Giorno: 2 luglio 2012

2 luglio 2012 0

Scooter, go-kart e mini moto, in campo Miranda, per ricordare Simone Celletti

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Si è svolta ieri e conclusa nella stessa giornata, la kermesse motoristica in ricordo di Simone Celletti, il giovane centauro morto in un incidente stradale alcuni anni fa. Sotto un sole impietoso ed in una domenica  di caldo torrido, in campo Miranda, dove si son sfiorati anche i 40 gradi, giovani adolescenti si son dati battaglia in sella a scooter, minimoto e a bordo di rombanti go-kart per tutto il giorno. Una giornata iniziata con i sorteggi, le prove del mattino ed il convegno sulla sicurezza che si è tenuto negli stand appositamente allestiti. Nel pomeriggio via alle gare che ha visto la partecipazione di molti centauri in sella ai loro scooter e mini moto darsi battaglia per aggiudicarsi la vittoria nell’edizione 2012. Non solo scooter, ma anche alcuni giovani piloti di kart si son dati battaglia a suon di ‘miglior tempi’ sul giro. Al termine immancabile e suggestiva sfilata degli equipaggi e lancio di palloncini giallo/blu per salutare l’amico Simone. Una domenica di motori in pieno centro che, se pur organizzata per commemorare il giovane Simone, non ha mancato di creare non pochi problemi ai residenti della zona, già stremati dalla calura soffocante. Senza nulla togliere alla manifestazione, il cui valore a ricordo di un nostro giovane concittadino, morto prematuramente ed in modo tragico, qualche considerazione va fatta. In primo luogo se sia possibile autorizzare in pieno centro una manifestazione motoristica, in una domenica dal caldo torrido, con i residenti infastiditi dal rumore dei mezzi, che per tutto il giorno hanno gareggiato con rumori assordanti, lasciando nell’aria fumi di combustione dei motori, a dir poco, terribili. Certo è che manifestazioni del genere non possono tenersi in pieno centro e nelle domeniche estive, in orari in cui i residenti della zona hanno diritto di riposare, specie se il giorno seguente debbono recarsi al lavoro. Colmo dell’incongruenza di chi abbia autorizzato una kermesse del genere, è che poco distante da campo Miranda, si effettuava la tradizionale ‘isola pedonale’ del week-end, peraltro deserta, vista la giornata torrida, per ridurre l’inquinamento atmosferico. Un bell’esempio di ‘anima ecologista’ di questa Amministrazione, e di tutti gli sforzi profusi dall’assessore Consales per cercare di ridurre le emissioni di polveri sottili derivanti dal traffico. Ma non basta, dell’inquinamento acustico, infatti, non se n’è tenuto conto, visto il costante rombo di motori per tutto il giorno. Manifestazioni del genere, nobilissime per l’intento sia chiaro, forse sarebbe il caso di tenerle in luoghi lontani dal centro e dalle abitazioni se non si vuol vanificare i programmi, gli obiettivi e la salute dei cittadini dall’inquinamento da traffico e acustico!

F. Pensabene

 

2 luglio 2012 0

Positivo all’etilometro investe un pedone, fugge e rischia il linciaggio

Di admin

A Sant’Elia Fiumerapido, i carabinieri della locale Stazione, hanno arrestato in flagranza di reato per “fuga dopo incidente con danni a persone e omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza” un 61enne del luogo.

L’uomo, mentre era alla guida della propria autovettura, dopo aver investito un pedone, ometteva di soccorrerlo e si dava a precipitosa fuga. Le immediate indagini permettevano di identificare l’investitore che, poco dopo, veniva bloccato dai carabinieri mentre si trovava a piedi in via IV Novembre circondato da un gruppo di cittadini intenzionati a linciarlo. Contemporaneamente, in via Roma, ignoti incendiavano l’autovettura investitrice, le cui fiamme venivano domate dai Vigili del Fuoco del distaccamento di Cassino.

