Giorno: 27 marzo 2012

27 marzo 2012 0

Abbruzzese a Gaeta: “Grazie a Fai per la promozione e la valorizzazione del territorio”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Voglio esprimere un sentito ringraziamento a tutti i volontari del Fai, a nome mio e di tutto il Consiglio regionale del Lazio, per avermi dato la possibilità di conoscere più da vicino l’attività e l’operato di questa fondazione nazionale senza scopo di lucro che da oltre trent’anni porta avanti importanti progetti per la salvaguardia, la valorizzazione, la promozione e il restaurato del patrimonio artistico e naturalistico su tutto il nostro Paese”. Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio, che questa mattina ha partecipato alla XX Giornata Fai di Primavera, iniziativa che si è svolta presso il Castello Angioino e Aragonese di Gaeta (LT) sede dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale e della Scuola Nautica della Guardia di Finanza.

“Far conoscere e tutelare le bellezze dell’Italia – ha continuato Abbruzzese – è una delle priorità dell’agenda del governo regionale. Una grande scommessa su cui la Regione Lazio ha investito molto: basti pensare a quanto è stato fatto fino ad oggi a sostegno dell’intero comparto con l’approvazione del Piano Triennale del Turismo. Questo dimostra che c’è la ferma volontà di porre le basi per rilanciare e potenziare questa industria, fra le prime del Lazio, tramite importanti opportunità che serviranno ad accelerare la ripresa economica, e a raggiungere un significativo aumento dell’occupazione, soprattutto fra i giovani.

Sono convinto che bisognerà continuare ad investire nel settore turistico per dare vita ad uno sviluppo lavorativo necessario per la nostra terra, che ha grandi ricchezze storico-culturali che possono essere sfruttate al meglio.

Per questo – ha concluso Abbruzzese – sono particolarmente grato ai vertici del Fondo Ambiente Italiano per la grande attività di educazione e sensibilizzazione, ma soprattutto per gli interventi di vigilanza che da anni portano avanti, a livello nazionale e locale, al fine di promuovere la cultura del territorio e per farla conoscere alle nuove generazioni”.

27 marzo 2012 0

Emergenza in mare, la Guardia Costiera soccorre natante di 14 metri che affonda e salva l’equipaggio – Le foto

Di admin

Ieri pomeriggio la Guardia Costiera di Gaeta ha raccolto una richiesta di soccorso tramite il numero blu “1530”, lanciata da un natante in difficoltà salpata da Gaeta e diretta ad Ischia.

L’imbarcazione a motore di circa 14 metri aveva a bordo il conduttore e un’altra persona.

Tutte le apparecchiature erano fuori uso, vi era fumo nel vano motore e stava imbarcando acqua. Per questo è stata immediatamente inviata sul posto la motovedetta “Cp 856” della la Guardia Costiera già in mare per altri controlli. Il conduttore dell’imbarcazione confermava continuamente la gravita’ della situazione.

In pochi minuti la motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta raggiungeva l’imbarcazione in seria difficoltà e anche con l’ausilio di un peschereccio intervenuto in assistenza hanno tratto in salvo i naufraghi, in buoni condizione di salute.

L’imbarcazione è affondata su un fondale di circa 170 mt a 12 miglia da Gaeta. La motovedetta della Guardia Costiera dopo aver appurato che non vi fosse inquinamento ha provveduto a riportare a terra i due naufraghi. E’ in corso l’inchiesta per accertare le cause che hanno determinato l’evento che solo la tempestivita’ d’intervento ha scongiurato eventuali vittime.

27 marzo 2012 0

Sabato 31 marzo ultimo giorno utile per la presentazione delle domande di disoccupazione agricola e ordinaria con requisiti ridotti

Di admin

Il termine di presentazione delle domande di indennità di disoccupazione agricola e di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti è perentoriamente fissato alla data del 31 marzo, a meno che tale data non cada di domenica o in un giorno festivo.

Poiché quest’anno il 31 marzo cade di sabato, giorno considerato non festivo, tale data è utile per la presentazione delle domande.

