Giorno: 12 marzo 2012

12 marzo 2012 0

Operazione “King Kong” contro il clan Mallardo, cinque unità immobiliari sequestrate a Roccasecca

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cinque particelle di unità immobiliari in via Montello a Roccasecca sono state inserite dal giudice Alessandro Buccino Grimaldi nell’ordinanza di sequestro preventivo coordinata questa mattina dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli ed eseguita dal G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Napoli, in quanto sarebbero riconducibili ad una società ritenuta affiliata al clan Mallardo. Gli appartamenti sono stati individuati dalla Guardia di Finanza di Napoli che ha portato all’arresto di due colletti bianchi, Domenico e Alfredo Aprovitola. Il provvedimento di sequestro preventivo ha interessato cinque società e rapporti finanziari per un valore complessivo di circa 71 milioni di euro. Le ricostruzioni fatte hanno consentito di evidenziare una fitta rete di rapporti tra il clan Mallardo e diverse società che, attraverso prestanome, operavano per il riutilizzo del denaro provento di attività illecita.

12 marzo 2012 0

Picchia la fidanzata e i carabinieri, giovane inn manette

Di admin

Ha prima picchiato la fidanzata, e poi anche i carabinieri; questo, prima di essere arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. I fatti risalgono alla sera tra il venerdì e il sabato quando i carabinieri della compagnia di Lanciano sono stati allertati dal padre della ragazza che raccontava come la figlia fosse stata costretta alle cure dell’ospedale Renzetti di Lanciano a causa di profonde ferite inflittole dal fidanzato, un 28enne del posto. Immediatamente le ricerche del giovane sono state diramate e i primi ad imbattersi nel giovane sono stati i carabinieri della compagnia di Atessa che hanno fermato la macchina del giovane violento nella frazione di Iconicella. Alla richiesta di esibire i documenti il 28enne si è avventato contro gli uomini in uniforme prima con insulti, poi con calci e pugni fino a ferirne uno. Pochi minuti di violenza, poi il giovane è stato immobilizzato ed arrestato. Questa mattina si è svolto il suo processo per direttissima al seguito del quale è stato condannato ad 8 mesi di reclusione, pena sospesa. La ragazza invece, la cui ferita è stata suturata con 14 punti, dovrà decidere se procedere con querela di parte. Er. Amedei