Sottoposto ad esame alcolemico, veniva trovato con un tasso superiore a quello consentito.

Il pedone, prontamente soccorso e trasportato presso l’ospedale civile di Casino, riportava lesioni giudicate guaribili in 7 giorni. L’autovettura è stata sottoposta a sequestro.

L’arrestato, ad espletate formalità di rito, su disposizione dell’A.G. veniva ristretto in regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

2 luglio 2012 0

Tir perde il carico in A1 a pochi metri dal casello di Cassino, oltre tre chilometri di coda

Di admin

Un tir ha perso il carico in A1 questa mattina verso le 7.15 a pochi metri dal casello autostradale di Cassino in direzione Roma. Il semirimorchio, per cause in corso di accertamento, si è ribaltato rovesciando il carico sulle corsie dell’autostrada del sole. Nel sinistro, due persone sono state soccorse dal 118 e hanno riportato lievi ferite. Sono intervenuti gli agenti della polizia autostradale del sesto tronco di Cassino e i soccorsi meccanici e una gru per rimuovere il carico e la parte del mezzo pasante che si è ribaltata. Disagi al traffico, a seguito dell’incidente infatti si sono formate code per oltre tre chilometri.

2 luglio 2012 1

16mila938 italiani vogliono spiagge per cani: ora la parola passa al ministero

Di admin

Dall’associazione Aidaa riceviamo e pubblichiamo: 16.938 Firme raccolte a sostegno della petizione online promossa da AIDAA (www.firmiamo.it/liberaspiaggiapercani) per chiedere nuove spiagge libere attrezzate per ospitare bagnanti insieme ai propri cani. Ora la palla passa al ministero ed all’ANCI (Associazione dei Comuni) che dovranno, le so riterranno, trovare una soluzione per garantire gia a partire dalla metà di Luglio in ogni località spiagge libere aperte all’accesso di bagnanti e cani e spiagge sempre libere appositamente attrezzate e riservate a loro. AIDAA stà portando avanti questa battaglia di civiltà e per la verità qualche spiaggia in più privata ed anche libera aperta agli amici a quattro zampe in questi anni è stata realizzata specialmente nelle regioni del centro-sud Italia ed in Toscana e Friuli Venezia Giulia. Con questa ultima raccolta di firme AIDAA intende chiedere al ministero, ma anche agli assessorati regionali e comunali al turismo un’attenzione per quelle centinaia di migliaia di famiglie che anche quest’anno andranno in vacanza con il proprio cane e che vorrebbero evitare di spendere un capitale per avere la possibilità di vedere il proprio cane sdraiato al loro fianco mentre prendono il sole. In Italia abbiamo in totale 8.000 chilometri di coste (mare, laghi e fiumi) e AIDAA chiede che almeno il 10% delle spiagge libere possa essere adibita ad accogliere bagnanti e cani, ovviamente AIDAA propone la realizzazione di aree attrezzate con tutto l’occorrente per raccogliere i bisognini di fido. ” I comuni e la guardia costiera fanno multe salate a chi va in spiaggia con il cane dove questo è vietato- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- ovviamente questo allo stato attuale è inaccettabile perchè chi va in vacanza con il cane rischia di doverlo tener chiuso in albergo 20 ore al giorno da qui il nostro appello ai sindaci ed al ministero al quale domani manderemo le firme raccolte perchè utilizzino questi prime due settimane di luglio per attrezzare spiagge apposite dove bagnanti e cani possano stare insieme ovviamente all’insegna dell’educazione e del buon senso”.

2 luglio 2012 0

Domenica di interventi del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologicoanche in provincia di Chieti

Di admin

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dell’Abruzzo ha effettuato nella giornata di domenica 1luglio anche due interventi in provincia di Chieti, il primo nel comune di Fara San Martino e il secondo nel comune di Guardiagrele. Nell’ambito della manifestazione “32^ Val Serviera” organizzata dalla Sezione di Fara San Martino del Club Alpino Italiano, il CNSAS ha prestato servizio di assistenza lungo il percorso. Questo è stato provvidenziale per una partecipante, A.T., 54 anni di Atessa (CH), che alle ore 12, ad una quota di 1500 m, ha avuto problemi ad una gamba che le impedivano di proseguire. L’escursionista è stata raggiunta da una squadra di soccorso composta da tecnici del CNSAS, tra cui un medico e da agenti del Soccorso Alpino Forestale. Il medico ha somministrato dei farmaci all’escursionista, ma poiché il luogo dell’infortunio distava oltre 5 ore di cammino dal fondo valle, è stato richiesto l’intervento dell’elicottero, comunicando le coordinate alla centrale del 118. Dall’aeroporto di Preturo (AQ), appena rientrato da un altro intervento di soccorso, è partito l’elicottero del SUEM 118 della Regione Abruzzo, che ha raggiunto il luogo dell’incidente e recuperato l’escursionista alle ore 14.15, portandola poi all’ospedale di Chieti. Durante la manifestazione i tecnici e il medico del Soccorso Alpino hanno effettuato anche altri interventi di assistenza ai partecipanti all’escursione. Contemporaneamente, nella valle di Bocca di Valle (CH), A.C., escursionista pescarese di 57 anni, dopo essersi recato alla cascata di San Giovanni, a circa 1000 m di quota è scivolato procurandosi una frattura alla caviglia. Poco prima delle ore 14, pur con una scarsa copertura telefonica, è riuscito ad allertare la centrale operativa del 118, che inoltrato la richiesta al Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzese. Sul posto si è recata una squadra del CNSAS ed alcuni agenti della Forestale, che hanno prestato le prime cure all’infortunato e lo hanno portato a valle, dove alle ore 16.40 è stato prelevato da una ambulanza.

2 luglio 2012 0

Ampia azione di contrasto al fenomeno dei venditori ambulanti sulle spiagge

Di admin

Nell’ultimo fine settimana, la Guardia Costiera ha impiegato, su tutto il litorale di giurisdizione, uomini e mezzi (motovedette e gommoni) per la salvaguardia della vita umana in mare nonché per l’attività di prevenzione e repressione di polizia marittima. Si è rinnovato l’impegno della Guardia Costiera con Polizia Municipale e Guardia di Finanza per il contrasto del fenomeno dell’occupazione dell’arenile Arenauta/Scissure con tende, in violazione dell’ordinanza 86/2010 del Comune. Sempre in sinergia con la Polizia Municipale di Gaeta è stata realizzata un’ampia azione di contrasto al fenomeno dei venditori ambulanti sulle spiagge, che ha portato al sequestro del materiale costituito essenzialmente da attrezzature per la spiaggia (canotti etc) Nell’ambito della salvaguardia della vita umana in mare, l’attività di prevenzione predisposta ha consentito di registrare, come rilevante, unicamente, l’assistenza fornita ad un bambino caduto accidentalmente dagli scogli in prossimità della Spiaggia dell’Ariana. L’attività repressiva ha visto il personale della Guardia Costiera impegnata su vari fronti registrando la contestazione di circa 15 illeciti amministrativi. In particolare sono stati verbalizzati quattro titolari di moto d’acqua per condotta sottocosta e per mancato utilizzo delle dotazioni di sicurezza nonché 3 imbarcazioni per navigazione in zona riservata alla balneazione. La costante attività di monitoraggio del Parco Regionale Riviera di Ulisse ha consentito di verbalizzare un’altra unità da diporto che navigava in violazione delle norme che tutelano quella zona marittima.

2 luglio 2012 0

Rapina sull’A14 ad un portavalori, incendiato un mezzo pesante

Di admin

Rapinano un portavalori e appiccano il fuoco ad un mezzo pesante messo di traverso sulle corsie dell’A14. I banditi hanno agito nel tratto della Bologna-Taranto tra Acquaviva delle Fonti e Gioia del Colle in direzione Taranto seminando il panico sulle corsie dell’Autostrada. Secondo una prima ricostruzione effettuata dagli agenti della Polizia stradale, il mezzo pesante sarebbe stato incendiato volontariamente allo scopo di effettuare la rapina al portavalori. I malviventi avrebbero messo di traverso sulla carreggiata un mezzo pesante al quale avrebbero appiccato il fuoco. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco per procedere allo spegnimento del mezzo e gli agenti della Polizia stradale per effettuare i rilievi. Il traffico è rimasto bloccato per ore. Soltanto intorno alle 12 il tratto autostradale è stato riaperto. Attualmente sono in corso di completamento i rilievi da parte dei Vigili del Fuoco e il traffico scorre in deviazione sulla carreggiata opposta.

2 luglio 2012 0

Europei 2012: la Spagna umilia, 4 a 0, l’Italia e conquista il titolo europeo per la seconda volta

Di redazionecassino1

È andata male la finale degli Europei 2012 per la Nazionale italiana di Prandelli. Umiliata, 4 a 0, da una Spagna forte che non  ha permesso di esprimere il nostro gioco, ha bloccato il nostro ‘uomo chiave’ Andrea Pirlo e qualche ‘ammaccato’ di troppo ci hanno tolto la soddisfazione di riportare il titolo europeo in Italia dopo quarantaquattro anni. Pirlo che aveva il compito di distribuire palloni agli attaccanti, bloccato dalle marcature strette degli spagnoli. Ma anche un Cassano poco incisivo, Balotelli poco servito dai centrocampisti, insomma una squadra italiana spenta, con le gambe stanche e che non è riuscita a reagire alla prima rete spagnola. Che ha subito la seconda senza reagire, come aveva fatto nella partita d’esordio, proprio contro la Spagna. Poi le altre son venute senza problema. Un risultato pesante ed umiliante. “Eravamo cotti” ha detto il C.T. Prandelli, a fine gara. Beh, forse si poteva cambiare qualcuno, qualche calciatore stanco o ‘ammaccato’ come Chiellini uscito troppo presto dal campo, ma anche l’inserimento di Thiago Motta, fuori anche lui per infortunio dopo pochi minuti. Magari si poteva dare spazio e fiducia a qualche giovane, tanto per fare qualche nome, Ogbonna, un difensore forse con poca esperienza rispetto ai ‘senatori’, ma con un fisico capace di contrastare gli attaccanti spagnoli. Certo, con il senno di poi, si può far tutto. È andata così, eravamo stanchi, non abbiamo saputo reagire, troppi ‘acciaccati’? Non sapremo le vere ragioni di una sconfitta così umiliante. Perdere 4 a 0 non lascia spazio a dubbi sulla forza degli spagnoli, sulla loro freschezza atletica, per il maggior riposo avuto prima della finale? Forse sarà così, ma è stato comunque un grande risultato della nazionale di Prandelli. Arrivare alla finale nessuno lo riteneva possibile, eppure ci siamo arrivati, abbiamo perso contro una squadra spagnola che ha saputo giocare meglio di noi, ci ha imposto il suo gioco. Nulla di cui rammaricarsi salvo il fatto che il sogno non è diventato realtà, ma le basi gettate da questo collettivo non sono cosa da poco. Del resto se la Spagna era Campione d’Europa uscente, Campione del mondo ed è riuscita a vincere il suo secondo titolo europeo consecutivo, un motivo ci sarà! Ai nostri ragazzi va, comunque il grazie dei tifosi che avevano sperato, anche se non si è concretizzato il sogno. Bisogna ripartire da qui per preparare un grande mondiale in Brasile. Gli uomini ci sono, forse basterà cambiare qualcosa, e il C.T. Prandelli con le idee anche, e allora arrivederci in Brasile!

F. Pensabene