Giorno: 20 maggio 2012

20 maggio 2012 0

Under 17 Elite/ Fase Finale 2° Turno Gara 3, gli Stucogiocatori dello Scauri centrano la finale regionale

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Basket Scauri – Pass Roma 54-50 I ragazzi dell’Under 17 Élite, magistralmente diretti, in gara 2 e 3, dai coach Stucovitz e Pantalei, dopo 1ora e 35 minuti di battaglia agonistica, sempre estremamente corretta ed agguerrita, conquistano la meritata ed agognata finale regionale regolando il Pass Roma. I ragazzi scauresi partono bene con Di Rocco, Trimmer e Tardivi che trascinano la compagine riuscendo sempre a tenere a distanza gli avversari. Positivo l’inserimento di Conte che fa sentire il peso dei suoi centimetri e infligge due canestri agli avversari. Nel secondo periodo apre le segnature Sfavillante con un tiro dalla distanza, il giocatore scauresi si sacrifica con Pensiero, impagabili, alla marcatura asfissiante su Fowler, con il risultato di imbrigliare ed annullare il pericoloso tiratore avversario. Dopo il riposo lungo, le strigliate per motivare degli allenatori e la pausa rigenerante l’avvio e’ incerto e alla pari, per molto tempo la tensione, gli errori e la paura di commetterli fanno della palla a spicchi qualcosa di cui liberarsi subito, il pubblico e’ in apprensione e quando Tardivi, in post alto si gira ed a memoria brucia la retina avversaria, esplode il palazzetto, i ragazzi scauresi tengono comunque bene i tentativi di rimonta degli avversari con Trimmer e Di Rocco sugli scudi. Il terzo periodo e’ il migliore per gli ospiti, la stanchezza frena i ragazzi scauresi, giustamente, vista la mole di lavoro difensivo, e sembrano dare comunque fondo alle forze residue, riescono comunque a ribattere canestro su canestro, ma le apparenze ingannano perché amministrano il vantaggio preservando le risorse per l’ultimo periodo.Nel contempo il terzo quarto si chiude con la coppia Montesano-Tardivi a segno. Il quarto periodo parte con i padroni di casa che si limitano, seppur con sofferenza, a contenere gli attacchi avversari, restituendo ogni canestro, il duo Montesano- Tardivi capisce che il difensore del play scaurese rimane fermo sui blocchi di questultimo, portati con cattiveria agonistica, e non vi e’ cambio di marcatura ed e’ la parola fine alla partita, infatti si assiste ad una successione i tiri in assoluta libertà, Montesano arricchisce di ben 8 punti il bottino personale nel frangente. Altra nota in evidenza e’ stato il dominio nei rimbalzi, nel periodo di gioco in oggetto, di Trimmer e Tardivi, ne conquistano e strappano sia in attacco che difensivi, che permettono al cronometro di scorrere e di riniziare la manovra d’attacco. Di Rocco approfitta nei periodi di caos e mette a frutto tutta la sua esperienza e competenza nel divincolarsi dai tentativi degli ospiti di fare fallo per riprendere il possesso del pallone dopo i liberi per il “bonus”. Ad 8 centesimi dalla fine del match, con lo Scauri a piu’ 4, il primo arbitro punisce con un tecnico la panchina di Stucovitz per i festeggiamenti anticipati, opinabile o no, non sta a noi deciderlo, poteva riaprire la partita e rimettere tutto in discussione ma Fowler, infallibile ai tiri liberi per tutte e tre le partite commette due errori che chiudono la partita ma di fatto non fanno cambiare il giudizio sul giocatore del Pass Roma positivo e davvero di rara bravura. Analizzando la partita, lo Scauri al completo e’ per certo più squadra, dove le individualità si sacrificano al servizio del collettivo, dove l’interesse e’ del collettivo e si preferisce liberare e dare la palla al compagno e metterlo nelle condizioni di segnare, non c’e egoismo, non esistono entità prevaricanti. Nei momenti clou il collettivo sopperisce alle individualità in affanno, consapevoli che se non si gioca di squadra non ci sarà risultato positivo, questo e’ il pensiero ed il credo di tutti! I ragazzi danno sempre il massimo, non lesinano energie, i coach motivano e supportano, sanno su quali punti insistere per far si che ogni giocatore dia il massimo che può. In panchina ci sono ragazzi che non hanno calcato il parquet neanche per un minuto o sono stati utilizzati per pochi istanti per dar fiato ai loro compagni, non se ne lagnano, anzi, sono proprio loro che cercano di sollevare dallo sconforto un compagno che ha sbagliato il tiro o esultano all’inverosimile, tanto da beccarsi un tecnico quando la loro squadra, loro stessi, stanno per vincere. Sono loro la forza di tutti, loro lo sprono, loro partecipi attivi alle vittorie dello Scauri! Che dire bravi davvero, fondamentali al pari di tutti. Dopo la sirena l’urlo liberatorio, il grido di squadra al centro del campo e il saluto battendo il “cinque” al caloroso e competente pubblico, negli spogliatoi la doccia al coach Stucovitz, che l’ha gradita e forse se l’augurava all’inizio dell’avventura di questo manipolo di canaglie, sempre cestisticamente parlando. Un grazie rinnovato a Nicola Santoro che ha messo insieme questo gruppo di giocatori e che segue sempre con passione, non mostrando comunque mai un emozione, come nel suo stile “germanico” ma che in cuor suo ha sofferto e gioito come non mai, ne e’ assoluta dimostrazione il sorriso e la fierezza con il quale e’ uscito dal Palaborrelli domenica sera. Per dovere di cronaca riporto di sana pianta il messaggio giunto ai ragazzi da parte del grande giocatore internazionale Federico PIERI ” Grandi ragazzi, complimenti a voi e a chi vi sta vicino e vi sostengono. Ora sotto con la finale, e’ ben meritata e ve la dovete godere fino in fondo e fare la storia delle giovanili dello Scauri, VINCENDO!, Sarebbe la mia più grande soddisfazione di questa annata. Sono sempre con voi, VINCETE ANCHE PER ME”. Si va alla finale regionale, si affronta una compagine estremamente forte, si lotterà sino al suono della sirena, i ragazzi porteranno i colori dello Scauri, nonostante la tempesta societaria, dove mai nessuna compagine giovanile era mai giunta, FORZA RAGAZZI,