Infatti, nonostante la chiusura delle strutture territoriali Inps nella giornata del sabato, in considerazione dell’avvenuta telematizzazione delle domande in questione, della residualità delle domande presentate presso gli sportelli Inps e della possibilità di presentazione delle stesse tramite più canali (servizi online per il cittadino, enti di Patronato, Contact Center 803164, nonché per posta o per fax), non saranno ritenute valide le domande di indennità di disoccupazione agricola e non agricola con requisiti ridotti presentate in data successiva al 31 marzo 2012.

27 marzo 2012 2

A Cervaro la 40esima edizione della Via Crucis vivente

Di admin

40 edizioni; basterebbe questo dato per far comprendere a chiunque assista per la prima volta alla “Via Crucis Vivente” di Cervaro (Domenica 1 aprile, ore 20.30, Cervaro – FR-) l’importanza che la manifestazione riveste nel quadro delle antiche tradizioni popolari.

Ideata dall’Associazione Culturale Via Crucis Vivente, che ha curato Scenografie, Costumi, Commenti, Dialoghi e Regia, con il Commento Musicale del Maestro Mauro Niro, l’evento è patrocinato dal Consiglio Regionale del Lazio, la Provincia di Frosinone e la Città di Cervaro, in collaborazione con l’Associazione Storica, Culturale, Artistica “Infiorata di Cervaro”, il Gruppo Scout Cervaro 1, l’Associazione Culturale Pier Paolo Pasolini – Cervaro e la Fondazione Exodus onlus di Cassino (FR).

Costituita da circa 35 scene che si snodano e illuminano le vie di tutta la città, la Passione di Cristo, interpretata da circa 380 partecipanti, provenienti anche da città limitrofe, che recitano tutti rigorosamente dal vivo, ha il suo incipit in Piazza San Paolo, luogo in cui si svolgono gli atti principali, fino all’inappellabile verdetto che condanna a morte Cristo.

Accompagnato dall’esercito romano, il Cristo raggiunge la località Colle – un piccolo promontorio situato nel Centro Storico della Città, dove, fra i suggestivi ruderi dell’antico castello medievale, con l’ausilio di luci e suoni, si compie il il drammatico atto della Crocifissione e delle Resurrezione.

Ed è così che da quarant’anni la teatralità dell’opera, si fonde con l’eternità della parole e del messaggio cristiano. Un viaggio nella storia in cui tutto si fonde nel contesto narrato trasmettendo stupore per la cura dei particolari, visibile negli elementi più scenografici come bighe, lettighe, gli arredamenti degli interni, l’oggettistica e la cura nella realizzazione dei singoli costumi, in particolar modo delle divise militari, come quelle dei pretoriani, con le pregevoli corazze in metallo, fino ai costumi dei legionari, con le altrettanto decorose corazze in cuoio, decorate nel rispetto degli stilemi in auge in epoca romana e di ogni singolo personaggio principale o comparsa.

Tra le più antiche tradizioni della città, la Via Crucis Vivente ha origine a Cervaro già dal lontano 1963, quando un gruppo di giovani con pochi mezzi e molto entusiasmo, misero in scena la prima edizione, realizzando con le proprie mani tutto ciò di cui avevano bisogno, dai costumi alle scenografie. L’antica rappresentazione si differenziava da quella attuale poiché era concepita in rappresentazioni statiche, i così detti “Carri”, molto simili alle Stazioni della Via Crucis, presenti nei luoghi di culto, che nell’iconografia sacra scandiscono i giorni che precedono e il momento della morte del Salvatore.

Negli anni successivi la Via Crucis si è tramutata nella rappresentazione odierna, che si distingue sempre da quella dell’anno precedente, poiché viene arricchita con nuovi dialoghi, scenografie, musiche e costumi.

È dal 1993 che l’onore della realizzazione di un evento tanto fascinoso spetta ai membri dell’Associazione Culturale Via Crucis Vivente di Cervaro che, in modo del tutto volontaristico e senza scopo di lucro, cura tutto il necessario per l’ottimo esito della manifestazione.

