Giorno: 9 marzo 2012

9 marzo 2012 0

Basket serie D: BPC Virtus TSB vincere per tentare l’aggancio A Guidonia sfida decisiva per il campionato

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Virtus TSB di nuovo in campo stasera per la 9^ giornata di ritorno del campionato di serie D. I ragazzi di coach Biello saranno impegnati nell’ostica trasferta di Guidonia contro il Collefiorito, che precede i cassinati di una posizione in classifica. Dopo lo stupendo filotto di vittorie casalinghe, che hanno proiettato i rossoblu in piena zona play-off al nono posto in graduatoria, la Virtus è chiamata a compiere il definitivo salto di qualità. Lontano dalla “Terra di San Benedetto”, infatti, solo in un’occasione i cassinati hanno conquistato i due punti, a dicembre contro la Maccarese. E’ giunto, quindi, il momento di tornare ad un successo esterno, che sarebbe il primo sotto la gestione Biello, con il quale, comunque, la Virtus ha sempre dato del filo da torcere a tutte, dimostrandosi come una delle più temibili outsider del campionato.

La gara d’andata promette bene: i virtussini si imposero di un solo punto, 65-64, al termine di un match spettacolare e incredibilmente combattuto.

Dalla sua, però, il Collefiorito non vorrà concedere ulteriori punti ad una diretta avversaria play-off e le proverà tutte per tornare alla vittoria dopo l’amara sconfitta in casa dell’imbattibile St. Charles, ma soprattutto per evitare di venire risucchiato nel gruppone a cavallo tra i play-off e i play-out.

In casa il Collefiorito ha collezionato, inoltre, 3 delle 11 sconfitte maturate in questo campionato, ma anche battuto il Pass Roma, una delle squadre più forti del campionato.

La Virtus ha lavorato molto in settimana per presentarsi al meglio a questo match, insolitamente programmato di venerdì.

Buone notizie per Biello che potrà riavere a disposizione Davide Mangiante, che ha completamente recuperato dopo l’intervento chirurgico cui era stato sottoposto. Il ritorno di Mangiante si va ad aggiungere a quello di Lepore, che è ormai rientrato a pieno ritmo, essendo già tornato a calcare il parquet nell’incontro con il Basket Pontino.

Solo Cipriano ha avuto qualche problema in settimana, a causa di uno stato influenzale che non gli ha permesso di allenarsi al meglio. La squadra avrà bisogno dei suoi canestri per compiere una grande impresa nell’infuocato palazzetto di Guidonia, dove il pubblico accorre sempre numeroso per sostenere i propri beniamini. Biello è intenzionato a vendere cara la pelle e sta caricando anche emotivamente la sfida.

Anche se non sarà facile, i cassinati dovranno essere consapevoli che l’impresa è alla loro portata.

9 marzo 2012 0

Domenica terza tappa de “Il tuo quartiere non è una discarica” in piazza Green

Di redazionecassino1

“Domenica 11 marzo 2012 torna il tuo quartiere non è una discarica. Dopo i quartieri di San Bartolomeo e Colosseo, Domenica si faremo tappa a piazza Nicholas Green, che, dalle ore 8 alle ore 13, diventerà un’ampia isola ecologica mobile. Tutti i cittadini potranno portare rifiuti ingombranti (mobili – reti – materassi – divani – scaffali – biciclette – etc.), RAEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) (computer – televisori – stampanti – fax – telefoni – elettrodomestici – etc.), rifiuti speciali (farmaci scaduti – batterie esaurite). Nella stessa giornata, inoltre, sarà possibile conferire rifiuti inerti e olii vegetali esausti da cucina. Faccio, dunque, un appello a tutti i cittadini, ai quali chiedo di partecipare a questa semplice iniziativa gratuita che permette alla nostra città di limitare il proliferare del fenomeno delle discariche abusive. Colgo, anche, l’occasione per anticipare che a partire da questo mese, fino alla fine dell’anno, l’iniziativa verrà ripetuta con frequenza mensile in tutti gli altri quartieri della città. Per chi ne avesse bisogno, poi, rimane sempre a disposizione il numero verde 800 086 508 per il ritiro gratuito degli ingombranti con relativo servizio a domicilio. Per quel che riguarda l’iniziativa, prossima tappa de ‘Il tuo quartiere non è una discarica’ avrà luogo domenica 15 aprile nella frazione di Caira.” A riferirlo l’assessore all’ambiente del Comune di Cassino Riccardo Consales