12 marzo 2012 1

Rowan Williams a Montecassino, l’omelia dell’abate

Di admin

Vostra Grazia, Signori Rappresentanti della Comunione Anglicana nostri fratelli e amici, fratelli e sorelle, Ancora un’ora carica di significato, di senso e di storia. Dio ci chiama a vivere in questa preghiera comune con i nostri fratelli e sorelle anglicani raccolti intorno alla tomba di S. Benedetto, santo che come S. Edoardo il Confessore, non conobbe la ferita della divisione. Noi benché feriti, conserviamo viva la speranza, concreta la volontà, forte la perseveranza, audace la preghiera. Mentre disponiamo i nostri cuori all’incontro, mentre scrutiamo con perplessità le difficoltà che affannano le nostre Chiese, con ferma fiducia eleviamo lo sguardo a Dio e gridiamo a lui, all’Uno e Indivisibile Dio, il nostro desiderio di comunione profonda, il nostro desiderio di pace che si rispecchia nel sorriso dell’accoglienza e della ospitalità reciproche. Animati e orientati dalla Parola di Dio confessiamo con mansuetudine la sua misericordia, la sua compagnia sulle strade di una Europa smarrita, a tratti confusa ed agitata eppure così ancora pregna dello Spirito di Dio. Lo spirito delle Beatitudini sembra a tratti infrangersi e sparire in una deriva che vede l’Europa affrontare una crisi grave. Jaques Delors, che fu Presidente della Commissione Europea dal 1985 al 1995, ricevendo il conferimento del Dottorato honoris causa all’Institut Catholique di Parigi, e che qui a Montecassino ricevette nel 1988 il Premio Fiuggi, ha detto: “Stiamo vivendo la fine o la metamorfosi di una grande idea attraverso il ritorno in Europa della politica degli stati…? O questo progetto ha ancora tutta la sua pertinenza, perché corrisponde alle esigenze della storia e della globalizzazione, e anche perché nasconde un supplemento di anima che trascende le attività umane?”. Prosegue infine affermando che i concetti che devono sostenere ancora oggi l’Europa sono il perdono e la promessa. “Il perdono, che non è oblio, perché senza memoria non si può concepire né costruire un avvenire. La promessa, perché l’altro, dopo i suoi crimini non sprofondi nella disperazione e nel desiderio di vendetta.” Oggi siamo qui proprio a riaffermare nell’amicizia e nel dialogo tra le nostre chiese il desiderio di migliorare la nostra testimonianza, la nostra comunione. A dire che le nostre chiese non si tirano indietro nel dovere di accompagnare la donna e l’uomo contemporaneo in questo esodo, nel cammino di eterno cambiamento esplicitato nella simbolica attualizzante del tempo quaresimale. Quella metanoia dall’uomo vecchio all’uomo nuovo delle Beatitudini, in Cristo Risorto. Con fermezza e con dolcezza noi cristiani affermiamo con mansueta empatia per i popoli europei e mondiali: beati i poveri, beati gli afflitti, i miti, gli affamati di giustizia, i misericordiosi, gli operatori di pace, i perseguitati per causa della giustizia. Lo affermiamo con la consapevolezza di esprimerci in un pluralismo sospettoso e guardingo ma con la fiducia che proviene dalla fede in Gesù il Cristo, Figlio morto e risorto di Dio Padre. Con la fiducia in una persona viva e vera che ha lasciato tanto efficace il segno della sua presenza da far affermare a Mons. Dalloz: “Una vera dimensione spirituale non è, oggi più di ieri, una questione di grandi parole e di grandi sentimenti. Se lo spirituale è in sé carnale, bisogna che anche il carnale sia in qualche modo spirituale”. È così cari Fratelli e Sorelle Anglicani che insieme a voi e con voi andiamo disvelando per i contemporanei il volto di Cristo che, anche nascosto nel carnale lascia sempre intravedere la luce della sua bellezza, la forza della sua vita, il fragore del suo passaggio. Come ha detto il Card. Mauro Piacenza, Prefetto della Congregazione per il Clero, nella prolusione ai corsi di teologia dell’Università cattolica del Sacro Cuore a Milano il 7 marzo scorso: “Paradossalmente, è proprio questo amore smisurato per Dio che si è fatto uomo, che porta la Chiesa ad amare appassionatamente ogni uomo. Anche chi non è cristiano, anche chi non fosse credente, è amato dalla Chiesa perché uomo, perché la Chiesa, comunità dei salvati da Cristo, fa autentica esperienza di liberazione e si spende, concretamente, in ogni parte del mondo, perché la libertà e la dignità, che ne è parte integrante e sostanziale, siano riconosciute a ciascuno… Una ragione che fa riconoscere innanzitutto la datità della vita e, quindi, il suo ineliminabile legame con Dio, e che, perciò, non mi fa appena tollerare l’altro, ma, molto più umanamente, lo fa rispettare e, cristianamente, lo fa amare”. Cari Fratelli e Sorelle, è proprio questo amore che ci spinge a tenere vivo il dialogo ecumenico tra le nostre chiese, una vivacità che non ignora le difficoltà e le tensioni ma che tutto spera dall’Unico e Indivisibile Dio, una unità che la tradizione monastica ha sempre ricercato in quel solco naturale della preghiera incessante che dai cori monastici sale a Dio come pegno di salvezza, di vita, di comunione. Una unità gridata al cielo con la responsabilità dell’ “Ut unum sint”. Una responsabilità avvertita come impegno al dialogo soprattutto in questa crisi dell’Occidente cristiano che sollecita l’Europa ad essere fedele al meglio di se stessa come proponeva Vaclav Havel, scrittore, drammaturgo e primo Presidente della Repubblica Ceca, scomparso lo scorso dicembre: “La missione dell’Europa non è più e non sarà mai più quella di governare il mondo, né quella di diffondervi con la forza la sua rappresentazione della felicità e del bene, né quella di inculcargli la sua cultura, e neppure quella di dargli delle lezioni. L’unica missione pertinente è quella di essere il meglio possibile sé stessa, cioè di risuscitare e proiettare nella sua vita le sue tradizioni spirituali migliori, e così contribuire a creare un nuovo modo di coesistenza a livello mondiale”. S. Benedetto che qui riposa da ormai quindici secoli, incarna con la sua vita e insegna ai suoi figli e ad ogni discepolo con la sua Regola, l’esigenza del rinascere e del cambiare nella conformazione continua al Signore. “Chiunque tu sia …che ti accingi a servire il vero Re Cristo Signore…” apre così la sua Regola dando sempre e a ciascuno la possibilità di ricominciare: ricominciare dalla propria vita, dalla propria volontà, dalla propria retta coscienza, dalla propria bontà, dalla propria solidarietà, dal proprio servizio, dalla propria missione. Noi oggi siamo ancora qui per ricominciare dalla nostra volontà di comunione, dal nostro sentimento di reciproca accoglienza ed ospitalità. È per questo motivo che desidero concludere rivolgendo un cordialissimo ringraziamento a Sua Grazia il dr. Rowan Williams Arcivescovo di Canterbury e Primate della Comunione Anglicana per aver accettato il mio invito a Montecassino, in questa Casa di S. Benedetto e a pieno titolo Casa d’Europa. La Sua presenza ci onora e, mentre rivolgiamo il nostro comune pensiero al Santo Padre Benedetto XVI con il quale, nell’incontro di sabato scorso, ha già potuto gustare la gioia dell’amicizia, desideriamo ora ascoltare la sua parola perché il nostro dialogo sia pieno ed efficace. Nell’accogliere Benedetto XVI nell’Abbazia di Westminster il 17 settembre 2010 Ella volle ricordare il ruolo di S. Gregorio Magno del quale oggi, eccezionalmente, celebriamo il pio Transito nella data tradizionale, e dei monaci benedettini nella evangelizzazione del Regno Unito e di questo La ringrazio. Oggi sulla tomba di Benedetto rinnoviamo i nostri voti di pace e di amicizia mentre “con gioia di soprannaturale desiderio” (Regola di s. Benedetto, 49) attendiamo la santa Pasqua. Pietro Vittorelli Abate di Montecassino Foto Alberto Ceccon

12 marzo 2012 0

Violenta rissa nel bar, 8 giovani denunciati

Di admin

Questa notte a Ripi i carabinieri della locale Stazione e quelli del NORM della Compagnia di Frosinone, denunciavano in stato di libertà 8 giovani ciociari per “rissa”. Gli stessi, mentre si trovavano all’interno di un locale bar, per futili motivi legati a questioni di viabilità, ingaggiavano una violenta rissa. L’immediato intervento da parte dei militari operanti consentiva di rintracciare ed identificare tutti i responsabili prima che riuscissero a dileguarsi a bordo delle proprie autovetture.

12 marzo 2012 0

Effettuate le selezioni per soccorritori speleologici del CNSAS in Abruzzo

Di admin

Domenica 11 marzo si sono svolte presso la falesia di Civitella del Tronto (TE) le verifiche di accesso per gli aspiranti soccorritori speleologici del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese. Le selezioni, organizzate dalla scuola regionale di soccorso speleologico della XV Delegazione Speleologica Abruzzo del CNSAS, hanno visto impegnati nove speleologici provenienti da tutta la regione. Sono state verificate le loro capacità tecniche di progressione con tecnica speleologica, di attrezzare vie di salita e discesa predisponendo gli ancoraggi sulla roccia, nonché di effettuare le basilari manovre di autosoccorso. Tutti gli speleologi sono stati ammessi come aspiranti operatori di soccorso speleologico e dovranno ora intraprendere un percorso formativo sia pratico che teorico per apprendere le manovre di base del soccorso in grotta, sia dal punto di vista tecnico che da quello sanitario. Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico è infatti l’unica struttura ad effettuare un soccorso medicalizzato in ambiente ipogeo, con i propri medici speleologi supportati da tutti i tecnici, che ricevono anche una formazione per un primo intervento sanitario. L’iter formativo e di verifica è continuo per tutti i volontari ed è organizzato dalle varie scuole regionali e nazionali del CNSAS: SRETSS – Scuola Regionale Tecnici di Soccorso Speleologico, SNATSS – Scuola Nazionale Tecnici di Soccorso Speleologico, Scuola Nazionale Medici Emergenza ad alto rischio in ambiente ipogeo, Scuola Nazionale Tecnici Soccorso Speleosubacqueo, SNAFOR – Scuola Nazionale Tecnici di Soccorso in Forra, Scuola Nazionale Direttori delle Operazioni di Soccorso. L’organico della XV Delegazione Speleologica Abruzzo è di 26 tecnici soccorritori che sono integrati nella struttura nazionale di oltre 700 volontari di soccorso speleologico del CNSAS, con cui collaborano sia per gli interventi che per le esercitazioni e gli eventi formativi.

