Giorno: 24 aprile 2012

24 aprile 2012 0

Si ferma per noie al motore e viene tamponato, feriti due operai a Lanciano

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Si è fermato per controllare noie al motore a Sant’Onofrio sulla strada provinciale che da Lanciano porta ad Atessa e, mentre controllava il guasto, la sua Fiat Uno è stata tamponata da una Bravo. Si tratta di un operaio che, oggi pomeriggio, poco dopo le 17, stava facendo ritorno a casa quando si è acocrto che qualcosa non andava al motore della sua auto. Aveva appena aperto il vano del motore quando l’altra vettura, guidata da un altro operaio che ha sostenuto di essere stato colto da malore, si è schiantato contro la Uno. Entrambi sono stati soccorsi dagli operaoti della Croce Rossa in servizio 118 a Lanciano e trasportati in ospedale dove restano entrambi sotto osservazione anche se le loro condizioni non sono gravi.

24 aprile 2012 0

Candidato al consiglio comunale di Frosinone “Lista per Frosinone” il dott. Paolo Ruggeri

Di admin

Dare una risposta alle reali richieste di assistenza e di servizi dei concittadini è da sempre uno stimolo guida del gruppo che mi sostiene. Un gruppo libero, formato da elementi della società civile, che nel corso degli ultimi anni ha intrapreso e realizzato alcuni progetti culturali a basso costo, patrocinati contiguamente dal Comune e dalla Provincia, con l’obiettivo dichiarato di spezzare l’immobilismo e l’abbandono dimostrato dalle Amministrazioni locali e rigenerare il tessuto comunicativo di tutta la realtà ciociara attraverso la cultura che la contraddistingue. Questo gruppo, oggi, vuole affrontare una nuova sfida per contribuire a riorganizzare le risorse della città.

La nostra Città capoluogo, anche dopo aver ascoltato i confronti televisivi tra i candidati sindaco, viene descritta da tutti gli schieramenti, come un Comune che deve affrontare la sfida di adeguare le propie strutture al futuro prossimo. Citando le parole del sindaco uscente, il risultato della stima riferita al traffico veicolare complessivamente si aggira ad un totale di circa 80/130.000 persone, transitanti per flusso lavoratori, etc., significando di fatto, anche se tardivamente dalla giunta, la reale capacità funzionale della “CITY” ciociara. Tale fenomeno è indicativo del fatto che Frosinone è il fulcro di un vasto Hinterland, la sua nuova Amministrazione Comunale deve dunque farsi faro, e fungere da guida dell’unione tra i comuni limitrofi per la creazione di una nuova Città Intercomunale della Valle del Sacco. Alla luce di queste considerazioni vogliamo ribadire che in futuro questa città dovrà essere d’esempio virtuoso e creare una nuova linea di sviluppo condivisibile con le amministrazioni esterne: si vede necessario un progetto che garantisca una commissione ad acta per la riorganizzazione e la ricerca, volte alla sperimentazione di nuove risorse e di nuovi cicli economici sostenibili.

Per compiere uno sviluppo concreto, Frosinone deve tentare di risorgere come il polo della provincia. Dovrà essere ampliata l’offerta formativa ai giovani anche attraverso la creazione di nuovi corsi universitari, affidando le opere ritenute necessarie alla nuova organizzazione urbana, anche agli stessi ragazzi-competenti-studenti del territorio. Tutto ciò al fine di svolgere ricerche nell’area comunale per ogni diverso problema segnalato dai cittadini e condiviso dall’amministrazione, dalla medicina all’agricoltura, dall’ambiente all’energia, etc. Attraverso la realizzazione di progetti condivisi, anche le associazioni potranno contribuire alla messa in opera di nuove offerte di servizi per i cittadini prestando la propria opera volontaria all’interno dei vuoti organizzativi (ospedali, musei, enti di ausilio ai disabili, uffici pubblici, etc…), nelle strutture destinate alla salvaguardia dei diritti dei cittadini e alla tutela dei più deboli.

Ad esempio, riguardo la necessaria riorganizzazione comunale, il mio gruppo propone di affidare alle associazioni no-profit le sedi inutilizzate delle 3 circoscrizioni comunali, per la realizzazione di una forte connessione tra tutte le risorse disponibili sul territorio (come gia fatto in altri comuni ciociari); in questo modo sarà possibile assistere le fasce più deboli della cittadinanza anche nel tessuto urbano. Unendo le competenze di lavoratori specializzati nel settore socio-sanitario, messi a disposizione dall’ASL, con i volontari e gli studenti/tirocinanti, al fine di costituire alcuni “punti salute” presso ogni circoscrizione.

Con la stessa modalità di attivazione no-profit potrebbero essere istituiti “punti bimbo” a giorni alterni. Ove ospitare bambini per i quali realizzare progetti per l’educazione alla musica ed al rispetto della tradizione e dell’ecologia. Lo scopo è quello di aumentare la capacità comunale di assistenza ai cittadini, di produrre benessere ed infine, di abbassare i costi agli utenti.

Dott. PAOLO RUGGERI

24 aprile 2012 0

Si schianta con la moto in centro a San Salvo, muore giovane centauro

Di redazione

Antonello Di Rito, 23 anni di San Salvo, è morto questa notte in seguito ad un incidente stradale. Il sinistro è avvenuto in via Garibaldi, un strada centralissima che il centauro stava percorrendo in sella alla sua Kawasaki 750 che, per fatalità, si è schiantata contro un’Alfa 166. Il giovane è stato trasportato con un’ambulanza del 118 all’ospedale di Vasto ma la corsa è stat inutile dato che il 23enne è deceduto qualche ora dopo. Undramma che ha toccato l’intera cittadinanza in cui si sta svolgendo la campaga elettorale per il rinnovo dell’amministrazione. C’è chi, stamattina, ha propoisto di sospenderla per un giorno in segno di lutto.

24 aprile 2012 0

Bulli a scuola, denunciati quattro minorenni di Arce

Di redazione

I carabinieri di Arpino hanno denunciato in stato di libertà quattro minorenni per lesione personale in concorso. Le indagini sono scattate in seguito alla denuncia presentata dai genitori di un altro minorenne che sosteneva di essere oggetto di atti di bullismo all’interno della sua scuola. Il lavoro investigativo ha permesso ai militari di accertare episodi di bullismo avvenuti, dall’ottobre 2011 al febbraio 2012 all’interno di della scuola arpinate che i minorenni frequentano. Il ragazzino, in seguito alle malefatte, aveva subito anche lesioni.

24 aprile 2012 0

Diffama il sindaco di Arce utilizzando Facebook, denunciato un 42enne

Di redazione

Una indagine informatica ha permesso ai carabinieri della stazione di Arce di denunciare un uomo originario di Arce, ma residente in provincia di Udine, per diffamazione aggravata e sostituzione di persona. Gli accertamenti hanno permesso di verificare che il 42enne poi denunciato, utilizzando dati anagrafici di una persona fisica inesistente, ha creato sul social network facebook un profilo denominato “Arce Trasparente” ove, nei confronti del sindaco pro-tempore del Comune di Arce, il 10 aprile ha pubblicato espressioni diffamatorie relative a presunte condotte clientelari riconducibili ad assunzioni presso locali supermercati.

24 aprile 2012 0

Asl Lanciano Vasto Chieti, votate le terne dei Direttori dei Dipartimenti unitari

Di redazione

Nella Asl Lanciano Vasto Chieti arrivano i Dipartimenti unitari indicati nel nuovo Atto aziendale, che segnano un processo di partecipazione attiva e diretta di medici, infermieri, tecnici e amministrativi alle scelte della Direzione generale. A fine marzo sono stati eletti i componenti dei Comitati di Dipartimento che, in questi giorni, si sono riuniti per votare e indicare le terne di nomi tra i quali il Direttore generale, Francesco Zavattaro, sceglierà e nominerà i Direttori dei Dipartimenti. «Si tratta – spiega il manager – di un ulteriore tassello nel processo di organizzazione della nuova Azienda nata dalla fusione tra le due ex Asl di Lanciano-Vasto e di Chieti, avvenuta il 1° gennaio 2010. Insieme ai Direttori delle unità operative complesse sanitarie, eletti nelle terne, ci stiamo già confrontando in un evento, della durata di due giorni, sotto la guida del professor Roberto Vaccani, docente di Organizzazione e Personale alla SDA Bocconi School of Management. E’ l’occasione per condividere gli obiettivi da raggiungere e per fare in modo che tutti i candidati prendano piena coscienza delle linee operative che l’Azienda seguirà nell’immediato futuro, attraverso un confronto serrato». Questi i nomi degli eletti nelle terne per ciascun dipartimento: Dipartimento Medico: Franco Cuccurullo, Fernando De Benedetto, Filippo Salvati. Dipartimento Chirurgico: Paolo Innocenti, Lorenzo Mazzola, Carlo Manieri. Dipartimento Cuore: Francesco Spigonardo, Filoteo Gaeta, Giovanni Scipioni. Dipartimento Emergenza e accettazione: Antonio Caporrella, Antonio Iacovella, Lorenzo Russo. Dipartimento Oncologico: Stefano Iacobelli, Antonio Nuzzo, Giuseppe Pizzicannella. Dipartimento Materno infantile: Francesco Chiarelli, Valerio Flacco, Antonio Di Francesco. Dipartimento Prevenzione: Raffaele Sebastianelli, Mario Olivieri, Giuseppe Torzi. Dipartimento Radiologia e radioterapia clinica: Giampiero Ausili Cèfaro, Antonio Cotroneo, Antonio Marulli. Dipartimento Salute mentale: Nicola Carlesi, Massimo Di Giannantonio. Dipartimento Governo dei rapporti istituzionali e amministrazione: Walter Russo, Manuela Loffredo, Stefano Spadano. Dipartimento Governo dei contratti e servizi logistici: Pierluigi Galassi, Filippo Manci, Vito Bucciarelli.