 

9 marzo 2012 0

Maltempo, ancora temporali al sud

Di admin

Una nuova perturbazione di origine africana interesserà le regioni meridionali determinando condizioni di spiccato maltempo.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un nuovo avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dalla dalle prime ore di domani, sabato 10 marzo, precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia, con particolare intensità sul settore sud-orientale e sulla Calabria, soprattutto sui settori meridionali e ionici. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Inoltre, dalla serata di oggi, venerdì 9 marzo 2012, si prevedono venti di burrasca da nord-est su Sicilia, con raffiche fino a tempesta sui settori meridionali ed orientali, sulla Calabria, con raffiche fino a tempesta sui settori ionici, su Campania, Basilicata, Sardegna e Puglia. Forti mareggiate saranno possibili lungo le coste esposte.

Il Dipartimento della Protezione civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

9 marzo 2012 0

Recuperati e sequestrati 5500 kg di rame dalla polizia stradale di Frosinone

Di admin

Nel corso della serata di ieri, la polizia stradale di Frosinone mentre era intenta ad effettuare controlli lungo la viabilità intercettava un autocarro sospetto di colore celeste che trasportava a prima vista materiale ferroso. Gli agenti, seguendo a distanza il veicolo appuravano che lo stesso si recava presso un centro di raccolta situato lungo la sr 156 dei Monti Lepini, quindi decidevano di intervenire mentre richiedevano rinforzi dato che appuravano che insieme all’autocarro vi erano altre 2 autovetture che presumibilmente fungevano da staffetta. I successivi sviluppi ed accertamenti permettevano di appurare che detto materiale trasportato era in realtà “rame” e stava per essere rivenduto. Si appurava altresì che il rame era di provenienza illecita ed il quantitativo ammontava a ben 5500 kg di rame sia bianco che rosso. Il materiale rinvenuto veniva sequestrato unitamente all’autocarro iveco e messo a disposizione dell’ag e venivano altresì denunciati in stato di libertà 5 persone ai sensi dell’art. 648 del c.P. Di cui 2 di nazionalità rumena e 3 di nazionalità italiana. Sono in corso ulteriori indagini.

9 marzo 2012 0

Controlli antievasione della Finanza in occasione della “Festa della donna”

Di admin

Si è concluso nelle prime ore di questa mattina, un vasto piano di controllo, iniziato ieri, che ha riguardato l’intero territorio campano, predisposto dalla Guardia di Finanza, per contrastare l’evasione fiscale in occasione della “Festa della donna”. Nel corso dell’operazione, che ha visto impegnati 224 Finanzieri dei Comandi Provinciali di Napoli, Salerno, Caserta, Avellino e Benevento, sono stati controllati 285 esercizi commerciali, tra i quali fiorai, discopub, bar, ristoranti e pizzerie, questi ultimi particolarmente affollati per festeggiare la citata ricorrenza. Nei confronti di 212 esercizi, sono state riscontrate mancate emissioni dello scontrino o della ricevuta fiscale. La percentuale di irregolarità riscontrata è risultata superiore al 74%, confermando quella registrata durante l’analogo intervento eseguito alla fine dello scorso mese di febbraio. In particolare, le percentuali di irregolarità sono state per: Napoli 85,00 %; Salerno 57,45 %; Caserta 83,87 %; Avellino 56,80 %; Benevento 81,82%. Per reiterate mancate emissioni di documenti fiscali e gravi irregolarità in materia di lavoro, nelle province di Avellino e Caserta, sono state avanzate 3 proposte di chiusura di altrettanti esercizi commerciali ed adottata, a carico di un ristorante, la sospensione dell’attività. Identificati per i successivi sviluppi fiscali e segnalati alle competenti Autorità Giudiziarie ed Amministrative 39 venditori abusivi, nei cui confronti si è proceduto al sequestro di 3.142 composizioni floreali, soprattutto mimose, e 2000 prodotti contraffatti.