12 marzo 2012 0

Spara con il fucile ai cani del confinante e ne ferisce uno

Di admin

Ad Anagni i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà un 52enne del luogo, responsabile di “esplosioni pericolose e maltrattamento di animali”. Il prevenuto si rendeva responsabile dell’esplosione di due colpi di arma da fuoco all’indirizzo di due cani di proprietà di un confinante, attingendone uno che riportava lievi ferite medicate dal locale servizio veterinario. Il fucile, regolarmente detenuto, veniva posto sotto sequestro.

12 marzo 2012 0

Troppi motivi per dire “No TAP”: la spiaggia vicino il luogo dove approderà il gasdotto luogo di nidificazione di tartarughe Caretta caretta

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Continua la battaglia dell’associazione “Sportello dei Diritti” fianco a fianco del comitato “No Tap” che com’è noto raccoglie associazioni, organizzazioni, partiti politici e semplici cittadini che si stanno opponendo alla realizzazione del megagasdotto che passerà sotto l’Adriatico in una zona d’inestimabile valore paesaggistico. Vale la pena a tal proposito ricordare che sulla spiaggia del Lido San Basilio nella località balneare di San Foca, nell’ottobre 2007 nacquero 41 tartarughe dopo essere state deposte sulla stessa spiaggia il 19 luglio precedente in piena stagione balneare. Come è noto, la caretta caretta è una delle specie di tartarughe marine in maggiore pericolo d’estinzione e la stessa possibilità che in zona si possano effettuare dei lavori di tale portata può mettere in pericolo un ecosistema fragilissimo, anche perché tale tipo di animali è solito ritornare da adulto sullo stesso luogo per poter deporre le uova. Per tali ragioni, Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” chiede a gran voce che le istituzioni competenti a partire dal comune di Melendugno si attivino per fare dell’area una zona di rilevante interesse ambientale per la tutela di questa specie.

12 marzo 2012 0

Costa Concordia, proseguono le operazioni sulla nave

Di admin

Le condizioni meteo marine, con il vento da nord in notevole diminuzione, hanno reso possibile la ripresa dei lavori dei tecnici delle società Smit Salvage e Neri: alle prime luci dell’alba, infatti, il pontone “Meloria”, cui è stato affiancato anche l’imbarcazione “Caronte”, è stato riportato in prossimità della parte centrale dello scafo della “Costa Concordia” permettendo la prosecuzione delle attività di svuotamento delle casse delle acque nere della nave.

Oggi, per consentire la definizione dei prossimi scenari operativi e per permettere la necessaria manutenzione della sofisticata attrezzatura robotizzata che sarà utilizzata per la ricerca delle persone ancora disperse in spazi inaccessibili al personale subacqueo, gli operatori dei Vigili del Fuoco e della Marina Militare non hanno operato a bordo della Costa Concordia. Si sono svolte, invece, l’ordinaria attività di sopralluogo e assistenza in mare della Capitaneria di Porto e della Polizia di stato, il cui personale subacqueo ha provveduto al quotidiano monitoraggio dei marker che registrano i movimenti dello scafo. Non risultano anomalie da segnalare né nei movimenti della Costa Concordia monitorati dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, né nei rilevamenti ambientali assicurati da Ispra e Arpat.

Nel pomeriggio, è terminata la quarta edizione del Corso “L’impiego del volontariato di protezione civile negli interventi connessi ad eventi di inquinamento in mare con spiaggiamento di idrocarburi”. Il progetto, organizzato dal Dipartimento della Protezione civile, Ispra, Legambiente, in collaborazione con la Regione Toscana, la Provincia di Grosseto, la Capitaneria del Porto di Porto S. Stefano e la Direzione Marittima di Livorno, rientra nelle misure di prevenzione di un eventuale inquinamento da idrocarburi. Il corso ha visto la partecipazione dei volontari di Legambiente e di Greenpeace, accanto ad alcuni cittadini del Giglio. Oggi, in particolare, sono state approfondite le tecniche per la rimozione dei prodotti spiaggiati in base alle tipologie di costa – rocciosa, sabbiosa e ciottolosa –, è stata spiegata l’organizzazione della squadra di lavoro, oltre alle modalità di stoccaggio provvisorio e smaltimento del prodotto raccolto.

12 marzo 2012 0

Isola Liri: I° Congresso provinciale dei Giovani Democratici, Martina Innocenzi nuovo segretario provinciale

Di redazionecassino1

Si è svolto ieri presso lo Starlab di Isola del Liri il Primo Congresso Provinciale dei Giovani Democratici della Federazione di Frosinone.

Tanti i ragazzi presenti all’appuntamento provenienti da tutta la Provincia di Frosinone. Tantissimi gli interventi che si sono susseguiti nel corso della giornata; i membri dell’esecutivo provinciale uscente hanno tracciato la linea politica dei Giovani Democratici su scuola, università, ambiente, lavoro, diritti civili, Europa, legalità e cultura.

Proprio l’unità politica d’intenti che ha caratterizzato questo primo congresso ha portato all’elezione di Martina Innocenzi a Segretario Provinciale dei GD della Federazione di Frosinone che ha dichiarato “Sono molto contenta e soddisfatta di questa giornata. Siamo la generazione chiamata a salvare il nostro paese, la nostra regione, la nostra provincia. Il messaggio di oggi è un messaggio di cambiamento che ci impegneremo a diffondere il più possibile per riaccendere la speranza e la fiducia in un futuro migliore! Voglio ringraziare chi mi ha preceduta in questa esperienza, Enrico Pittiglio, per aver costruito e dato autorevolezza alla nostra organizzazione giovanile; ringrazio il Partito Democratico che ci ha sempre sostenuti, per il quale saremo sempre a disposizione per la costruzione di battaglie condivise. I Giovani Democratici sono e saranno un punto di riferimento per i giovani di questa provincia e per il PD”.

Attenti ascoltatori e presenti per tutta la durata del congresso sono stati il Segretario Provinciale Del Partito Democratico Lucio Migliorelli, il Presidente Aldo Antonetti, Francesco De Angelis Europarlamentare e Francesco Scalia Consigliere Regionale del PD, hanno portato importanti contributi e hanno testato con mano le competenze e la passione dei giovani Democratici.

Lucio Migliorelli Segretario Provinciale del PD: “Veramente un bel congresso che ha fatto emergere le competenze, la passione e la voglia di cambiare di una generazione che dimostra quotidianamente e sul campo di esserci. I migliori auguri di buon lavoro a Martina a Luca e a tutto il nuovo gruppo dirigente, sono sicuro che come è stato in passato ci sarà una collaborazione proficua tra i giovani democratici e il partito che saprà valorizzare al meglio i tanti ragazzi e ragazze che vivono l’organizzazione giovanile come una palestra formativa. A nome del Partito Democratico mi sento di esprimere tutta la soddisfazione e l’orgoglio di avere una splendida organizzazione giovanile.”

Enrico Pittiglio Segretario Uscente: “Si chiude nel migliore dei modi un percorso straordinario avviato ormai tre anni fa che ci ha visto impegnati a difesa di una generazione, Auguri a Martina e Luca e al nuovo gruppo dirigente. Un ringraziamento particolare a chi ha permesso tutto questo e ci ha sostenuto in questi anni, un ringraziamento affettuoso a tutti i ragazzi e le ragazze della provincia di Frosinone che con passione e spirito di appartenenza hanno fatto nascere e crescere i Giovani Democratici.”

12 marzo 2012 0

Basket: BPF Basket Cassino avanti tutta, Frascati sconfitta 85-57

Di redazionecassino1

Sono bastati solo 10 minuti per fugare tutte le preoccupazioni palesate in fase di pronostico e per avere la certezza che la gara contro Frascati sarebbe stata una semplice formalità, il punteggio eloquente 85-57 a favore dei padroni di casa è lo specchio fedele della partita che regala alla formazione cassinate la terza vittoria consecutiva nello spazio di soli sette giorni, Riano, Valmontone e appunto Frascati.

A fine gara ha fatto la sua comparsa al centro del parquet lo spumante per festeggiare i 30 punti in classifica ma soprattutto la matematica certezza della raggiunta salvezza alla prima stagione della Divisione Nazionale C, primo obiettivo di questo magnifico gruppo. Ora l’obiettivo diventano i play-off, la posizione attuale ci vede pienamente in corsa per questo traguardo ma le ultime gare Eurobasket, Sam, Fondi, Aprilia in trasferta e Marino, Gaeta in casa daranno il volto definitivo alla griglia della seconda fase in cui la nostra formazione merita l’accesso.

