Giorno: 27 luglio 2012

27 luglio 2012 0

Provoca incidente tra sette auto e scappa. Denunciata 30enne cassinate

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ha causato un incidente che ha visto coinvolte oltre alla sua anche atre sei vetture, causando il ferimento di un’altra automobilista ed è fuggita senza prestare soccorso. Si tratta di una 30enne di Cassino che, ieri pomeriggio in via Cimarosa all’incrocio con via Boccaccio, alla guida della sua Peugeot 207, ha urtato contro una utilitaria guidata da una donna che a sua volta è andata a schiantarsi contro un gruppo di auto parcheggiate danneggiandone cinque. Nonostante l’altra automobilista fosse rimasta ferita, la 30enne non si è fermata e, oggi, è stata rintracciata dalle forze dell’ordine e denunciata per omissione di soccorso. Er. Amedei foto repertorio

27 luglio 2012 0

Febbre del Nilo occidentale, nuovo caso umano in Italia: è il primo focolaio riscontrato quest’anno

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Il centro europeo per la prevenzione delle malattie e controllo (ECDC) ha segnalato ulteriori casi umani di febbre del Nilo occidentale nella UE. I laboratori hanno confermato che in un certo numero di paesi europei sono stati evidenziati casi di infezione da WNV. La scorsa settimana sette nuovi casi sono stati segnalati in Grecia dall’ Hellenic Centre for Disease Control and Prevention (KEELPNO). Sei nuovi casi sono stati evidenziati nella regione Attica e uno è stato confermato in Evvoia, che è una nuova zona interessata. Anche per l’Italia il Ministero della salute ha riferito che il primo caso di febbre del Nilo occidentale per il 2012, è stato diagnosticato in Sardegna ad Oristano, una zona colpita anche l’anno scorso. L’allerta che ne è scaturita riflette la maggiore consapevolezza tra gli operatori sanitari ed i laboratori sulla maggiore resistenza del virus favorita dalle condizioni meteorologiche propizie causate da precipitazioni e temperature elevate di questi giorni che hanno portato ad un notevole aumento della presenza di specie di zanzare del tipo Aedes e Culex nel bacino del Mediterraneo ed oltre. Tale primo campanello d’allarme avrebbe incoraggiato gli Stati membri a implementare misure adatte al fine di ridurre al minimo l’impatto di un potenziale focolaio WNV nei paesi a rischio. La cosiddetta febbre del Nilo occidentale è una malattia trasmissibile dagli animali all’uomo, provocata dal West Nile virus (Wnv). I suoi serbatoi sono soprattutto gli uccelli e le zanzare, le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione. La malattia è comparsa per la prima volta in Italia a nel 2011 ed è stata segnalata con numerosi focolai negli equidi e sintomatologia clinica negli uccelli. A tale proposito Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” evidenzia che tra le categorie più a rischio vi sono persone di età superiore ai 50 e gli immunodepressi (ad esempio, i pazienti sottoposti a trapianto). Tenendo conto, quindi, che l’80% degli infettati con WNV sono asintomatici e meno di 1% presenta sintomi gravi come meningite o encefalite, gli operatori della sanità dovrebbero adottare strategie preventive per evitare la possibilità di epidemie durante i periodi più a rischio. A causa dell’indisponibilità di un vaccino contro l’infezione umana WNV, la prevenzione clinica svolge un ruolo fondamentale nel ridurre la possibilità di esiti gravi della malattia. la popolazione, soprattutto nelle zone colpite, dovrebbe essere informata circa le caratteristiche tipiche della malattia ed agire attraverso strategie di controllo già a partire dall’ambiente domestico.