Parziali: 17-6, 31-19, 42-39 Arbitri: Diamanti (Veroli), Trulli (Anagni) Bk Scauri: Montesano 16, Di Rocco 10, Conte 4, Fiaschini ne, Sfavillante 2, Malfettone ne, Verardi ne, Pensiero 2, Tardivi 9, Trimmer 11, D’Acunto A. ne, D’Acunto C. ne. Pass Roma: Passaretti 8, Fowler 15, Redivo 1, Montebianco 2, Carboni 14, De Franchis G., Lo Conte 2, Crollalanza 2, De Franchis F. 6, Cacioppi.

20 maggio 2012 0

Terremoto in Emilia, ben settanta scosse in 20 ore. Soccorritori da tutta Italia

Di redazione

Sono 70 le scosse di terremoto in meno di 24 ore che compongono lo sciame sismico che sta interessando l’Emilia e parte della Lombardia. L’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia le ha cominciare a registrare da ieri sera con forze comprese tra la magnitudo 2 e la scossa più forte di magnitudo 5.1. In mezzo ci sono sette morti e 3mila sfollati, oltre ad un danno incalcolabile a strutture storico culturali. Al momento si stanno organizzando i soccorsi della protezione civile che ha attinto uomini dei vigili del fuoco dalle regioni vicine, mentre anche dal Lazio colonne mobili sono pronte a partire. L’Abruzzo, che ben conosce il problema del terremoto, ha messo a disposizione uomini e mezzi. Er. Amedei