Ancora pieno il palazzetto dello sport di Cassino, primo quarto tirato con le due formazioni molto vicine nel punteggio, pesano nelle gambe dei nostri ragazzi le tossine delle tre gare ravvicinate, Frascati prova a tenere viva la gara e ci riesce chiudendo sotto di un solo canestro da tre 18-15. Secondo parziale decisamente più tonico per i padroni di casa che cominciano a mettere in mostra tutta la voglia di primeggiare, Confessore, Canzano e Simeoli, subito in doppia cifra,  giocano a memoria, i canestri si susseguono e il punteggio prende la via a favore dei locali, + 10 e parziale decisamente favorevole ai biancorossi 20-13 e punteggio fissato sul 38-28. Terzo quarto in cui il coach Porfidia opta per le cosiddette seconde linee, Guida il solo senatore sul parquet e tanti giovani a girargli intorno Tamburrini, Esposito, Strivieri e De Santis con Frascati negativamente passiva, la forbice del punteggio si allunga a dismisura raggiungendo anche i 20 punti di differenza a metà terzo tempo, un fallo antisportivo fischiato a Gugliotta e la tripla di Simeoli chiudono la gara e  sulla sirena il punteggio  aumenta ancora a favore di Cassino +23, 63-40. Ultimo parziale senza storia entra anche l’ultimo dei giovani a disposizione del coach Porfidia, Pantano con la gara che scivola fino alla fine senza ulteriori scossoni con lo spettacolo offerto dalle due formazioni con i tiri dalla lunga distanza, due volte Tizi per Frascati a cui rispondono prima De Santis e poi Guida, 2 per lui con Cassino che tocca il massimo vantaggio +28 che sarà anche la differenza di punteggio tra le due formazioni alla sirena finale, 85-57.

Ottime le percentuali dei cassinati che mettono in mostra le decise individualità dei suoi giocatori di riferimento, Simeoli si conferma ad altissimo livello e si merita il titolo di MPV, 28 punti realizzati in meno di 33 minuti, Roberto per gli amici “Bob” ha già realizzato oltre 400 punti  nei 793 minuti in cui ha indossato la casacca biancorossa, Elia Confessore 18 punti messi a referto segue il nostro Bob a debita distanza avendo realizzato “solo” 332 punti totali, Violo che si conferma utile alla causa con 14 punti senza dimenticare il buon contributo di Guida e Canzano. Per Frascati  solo Giammo’ e Ramos, in due 21 punti, ma la stagione per i castellani vista la classifica è praticamente da dimenticare, unica ma importante consolazione il fatto di dare spazio ai giovani che fanno parte del roster  societario e che potranno tornare utili in futuro.

Sabato prossimo la Banca Popolare del Frusinate Basket Cassino recupera la gara esterna contro l’Eurobasket Roma alle ore 19.00, nella gara di andata Cassino si impose di 16 punti in maniera perentoria, ora i romani seguono i ciociari in ottava posizione indietro di 4 lunghezze, è scontro diretto per la zona play-off, una vittoria darebbe certezze a questo gruppo sempre di più forte, dai ragazzi crediamoci.

Nota a margine ma non meno importante, da questo lunedì e per i prossimi sette giorni il palazzetto si rifà il look, infatti verrà completamente sostituito il parquet gravemente danneggiato dall’alluvione dei mesi scorsi, la società Basket Cassino desidera pubblicamente ringraziare il Presidente del Consiglio Regionale del Lazio Signor Mario Abbruzzese per lo sforzo profuso per la realizzazione di questo intervento straordinario per dare  un parquet adeguato al palazzetto.

 

BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE BASKET CASSINO: Confessore 18, Pantano 0, Canzano 10, Tamburrini 2, De Santis 3, Guida 12, Esposito 0, Simeoli 26, Strivieri 0, Coach Porfidia

LINEA GAGGIOLI FRASCATI: Ramos 11, Monetti 5, Gugliotta 8, Sperduto 0, Tizi 6, Grossi 3, Fiorentino 6, Giammo’ 10, Ferrante 8, Di Pietro 0. Coach Bocci

PARZIALI: 18-15, 20-13, 25-12,22-17

ARBITRI: D’ELIA ALESSANDRO, VITANOSTRA SAVINO