(In caso di intemperie la manifestazione si svolgerà il Venerdì Santo)

27 marzo 2012 0

Rate con Equitalia più facili e veloci, ecco le principali novità a favore dei contribuenti

Di admin

Più tempo per pagare a rate le cartelle, importo variabile a seconda delle necessità, meno documenti da presentare allo sportello per debiti fino a 20 mila euro. Sono solo alcune delle novità recentemente introdotte dal Parlamento e direttamente da Equitalia per consentire a cittadini e imprese di mettersi in regola con il fisco in modo più agevole.

Grazie a una serie di interventi normativi (decreto Salva Italia e decreto sulla semplificazione fiscale) e regolamentari (direttiva 7/2012 di Equitalia) oggi si può accedere con più facilità alla rateizzazione delle cartelle. Quella delle rate è una modalità di pagamento particolarmente apprezzata dai contribuenti: dal 2008, anno in cui questo strumento è stato affidato direttamente a Equitalia, sono state concesse più di un milione e mezzo di rateizzazioni per un importo che sfiora i 20 miliardi di euro (si veda la tabella con i dati per regione).

Rate in proroga fino a 6 anni. Il decreto Salva Italia (decreto legge n. 201 del 2011) ha prorogato i termini per beneficiare della rateizzazione: i contribuenti che dimostrino un peggioramento della loro situazione economica potranno richiedere la proroga della rateizzazione già concessa, per un periodo ulteriore e fino a settantadue mesi (sei anni), purché non sia intervenuta decadenza. Con la proroga della rateizzazione il contribuente può chiedere rate di importo variabile e crescente per ciascun anno. Le rate variabili di importo crescente rispondono all’esigenza di agevolare il contribuente nella fase di difficoltà economica, con la previsione che in futuro la sua condizione migliorerà. Rate sprint per i debiti fino a 20 mila euro. Con la direttiva n. 7 del 1° marzo 2012 Equitalia ha portato da 5 a 20 mila euro la soglia per ottenere la rateizzazione soltanto con una semplice richiesta motivata che attesti la propria situazione di temporanea difficoltà economica. Pertanto, non occorrono più documenti per dimostrare la situazione economico-finanziaria del contribuente, che restano necessari solo se il debito supera la nuova soglia. Importanti novità in favore delle aziende. L’indice alfa, parametro prima utilizzato per ottenere il rateizzo, servirà ora solo per determinare il numero massimo di rate che possono essere concesse. Si amplia così la platea delle aziende che possono beneficiare del pagamento dilazionato dei tributi non pagati.

Il decreto sulla semplificazione fiscale (decreto legge 2 marzo 2012, n.16) ha introdotto una serie di importanti novità.

Rate flessibili. Fin dalla prima richiesta di dilazione è possibile chiedere un piano di ammortamento a rate variabili e crescenti anziché a rate costanti. Pertanto, le prime rate saranno più leggere e cresceranno nella prospettiva di un miglioramento della situazione economica del contribuente.

Il pagamento a rate sterilizza l’ipoteca. Equitalia non iscrive ipoteca nei confronti di un contribuente che ha chiesto e ottenuto di pagare il debito a rate. La rata apre la strada alle gare d’appalto. Il contribuente che ha ottenuto la rateizzazione non è più considerato inadempiente e può partecipare alle gare d’appalto. Il mancato pagamento di una rata non implica la decadenza. Si decade dalla rateizzazione solo se non sono pagate due rate consecutive. Prima era prevista la decadenza con il mancato pagamento della prima rata o successivamente, di due rate, anche non consecutive.

Rateazioni concesse

              Regione  

numero

 

importo in euro

  ABRUZZO  

37.601

 

431.928.657

  BASILICATA  

18.937

 

204.426.775

  CALABRIA  

41.754

 

565.603.786

  CAMPANIA  

195.695

 

2.262.231.458

  EMILIA ROMAGNA  

115.288

 

1.133.237.579

  FRIULI VENEZIA GIULIA  

30.262

 

267.699.196

  LAZIO  

195.206

 

3.345.741.234

  LIGURIA  

49.262

 

442.716.510

  LOMBARDIA  

195.471

 

3.517.761.228

  MARCHE  

43.744

 

