Il Rettore dell’Università di Cassino “chiude” il Centro Linguistico di Ateneo e “apre” una procedura di licenziamento per 18 lettori/CEL di madrelingua

4 giugno 2012 9 Di redazione

Da una rappresentanza di Lettori/Cel di madrelingua dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale riceviamo e pubblichiamo.
Continua, purtroppo, la vicenda dei Lettori/CEL di madrelingua in servizio presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. In piena pendenza di giudizio (si è infatti in attesa di una pronuncia da parte del Giudice del Lavoro del Tribunale di Cassino), gli Organi di governo dell’Università di Cassino hanno avviato una procedura per riduzione di personale, avente come obiettivo il licenziamento dei 18 Lettori/CEL.
Con una età media di servizio che va da oltre venti a un minimo di dieci anni, i Lettori/CEL sono intervenuti, garantendo alti standard qualitativi, nelle attività di apprendimento delle lingue straniere per la totalità dei laureati dell’Università di Cassino, indifferentemente dalla Facoltà o dal Corso di laurea di appartenenza.
In tutti questi anni il loro lavoro nell’Università di Cassino ha subito ripetuti attacchi, con tentativi di dequalificazione e marginalizzazione. Tale situazione, vissuta dai Lettori/CEL con dignità umana e professionale, nonché profondo rispetto nei confronti dei loro utenti/studenti, affonda le proprie radici in tempi non sospetti, certamente non di crisi.
Nel tempo, infatti, diversi tentativi di apertura al confronto ed alla trattativa sono stati sistematicamente rigettati dagli Organi di governo dell’Ateneo, facendo sì che infine la questione fosse portata all’attenzione della Giustizia del Lavoro.
Oggi, con questo atto di inaudita gravità, l’Amministrazione dell’Università di Cassino scrive forse la pagina più nera della sua storia di luogo deputato allo studio ed alla ricerca: chiude il Centro Linguistico di Ateneo, prevedendo comunque l’erogazione degli stessi servizi “con modalità meno onerose dal punto di vista finanziario”, mentre definisce i Lettori/CEL come “personale che svolge mansioni infungibili” e, pertanto, “non utilmente ricollocabile”.
In quanto alla possibilità di prevedere l’erogazione degli stessi servizi “con modalità meno onerose dal punto di vista finanziario”, risulta difficile credere che sia possibile promettere agli studenti dell’Università di Cassino lo stesso livello di competenze specifiche assicurato attualmente dai Lettori/CEL: forse si pensa ad appalti esterni, ma non c’è bisogno dei giornalisti di Report o del Gabibbo per sapere che dietro le esternalizzazioni si celano spesso storie di costi che paradossalmente aumentano, oltre che di sfruttamento del lavoro precario e precarizzante. E’ questo l’esempio che un’Università vuole dare ai cittadini, alle famiglie, agli imprenditori del suo territorio?
Si definiscono, poi, i Lettori/CEL come “personale che svolge mansioni infungibili” e, pertanto, “non utilmente ricollocabile”: nella lingua italiana corrente, infungibile viene definito qualcosa “dotato di una propria individualità economico-sociale così da non potere essere sostituito con un altro”. Più che “non utilmente ricollocabile”, questo personale, proprio per la tipologia professionale così fortemente specializzata, in un’organizzazione basata sulla conoscenza quale quella dell’Università, dovrebbe rappresentare una parte significativa del proprio capitale sociale attraverso cui attivare ed offrire servizi innovativi e di qualità, non già un fardello del quale disfarsi.
Sarebbe bastato infine ricollocare i lettori/CEL presso le Facoltà, vista la specializzazione linguistica che ognuno di loro si è costruita nel tempo, e come già era prima della costituzione del Centro linguistico. Questo non aver considerato minimamente altre soluzioni alternative al licenziamento fa sospettare una sorta di accanimento nei confronti della categoria, unica categoria peraltro toccata dalla riduzione del personale, tanto da far pensare ad un mobbing portato alle estreme conseguenze.