne  Di Mattia 10 Di Paolo 12 Rossi 11 Della Valle 15  D’Ortona 9 Salerno 0 Sorrentini 1

1All Litterio  2All Corzo

START VOLLEY ORTONA Cannavina Cotellese Tosto Trivilino Paolucci De Gregorio Viele Nasuti Cupaiolo Cirulli  1All Menè

Arbitri  G. De Gregorio di Casoli.

4 marzo 2012 0

La fiaccola benedettina a Malta

Di admin

Ha preso ufficialmente il via il cammino della Fiaccola Benedettina 2012. Nel pomeriggio di sabato 3 marzo il Corteo Storico “Terra Sancti Benedicti” ha salutato la città di La Valletta percorrendo le vie principali della città, in direzione dell’ambasciata del Sacro Ordine Militare di Malta, dove è avvenuto l’incontro con le autorità civili e religiose dell’isola e delle città benedettine, Cassino, Norcia, Subiaco e Roiate. Nell’atmosfera altamente suggestiva e solenne del palazzo carico di storia e di arte, il bastione sede dell’Ordine, l’inizio l’ha dato il Coro “S. Giovanni Battista Città di Cassino”, diretto dal M° Fulvio Venditti, eseguendo due brani musicali tanto cari allo spirito benedettino, come ha notato l’Abate Vittorelli, “Benedictus et Scolastica” di Perosi e “Lucida gemma”, in onore di S. Benedetto, e immettendo subito i presenti nello spirito dell’incontro, di pace, di unione e fraternità di S. Benedetto. È stato proiettato un video di presentazione del territorio ed un altro degli “Artisti della Regola” che si ispirano al motto “Ora et Labora” per la loro arte, e una presentazione dei territori benedettini è stata pronunciata in inglese da una dama del Corteo Storico. Presente l’ambasciatore italiano a Malta, S.E. Luigi Marras, che ha apprezzato ed elogiato l’iniziativa, osservando la complementarietà della serata con la celebrazione dell’indomani e ribadendo che l’idea di Europa, così antica e così attuale, reca con sé un’apertura al dialogo e all’incontro. Presenti l’On. Mario Abbruzzese, Presidente del Consiglio Regionale del Lazio, l’On. Anna Teresa Formisano e l’On. Carlo Emanuele Trappolino in rappresentanza del Parlamento Italiano, l’On. Luca Barberini, Consigliere della Regione Umbria, l’Assessore Donatella Porzi della provincia di Perugia. L’Abate di Montecassino Dom Pietro Vittorelli ha ricordato il nascere del Corteo Storico nel lontano 1994, con l’aiuto di Norcia, “avventura” fatta di studi appassionati di ricerca storica e di aggregazione di giovani e meno giovani; poi ha ricordato i legami che uniscono Malta e Cassino: tre monaci di Montecassino provenivano da Malta, e in particolare Don Mauro Inguanez, archivista di Montecassino negli anni della seconda guerra mondiale, nativo di Isla Senglea, città gemellata dal 2003 con Cassino. Storie che si intrecciano e che fanno augurare che la lampada di S. Benedetto possa splendere a Malta e anche qui l’unità d’Europa, fatta ma spesso minacciata, possa rinsaldarsi nel nome di Gesù Cristo. Altrettanto densi e significativi gli interventi delle altre autorità presenti, l’Arcivescovo di Spoleto-Norcia Renato Boccardo, che ha augurato che la Fiaccola Benedettina possa essere un seme che porti frutti di umanità, di accoglienza, di generosità, di bellezza dello stare insieme, di umanesimo cristiano. Così anche il Sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone, quello di Norcia Gian Paolo Stefanelli, di Subiaco Francesco Pelliccia e di Roiate Patrizio Battisti, sono stati concordi nel ribadire i valori che stanno alla base dell’incontro, che non è solo promozione dei territori, è piuttosto un messaggio culturale, da condividere con Malta, un ritrovare le radici culturali cristiane dell’Europa. Una vivace e graziosa danza delle popolane del Corteo Storico ha suscitato forti applausi nei presenti e dopo uno scambio di doni fra le autorità presenti, si è potuto degustare un buffet di prodotti tipici dei territori, accuratamente preparati e apprezzati. La serata si è poi protratta a Isla Senglea, dove la delegazione cassinate si è portata perché invitata dal sindaco per l’inaugurazione di un circolo Nautico, il Club Senglea Regatte, dove, alla presenza dell’On. Lawrence Gonzi, Primo Ministro di Malta, l’Abate Vittorelli è stato chiamato a dare la benedizione al club e a tutti gli sportivi del mare che vi saranno attivi.