455.375.003

  MOLISE  

11.094

 

154.826.660

  PIEMONTE  

94.965

 

1.130.228.027

  PUGLIA  

132.555

 

1.513.645.719

  SARDEGNA  

77.209

 

1.027.346.686

  TOSCANA  

155.694

 

1.429.663.164

  TRENTINO AA  

11.636

 

143.123.691

  UMBRIA  

23.760

 

288.966.161

  VALLE D’AOSTA  

2.949

 

21.436.134

  VENETO  

81.104

 

1.083.725.949

  TOTALE  

1.514.186

 

19.419.683.617

             
27 marzo 2012 0

Dipendenti infedeli rubano gasolio dai veicoli aziendali, fermati con i vestiti ancora intrisi di carburante e denunciati dalla Polizia

Di admin

Alle 21.20 di ieri una telefona al 113 informa gli operatori della sala operativa della Questura che due uomini stanno armeggiando con un tubo di plastica e tanica vicino ad un automezzo di proprietà di una ditta operante in città nel settore ambientale, al momento in sosta in un parcheggio della parte alta del capoluogo. Una Volante arriva immediatamente sul posto rintracciando, poco distante dal luogo segnalato, il mezzo a bordo del quale ci sono due uomini. I due, un cinquantenne ed un quarantacinquenne, riferiscono che stanno espletando il turno di lavoro serale per la ditta frusinate che si occupa, tra le altre cose, della pulizia delle strade cittadine. Gli operai appaiono da subito nervosi e di fronte alle domande incalzanti degli agenti circa i loro spostamenti e del perché abbiano i vestiti intrisi di carburante, dai quali ne proviene il tipico odore, i due crollano ammettendo le loro responsabilità. Un’ ispezione nelle adiacenze del parcheggio indicato nella telefonata al 113 consente il ritrovamento di 5 litri di miscela e 28 di gasolio contenuti in taniche, occultati tra la folta vegetazione lì presente. Altri 5 litri di gasolio, insieme ad un imbuto e ad un tubo sono ritrovati dai poliziotti all’interno del portabagagli dell’auto di uno dei due operai. Per mettere a segno il furto di carburante senza destare sospetti nel loro datore di lavoro, i due infedeli dipendenti hanno usato quale stratagemma quello di effettuare un percorso ridotto rispetto a quello previsto per la pulizia delle strade al fine di giustificare il minor consumo di carburante. Gli operai, accompagnati negli uffici della Questura, sono stati denunciati per furto aggravato in concorso. Le indagini degli investigatori sono in corso per accertare eventuali responsabilità dei denunciati in relazione ad episodi analoghi verificatisi di recente e se siano coinvolte anche altre persone.

27 marzo 2012 0

Responsabilità civile degli Enti. Il Comune risponde dei danni per l’incidente durante la festa in piazza

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Ancora più cautele per i comuni. Per Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, sono molteplici, infatti, le sentenze che attribuiscono un sempre più stringente dovere di vigilanza in capo alle singole realtà municipali sulla sicurezza dei cittadini e quindi il diritto al risarcimento dei danni per tutti i soggetti lesi dal mancato rispetto degli obblighi stabiliti.

Da segnalare in tal senso la recente sentenza n. 3951 del 13.03.2012, della terza sezione civile della Corte di Cassazione, secondo cui non costituisce una scriminante per l’amministrazione comunale l’aver affidato l’organizzazione di una festa in piazza ad un’associazione e comunque non direttamente dal comune.

In capo all’ente, permane, infatti, l’obbligo di vigilanza sulla sicurezza degli spettatori e può essere condannato in caso di danni subiti da terzi. Né una semplice ordinanza di limitazione del traffico può limitare questa responsabilità.

Secondo i giudici di legittimità, il municipio è sempre responsabile della sicurezza in occasione di eventi culturali che si svolgono in piazza.

Per tali ragioni, spetta al giudice accertare se il comune ha ottemperato all’osservanza di tutte le norme sulla sicurezza nel caso di crollo di un palco per concerti e del ferimento di qualcuno tra gli spettatori.

