Scambiato per il fratatello gemello e ucciso da un gruppo di rom, è caccia all’uomo a Pescara

2 maggio 2012 0 Di redazione

E’ caccia all’uomo, a Pescara, per risalire agli autori dell’efferato omicidio che è maturato ieri sera quando un gruppo di rom ha aggredito e ucciso, a casa di un amico, Domenico Rigante, 24enne del posto. Il giovane stava seguendo la partita del Pescara quando alla porta dell’abitazione si sono presentate almeno 4 persone tutte di estrazione rom. Probabilmente cercavano il fratello gemello di Domenico, Antonio, somiglianti in tutto e per tutto. Domenico sarebbe stato raggiunto da due colpi di pistola e da una serie di colpi alla testa sferrati con caschi da motociclista. Il Ragazzo, padre di una figlia nata da poco, avrebbe fatto appena in tempo a fornire il nome del suo assassino agli uomini della polizia che sono intervenuti, poi ha perso i sensi ed è deceduto. Gli investigatori ritengono possibile che quella di ieri sera sia stata una spedizione per vendicare le percosse che uno dei rom avrebbe subito dal fratello Antonio. La caccia al gruppo degli aggressori è proseguita per tutta la notte, ma al momento sarebbe stata ritrovata solamente la Fiat 500 con la quale sono fuggiti.