A Serrone una serata in allegria per ringraziare i volontari dell’emergenza antineve

28 marzo 2012 0 Di redazione

“E’ stata una serata in allegria, tanto per stare insieme, un modo semplice per dire grazie ai tantissimi serronesi che, in termini del tutto volontaristici, si sono messi a disposizione del paese per affrontare l’emergenza neve. Un aiuto fondamentale senza il quale non saremmo mai riusciti a ridurre al massimo i disagi per la popolazione. A tutti loro dico grazie, un grazie sincero e pieno di vero affetto”. Il sindaco di Serrone, Maurizio Proietto, spiega così l’iniziativa che, l’altra sera presso la sede della delegazione a La Forma, ha visto riuniti per cena gran parte dei volontari che, dal 3 al 17 febbraio, si sono adoperati per fronteggiare l’emergenza maltempo.

“Un centinaio di persone – precisa il sindaco – che rappresenta una cifra elevatissima per un paese delle nostre dimensioni. Mangiare una cosa insieme, grazie al buffet offerto da Camusi e al vino delle aziende locali Giovanni Terenzi e Mario Terenzi, è il minimo che potessimo fare per dimostrare loro tutta la nostra gratitudine. Ringrazio il presidente della Cia di Frosinone, Ettore Togneri, e il membro del Cda, Antonello Campoli, che hanno voluto essere con noi in questa occasione, dopo esserci stati molto vicini in quei giorni, e tutte le associazioni costituite che si sono adoperate di concerto con gli altri per ottenere il massimo, con Protezione Civile e Croce Rossa su tutti, e tutti gli impiegati comunali, disponibili oltre ogni termine per lavorare anche in condizioni di grande disagio e difficoltà”.
Hanno portato un saluto i referenti della Protezione Civile, della Croce Rossa, della Cia come pure l’ex comandante del Corpo Forestale dello Stato, Biagio Celani, salutato da tutti per la pensione ottenuta da poco che ha colto l’occasione per ribadire il proprio amore per la città di Serrone e plaudire allo straordinario impegno della locale protezione civile che, insieme alla Guardia Forestale, tiene costantemente alta l’attenzione sul Monte Scalambra sia in estate, con la lotta agli incendi, che in inverno.
La serata si è conclusa con la consegna di targhe ricordo ai responsabili delle associazioni e un portachiavi commemorativo per tutti i presenti.