27 marzo 2012 0

Promozione ‘A’: Arce nuova capolista, soffia il primato a Roccasecca

Di redazionecassino1

In Eccellenza la capolista Rocca D’Evandro aumenta ogni settimana il suo vantaggio, ora sono dieci i punti che la separano dall’inseguitrice Ausonia, a quota 45. Nella 22a giornata, la formazione campana mette a segno un altro 3 a 0, questa volta ai danni di Acquafondata 2008. La Pol. Insieme Ausonia, invece, deve arrendersi  3 a 1 contro Soccer School e vede allontanarsi sempre di più la capolista. Se è vero che i guai non vengono mai soli, la formazione aurunca deve fare i conti anche con un altro problema: l’avvicinarsi, a quota 43, di un’altra formazione agguerrita: la Ferrara che battendo, di misura 1 a 0, il Moscuso è ora a solo due lunghezze proprio da Ausonia. Insomma nel girone i giochi per il primato sembrano quasi fatti a meno di sorprese, così come sembrano già decisi gli scenari nel girone ‘B’ di Promozione. Anche qui il discorso ‘primato’ sembra ormai circoscritto a poche formazioni. Real Sordella marcia, con un discreto vantaggio di otto lunghezze, sulle inseguitrici rappresentate dal ‘rinato’ Cassino Doc ora secondo con Real S. Andrea entrambe a quota 42 punti, ma anche Rocca D’Evandro 2011, a 40 punti, non molla. L’unica squadra che potrebbe aggiungersi al gruppo è La Leggenda di Nai che conquista i tre punti contro Calcio Lara battuto per 3 a 2. Del resto anche tutte le altre vincono ed in particolare Cassino Doc, ferma 3 a 0, proprio Rocca D’Evandro 2011. Real Sordella ha ragione del Rist. Bianco Noir, per 2 a 1, mentre Real S. Andrea supera agevolmente 3 a 2, il fanalino di coda La Bottega del Vino. Se in questi tornei i giochi sembrano avviarsi verso un copione già fissato, non è così  nel girone ‘A’ di Promozione, dove cambia di giornata in giornata la testa della classifica. Tecnostore Roccasecca, infatti, pur vincendo 2 a 1 contro Nuova Lenola, deve cedere la vetta della classifica ad Amatori Arce (nella foto) che sul terreno di Castro rifila un secco 0 a 4 alla formazione di casa e conquista, a quota 43 punti, il primato. Non basta  Freedom Coreno il pesante 4 a 0 rifilato ad Aquino per conservare la piazza d’onore. In altri termini, il girone è più che mai agguerrito, almeno nelle parti alte della classifica, ci sarà da lottare fino alla fine forse in misura maggiore rispetto agli altri tornei. È comunque un dato certo che nel calcio bisogna aspettare l’ultima giornata per conoscere le regine dei tornei e quanto visto fino ad ora sicuramente rispetta ampiamente le previsioni.

F. Pensabene

27 marzo 2012 0

Basket: BPF Basket Cassino dopo la vittoria (52-74) contro SAM Basket Roma play-off assicurati

Di redazionecassino1

Dopo la salvezza arriva la certezza della disputa dei play-off per la truppa di coach Porfidia che grazie alla schiacciante vittoria ottenuta contro la Sam Basket Roma dell’ex Benincasa ottiene il passi per la lotteria degli spareggi promozione, gli ultimi tre incontri della regular season diranno quale posizione si raggiungerà per la griglia degli accoppiamenti.

Si temeva in fase di pronostico questa gara anche perché per i romani invischiati nella lotta salvezza avevano un solo risultato per alimentare le speranze di permanenza nella divisione nazionale C, invece Canzano e compagni hanno da subito spinto sul pedale dell’acceleratore non lasciando scampo agli avversari incapaci di arginare la furia dei nostri ragazzi.

Precisi, aggressivi e concreti questi gli aggettivi giusti per commentare la partita dei nostri ragazzi, Porfidia chiama e i senatori rispondono alla grandissima facendosi trovare pronti con percentuali d’assoluto rispetto, Simeoli miglior realizzatore 19 punti con ampie pause in panca, Confessore 15 per lui e predominio sotto canestro, Canzano 12, Violo 11 e il miglior Strivieri dal suo arrivo nel cassinate, 8 per lui e tanta velocità.

