“Regnicoli e Papalini”, l’ultimo libro di Costantino Jadecola

14 marzo 2012 0 Di redazione

Per iniziativa del Comune di San Giorgio a Liri e della Biblioteca comunale, sabato 17 marzo, alle ore 17, presso il Centro Polifunzionale – Sala riunioni “R. A. Livatino” di San Giorgio a Liri, il dott. Gaetano De Angelis Curtis, presidente del Centro Documentazione e Studi Cassinati, presenta “Al tempo dell’Unità tra regnicoli e papalini”, l’ultimo libro di Costantino Jadecola.
Realizzato in elegante veste tipografica e caratterizzato da un importante apparato fotografico, il libro di Jadecola indaga su ciò che accadde nell’attuale territorio della provincia di Frosinone “Al tempo dell’Unità” quando, cioè, questo territorio era diviso tra Regno delle Due Sicilie e Stato Pontificio cui appartenevano, rispettivamente, la parte meridionale e quella settentrionale.
Questa divisione inevitabilmente comportò che l’annessione al nascente Regno d’Italia si trascinasse per circa dieci anni, da quando cioè vi fu quella del Regno dei Borbone, avvenuta negli ultimi mesi del 1860, fino a quella dei territori della Chiesa avvenuta a settembre del 1870.
In questi dieci anni cosa accadde? Ed è stato proprio questo l’interrogativo che ha stimolato la ricerca di Costantino Jadecola. Qualcosa accadde. Quanto basta, insomma, per dire che l’attuale territorio della provincia di Frosinone “ebbe un suo ruolo nella vicenda della unificazione nazionale – nulla di trascendentale, beninteso – che, però, in questo secolo e mezzo, o giù di lì, sembra non aver meritato adeguata considerazione.”
Se vogliamo, “una parentesi tutt’altro da disprezzare a prescindere, naturalmente, da quel deprecabile fenomeno che fu un certo tipo di brigantaggio che in questo territorio, salvo qualche rarissima eccezione, si manifestò, specialmente per via della presenza di un confine di stato, ad alto tasso delinquenziale e, comunque, del tutto privo, checché se ne dica, della benché minima connotazione ideologica.”