9 marzo 2012 0

Il Cocer della Finanza: “Il Governo nell’armonizzare i trattamenti pensionistici rispetti la specificità delle forze di polizia”

Di admin

Con il trattamento ricevuto con le ultime manovre finanziarie, il Comparto Sicurezza ha già sopportato gravi tagli alle retribuzioni ed alle indennità.

Non accetteremo, per l’ennesima volta, l’imposizione di misure radicali ed inique in materia di trattamenti pensionistici, che si rifletterebbero drasticamente su categorie di personale che, in peculiari condizioni d’impiego e di status, rischia la propria vita per garantire la sicurezza della collettività.

Uno status d’impiego con qualifiche di polizia giudiziaria a carattere permanente che impone l’obbligo di disponibilità e reperibilità nell’arco dell’intera giornata, nonché l’obbligo d’intervenire anche al di fuori dell’orario di svolgimento del proprio turno di lavoro, per prestare soccorso o per prevenire o reprimere la commissione di reati.

Le specifiche condizioni d’impiego, temporali e di luogo, aggravati dai fattori di stress, fanno sì che la maggior parte degli operatori della sicurezza dopo circa dieci /quindici anni risultino affetti da varie patologie croniche, le cosiddette malattie professionali le quali, a causa delle carenze di risorse, spesso non vengono nemmeno riconosciute dipendenti dal servizio.

La peculiarità del rapporto d’impiego, inoltre, impone agli operatori la consueta limitazione di diritti costituzionali od esigibili normalmente garantiti a tutti i cittadini.

Ne sono un chiaro esempio il divieto di costituire partiti politici, di costituire o aderire ad organizzazioni sindacali o professionali di categoria, la disapplicazione costante della Legge 104/92 a tutela dei familiari disabili, della Legge 151/01 a tutela della maternità e paternità, il divieto di prestare servizio nella stessa città ove svolgono un’attività industriale, commerciale o professionale i propri parenti.

Per queste ragioni, è assolutamente inaccettabile la paventata volontà del Governo di voler conformare i trattamenti pensionistici del Comparto Sicurezza a quelli del Pubblico Impiego.

Qualora non vi fosse, pertanto, da parte del Governo, la disponibilità ad un sereno confronto con i Co.Ce.R e con le OO.SS., che origini dalla convinzione di trovarsi a riformare il sistema pensionistico del personale di un settore vitale e strategico dello Stato e con delle specificità d’impiego uniche nel suo genere, ci vedremo costretti a manifestare tutto il nostro dissenso in tutte le sedi istituzionali, nonché portando migliaia di finanzieri e familiari nelle piazze, unitamente ad altri lavoratori del comparto. IL COCER DELLA GUARDIA DI FINANZA

9 marzo 2012 0

Servizi ai disabili a rischio collasso, l’assessore Bendotti di Lanciano invita ad un pubblico incontro

Di redazione

La critica situazione economica del Paese è ben nota a tutti e a farne le spese sono le persone più indifese, quelle che necessitano di aiuti sociali. Le risorse che dalle Regioni dovrebbero arrivare ai comuni si fanno sempre più sottoili e servizi importantissimi rischiano il collasso. Proprio per affrontare questo problema, l’assessore ai servizi sociali di Lanciano scrive una lettera aperta alla cittadinanza per initare ad un incontro pubblico ed affrontare il problema. “Carissimi Amici, – scrive l’assessore – siamo tutti a conoscenza purtroppo della difficile e insostenibile situazione che la regione ha determinato in merito ai finanziamenti relativi al PLNA. I nostri anziani, i nostri concittadini con disabilità, e tutti coloro che hanno bisogno di assistenza e sostegno da parte nostra sono in balia di risposte che dovrebbero arrivare dalla Regione ma che ad oggi, nonostante anche le interrogazioni della consigliera M.Sclocco all’Assessore Masci,in consiglio regionale del 6 Marzo c.a.,tardano ad arrivare. Le notizie che approdano nei nostri uffici sono carenti di rassicurazioni, e cosa peggiore, ci impediscono di tranquillizzare i nostri utenti sempre più discriminati e sempre più in difficoltà nel gestire la loro faticosa quotidianità. Per questo motivo credo sia opportuno unire le nostre forze, lanciare tutti insieme un grido d’allarme,spogliandoci tutti delle nostre “casacche” politiche e comportarci come bravi amministratori , attenti e sensibili alle problematiche dei nostri cittadini soprattutto quelli più deboli e indifesi. Sabato 10 Marzo c.a.alle ore 10,15 siete tutti invitati a partecipare ad un incontro pubblico presso il Palazzo degli Studi di Lanciano dove tutti insieme cercheremo di formulare un documento comune e discutere sulle possibili risoluzioni . Sicura di poter contare sulla vostra sensibilità e attenzione nonché di un positivo riscontro e contributo, vi saluto tutti calorosamente augurandovi un buon lavoro”. Dora Bendotti – Assessore Politiche Sociali di Lanciano

9 marzo 2012 0

L’Euro e le Cassandre (Fazio e Prodi) che rimasero a guardare

Di redazione

di Max Latempa E cosi’ veniamo a sapere, tramite l’ intervista pubblicata su il Punto a Mezzogiorno, che anche il nostro ex Governatore della Banca d’ Italia, Antonio Fazio nutriva perplessità e timori circa i danni derivanti dall’ introduzione dell’ Euro, tanto che alla fine degli anni 90 avrebbe confidato al suo omologo tedesco Tietmeyer, (Hans per gli amici) che “l’ Euro sarà un purgatorio”. Ma bravo il nostro ex Governatore, invece di intervenire per evitare il disastro che oggi sta sotto gli occhi di tutti, lui lo confidava al suo caro amico Hans, ed intanto avallava in pieno il folle progetto di Bruxelles. Troppo comodo dirlo ora, Signor Fazio. Così come ha fatto Prodi, che dalle aule delle Università ancora oggi senza pudore ci spiega la situazione e ci indica come uscire da un disastro che proprio Lui ha contribuito a creare. O come l’ ex ministro Tremonti, che addirittura aveva anche scritto un libro in cui ci avvisava dei danni dell’ Euro e della globalizzazione mercantilistica, ma che poi è andato per anni a braccetto con gli stessi dèmoni che egli stesso indicava. Ora nessuno di questi tre è più in carica ma assolutamente tengono a farci sapere che loro erano contrari. O comunque perplessi. Che premura! Eppure erano le tre persone che avevano realmente il potere di fermare tutto. O di fare le cose fatte per bene. Diamine, eravate pagati profumatamente. Non lo facevate mica a tempo perso! Dotti, medici e sapienti. Edoardo Bennato lo ha scritto in una meravigliosa canzone degli anni 70 che invito tutti a riascoltare. Caro Fazio, vai pure a ritirare la Fiaccola d’oro ad Aquino. Ma risparmiaci il pistolotto. Questo è troppo. Ci sono milioni di europei ormai in ginocchio ed umiliati e che la fiaccola la userebbero volentieri per dar fuoco a tutto.

9 marzo 2012 0

AIDAA: La Finanza visiti macellai e salumieri per scovare gli evasori

Di redazionecassino1

Non solo alberghi, bar e ristoranti, ma la guardia di finanza faccia le proprie visite anche ai macelli, alle macellerie ed ai negozi di salumeria e gastronomia se vuole scovare davvero l’evasione fiscale.

Molto spesso anche questi negozi non emettono gli scontrini fiscali e molto spesso, specialmente in occasioni dei periodi festivi quali la Pasqua in arrivo le macellerie vendono “sotto banco” centinaia di agnelli, oche, anatre, polli e conigli destinati alle tavole degli italiani.

Si tratta di animali “nostrani” acquistati “in nero” da contadini, allevatori compiacenti, animali macellati molto spesso in maniera irregolare e senza alcun controllo veterinario dopo essere stati ammazzati dagli stessi contadini che “sfruttano l’occasione per incassare un po’ di soldi”.

Animali uccisi e macellati illegalmente, venduti poi sui banchi delle macellerie ovviamente senza alcuna emissione di scontrino fiscale Lo stesso fenomeno anche se in percentuale minore vale per alcuni negozi di salumieri furbetti che vendono insaccati di maiale “fatti in casa”.

Sotto Pasqua a questo fenomeno se ne affianca un altro assolutamente illegale e più grave: la vendita diretta da parte dei contadini (non autorizzati) di carcasse di agnelli, capretti ed altri animali di allevamento e del pollaio ammazzati su commissione (e per i quali si evadono bellamente le tasse) e senza alcun controllo ne autorizzazione veterinaria.

Per questo motivo AIDAA lunedì presenterà un esposto alla Guardia di Finanza per chiedere i controlli anche su macellerie, negozi di salumeria e sui singoli contadini conosciuti per la vendita diretta ed illegale di animali ammazzati e macellati.

Inoltre AIDAA mette a disposizione il proprio numero amico per segnalare casi di macellazione illegale che come ogni anno aumentano nel periodo che precede la Pasqua (telefonare al 392 6552051 o mandare un sms al 340 3848654).

Secondo AIDAA degli sono circa duecentomila gli animali uccisi e macellati e venduti in maniera totalmente illegale nel solo periodo pasquale con un giro di affari “esentasse” di oltre 8 milioni di euro.

9 marzo 2012 0

A. S. La COBAS Cassino:Tagli in arrivo per gli addetti alle pulizie di Autostrade. E’ sciopero

Di redazionecassino1

Da A. S. La COBAS riceviamo e pubblichiamo:

Dopo l’annuncio dei vertici della Italia Service SRL, azienda di Roma, che gestisce l’appalto delle pulizie dei caselli e degli uffici di Cassino di Autostrade per l’Italia SPA, di voler tagliare i costi del personale di circa il 35% ,attraverso la riduzione dell’orario ,il coordinamento provinciale di Frosinone dell’A.S.La COBAS , a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori impegati sull’appalto , ha deciso di intraprendere azioni legali immediate anche nei confronti di Autostrade . Stiamo parlando di 55 dipendenti, distrubuiti da Napoli a Fiano Romano, sul VI° tronco, di cui 15 solo a Cassino ,e quindi altrettante famiglie che in questi giorni sono in ansia.

L’A.S.La COBAS, NON INTENDE IN ALCUN MODO sottoscrivere accordi con la Italia Service sulle misure proposte per contenere i costi del personale Questa ci sembra una manovra iniqua e immotivata , in quanto nonostante la proclamata riduzione di orario, alcune lavoratrici continuano a fare circa 40 ore di lavoro straordinario settimanale.

Chiediamo un immediato interessamento di Autostrade per l’Italia, perchè questi lavoratori sono legati all’appalto da oltre 30anni .

Nel frattempo l’azienda “minaccia” di lasciare l’appalto e licenziare i dipendenti se non Vi sarà il consenso delle organizzazioni sindacali.

L’A.S.La COBAS risponde con lo sciopero , che si terrà su tutti i caselli, da Napoli a Fiano Romano, con il blocco totale delle pulizie,per il giorno 15 marzo.

 

A.S.La COBAS CASSINO