Giorno: 7 luglio 2012

7 luglio 2012 0

Salute e lavoro: quali sono i lavori più sani e nocivi per la salute? La speciale graduatoria

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Forse una volta, tanti anni fa, ormai, si poteva scegliere che lavoro fare, perché lavoro ce n’era. Oggi, con tassi di disoccupazione, specie quella giovanile arrivati ai massimi storici specie in Italia, come di recente confermato anche dall’Istat, la scelta diventa sempre più ardua e spesso ci tocca fare, se lo troviamo un lavoro, qualcosa che ci piace poco o per nulla. Come al solito, ci pensano gli americani a dirci quali sono i lavori più sani e quali più nocivi con una speciale classifica pubblicata da poco sul “The Huffington Post” ed è basata su pochi semplici parametri. Il lavoro più salutare? Quello in cui c’è un buon rapporto con i colleghi, si usa la creatività e ha l’orario di lavoro flessibile. Al contrario quelli infausti per la salute sono le categorie più a rischio, quelle con un alto tasso di infortuni e pressione lavorativa, ovvero stress. In pratica non più solo riconoscimenti e stipendi alti, ma per scegliere una professione diventa importante anche la soddisfazione mentale e fisica che se ne potrebbe ricavare. La classifica dei lavori più salutari: 1.Istruttore fitness e personal trainer 2. Maestro di yoga 3. Coreografo 4. Ingegnere di software 5. Fiorista 6. Assicuratore 7. Dentista, igienista dentale, tecnico di laboratorio, dietologi 8. Impiegato pubblico 9. Assistente amministrativo 10. Artigiano in piccole società

E quella dei più nefasti per la salute: 1. Pompiere, poliziotto 2. Impiegato 3. Lavoratore edile 4. Avvocato 5. Infermiere 6. Cameriere, commesso 7. Militare 8. Autista 9. Free-lance 10. Executive Manager

Secondo Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, se si potesse realmente scegliere, rimanere in un ambiente familiare, economicamente soddisfacente e senza troppe pretese sembrerebbe la ricetta giusta per trovare un lavoro sano, anche se sapersi accontentare e prendersi meno sul serio restano gli ingredienti principali per ottenere un elisir di lunga vita anche su un posto di lavoro “difficile”.

7 luglio 2012 1

Tribunale, sanità, Fiat: per Cassino una nuova distruzione

Di admin

Le scelte e le non scelte politiche degli ultimi governi nazionali e del governo regionale hanno recato e stanno recando al nostro territorio danni enormi paragonabili a quelli causati dalla seconda guerra mondiale. Scelte politiche tutte economicistiche che poco hanno a che fare con le reali esigenze del territorio hanno visto negli ultimi anni diminuendo drasticamente lo stato sociale, riducendo la qualità della vita della popolazione, quella che vive di salario e pensioni. La perdita negli ultimi anni di oltre 5000 posti di lavoro, la precarietà generata dai contratti di lavoro applicati, un futuro sempre più incerto ha visto la classe politica locale molte volte subalterna alle scelte dei Governi nazionali accettare impotente qualsivoglia condizione demandando ad altri scelte che stanno avendo conseguenze nefaste per il nostro territorio. La decisione di ieri della chiusura del Tribunale, come era successo precedentemente per il drastico taglio alla sanità pubblica che ha visto la chiusura dell’Ospedale di Pontecorvo e la riduzione dei livelli essenziali di assistenza, non solo riduce la presenza dello Stato e indebolisce la legalità di un territorio, a grave rischio di infiltrazioni malavitose, ma è un ulteriore duro colpo alla nostra economia che si ripercuote non solo su quegli esercizi commerciali prossimi al tribunale ma anche su tutti quei cittadini che devono salvaguardare i loro diritti attraverso le vie legali. Siamo fortemente preoccupati che queste scelte che stanno cadendo come una mannaia sulla testa dei cittadini oltre a creare un forte senso di impotenza rendono sempre meno efficaci in quanto intempestive le azioni che si sarebbero dovute mettere in campo per contrastarle. La CGIL da anni a livello nazionale e territoriale, in molti casi anche isolata, ha contrastato politicamente e nell’azione quotidiana queste scelte. Dal 2008 abbiamo denunciato una situazione di crisi strutturale celata dal Governo Berlusconi e non solo, abbiamo promosso tutte le iniziative contro i tagli alla sanità e alla scuola pubblica, e sul territorio abbiamo sempre evidenziato le non scelte del Piano Marchionne che attraverso la sua politica di attacco alla FIOM CGIL copriva invece il chiaro disegno di non avere interessi a produrre in Italia con il serio rischio della chiusura degli stabilimenti. Basta ricordare la grande manifestazione dei diecimila che si è svolta a Cassino il 28 gennaio del 2011. I tagli allo stato sociale: sanità, scuola, servizi sociali, la chiusura del tribunale, la perdita di migliaia di posti di lavoro negli ultimi due anni, la paventata ed incerta riduzione dell’attività produttiva dello stabilimento FIAT di Cassino, non possono passare senza che ci sia la giusta reazione di tutte le forze politiche sociali ed istituzionali del nostro territorio. La CGIL protagonista e promotrice da sempre di iniziative che hanno messo al centro il lavoro, la garanzia dello stato sociale e la difesa dei diritti e della democrazia ritiene come si è fatto nell’organizzazione dell’ultima manifestazione a difesa del Tribunale che questo territorio necessità dell’impegno concreto di tutti al fine di evitare una nuova distruzione questa volta non causata dalle bombe ma dalla incapacità e dall’immobilismo e dal concetto di delega che negli ultimi anni ha contaminato il sistema di rappresentanza scaricando le colpe sempre su terzi. CGIL Cassino Benedetto Truppa FP Cassino Sessa Antonio