La gara nel Pala Rinaldi in sostanza dura solo 2 minuti in cui i romani provano a rispondere agli ospiti che vanno subito avanti in modo deciso, la forbice tra le due formazioni si fa da subito evidente, svagati e confusionari nella precedente trasferta contro l’Eurobasket Canzano e soci questa volta diventano precisi ed implacabili aggredendo gli avversari e non facendoli mai ragionare, il primo parziale recita 6-18 per i nostri. Nella seconda frazione di gioco stesso canovaccio con errori in fase di tiro per i padroni di casa che si smarriscono sotto le bordate dei cassinati che incrementano il vantaggio per arrivare alla seconda sirena con 21 punti di distacco sugli avversari 19-40.

Gara in pratica chiusa e Porfidia concede spazio ai ragazzi della panchina che si fanno trovare sempre pronti, ora il gruppo del coach gira che è una meraviglia complice anche la mancanza d’idee e uomini decisivi del coach Castellano, il solo Sodani con 14 punti personali prova a reagire, ma non basta, anche Benincasa si perde nel confronto con i suoi ex compagni chiudendo la gara con 9 punti a referto, terzo parziale 36-65. Ultima frazione di gioco con i nostri in assoluta scioltezza consapevoli di avere in pugno la gara, le due triple di Sodani consecutive scaldano i tifosi locali, ma oggi contro questo Cassino non ci sono possibilità di primeggiare, i romani vincono il parziale, ma i nostri riescono a mantenere 22 punti di distacco e chiudere la pratica Sam sul 52 a 74.

A fine gara negli spogliatoi tanta euforia per aver raggiunto il secondo obbiettivo della stagione, il coach concede ai suoi ragazzi due giorni di assoluto riposo prima della ripresa fissata per mercoledì dove il gruppo riprenderà gli allenamenti in vista delle ultime quattro affascinanti gare di campionato, la prima in casa contro il lanciato Marino, poi  in casa del Fondi quindi il 22 aprile nel palazzetto cassinate arriverà la corazzata Gaeta e in quella giornata verrà inaugurato il nuovo fantastico parquet alla presenza del presidente del Consiglio Regionale Onorevole Mario Abruzzese, chiusura poi in casa dell’Aprilia  ultima della stagione regolare, e poi….tutta un’altra storia ma il Basket Cassino in questa storia è entrato di diritto lottando gara dopo gara per raggiungere questo prestigioso traguardo, BENE COSI’

Coach Porfidia alla fine ha così commentato “ I ragazzi sapevano che i due punti erano indispensabili per ottenere il pass per la seconda fase e hanno risposto alla grande disputando una buona partita non consentendo mai agli avversari di essere pericolosi, l’approccio alla gara dei miei ragazzi è stato devastante  la Sam in 10 minuti ha segnato solo 6 punti e questa cosa dice tutto sull’attenzione usata dai componenti del mio  roster. Sono soddisfatto di aver raggiunto i play-off con 4 gare di anticipo ora in accordo con la società e con lo staff tecnico la preparazione si svolgerà proprio per arrivare alla seconda fase al massimo delle nostre possibilità sfruttando le gare rimanenti per curare i particolari ed essere pronti alle prossime sfide emozionanti.”

Max Marzilli

SAM BASKET ROMA vs BPF BASKET CASSINO 52-74

PARZIALI: 6-18, 13-22, 17-25, 16-9

Tabellini:

SAM BASKET: Stirpe 2, Catasta 11, Malanov 3, Benincasa 9, Franzoni 2, Andreoli 4, Zampar 0, Baruzzo 0, Ubertini 7, Sodani 14, Coach Castellano

BPF BASKET CASSINO: Confessore 15,Strivieri 8, Canzano 12, Tamburrini 0, De Santis 2, Guida 5, Esposito 0, Candelaresi 2, Simeoli 19, Violo 11, Coach Porfidia