20 maggio 2012 0

Tentata strage a Brindisi, filmato l’attentatore che aziona il detonatore

Di redazione

Le indagini svolte dagli inquirenti sembrano far breccia nel mistero che avvolge l’efferato atto dall’intenzione stragista che ha visto come scenario ieri, mattina, la fermata di una corriera di studentesse dell’istituto Morvillo Falcone di Brindisi. Nell’esplosione di tre bombole di Gas sistemate in un cassonetto della raccolta differenziata, ha perso la vita una ragazza 16enne di Mesagne e altre sono rimaste ferite alcune il modo molto grave. Nel finesettimana terribile che sta vivendo il Paese anche a causa del terremoto che sta flagellando l’Emilia, ci si è lungamente interrogati su chi potesse avere un interesse in un simile gesto. Molti hanno pensato ad un attentato di matrice malavitosa, ordito dalla Sacra Corona Unita contro le tante iniziative3 a favore della legalità che in quei territori si stanno organizzando, ma gli stessi boss, dai vari carceri in cui sono rinchiusi, hanno rigettato con sdegno l’accusa, altir hanno pensato ad un innalzamento della tensione da parte di gruppi anarchici per destabilizzare il Paese con la, purtroppo nota, strategia del terrore; altri ancora hanno pensato ad una iniziativa di servizi segreti per delegittimare la protesta che si fa forte in Italia. Alla fine, con tutta probabilità si scoprirà che è stato il gesto di uno o al massimo due sconsiderati che, per cause ancora al vaglio degli investigatori, hanno nascosto quelle bombole nel cassonetto per farle detonare con un innesco radiocomandato. Immagini registrate da telecamere a circuito chiuso avrebbero immortalato il momento in cui l’attentatore ha premuto il pulsante del detonatore. In mano alle forze dell’ordine, ci sarebbe quindi un dettagliato identikit e già stamattina ci sarebbero stati due fermi. Insomma, se in Emilia il colpevole di chi ha causato il disastro lo si conosce (il terremoto), a Brindisi si sta lavorando per scoprirlo. Er. Amedei

20 maggio 2012 1

Carambola di auto sull’A1 a Cassino. Coinvolti tifosi diretti a Roma per la Finale di Coppa Italia

Di redazione

Rocambolesco incidente, oggi pomeriggio, sul tratto autostradale Roma Napoli tra i caselli di Cassino e San Vittore del Lazio in direzione nord. Coinvolte nel sinistro quattro auto due delle quali, di tifosi che si recavano a Roma per assistere alla finale di Coppa Italia tra Napoli e Juventus. Si è temuto il peggio e per questo è stato chiesto anche l’intervento di una eliambulanza ma le condizioni dei feriti, almeno quattro, non erano gravi come si temeva e, per questo, il velivolo è stato fatto rientrare. I feriti sono stati trasportatio in ospedale a Cassino. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Cassino che hanno messo in sicurezza le auto permettendo così ai mezzi meccanici di rimuoverle e riaprire la circolazione. In pochi minuti di chiusura del tratto, infatti, si sono creati almeno tre chilometri di coda. Ermanno Amedei

20 maggio 2012 0

A Capua milletrecento volontari dell’Esercito hanno giurato fedeltà alla Patria

Di redazione

Venerdì scorso presso la Caserma “Oreste Salomone” di Capua, milletrecento Volontari in Ferma Prefissata di un anno del 47° Reggimento Addestramento Volontari “Ferrara” e del 17° Reggimento Addestramento Volontari “Acqui”, hanno giurato fedeltà alla Repubblica Italiana. Alla cerimonia, presieduta dal Comandante del Raggruppamento Unità Addestrative dell’Esercito, Generale di Divisione Antonio ZAMBUCO, hanno partecipato le massime autorità civili, militari e religiose del territorio campano, i Gonfaloni del Comune di Capua, della Provincia di Caserta, della Regione Campania e dei Comuni di “Terra di Lavoro”, oltre alle rappresentanze delle associazioni combattentistiche e d’arma, e i parenti e gli amici dei giurandi.

Il Comandante del 47° Reggimento “Ferrara”, Colonnello Sergio ANTONELLI, ha chiamato a sé la Bandiera di Guerra e ha recitato la formula di rito, al termine della quale i soldati del 1° Blocco 2012 hanno pronunciato il loro “Lo Giuro” intonando il “Il Canto dell’Italiani” sulle note dell’Inno di Mameli.

