A Lanciano una Casa Famiglia per piccoli sfortunati, quattro anni fa il progetto bocciato dopo l’affidamento dei lavori

12 giugno 2012 0 Di redazione

Il progetto per una Casa Famiglia torna in auge a Lanciano. Quattro anni fa, quando l’amministrazione era guidata da Filippo Paolini, fu il consiglio comunale a bloccare il progetto per il quale era già stata aggiudicata la gara dei lavori. All’unanimità l’assise cittadina votò contro anche in seguito alle vibrate proteste del quartiere Santa Rita dover la struttura sarebbe dovuta nascere. “Ai residenti non venne spiegato di cosa si trattava – Spiega l’assessore ai servizi sociali Dora Bendotti che, insieme al sindaco Mario Pupillo ha ripreso in mano il progetto e lo stanno trainando verso la realizzazione – Si pensava che la casa famiglia fosse una sorta di carcere minorile, una struttura per accogliere piccoli criminali, ma così non è. Si tratta invece di un tetto per bambini, anche molto piccoli, che aspettano di essere affidati a famiglie per bene”. In tutto saranno circa dieci posti e la sede per la realizzazione del nuovo progetto sembra essere stato individuato sulla variante nei pressi della caserma dei vigili del Fuoco. “Abbiamo giù partecipato ad un incontro in Provincia per accelerare i tempi ed evitare, così, di perdere quei fondi europei erogati dalla Regione. Rispetteremo – assicura l’assessore Bendotti – la gara di appalto vita dalla ditta quattro anni fa”.