7 luglio 2012 0

“Pizzicati” con la cocaina, arrestati due napoletani

Di admin

Nella serata di ieri, ad Atina, i carabinieri della locale Stazione, nel corso di predisposto servizio antidroga, arrestavano nella flagranza del reato due persone di Napoli, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I predetti, bloccati a bordo della loro autovettura sulla S.R.509 all’altezza dello svincolo di Atina – Pontemelfa, a seguito di perquisizione personale e veicolare, venivano trovati in possesso di gr.11 di “cocaina”, sottoposta a sequestro. Gli arrestati venivano associati alla Casa Circondariale di Cassino.

7 luglio 2012 0

Aidaa: “Permettere sepoltura di micio e fido insieme ai padroni”

Di admin

Dall’associazione Aidaa riceiviamo e publbichiamo: Ci rivolgiamo da una parte ai comuni dall’altra alla Chiesa Cattolica ed alle altre confessioni religiose perchè diano il via libera, sia nei regolamenti comunali di polizia mortuaria, che nelle pratiche quotidiane di sepoltura di persone credenti perchè si possano seppellire insieme a loro( o prima di loro qualora decedano prima e ci sia gia il posto predisposto per la sepoltura) nei cimiteri pubblici e privati anche micio, fido e gli altri animali domestici che per molti umani sono la primaria compagnia di questa vita terrena. “Riteniamo che la proposta di poter seppellire anche le ceneri o resti del gatto o del cane con il quale abbiamo condiviso buona parte della nostra vita non sia da considerare una provocazione ma una proposta piena di buon senso- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- ovviamente trattandosi di una proposta nuova potrà avere all’inizio sicuramente una ricezione negativa da qualche scettico ma noi pensiamo che sia un diritto riposare con i nostri amici di una vita anche quelli a quattro zampe”.

7 luglio 2012 0

Tribunale Cassino, Tedeschi (Idv): “Parlamentari del Lazio votino no”

Di admin

Dall’Ufficio stampa Gruppo Idv riceviamo e pubblichiamo: “La salvezza del Tribunale di Cassino passa ormai solo attraverso il Parlamento di questo Paese. O meglio, passa attraverso la responsabilità e la coerenza dei partiti che sostengono il Governo Monti. Diamo nome e cognome a tutto questo: i nomi dei parlamentari del PD, del PDL e dell’UDC del Lazio ed in particolare della Provincia di Frosinone. Tutti questi esponenti politici ben noti nel nostro Territorio non devono dare il loro voto favorevole a questa manovra. Se lo faranno saranno corresponsabili dell’abolizione del Tribunale di Cassino. Tutto il resto e’ ormai pura demagogia: dalle parole bisogna passare ai fatti con il voto in aula parlamentare, ed il voto deve essere contro questa manovra se si vuole davvero salvare il Tribunale di Cassino.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Anna Maria Tedeschi.

7 luglio 2012 0

Controllo straordinario del territorio, denunciate 9 persone

Di admin

Durante la mattinata di ieri, ad Aprilia, i Carabinieri del locale Reparto Territoriale, nel corso di uno straordinario specifico servizio per il controllo del territorio, hanno denunciato in stato di libertà, per diversi e distinti reati, nr.9 persone: A.S. 33enne cittadino di nazionalità indiana, residente in provincia di Reggio Emilia, per aver consumato un furto all’interno di un supermercato di Aprilia; L.N. 66enne di Aprilia, perché sorpreso alla guida di autovettura sprovvisto di patente di guida, per non averla mai conseguita, e per aver esibito un contrassegno assicurativo contraffatto; G.I. 36enne cittadino di nazionalità romena residente ad Aprilia, perché sorpreso alla guida di autovettura sprovvisto di patente di guida; I.Z. 25enne cittadino di nazionalità russa, sorpreso alla guida dell’autovettura sprovvisto di patente di guida; J.R. 27enne e M.C. 25enne (donna) entrambi di Aprilia, coniugi, per la detenzione di gr.90 di marijuana detenuta presso la loro abitazione; M.R. 19enne di Aprilia, per la detenzione di nr.15 semi di canapa indiana; Tre persone di età compresa tra i 34 e 38 anni, per guida in stato di ebbrezza.

7 luglio 2012 0

Terremoti, lieve scossa in provincia de L’Aquila

Di admin

Una scossa di terremoto è stata avvertita dalla popolazione in provincia di L’Aquila. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Pacentro, Sulmona e Introdacqua.

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 12.27 con magnitudo 2.6

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano al momento danni a persone e/o cose.

7 luglio 2012 0

Il Comune di Colle San Magno dice sì alla raccolta differenziata con l’Unione Cinquecittà

Di admin

“Una giornata importante per Colle San Magno, di quelle da ricordare nella storia amministrativa di questa comunità. Il consiglio comunale ha finalmente approvato il trasferimento delle funzioni relative al servizio di raccolta differenziata all’Unione Cinquecittà. Questo significa che a breve nel nostro piccolo comune partirà tale importante servizio, un servizio di civiltà. Ringrazio tutti i membri della civica assise per aver contribuito a questo passaggio fondamentale, così come i tecnici dell’Unione Cinquecittà per averci assistito durante l’iter di definizione del piano operativo del servizio che andremo a realizzare”. Così, un entusiasta Antonio Di Nota, a nome dell’intera amministrazione, ha commentato l’esito del Consiglio comunale di Colle San Magno. L’assise civica, oltre ad aver deliberato, con i voti della maggioranza, i punti all’odg che prevedevano l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti; la determinazione dei prezzi delle aree del Piano PEEP, da cedere in diritto di proprietà o in diritto di superficie, con l’indicazione dei nuovi valori delle aree edificabili per l’anno 2012 ai fini Imu; l’approvazione programma OO.PP. 2012/2014 ed elenco annuale 2012; e la Relazione previsionale e programmatica – Bilancio di previsione 2012, Bilancio pluriennale 2012/2014, documento quest’ultimo redatto mantenendo sostanzialmente invariata la pressione fiscale rispetto al 2011, ha deciso l’importante provvedimento sulla raccolta differenziata. “Dopo il passaggio in Consiglio – hanno spiegato dalla maggioranza che governa il piccolo comune montano – seguirà a breve l’avvio del servizio di raccolta differenziata, porta a porta. Una decisione che ci riempie di orgoglio, visto che Colle San Magno è una comunità di circa 800 abitanti. Siamo riusciti ad avviare il servizio molto prima di comuni più gradi. Ora chiediamo ai cittadini di collaborare, di contribuire a migliorare il paese, permettendoci, tra l’altro, di risparmiare nel lungo periodo rispetto ai costi di gestione del servizio di smaltimento rifiuti ordinario. Il servizio doveva partire entro il 2012, come prevede la legge, partirà dunque nei tempi previsti”.

7 luglio 2012 0

Trasportavano un etto di cocaina, due napoletani in manette sull’A1 a Cassino

Di admin

Alle 17.35 di ieri, una volante della sottosezione della polizia autostradale di Cassino ha fermato in territorio di Cassino per un controllo una Fiat Scudo di colore bianco adibito a servizio taxi. Sulla vettura viaggiavano due persone, O. V. di 61 anni e Q. P. di 59 anni, entrambi di origine napoletana. Quando gli agenti gli hanno chiesto dove erano diretti, i due, manifestando un evidente nervosismo, hanno riferito che erano diretti in una non meglio specificata località ciociara per la consegna ad un ristoratore di un sacchetto di molluschi.

Ritenendo inverosimile quanto affermato dai due, in considerazione anche delle vicendevoli contraddizioni in cui cadevano e soprattutto in relazione al particolare tipo di veicolo su cui viaggiavano che si presentava in pessime condizioni d’uso, gli agenti hanno ritenuto opportuno procedere ad un più approfondito controllo. I due sono stati quindi condotti in Ufficio e sottoposti a perquisizione personale che è stata successivamente estesa anche al veicolo.

Celato nel calzino sinistro di Q. P. si rinveniva un involucro di dimensioni 20×30 contenente sostanza polverosa di colore bianca; mentre all’interno del portafogli dello stesso Q.P. si rinveniva un ulteriore involucro di piccole dimensioni contenete analoga sostanza. Di fronte a tale scoperta, Q.P. accennava ad un fantasioso tentativo di spiegazione, asserendo di aver trovato i due sacchetti su un telefono pubblico ubicato all’interno dell’area di servizio a Teano ove poco prima avevano effettuato una sosta. Tramite il Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica della Questura di Frosinone a seguito di esame narcotest si accertava che il prodotto era sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di 100 grammi circa. Alla luce di tale riscontro i due venivano dichiarati in arresto, e dopo il fotosegnalamento e le altre formalità di rito, venivano associati presso la Casa Circondariale di Cassino a disposizione della competente A.G. opportunamente informata della vicenda.