Il corso è stato intitolato al Caporal Maggiore Donato BRISCESE decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare con la seguente motivazione “… immolava la propria vita, fiero di aver contrastato il passo al nemico prodigandosi oltre gli umani limiti del dovere.” Nikolajewka (fronte russo), 20 febbraio 1942.

Il giuramento rappresenta uno dei momenti più rilevanti della carriera intrapresa dai giovani in armi che, al termine di un intenso addestramento di base, della durata di nove settimane, sono stati assegnati alle diverse unità dell’Esercito Italiano dislocate su tutto il territorio nazionale.

Al termine del periodo di ferma nell’Esercito, i giovani Volontari potranno proseguire la propria crescita professionale nell’Esercito o nelle altre Forze Armate, oppure di accedere ai concorsi nel Corpo Militare della Croce Rossa Italiana, nella Polizia di Stato, nei Carabinieri, nella Guardia di Finanza, nel Corpo Forestale dello Stato e nella Polizia Penitenziaria.

L’anno di servizio svolto presso l’Esercito come Volontario in ferma prefissata di un anno è, infatti, il requisito indispensabile per avviare questi percorsi.

20 maggio 2012 0

Terremoto in Emilia, vigili del fuoco ferito da crollo durante i soccorsi. Intanto comincia a piovere

Di redazione

In una delle numerose scosse di terremoto che si sono registrate in Emilia, oggi pomeriggio, un vigile del fuoco è rimasto gravemente ferito mentre effettuava un sopralluogo a Finale Emilia a causa del distacco di un cornicione che lo ha travolto. Intanto a Ferrara è stato sgomberato anche il carcere; 500 detenuti sono stati trasferiti mentre. Si teme anche per gli ospedali e4 alcuni sono stati chiusi e i pazienti trasferiti. Intanto nella zona devastata dal sisma arriva anche la pioggia.

20 maggio 2012 0

Terremoto in Emilia, operai tra le vittime. Crollano chiese e castelli

Di redazione

Sarebbero almeno tremila gli sfollati in Emilia, nelle zone che, questa notte, sono state colpite da alc8ne scosse di terremoto la più violenta della quale , alle 4 del mattino di magnitudo 5.9 e che è stata avvertita fin nel basso Lazio. Si ripetono le scosse e continuano i crolli in particolare nella zona di Ferrara. Maggiormente colpiti sono gli edifici storici, in particolare chiese e castelli. Le vittime, sei in tutto, si sono avute all’interno di siti produttivi dove gli operai erano al lavoro. Quattro sono rimasti uccisi dal crollo dei capannoni in cui stavano lavorando a Sant’Agostino: due alla Sant’Agostino Ceramiche, un’altro in una azienda di polistirolo a Ponte Rodoni di Bondeno e un altro ancora alla fonderia Tecopress di Dosso. Tutti i corpi sono stati recuperati. Tra loro anche quella di un operaio che era al lavoro per sostituire un collega ammalato. Er. Am.

20 maggio 2012 0

Maltempo, netto peggioramento al centro-nord

Di admin

In arrivo un ulteriore e netto peggioramento delle condizioni del tempo sulle nostre regioni centro-settentrionali per il passaggio di una perturbazione di origine atlantica.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dal pomeriggio-sera di oggi, domenica 20 maggio, precipitazioni diffuse, anche a carattere temporalesco, su Valle D’Aosta, Piemonte, Lombardia, Provincia autonoma di Trento, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Toscana.

I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Persisteranno, inoltre, precipitazioni diffuse a prevalente carattere temporalesco sulla Sardegna.

Si segnalano, infine, venti forti occidentali, con raffiche di burrasca con mareggiate lungo le coste esposte.

20 maggio 2012 1

Continua lo sciame sismico in Emilia, ancora una forte scossa di magnitudo 5.1

Di admin

Una nuova forte scossa di terremoto è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Ferrara, con epicentro localizzato tra i comuni di Vigarano Mainarda, Mirabello, Poggio Renatico e Sant’Agostino.

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 15.18 con magnitudo 5.1.

Sono in corso le verifiche da parte della Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile.