Terremoto in Emilia, nuova scossa di magnitudo 4.1. L’allarme della Cgil: “Duemila aziende sono a rischio”

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Vincenzo Avolio ha detto:

    Questo ci fa ben pensare che la corruzione esiste al nord come al sud:non è possibile nel 3 millennio costruire ancora con vecchi sistemi, questo la dice lunga sui controlli.Ho degli amici a Mirandola, casa nuova e anche loro hanno avuti danni ingenti, dormono in macchina,è vergognoso si spendono soldi inutili, quando abbiamo l'italia non in regola con le normative Europee:massima comprensione per tutti i cittadini Emiliani, con l'augurio che tutto si risolva al più presto, e che non cadono nel baratro come all'Aquila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *