Giorno: 25 giugno 2012

25 giugno 2012 0

Bilancio, Montino (Pd): “Maggioranza arrogante tenta il blitz”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“La maggioranza tenta il blitz sull’assestamento di bilancio. Dopo avere tenuto il documento nei cassetti della Commissione presieduta dal Capogruppo Pdl per 20 giorni, senza mai dare segno di alcun interesse, questa mattina il centrodestra si è presentato in Commissione indicando una tabella di marcia arrogante e francamente ottusa. Solo qualche ora per valutare il documento che contiene anche scelte molto pesanti come l’aumento delle tasse per commercianti, piccole imprese, artigiani, e presentare le controproposte. L’idea è quella di chiudere la discussione questa sera. In pratica non si vorrebbe discutere. Complice di questo andazzo il presidente ormai sempre più “diversamente super partes” del Consiglio regionale Mario Abbruzzese, che senza concordare nulla con nessuno, senza sentire i Capigruppo, senza avere nemmeno la sensibilità istituzionale di fare un giro di telefonate, ha convocato il Consiglio per mercoledì 27 e giovedì 28 giugno. Praticamente si vuole strozzare ogni tipo di dibattito. Noi a scatola chiusa non votiamo nulla. All’arroganza di chi pensa di gestire la Regione come vecchi compari del Roxy Bar, risponderemo colpo su colpo. Se la Presidente Polverini voleva rispettare gli impegni presi, poteva chiedere al Capogruppo Pdl di convocare la Commissione bilancio tre settimane fa appena ricevuto il documento licenziato dalla Giunta”.

25 giugno 2012 0

Bilancio, Bonessio (Verdi): “In Regione, è emergenza bilancio? Cosa non si vuole far discutere in consiglio?”

Di redazionecassino1

«In Regione ora è emergenza bilancio? É legittimo porsi questa domanda di fronte a ciò che sta succedendo in queste ore al Consiglio Regionale. La Convocazione della Commissione Bilancio è avvenuta venerdì per  questa mattina, senza nessuna convocazione dei capigruppo, ci si è trovati di fronte alla convocazione del Consiglio regionale sull’assestamento di bilancio per mercoledì e giovedì prossimi. – afferma il Presidente dei Verdi del Lazio, Nando Bonessio – Si tratta di una procedura che oltre a essere irrispettosa verso l’opposizione che non sarà messa in grado nemmeno di esaminare il documento e di informarne i cittadini, ne tantomeno di produrre emendamenti per “mitigare” quello che a una prima occhiata è un assestamento, l’ennesimo, “lacrime e sangue” che contiene altri tagli all’ambiente – con la riduzione dei fondi per il funzionamento dei parchi, zero fondi per l’emergenza rifiuti e altri aumenti delle tasse alle attività produttive. La cosa sconcertante è che rispetto ai tempi normali la discussione sull’assestamento ha subito un’accelerazione sospetta di oltre un mese. Non vorremmo che nelle pieghe dell’assestamento che non si vuole discutere ci fossero provvedimenti “innominabili” che devono passare alla chetichella. É inutile che la maggioranza si appelli al fatto che la proposta di legge sull’Assestamento fosse a disposizione dagli inizi di giugno, quando la Commissione bilancio che dovrebbe licenziarla è stata convocata solo oggi. Le discussioni si fanno su testi veri e non sulle proposte, quindi è la maggioranza che per qualche oscuro motivo ha perso ben tre settimane di tempo. Assieme agli altri gruppi d’opposizione abbiamo inviato una lettera al Presidente del Consiglio Regionale Abruzzese affinché ripristini la legalità democratica e consenta una vera discussione sull’assestamento di bilancio».

25 giugno 2012 0

PdL cassinate: un convegno per discutere del futuro del partito “Verso il 2013…identità e proposte per il Lazio Meridionale”

Di redazionecassino1

Il Popolo della Libertà del Cassinate fa quadrato intorno ai suoi leader per discutere sul futuro del partito e su quelle iniziative da mettere in campo per rilanciare l’azione politico-amministrativa sul territorio. E lo fa con un convegno-confronto aperto a cittadini, simpatizzanti e amministratori locali. L’iniziativa, promossa ed organizzata dal gruppo consiliare del Comune di Cassino, si terrà mercoledì 27 giugno 2012, alle ore 19.00, presso l’Edra Palace Hotel di Cassino (nei pressi del Casello A1).

‘Verso il 2013… Identità e proposte per il Lazio Meridionale’, questo il titolo dell’incontro a cui sono stati invitati a relazionare, su indicazione dello stesso gruppo consiliare, il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, e la consigliera del Pdl e vicepresidente Commissione regionale Lavoro, Pari Opportunità, Politiche Giovanili e Politiche Sociali, Annalisa D’Aguanno.

“Come spesso accade quando la sostanza degli argomenti politici è latente – hanno sottolineato i consiglieri municipali Carmelo Palombo, Massimiliano Mignanelli, Gabriele Picano, Giuseppe Di Mascio, Francesco Evangelista, Alessandro D’Ambrosio e Barbara Di Rollo – rischiamo di perderci fra mille discussioni sterili che spesso partono da veri e propri pretesti e che servono solo ad alimentare una contrapposizione fra le parti che lascia poco spazio all’interpretazione dei cittadini comuni. Siamo convinti che l’incontro sarà una valida occasione per riflettere su quanto il partito ha costruito fino ad oggiAggiungi un appuntamento per oggi e su quanto ancora c’è da fare in ambito locale, soprattutto verso il rilancio delle politiche economiche e di sviluppo di tutto il Lazio Meridionale.

Siamo sicuri del fatto che con Berlusconi ed Alfano riusciremo a ridare vita ad un partito che necessita, inevitabilmente, di cambiamenti radicali, a partire da una rinnovata diffusione territoriale.

L’incontro di Cassino – hanno concluso i sette amministratori cassinati – sarà un primo importante momento di riflessione sulle novità politiche del partito, che dovrà compiere una svolta sociale, in particolare in materia economica, rilanciando il dibattito a livello locale e guardando con occhi diversi alle esigenze che ci giungono quotidianamente dal mondo dell’impresa e dai nostri cittadini”. All’evento sono invitati a partecipare militanti, simpatizzanti, cittadini e amministratori del territorio.

25 giugno 2012 0

Abbruzzese: “Ignobile attentato, cordoglio per la morte del carabiniere”

Di redazionecassino1

“Desidero esprimere il cordoglio mio e di tutto il Consiglio regionale del Lazio per la morte del carabiniere Manuele Braj, che questa mattina è rimasto vittima di un ignobile attentato perpetrato ai danni del nostro contingente in Afghanistan. Rivolgo un pensiero ed un abbraccio alla famiglia del giovane leccese caduto in una missione di Pace. E’ l’ennesimo sacrificio di un nostro soldato impegnato in una zona tormentata dalla guerra e dalla piaga del terrorismo. L’Italia, con i suoi militari, è in prima linea per aiutare questo Paese a ristabilire la pace e quei diritti fondamentali che anche le attuali democrazie occidentali hanno faticosamente conquistato. Un pensiero e un augurio di pronta guarigione va anche agli altri due soldati rimasto feriti a seguito dello scoppio di un ordigno innescato ad opera di terroristi”. Così in una nota Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

25 giugno 2012 0

Chiusura del Tribunale: Prc critica la presenza alla manifestazione del 21 giugno di esponenti PdL

