Caserta, la Guardia di Finanza effettua un maxi sequestro di gpl

19 aprile 2012 0 Di admin

Sequestrate 280 bombole piene di gpl per un peso complessivo di circa 4.800 Kg., un serbatoio e 1.390 bombole vuote per una capacità complessiva di circa 31.000 Kg., nonché una cisterna contenente 700 litri di gasolio per autotrazione. Posti i sigilli al deposito e denunciate due persone. Questo il bilancio dell’operazione condotta dalla Guardia di Finanza a Casagiove (CE).

In particolare, i Finanzieri della Compagnia di Caserta, nell’ambito di un servizio di controllo sulla movimentazione e lo stoccaggio di generi di alta pericolosità e di contrasto del fenomeno dell’illecita detenzione di prodotti petroliferi, hanno scoperto un deposito di gpl, situato nei pressi del centro abitato di Casagiove.

I controlli eseguiti sull’attività commerciale hanno consentito agli uomini delle Fiamme Gialle di accertare che all’interno della stessa, autorizzata solo a detenere un massimo di 5.000 chilogrammi di gpl, erano presenti oltre 1.660 bombole, per una capacità di stoccaggio di circa 35mila chilogrammi di gas propano liquido e, pertanto, in violazione alle norme relative alla sicurezza e alla detenzione di prodotti altamente pericolosi.

La titolare dell’attività commerciale, A. A. di anni 33 di Casagiove, è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per reati che vanno dal possesso di materiale esplodente e infiammabile all’esercizio di attività senza autorizzazione e certificato di prevenzione incendi.

Nell’ambito della stessa operazione di servizio, i Finanzieri hanno rinvenuto, nel cortile di un’abitazione privata confinante con il deposito di gpl, una cisterna contenente oltre 700 litri di gasolio per autotrazione asservita da pistola erogatrice, bombole piene di gpl per un peso complessivo di 50 Kg. e una cisterna vuota da 1.000 Kg., nonché una elettropompa munita dei necessari raccordi e congegni elettrici predisposta per il travaso del prodotto.

Secondo gli inquirenti, in questo momento storico dove il costo del carburante è arrivato alle stelle, i predetti impianti sarebbero serviti a rifornire gli automezzi di gasolio e gpl ad un prezzo più vantaggioso rispetto a quello di mercato.

Anche in questo caso, la proprietaria dell’abitazione, G. I. di anni 77, è stata denunciata a piede libero all’Autorità Giudiziaria.

Le indagini sono tuttora in corso per quantificare il consumo in frode relativo al gpl illecitamente venduto, anche al fine di recuperare alle casse dello stato le somme relative alle tassazioni sulle accise.

L’operazione di servizio che ha visto impegnati i militari della Guardia di Finanza rientra in un contesto più ampio di controlli messi in campo sul territorio per tutelare gli interessi e salvaguardare la salute e l’incolumità dei cittadini.

In questa direzione è quindi orientata l’azione del Comando Provinciale di Caserta che, attraverso continui e mirati controlli, intende prevenire e contrastare il fenomeno dell’illecita detenzione di prodotti petroliferi e di generi ad alta pericolosità.