Si perde su monte Morrone, 67enne ritrovato dopo due giorni

7 maggio 2012 0 Di redazione

E’ stato ritrovato questa mattina in buone condizioni di salute U.P., escursionista sessantasettenne di Pratola Peligna (AQ), disperso da ieri pomeriggio sul Monte Morrone.
L’allarme era stato dato dallo stesso escursionista che ieri pomeriggio ha chiamato il 118 dicendo di sentirsi poco bene e di essersi perso sul Monte Morrone.
I soccorritori del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, del Soccorso Alpino Guardia di Finanza hanno perlustrato con varie squadre entrambi i versanti del Monte Morrone, su cui gravava però una fitta nebbia.
Le squadre a terra sono state supportate anche dagli elicotteri del SUEM 118, della Guardia di Finanza e dei Vigili del Fuoco.
Contemporaneamente con i Carabinieri sono stati fatti i riscontri telefonici che, anche in base ad una successiva comunicazione con il disperso, hanno indirizzato le operazioni di ricerca verso la zona in cui aveva detto di essersi spostato.
La scarsa visibilità ha però impedito di rintracciare l’escursionista e in tarda serata le ricerche sono state temporaneamente sospese per poi riprendere alle prime luci di oggi.
Questa mattina i tecnici di soccorso del CNSAS e del SAGF hanno ripreso le ricerche a terra, supportati dall’elicottero del SUEM 118 e da quello dei Vigili del Fuoco, che in un volo di ricognizione ha avvistato il disperso.
U.P. era in buone condizioni ed è stato trasferito all’ospedale di Sulmona per accertamenti.
Il CNSAS abruzzese è intervenuto con le stazioni di Penne, Sulmona e L’Aquila impiegando domenica 9 tecnici e lunedì 10 tecnici, tra cui una unità cinofila e un esperto di ricerca in superficie.
Nel pomeriggio di domenica i tecnici di soccorso CNSAS della stazione di Avezzano erano inoltre intervenuti insieme ai militari del SAGF per portare soccorso ad un turista austriaco bloccato sulla Serra di Celano.