Giorno: 25 aprile 2012

25 aprile 2012 0

Costringe la sua compagna a prostituirsi, 47enne di Ferentino in manette

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Costringeva la sua compagna a prostituirsi e, per questo, i la scorsa notte, i carabinieri di Ferentino, a conclusione di intensa attività investigativa, hanno arrestato I.T., 47enne già noto alle forze dell’ordine. Il reato che gli è stato contestato è il “favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione”. I militari hanno accertato che il 47enne costringeva la convivente 35enne a prostituirsi in via ASI. Nella circostanza è stata sequestrata la somma di 200 euro. L’arrestato ad espletate formalità di rito è stato associato presso la Casa Circondariale di Frosinone.

25 aprile 2012 0

Servizio di teleassistenza per malati di Alzheimer, ad Ortona parte la sperimentazione

Di redazione

Partirà ad Ortona in via sperimentale per tre malati dell’Ente d’Ambito Sociale n.28 un servizio di teleassistenza che permetterà, attraverso un dispositivo elettronico, di monitorare gli utenti scelti anche al di fuori del proprio ambiente domestico. L’ampia e crescente diffusione nella popolazione del morbo di Alzheimer, l’assenza di una valida terapia, e gli enormi impatti in termini di risorse necessarie, emotive, organizzative ed economiche, che ricadono sui familiari dei malati, la rendono oggi una delle patologie a più grave impatto sociale. Utilizzando un apparecchio, dotato di localizzatore GPS, l’operatrice del Call Center Lineaperta, azienda del dispositivo che collabora con l’Ambito, è in grado di individuare con estrema precisione la posizione dell’utente sia nel caso in cui questi esca da un perimetro di sicurezza preimpostato, sia in caso di richiesta di aiuto lanciata direttamente dallo stesso, tramite l’apposito pulsante di emergenza. In entrambi i casi l’operatrice provvede ad allertare gli aiuti più idonei ed efficaci fornendo tutte le indicazioni necessarie a raggiungere il luogo in cui si trova l’utente. In Collaborazione con l’ambulatorio psicogeriatrico del Centro di Salute Mentale e il Distretto Sanitario di Ortona, si è attivato in via sperimentale questo servizio rivolto ai pazienti alzheimer di grado lieve/moderato. Sono stati individuati 3 pazienti con una buona rete familiare, ma già nei prossimi mesi si incrementerà il numero), con i quali è stato realizzato un colloquio congiunto tra la psicologa Dott.ssa Sensi dell’ambulatorio psicogeriatrico, l’Assistente Sociale Pennatini Coordinatore di Area dell’EAS, il Responsabile della società Lineaperta Dott. Bove per la raccolta dei bisogni al fine di personalizzare il dispositivo con le funzioni che risultano più efficaci. Successivamente presso al domicilio dell’utente si è definito il perimetro di sicurezza per permettere l’impostazione del localizzatore GPS. Sempre per gli utenti affetti da Alzheimer il Piano di Zona aprirà nella sede del Centro Socio-Educativo di Fontegrande un Caffè Alzheimer, contesto in cui malati e familiari, assistenti e volontari possono incontrarsi, bere un caffè insieme e, sotto la guida di uno o più esperti, ricevere informazioni e scambiarsi esperienze. Un’atmosfera rilassata tra persone coinvolte nello stesso problema aiuta a uscire dal tabù che spesso circonda la malattia: per il familiare è importante parlare con persone competenti da cui ricevere indicazioni su come comportarsi, sulle possibili forme di assistenza e sul significato della malattia. L’Ente di Ambito sociale offre ai propri utenti anche il servizio di Teleassistenza, rivolto alle persone anziane parzialmente non autosufficienti e privi di supporto parentale. Gli utenti hanno accesso ai servizi attraverso un numero verde, 8002828, totalmente gratuito con il quale prenotare la prestazione anch’essa completamente gratuita. Gli anziani attraverso questo servizio possono, inoltre, chiedere il telespesa, pagamento di bollette e ritiro ricette mediche, consegna farmaci a domicilio, telefono amico. Da tempo è attivo anche il servizio di Telesoccorso per gli anziani che vivono in solitudine, nato per garantire la serenità e la sicurezza domiciliare con la certezza di poter chiedere e ricevere aiuto in situazioni di difficoltà. Il servizio garantisce pronta assistenza in ogni momento della giornata o della nottata e per qualsiasi problema: salute, solitudine o pericolo imminente, e l’eventuale soccorso dagli organi deputati al pronto intervento. L’utente viene fornito di un’unità domiciliare e di un radiocomando collegato alla linea telefonica che attiva, in caso di necessità, i soccorsi. La Centrale Operativa è attiva H24 e offre anche la possibilità di conversare, svolge una funzione di stimolo alla socializzazione, spesso si rivela per l’utente l’unica occasione di evasione dalla solitudine. Gli utenti in attivo sono 70 in tutto l’ambito. Oltre ad aver soccorso numerosi anziani da malori attivando i mezzi di emergenza, nel mese di gennaio è stato sventato un tentativo di furto presso l’abitazione di due anziani di una contrada isolata, grazie alla sinergia con le forze dell’ordine che sono intervenute prontamente.

25 aprile 2012 0

I timori dell’Aidaa per i gatti neri nella notte di Satana

Di redazione

L’associazione animalista Aidaa teme una strage di gatti neri nella notte di Valpurga, tra il 30 aprile e il primo maggio, in cui sono soventi riti particolari di tipo satanista. “La notte che congiunge le giornate del 30 aprile e del primo maggio – si legge in un comunicato Aidaa – è nota nel mondo satanista ed esoterico per essere la notte di Valpurga onosciuta in tedesco come Walpurgisnacht, è una festa di celebrazione della primavera, tipica delle regioni centrali e settentrionali d’Europa. Celebrata tra il 30 aprile ed il 1º maggio tramite canti, balli e falò, assume diversi significati a seconda delle differenti tradizioni e culture dei Paesi presso i quali è celebrata. I satanisti laveyani considerano la notte di Valpurga sacra proprio per il Walpurgisnacht, come dichiarato da Anton LaVey (le tre feste “sacre” del satanista sono il proprio compleanno, halloween e appunto il Walpurgisnacht). Nel corso di quella notte infatti alcuni gruppi satanisti che fanno riferimento alla chiesa satanica di La Vey e gruppi esoterici che invece rivivono quella notte secondo la tradizione tedesca che la consacra come la notte delle streghe celebrano diversi riti che prevedono anche il sacrificio di animali ed in particolare gatti neri, giovani bovini , capre e più in generale giovani ovini. Come è risaputo gli animali destinati al sacrificio devono arrivare nelle mani delle sette solo pochi giorni prima della notte di Valpurga. In questi giorni sono diversi gli appelli apparsi sui siti internet e nei social network per mettere in guardia specialmente i proprietari di gatti neri, ma anche i volontari ed i rifugi che si occupano di adozioni ad evitare comunque di dare in adozione gatti neri in questa settimana, perché il rischio che oltre ad Halloween anche la prossima settimana alcune centinaia di loro siano sacrificati anche in Italia è tutt’altro che da sottovalutare. Da qui anche l’appello di AIDAA ad evitare in questi giorni di dare in adozione gatti neri specialmente se giovani e lo stesso vale per coloro che si rivolgono agli allevatori per comperare giovani capretti che possono essere destinati al sacrificio a Satana. AIDAA da sempre si occupa di monitorare e denunciare il fenomeno dei rapimenti dei gatti neri al fine sacrificale, e da sei anni il 17 novembre celebra con altre associazioni la giornata di tutela del gatto nero e nonostante rispetto a qualche anno il fenomeno dei gatti neri rapiti è drasticamente diminuito, vale la pena comunque mettere in guardia da possibili rischi di sparizione di gatti neri proprio nei giorni che si concentrano da domani fino a domenica. AIDAA pur senza creare allarmismo mette a disposizione il suo servizio di consulenza telefonica ai numeri 3926552051 e 3478883546 per eventuali richieste di informazioni e per segnalazioni di sparizioni singole o collettive di gatti neri che possano avvenire in questi prossimi 5 giorni”. Foto Ermanno Amedei

25 aprile 2012 0

Incontro di calcio (e di boxe) tra Roccasecca e Borgo Podgora, quattro feriti

Di redazione

Quattro feriti, questo è il bilancio dei tafferugli che si sono verificati oggi, prima della partita di calcio del campionato di Eccellenza Girone B, tra Roccasecca e Borgo Podegora. Tra le tifoserie, ma anche tra i giocatori, c’erano vecchie ruggini e oggi pomeriggio sono riemerse in scontri che hanno costretto anche a ritardare l’incontro. Coinvolti anche i giocatori all’interno degli spogliatoi e in prossimità dei pullman. Quattro tifosi si sono fatti refertare in ospedale a Cassino per lievi traumi. Quando la partita sembrava a rischio di rinvio, il Prefetto ha ordinato invece che si giocasse e ha fatto arrivare al campo di Calcio di Roccasecca un cospicuo rinforzo delle forze dell’ordine. La partita, quindi, si è svolta senza altri problemi. Ermanno Amedei

25 aprile 2012 0

Un fiume di gente alla XXII edizione della Maratona di Primavera di Cassino

Di redazione

La maratona dei record. In migliaia, grazie anche alle favorevoli condizioni metereologi che, hanno preso parte alla 22^ edizione della maratona di primavera organizzata dal centro universitario sportivo. In tuta e scarpette, dalle 9 di ieri mattina, centinaia di famiglie si sono ritrovate per partecipare alla corsa di 6 km che ha attraversato il centro cittadino. Alla testa del corteo che è partito alle 10:45 dalla villa comunale: il sindaco Petrarcone, il presidente del Consiglio regionale Mario Abbruzzese, il leader dell’assise civica Marino Fardelli, don Luigi Bussolo, il rettore dell’Università – con famiglia al seguito – Ciro Attaianese, i consiglieri comunali Danilo Picano e Antoinè Tortolano, l’assessore allo sport Danilo Grossi, il delegato ai tributi Enzo Salera e il presidente dell’ordine forense Giuseppe Di Mascio.

Nel lunghissimo corteo centinaia e centinai di bambini di tutte le scuole di Cassino e del territorio: in 4 mila circa hanno preso parte all’evento facendo registrare un’adesione e una partecipazione di gente mai vista negli anni precedenti. Nel pomeriggio la festa è continuata con la partecipazione degli artisti di strada e – novità assoluta – “zumba party” a cura di Sabrina Di Russo, Pasquale Vita e la docente dell’ateneo cassinate Alessandra Zanon. I bimbi del 2° circolo didattico si sono aggiudicati il trofeo “Pietro De Feo”, uno dei padri dell’atletica in provincia di Frosinone, scomparso il 9 ottobre del 2005. Al secondo posto gli alunni della scuola San Benedetto accompagnati da Suor Giovanna, una delle “madri” della maratona di primavera. Sul podio anche il primo circolo. Premiati poi gli alunni del terzo circolo, scuola media Di Biasio, Diamare-Conte, Stigmatine e il gruppo di giovani dell’associazione Vita Attiva.

25 aprile 2012 0

Abbruzzese alla XXII Edizione della Maratona di Primavera di Cassino

Di redazione

“La Maratona di Primavera è un appuntamento molto atteso da tutti i cittadini del Cassinate, una grande festa delle famiglie che, da oltre venti anni, scendono in strada per condividere, in un clima di grande amicizia, i valori di pace e fratellanza, in concomitanza con la Festa della Liberazione. L’evento, promosso dal Centro Universitario Sportivo, ha saputo conservare quello spirito di aggregazione che di anno in anno si è consolidato nell’attività sportiva”. Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio, allo start della XXII edizione della Maratona di Primavera. “Rivolgo la mia gratitudine – ha aggiunto Abbruzzese – al presidente del Cus Cassino, Carmine Calce, al magnifico rettore Ciro Attaianese e a tutte le persone che si sono adoperate per la buona riuscita di questo evento, entrato a far parte della tradizione della nostra Città. Il mio auspicio è che la Maratona di Primavera possa continuare a crescere coinvolgendo sempre più i giovani e i giovanissimi. Come presidente del Consiglio regionale del Lazio continuerò ad impegnarmi a sostegno del mondo dello sport. A dimostrazione di questo, solo pochi giorni fa siamo riusciti, con un finanziamento regionale, ad installare il nuovo parquet del Palazzetto dello Sport di via Appia, struttura oggi a disposizione dei giovani atleti di Cassino”, ha concluso Abbruzzese.