24 aprile 2012 0

Il MS-FT indignato per l’approvazione del registro delle unioni civili a Cassino. “Ci sono cose più importanti da fare”

Di redazione

L’apporovazione da parte del Consiglio comunale di Cassino del Registro delle Unioni Civili ha provocato la dura replica anche di Francesco Velardo, Dirigente cittadino della Fiamma Tricolore di Cassino, il quale in una nota stampa dice: “Con poca democrazia la settimana scorsa è stata approvata dal consiglio comunale, la proposta avanzata dall’esponente dell’ IDV Igor Fonte, il registro delle unioni civili. Tale registro fortemente voluto dalla attuale giunta comunale, solo ed esclusivamente utile per garantirsi ancora più voti, puntando sulla debolezza di persone che fin’ora non si sono esposte nel territorio Cassinate. Provo profonda indignazione al riguardo – denuncia l’esponente del Movimento Sociale Fiamma Tricolore di Cassino- A Cassino non abbiamo visto ancora netti cambiamenti riguardo strade, segnaletiche sia orizzontali che verticali, opere pubbliche di vario genere e, non per venire meno, opere riguardanti la sicurezza e l’ordine della nostra città. Città che ha votato la giunta attuale, dopo una estenuante campagna elettorale fatta di idee e parole che alla data di oggi non sono state ancora portate a termine. Abbiamo strade distrutte, segnaletica carente perfino su strade che definisco pericolose, come ad esempio svincoli e corsie di immissione, semafori che non funzionano, vigili ben poco presenti sul territorio o a volte assenti nel momento del bisogno. Non è questo che si aspettavano le persone che si sono presentati alle urne e che hanno espresso il loro voto alla attuale giunta, mi rivolgo al Sindaco e al consigliere dell’ IDV, la popolazione del Cassinate si aspettava miglioramenti con la vostra presenza al comune, ma a quanto pare sembra che avete ben’ altro in mente. La sola preoccupazione della giunta è stata di istituire il registro in questione per dare pari diritti alle coppie cosiddette di fatto, venendo meno alle promesse argomentate nei comizi durante il periodo elettorale, adesso crediamo sia ora di dare una svolta anche perché c’è necessità rimettere in moto la macchina economica della nostra città. La priorità adesso spero sia di inserire più vigilanza nelle strade, se possibile di giorno e di notte, assumendo nuovi vigili urbani senza ricorrere a richieste stupide come il possesso della patente di tipo “A” che credo sia superfluo, dato che il Comune non dispone di motocicli. Sistemare e rendere di nuovo percorribili le strade come via arigni che da anni è distrutta come anche via lombardia dove sono ancora presenti radici di alberi che in passato sono stati già eliminati in quel tratto, sistemare i marciapiedi che puntualmente sono dissestati nelle zone decentrate del comune, dare più visibilità alle opere storiche promuovendo visite ai monumenti storici, in collaborazione con le scuole, sperperando il meno possibile quei pochi soldi rimasti nelle casse del comune. In questa sede di dibattito – conclude Velardo – mi rivolgo all’esponente dell’IDV Igor Fonte, con l’inserimento della nuova tassa, la IMU BIS, che dovrebbe far rientrare nelle casse del comune non pochi soldi, si potrebbero effettuare opere per il rilancio della nostra città”.

24 aprile 2012 0

Truppa (Cgil): “Aumentano a dismisura le ore di cassaintegrazione e diminuisce il reddito delle famiglie nella nostra provincia”

Di redazionecassino1

La richiesta della Cassa Integrazione a Marzo e’ il peggiore dato degli ultimi dodici mesi, in questo mese si sono riconfermati tutti i segnali negativi è aumentata la disoccupazione un interminabile susseguirsi di lavoratori che nell’imprese individuali stanno perdendo il posto di lavoro in Provincia di Frosinone.  Il rapporto delle ore di cigo da gennaio a marzo 2012 rapportati con i corrispettivi mesi gennaio marzo 2011 vedono un aumento di circa il 300% si passa dalle 455698 del 2011 al 1749277 del 2012, la cigs rimane costante altissima pari a 1718833 ore; la somma delle ore ci consegna  un dato eclatante una persona su tre nel settore privato ha avuto nei primi tre mesi dell’anno almeno un periodo di cig.  I settori più colpiti il metalmeccanico che passa complessivamente da 368767 a 1142597 ore di cig,  l’edilizia che passa da 199416 a 379630 ore ed il commercio che passa da 142962 a 355103 ore.  Il PIL della nostra Provincia può aumentare solo se aumenta la domanda e l’utilizzo degli ammortizzatori sociali nei primi tre mesi hanno determinato una decurtazione di circa 18 milioni di euro nei redditi delle famiglie che vivono di salario. E’ evidente che quanto accaduto ha determinato un’ ulteriore depressione dell’economia del territorio, il mercato ha rinunciato ad una somma equivalente di mancato consumo di beni e servizi oltre alla quota che manca al fisco e che ricade di nuovo su chi le tasse e questa crisi la sta duramente pagando. Per questo la CGIL continua a dire che vi è la necessità di fare partire politiche di rilancio economico, sorreggere le aziende con il credito, sostenere la domanda di beni e servizi e tentare di uscire da questa spirale negativa. Non abbiamo certo bisogno che ce lo dica la Corte dei Conti che questo andazzo non può reggere e che non è più possibile tassare solo i redditi da lavoro e da pensione, quindi far pagare sempre gli stessi.  La CGIL a questo Governo che professa l’equità dice che è ora di introdurre  la patrimoniale e far pagare chi i soldi ce li ha e di solito è anche chi li ha accumulati con la grande evasione fiscale.  Se questo non sarà attuato è evidente che non possiamo sottacere alle regole tecnocratiche di questo Governo impartire dalla BCE e andremmo in piazza attraverso lo Sciopero Generale per far ripartire l’economia e preservare lo stato sociale di quelle persone più colpite dalla crisi

24 aprile 2012 0

De Angelis (Pd): “Videocoon, convocare subito il tavolo di crisi”

Di redazionecassino1

“Non c’è tempo da perdere, bisogna convocare immediatamente il tavolo di crisi al Ministero”. Questo il primo commento dell’europarlamentare Francesco De Angelis dopo il parere negativo espresso dal commissario giudiziale Caifa sul concordato preventivo proposto dalla VDC Technologies. “A questo punto – prosegue De Angelis – per scongiurare l’ipotesi del fallimento bisogna attivarsi al più presto per riconvocare il tavolo di crisi presso il Ministero e valutare tutte le possibili soluzioni, considerando l’interesse generale che la fabbrica riveste per il territorio. Bisogna verificare se c’è la possibilità di investimento da parte di imprenditori disponibili,  puntando su un impianto orientato al lavoro e sulla reindustrializzazione vera dello stabilimento. Serve una discussione profonda con tutte le istituzioni in campo: comune,  provincia, regione, ministero e forze sindacali per fare il punto sulla situazione e individuare le possibili soluzioni per il futuro”.

 

 

 

24 aprile 2012 0

Montino (PD): “Chiusa la piazzola al San Camillo per le eliambulanze. I grandi ospedali del centro non hanno le basi”

Di redazionecassino1

La piazzola per l’eliambulanza del S. Camillo, sede di uno dei dipartimenti d’emergenza piu avanzati del sistema sanitario del Lazio è chiusa. Di fatto non funziona dallo scorso 14 dicembre. Riaperta per un breve periodo è di nuovo off-limits. In compenso funziona quella del Cto, ospedale picconato dai decreti Polverini e senza pronto soccorso. Un paradosso che fotografa con estrema nitidezza la sfascio in cui versa il sistema d’emergenza regionale. Nessuno dei grandi ospedali regionali al centro di Roma ha l’area per le eliambulanze. Il piazzale davanti al S. Giovanni che per anni è stato utilizzato come base , è stata interdetto per motivi di sicurezza, il S. Eugenio centro di riferimento per tutto il centrosud italia per i grandi ustionati, ne è sprovvisto. Il Policlinico Umberto I per l’atterraggio delle eliambulanze utilizza l’area della caserma adiacente Di fatto nell’’area centrale di Roma e soprattutto negli ospedali piu importanti quelli dove vengono garantiti gli interventi di maggiore complessità, si arriva solo via terra, dopo trasbordi da un ospedale all’altro nel traffico della Capitale. All’Ares manca il personale ma la Regione blocca i trasferimenti degli operatori che lavoravano negli undici pronto soccorso chiusi. Intanto da circa un mese l’assessorato regionale tiene nel cassetto la nuova convenzione con la Croce Rossa italiana che, però, da quanto sembra , già dai prossimi giorni diverrà operativa. Credo non sia piu rinviabile aprire una grande vertenza cittadina e regionale sul sistema d’emergenza regionale Dopo due anni di cura Polverini è in ginocchio. Ridotto al fantasma di quello che era solo 24 mesi fa. Ormai piu che interventi di soccorso l’Ares a Roma e nel Lazio è ridotta a fare semplici servizi di trasporto.