Di redazionecassino1

La manifestazione del 21 giugno 2012 a Cassino a difesa del Tribunale viene salutata positivamente dal PRC di Cassino perché senza dubbi ha contribuito a far prendere coscienza alla cittadinanza tutta della dimensione reale del problema e sulle ricadute di una dichiarata soppressione di tale Istituzione. Le conseguenze sono state evidenziate dal sindaco di Cassino che si è fatto accompagnare sul palco, oltre che da Di Pietro, da diversi politici locali, molti provenienti dal PDL Ed infatti come paradossalmente avviene, proprio il PDL con il governo Berlusconi ha prodotto il Decreto Sciagura Italia o scusate SalvaItalia che, appunto, prevede la soppressione di Tribunali come quello di Cassino. Durante la stesura di tale decreto le preventive e opportune preoccupazioni dei presenti alla manifestazione scorsa sembrano proprio che non siano state prese ed è solo quando diventano esecutive certe scelte politiche ci si ricorda di essere a difesa del territorio?. Già i parametri del decreto salvaItalia configuravano la chiusura del nostro tribunale. Come mai non si è lottato già allora per perfezionare quanto meno le deroghe di tali parametri per salvaguardare tribunali come Lamezia Terme o Cassino (sedi “sensibili” e di “frontiera”)?. La Federazione della Sinistra attraverso i consiglieri regionali Nobile e Peduzzi ha presentato in data 11 maggio scorso una mozione per impegnare tutto il consiglio della regione Lazio a prendere posizione netta e contraria alla chiusura del Tribunale di Cassino e Gaeta. La cosa più grave e non certo per fare polemica sterile ma giusto per far chiarezza alla gente su una certa pratica politica è che la mozione è ancora ferma e non se ne vedono sviluppi. Il paradosso è che mentre il presidente del consiglio regionale insieme ad altri onorevoli restituiscono un po’ di sudore anche ai loro elettori di Cassino durante la calda manifestazione, non si sforzano più di tanto per consacrare una presa di posizione istituzionale di tutto il consiglio. Questo è quello che si deve fare, come diversi consigli regionali hanno già fatto a partire dal consiglio regionale della Basilicata e poi si viene in piazza a dire che si è fatto qualcosa per difendere il nostro Tribunale. L’altro paradosso è che il Sindaco Petrarcone saluta dal palco tutti meno che gli esponenti di Rifondazione Comunista che hanno aderito alla iniziativa (già in altre occasioni dice di essersi dimenticato ma guarda caso dimentica sempre il PRC). Noi non vogliamo prenderci la cosiddetta visibilità solo per farci vedere in piazza ma per fare chiarezza che quando si lotta si lotta insieme e bisogna occupare tutti gli spazi politici per arrivare al comune obiettivo. Per questo diciamo di inserire all’ordine del giorno la mozione n 377 della IX Legislatura della Regione Lazio per restituire più forza alla contrarietà di una chiusura di una Istituzione così importante per tutto il territorio cassinate. In questa maniera l’eventuale deroga ai parametri stabiliti (che ci vedono nella black list) e che oggi si trova nelle mani delle commissioni parlamentari Giustizia e del relativo Ministro possa essere accolta per un territorio di frontiera come quello della città martire. Se ciò verrà fatto, e speriamo che si diano una mossa, potrà essere incisiva insieme alla presa di posizione già assunta da parte del CSM e dalla Corte di Appello di Roma ad evitare il dichiarato scempio socio-economico di un territorio già tanto martoriato.

25 giugno 2012 0

Il Convitto San Benedetto dell’Istituto Agrario a rischio chiusura per accorpamento e riduzione degli studenti

Di redazionecassino1

Rischia la chiusura il Convitto San Benedetto di Cassino, per la riduzione del numero di alunni iscritti all’Alberghiero. Un protocollo tra Regione, Ufficio Scolastico Regionale, Provincia di Frosinone e Comune di Cassino, potrebbe scongiurare la chiusura. Questo quanto emerge dall’incontro che si è tenuto ieri  tra una delegazione di educatori, tutti dipendenti pubblici del Convitto San Benedetto di Cassino e il ‘Provveditore’ agli Studi di Frosinone dott. Mario Mandarelli. Il Convitto annesso agli istituti di Istruzione Superiore “Agrario e Alberghiero” chiuderà perché il numero degli allievi iscritti è inferiore al minimo stabilito dalle recenti leggi che hanno ridimensionato la scuola pubblica. Della delegazione degli educatori, Gianluca Parisi fa sapere che “…è da premettere che bisogna fare un discorso di opportunità sociale. Se si considera il Convitto di Cassino una risorsa, bisogna fare il possibile per salvarlo e ancora di più l’anno prossimo per rilanciarlo. Chiediamo aiuto anche alla stampa affinché faccia conoscere la nostra realtà ai cittadini di Cassino. Mi chiedo quanti genitori delle scuole di Cassino sono a conoscenza che possono lasciare di pomeriggio i loro figli al Convitto di via Casilina Nord per fare i compiti?” Fino a due anni fa c’erano due convitti annessi nella città di Cassino, in due diverse scuole (Agrario e Alberghiero). Poi col ridimensionamento, le due scuole si sono accorpate e i due convitti pure: uno chiuse e l’altro fu assorbito da quello che rimase aperto ed ora anche questo sta chiudendo. Gli educatori hanno inviato una richiesta ufficiale di deroga alla chiusura al presidente del Consiglio Regionale Mario Abruzzese, all’assessore alle Politiche Sociali e alla Famiglia Aldo Forte, al Presidente della Provincia di Frosinone On. Antonello Iannarilli e al sindaco del Comune di Cassino l’Avv. Giuseppe Golini Petrarcone. Dal Provveditorato il dott. Mandarelli ha confermato che nonostante le ridotte iscrizioni di alunni al Convitto, lo strumento della deroga può essere perseguito, ma si tratta di una atto politico che non dipende dalla sua volontà. Di qui la richiesta ufficiale degli educatori alle Istituzioni. L’educatore Parisi continua: “Abbiamo informato tutte le componenti istituzionali, speriamo che si giunga al più presto ad un accordo che eviti la chiusura del Convitto di Cassino”. Sono allertate, ovviamente, tutte le sigle sindacali e della situazione è stato portato a conoscenza il sottosegretario all’Istruzione on Marco Rossi Doria. “Cassino è una città di frontiera, al confine tra Campania e Lazio, frequentano il convitto anche studenti provenienti da fuori Provincia e Regione: dal casertano e dal napoletano, che i loro genitori iscrivono prevalentemente per farli crescere lontano da ‘pericolose distrazioni’. Bisogna tener presente – conclude Parisi – anche di questo aspetto sociale: vengono a Cassino questi bravi ragazzi per non diventare cattivi ragazzi. Cassino è una cittadina piccola, ma non troppo e con le scuole che ci sono, un Convitto può crescere e con esso ne trae vantaggio tutto il territorio.

25 giugno 2012 0

La Guardia Costiera intensifica i controlli nel primo weekend d’estate

Di redazionecassino1

Nel primo fine settimana estivo la Guardia Costiera di Gaeta ha predisposto, su tutto il litorale di giurisdizione, delle squadre per l’attività di controllo delle spiagge al fine di un corretto e disciplinato “uso” del Mare. Sono state effettuate, altresì, delle uscite in mare con le motovedette ed i gommoni (più performanti e idonei a navigare sottocosta) al fine di monitorare l’attività diportistica presente in zona.

Al termine dell’attività sopra descritta e dei controlli effettuati sono da segnalare la contestazione a due Stabilimenti balneari di due illeciti amministrativi per violazione dell’Ordinanza Balneare.

Inoltre, sono stati denunciati alla Autorità Giudiziaria competente due noleggiatori (D.M. e D.C. entrambi di Gaeta) per aver impedito il libero utilizzo della spiaggia libera, avendola occupata abusivamente con lettini, sdraio ed ombrelloni destinati al noleggio. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro penale.

In questo fine settimana la Guardia Costiera ha cooperato con Polizia Municipale e Polizia di Stato per il contrasto del fenomeno dell’occupazione con tende dell’arenile Arenauta/Scissure, in violazione dell’ordinanza 86/2010 del Comune.

Inoltre, il gommone della guardia Costiera B30 è stato impegnato per il recupero di un esemplare morto di tartaruga “caretta caretta” in prossimità di Torre S. Vito. L’animale è stato successivamente affidato al Parco Regionale Riviera d’Ulisse per le valutazioni del caso. Sono in corso le indagini per individuare le cause del decesso.

Questa attività si aggiunge a quella, già riferita, del presunto ordigno sul traghetto “Quirino” in viaggio per l’isola di Ponza.

25 giugno 2012 0

AIDAA: Scovato il Forum per lo scambio di animali per prestazioni sessuali

Di redazionecassino1

Un sito internet che presenta filmati amatoriali di sesso con animali tutti girati in Italia e da Italiani facilmente scaricabili e soprattutto un forum dove persone provenienti prevalentemente dalla regioni del nord Italia e dalla Toscana chiedono ed offrono sesso con animali (non si sa se a pagamento o se in una specie di scambio di coppia che anziché prevede lo scambio del partner prevede quello del proprio animale per prestazioni sessuali), ovviamente tutto alla luce del sole ed ovviamente tutto raggiungibile con un semplice clic del mouse del proprio computer. Da qui la decisione dell’associazione italiana difesa animali ed ambiente di denunciare il tutto alla procura della repubblica di Varese per il reato di maltrattamento ed istigazione al maltrattamento di animali e leggendo alcuni post interni si potrebbe addirittura parlare di “prostituzione animale”. Gli animali più gettonati: i cavalli in assoluto, seguiti da asini e cani. Il forum permette anche di sviluppare delle discussioni in cui si parla dei “dettagli” di queste prestazioni e permette a questi personaggi di mettersi in contatto tra loro. In alcuni post si chiede ed offre anche “sesso di gruppo anche di carattere omosessuale con la presenza di un solo animale”, proposta alla quale risponde un altro utente sottolineando che un solo animale “fa divertire poco”. Aidaa nella sua denuncia chiede la chiusura immediata del sito. “Quando qualche parlamentare italiano avrà il buon gusto di presentare un progetto di legge dove si dice che in Italia il sesso con animali è un reato – ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- forse sarà più semplice bloccare questi pervertiti o deviati sessuali che si voglia e salvaguardare un po’ di animali dalle loro depravazioni”.

per info 3478883546-3926552051

25 giugno 2012 2

Rissa alla Festa dei Gigli di Nola, 12 feriti. Il sindaco la sospende

Di admin

Una rissa è scoppiata all’alba durante i festeggiamenti per i Gigli di Nola tra gli appartanenti a due paranze, gli uomini che portano i Gigli a spalla. La rissa è scoppiata durante la processione in Via San Felice, dove gli uomini appartenenti ad una paranza locale hanno affrontato quelli di una paranza proveniente da Barra. Una decina le persone finite in ospedale oltre a due uomini delle forze di polizia che erano intervenuti per sedare la rissa. Il sindaco di Nola ha sospeso i festeggiamenti. La Festa dei Gigli è una festa con macchina da spalla che si tiene ogni anno a Nola la prima domenica successiva al 22 giugno. Con questo evento i nolani celebrano il ritorno in città del vescovo Ponzio Meropio Paolino dalla prigionia ad opera dei barbari avvenuto nel 410 circa (Fonte Wikipedia).

25 giugno 2012 0

Terremoti, scossa di mangnitudo 3.1 in provincia di Siracusa

Di admin

Una scossa di terremoto è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Siracusa. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Canicattini Bagni, Floridia e Solarino. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano al momento danni a persone e/o cose Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 12,52 con magnitudo 3.1.