25 aprile 2012 0

Fiamme nel garage di una villa ad Aquino; i pompieri hanno evitato che l’incendio si propagasse

Di redazione

L’allarme incendio è scattato alle quattro del mattino quando, in una villetta nell’immediata periferia di Aquino, questa notte, è andato a fuoco un garage che conteneva mobilio e un congelatore. Pare che la scintilla che ha innescato il rogo sia partita proprio dal corto circuito del congelatore. Le fiamme in poco tempo hanno avvolto tutto quello che arredava la stanza e se i vigili del fuoco di Cassino non fossero intervenuti per tempo, l’incendio si sarebbe propagato anche ad altri locali della casa in cui abita una giovane famiglia. Alla fine è andata distrutto qualche mobile e il congelatore mentre le mura della stanza ed anche quelle dei locali vicini, sono rimaste annerite. Er. Amedei

25 aprile 2012 0

Si schianta con l’auto a Cervaro, esce indenne dai dai rottami

Di redazione

Complice la pioggia ma anche la velocità sostenuta, questa notte, un giovane neopatentato alla guida di una Golf ha perso il controllo della vettura uscendo di strada e capottando più volte sulla via Casilina tra Cervaro e San Vittore del Lazio. Quasi un miracolo che sia uscito illeso dai rottami di quella che era la sua auto. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Cassino che hanno messo in sicurezza l’auto. Er. Amedei

25 aprile 2012 0

Piazza Garibaldi e dintorni: il pessimo biglietto da visita della città!

Di redazionecassino1

Avevamo segnalato già qualche settimana fa dello stato di degrado in cui versano i marciapiedi di piazza Garibaldi. Il loro stato pessimo di manutenzione era costato una caduta e la necessità di cure al Pronto soccorso dell’ospedale S. Scolastica per un’anziana signora, ma lo stato intero della piazza e le vie di accesso ad essa è davvero disastroso. Andiamo con ordine. La rotatoria di via Garigliano e tutta la strada è cosparsa di buche, le aiuole, affidate alla cura di volontari e associazioni  del posto, versano in uno stato pietoso, erba alta, cani randagi che sostano pericolosamente ovunque per auto, moto, bici e passanti. Persino le bandiere sono sparite dai pennoni posti al centro dell’aiuola. Una vistosa buca, pericolosissima per ciclomotori, biciclette e moto, da tempo fa ‘brutta mostra’ di sé al centro della strada, senza contare il pessimo stato del manto stradale, soprattutto in prossimità delle riparazioni delle perdite d’acqua rattoppate nei mesi passati e mai asfaltate. Ma veniamo alla piazza, in particolare, dove il degrado non risparmia nulla. Dagli scarichi dell’acqua piovana, a quel che resta delle fioriere, alle erbacce nelle poche aiuole presenti. Certo un pessimo biglietto da visita per i turisti o i viaggiatori che raggiungono la nostra città in treno. Se si aggiungono le auto perennemente in divieto di sosta e di fermata ed il caos del traffico nelle ore di punta di arrivo o partenza dei treni si può dire che la misura è davvero colma! Ma non basta, possiamo ancora aggiungere che l’orologio è fermo da anni, ormai, che all’interno della stazione ferroviaria il quadro informativo sui treni in partenza e in arrivo è fermo da tempo immemorabile. Da ciò ne viene fuori un quadro davvero di desolante abbandono che non fa onore a questa città. Infine qualche accenno non può mancare allo stato pietoso in cui versa il parcheggio sotterraneo dove le infiltrazioni di acqua non si contano ed il degrado, la sporcizia e l’incuria  non hanno limiti. Bene, anzi no male, la cronaca della situazione è tracciata, purtroppo. Sarebbe ora che si intervenisse per in modo energico e definitivo per ridare a piazza Garibaldi, fondamentale per la città, il giusto decoro e dignità che merita, non fosse altro per rispetto di tutti gli abitanti, ai commercianti della zona e dei viaggiatori, turisti o pendolari che siano, che la utilizzano a vario titolo!

F. Pensabene

Foto: A. Ceccon

           

25 aprile 2012 0

Cassino Autostrade, riduzione di orario e licenziamenti in arrivo

Di admin

Dall’A.S.La COBAS riceviamo e pubblichiamo:

Sono 12 i Lavoratori e le Lavoratrici, dipendenti della Italia Service SRL, addetti alle pulizie dei caselli e degli uffici, delle Autostrade per l’Italia SPA di Cassino, che hanno ricevuto la lettera di licenziamento con decorrenza dal 30 aprile prossimo.

Le prospettive future per questi dipendenti sono drammatiche, poichè dal 1 di aprile se vogliono continuare a lavorare dovaranno accettare un nuovo contratto, alle dipendenze del Gruppo B & C di Milano, azienda che subentra nell’appalto delle pulizie, che prevede una decurtazione delle ore di lavoro del 40%.

Sono anni che a questi dipendenti, ad ogni cambio di appalto , viene ridotto l’orario di lavoro.

Infatti, fino a 6 anni fa avevano un rapporto di lavoro a tempo pieno per 40 ore settimanali.

Successivamente fu a loro ridotto l’orario di lavoro del 35%.

Attualmente sono dei lavoratori part- time , alcuni con un orario di 18 ore settimanali.

Con l’ulteriore decurtazione del 40% dell’orario settimanale li renderebbe quasi “invisibili”.

Quello che sta tentando di mettere in atto il Gruppo B & C di Milano è un abuso vero e proprio, in quanto l’articolo 6 del Contratto Nazionale pulizie prevede espressamente che nei cambi di appalto i dipendenti debbano essere assunti alle condizioni del precedente rapporto di lavoro.

L’A.S.La COBAS di Cassino ha chiesto un incontro urgente con l’azienda per individuare congiuntammente una soluzione.

Anche la Fiscasat.Cisl, altro sindacato presente, oltre ha richiesto un incontro.

L’Azienda ha risposto alle organizzazioni Sindacali che non intende inviare un proprio incaricato a Cassino e eventuali incontri si dovranno espletare presso la loro sede di Milano.

Inoltre fanno sapere che non intendono incontrare nemmeno i Lavoratori e le Lavoratrici, e che le comunicazioni con i loro dipendenti, anche in altri appalti, avvengono solo ed esclusivamente a mezzo posta.

E’ un modo a dir poco anomalo la gestione delle relazioni con i sindacati e con i dipendenti .

L’Azìenda Milanese, contattata anche telefonicamente, fa sapere che ha inoltrato a mezzo raccomandata , a tutti gli addetti sull’appalto, il contratto di lavoro individuale che prevede la decurtazione delle ore del 40%.

Pretende “con arroganza” che se entro 48 ore le proposte di assunzione non saranno sottoscritte e reinviate per posta a Milano, gli addetti saranno esclusi dall’appalto e provvederanno ad assumere altro personale.

Tutto questo sarebbe illgittimo !

Non possono venire da Milano pre farsi le regole da soli.

Il contratto collettivo Pulizie prevede espressamente che non possono assumere altri dipendenti e si devono attenere ai contratti precedenti.

L’A.S.La COBAS ha invitato gli addetti e la Fiscasat Cisl ad una mobilitazione comune contro questi abusi.

Dal 1 di maggio i Lavoratori devono essere assunti alle stesse condizioni e non peremetteremo assunzioni di altri dipendenti.

La Società Autostrade per l’Italia è invitata ad intervenire immediatamente e a convocare un tavolo, invitando l’A.S.La COBAS, la CISL e la nuova azienda per individuare una soluzione pacifica della vertenza.

Le Autostrade devono intervenire anche e sopratutto economicamente per evitera decuratazioni si orario agli addetti alle pulizie, perche la crisi non la devono pagare solo i Lavoratori e le Lavoratrici sulla loro pelle.

A.S.La COBAS CASSINO