27 luglio 2012 0

Maltempo, da domani temporali sul nord-ovest dell’Italia

Di admin

L’intrusione di aria fresca in quota, associata a venti umidi sud-occidentali, determinerà, nella giornata di domani, fenomeni di instabilità sulle aree alpine e localmente sulla pianura padana. I temporali più significativi si avranno sulle regioni centro-occidentali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede, dalle prime ore di domani, sabato 28 luglio 2012, precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Piemonte e Lombardia. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento

Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

27 luglio 2012 0

Goletta dei Laghi di Legambiente arriva nel Lazio per l’ultima tappa della campagna

Di admin

Dall’Ufficio stampa Goletta dei Laghi riceviamo e pubblichiamo:

Arriva domani, sabato 28 luglio, nel Lazio la Goletta deiL aghi, la campagna nazionale di Legambiente per il monitoraggio dello stato disalute dei laghi italiani, realizzata con il contributo del Coou (Consorzio Obbligatorio Oli Usati) e per le tappe romane dell’Assessorato alla Tutela Ambientale della Provincia di Roma. Il Lazio è l’ultima tappa della campagna che ha viaggiato lungo lo Stivale per scovare le criticità che minacciano la salute dei bacini lacustri, anche in base alle segnalazioni ricevute dai cittadini grazie al servizio Sos Goletta messo a disposizione per segnalare le situazioni a rischio. Riflettori puntati su scarichi abusivi, depuratori malfunzionanti e cementificazioni che compromettono l’equilibri del lago e il paesaggio costiero.

“Per il settimo anno ci troveremo a monitorare lo stato di salute delle acque dei nostri laghi cercando di informare e sensibilizzare i cittadini sui danni derivanti dal malfunzionamento dei depuratori e sull’inquinamento provocato da scarichi fognari non depurati – commenta Federica Barbera, portavoce della Goletta dei Laghi di Legambiente –. Il recepimento nel 2010 della direttiva euro pea in materia di qualità delle acque ha permesso all’Italia di modificare in modo più permissivo  i criteri e i parametr i sulla balneabilità a cui però non sono seguiti interventi ed investimenti infrastrutturalitali daa vviare unp rocesso di risanamento delle acque interne. La copertura di depurazione arriva solo al 76% del totale del carico inquinante prodotto, con l’82% nel Nord, il 79% al Centro e il 66% circa nel Sud e Isole, senza considerare l’aggravarsi del problema nel periodo estivo, quando l’afflusso di turisti porta i depuratori al collasso.”

“Goletta dei Laghi nel Lazio vuole mettere in evidenza criticità e bellezze dei nostri meravigliosi ecosistemi lacustri – afferma Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio -. L’iniziativa sarà l’occasione per puntare il dito contro l’eccessivo consumo di suolo e la cementificaziones elvaggia delle coste, senza rinunciare però alla promozione e valorizzazione delle località più virtuose, inserite nella Guida Bludi Legambiente e Touring Club Italiano, per aver scelto di puntare sulla sostenibilità e la qualità ambientale de lturismo. Depurazione, cemento, accessibilità, livelli delle acque rimangono i problemi più pressanti sui quali intervenire. I laghi vanno tutelati con più determinazione, cogliendo anche tutte le opportunità di un turismo che cerca luoghi incontaminati e tranquilli.”

LeiniziativedellaGolettadeiLaghiinprogrammanel Lazio dal 28 al 31 luglio

Sabato 28 luglio

Ai laghi di Nemi e Albano una splendida visita per dare il benvenuto alla Goletta dei Laghi nella nostra regione. Durante la giornata sono previste a Nemi visite guidate al Museo delle Navi, recentemente ristrutturato in tutta la sua bellezza dalla Soprintendenza Archeologica del Lazio, e al Tempio di Diana, enorme complesso che si allargava su una superficie di oltre 5.000 mq. Terminate le visite ci si sposterà sul lago di Albano, dove è prevista una visita in battello sul lago prima del rientro. Quota di partecipazione 5,00 € tutto incluso. Appuntamento per la partenza ore 8.30, a Castro Pretorio (uscita metro B). Per info e prenotazioni chiamare 06/85358051.

Domenica 29 luglio

Al Lago di Martignano dimostrazione delle unità cinofile di Legambiente; con l’ausilio di sette cani “terranova” verranno illustrate le migliori tecniche di salvataggio in acqua. Appuntamento alla spiaggia del Lago, dalle ore 11.00.

Lunedì 30 luglio

Al Lago di Bolsena, incontro con il Sindaco del Comune di Bolsena, l’Assessore all’Ambiente della Provincia di Viterbo, i rappresentanti delle associazioni locali. Presentazione dei dati della Guida Blu di Legambiente e Touring Club. Appuntamento alle ore 11, presso la sala del Comune di Bolsena.

Martedì 31 luglio, ore 11.00

conferenza stampa con i risultati del monitoraggio scientifico nel Lazio della Goletta dei Laghi

di Legambiente e il bilancio complessivo della settima edizione della campagna

sala “Peppino Impastato” della Provincia di Roma

Palazzo Valentini – Via IV Novembre, 119/a

Le tappe della Goletta dei Laghi:

27 giugno-2 luglio: Lago d’Iseo

3luglio-6 luglio: Lago di Como

8-13 luglio: lago Maggiore

14-18 luglio: lago di Garda

19 luglio: lago dell’Accesa

20-21 luglio: lago Trasimeno, lago di Piediluco

22 luglio: lago di Fiastra

23 luglio: lago di Scanno

24-25 luglio : Palermo, laghi regionali. Serradifalco/Caltanissetta, Riserva naturale orientale lago Soprano

26-27 luglio Calabria: lago di Cecita, lago di Ariamacina, lago Arvo, lago Ampollino

28-31 luglio: lago di Albano, lago di Bolsena, lago di Bracciano

 

 

I progetti a bordo di Goletta dei Laghi

Sos Goletta

È il servizio messo a disposizione dei cittadini per segnalare tubature che scaricano in mare, o nei laghi, liquidi o sostanze sospette in acqua, tratti di mare o di lago dal colore e dall’odore sgradevoli. Per fare una segnalazione basta inviare una breve descrizione della situazione, l’indirizzo e le indicazioni utili per individuare il punto, le foto dello scarico o dell’area inquinata e un recapito telefonico. Gli SOS si possono inviare via mail, all’indirizzo sosgoletta@legambiente.it o tramite sms e mms al numero 346.007.4114

Guarda il video di SOS Goletta

Living Lakes

Promuovere la protezione e lo sviluppo degli habitat naturali, salvaguardare la loro varia flora e fauna, aumentare la conoscenza e il livello di sensibilità nei confronti degli ecosistemi delle aree lacustri e sviluppare in modo sostenibile il turismo e le economie locali. Questi gli obiettivi della rete italiana di Living Lakes, presieduta da Legambiente, che comprende ad oggi 3 associazioni e 10 tra i maggiori laghi italiani. Living Lakes e Goletta dei Laghi viaggeranno insieme per promuovere iniziative ed eventi mirati a diffondere e valorizzare sempre di più la tutela del nostro patrimonio lacustre. http://www.livinglakesitalia.it/

Sostieni la Goletta dei Laghi!

Da quest’anno hai la possibilità anche tu di diventare supporter della campagna acquistando la t-shirt ufficiale dell’equipaggio. La puoi trovare durante le iniziative della Goletta dei laghi o direttamente online al bazar di legambiente

Main Partner: Consorzio obbligatorio degli oli usati Partner tecnici: Corepla e Novamont

Radio ufficiale: RDS Media partner: La nuova ecologia

L’equipaggio di Goletta dei Laghi veste Patagonia Segui il viaggio della Goletta dei Laghi sul sito www.legambiente.it

E su facebook/goletta dei laghi

27 luglio 2012 0

Rintracciato il 72enne disperso a Sant’Agapito Scalo

Di admin

E’ stato rintracciato verso mezzogiorno, grazie alla collaborazione sinergica di tutte le forze in campo, l’anziano di Montecilfone (Cb) A.I., residente da circa un mese nella casa di riposo “Villa Liliana” di S.Agapito Scalo (Is). Per tutta la mattinata, Tecnici del Soccorso Alpino Regionale hanno perlustrato la zona, coadiuvati dai Carabinieri, dal Corpo Forestale dello Stato e dai Vigili del Fuoco, muniti di unità cinofile. Le ricerche sono state supportate, anche nella giornata di oggi, da un elicottero della Polizia di Stato, proveniente da Pescara che, dopo aver imbarcato due tecnici specializzati in elisoccorso del Cnsas Molise, ha sorvolato il territorio di Monte Locino, nelle vicinanze della Pineta di Isernia, dove l’uomo era stato visto dirigersi. L’anziano, abbastanza provato soprattutto da una notte trascorsa all’addiaccio, è stato ricoverato, per gli accertamenti del caso, presso l’Ospedale di Isernia.

27 luglio 2012 0

Al via la raccolta differenziata, approvata la delibera e definito il programma del “porta a porta”

Di redazionecassino1

“Prende il via il progetto porta a porta all’interno del Comune di Cassino. Con la delibera di oggi si è dato ufficialmente inizio alla fase esecutiva del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti in ambito cittadino.” A dichiararlo a margine della riunione di giunta che si è tenuta questa mattina in Comune è l’assessore all’ambiente Riccardo Consales. “Dopo la fase di progettazione preliminare – ha sostenuto Consales – e di contrattazione con la ditta De Vizia, siamo riusciti ad avere un quadro più completo che ci ha dato modo di definire i tempi e trovare la copertura finanziaria per lo start up della raccolta differenziata. Ad ottobre, quindi, partiremo con una campagna di comunicazione sul tema e nel mese successivo avremo la consegna del primo step che interesserà un vasto territorio all’interno del quale rientrano il quartiere Colosseo, Solfegna Cantoni, Folcara, Sant’Angelo, Panaccioni, Andridonati e Collecedro, per un totale di circa 5.000 utenze. Nel secondo step, indicativamente tra gennaio e febbraio, è prevista la copertura della restante parte esterna al centro urbano, nello specifico saranno interessati dal progetto la frazione di Caira, San Michele, Sant’Antonino, Selvotta e San Bartolomeo, con l’obiettivo di raggiungere nel periodo di aprile – maggio la copertura dell’intero centro urbano. I dettagli del progetto esecutivo verranno definiti in maniera accurata con la ditta De Vizia per poi essere ampiamente discussi all’interno della commissione consiliare permanente competente e della Consulta dell’Ambiente. Dopo di che, il nuovo sistema di raccolta sarà ampiamente illustrato attraverso la campagna di comunicazione, fatta anche di incontri ed assemblee, che si terrà in tutti i quartieri della nostra città. Si tratta di una vera e propria rivoluzione che si pone l’obiettivo, oltre che di ridurre i rifiuti mandati in discarica e all’incenerimento, di valorizzare la risorsa rifiuto come bene totalmente riciclabile. È ovvio che ci aspettiamo la collaborazione di tutti i cittadini e delle varie aziende presenti nel nostro territorio per raggiungere insieme obiettivi di raccolta differenziata ambiziosi (almeno il 65%) e per far si che il porta e porta diventi una vera e propria cultura, oltre che un esempio per tutti i comuni della provincia di Frosinone.”

27 luglio 2012 0

A 33 anni, operaio muore folgorato in un cantiere a Fiuggi

Di redazione

I suoi colleghi lo hanno visto accasciarsi al suolo e morire. E’ accaduto questa mattina a Fiuggi dove un uomo di 33 anni, è morto folgorato mentre bucava un muro per fissare un ponteggio. Si tratta di un operaio di una ditta che in via San Rocco, stava lavorando per la sistemazione esterna della facciata di una casa. Per questo era necessario un ponteggio e il dramma è avvenuto quando il 33enne, con un trapano, stava praticando un foro al muro e ha toccato toccato un cavo elettrico. La scossa assssina non gli ha lasciato scampo. L’uomo è rimasto sul posto e a nulla sono valsi i tentativi per soccorrerlo, fatti prima dai colleghi, poi dagli operatori del 118 e dei vigili del fuoco. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri.

27 luglio 2012 0

Cambio al vertice della Guardia di Finanza di Chieti, il Colonnello Pellecchia sostituisce il colonnello D’Amata, resoconto delle attività

Di redazione

Alla presenza del Comandante Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza – Gen. B. Francesco Attardi, si è svolta, questa mattina, presso la sede del Comando Provinciale di Chieti, la cerimonia del passaggio di consegne tra il Col. t. ST Paolo D’Amata – cedente – ed il Col. Domenico Pellecchia, subentrante. Alla cerimonia erano presenti gli ufficiali e tutti i comandanti di reparto oltre ad una rappresentanza di finanzieri in servizio ed in congedo. Dopo la resa degli onori al Generale Attardi, e’ iniziata la cerimonia di avvicendamento al vertice del Comando Provinciale di Chieti. Durante la cerimonia il Gen. Br Francesco Attardi ha vivamente ringraziato il col D’ Amata per il lavoro svolto e gli apprezzabili risultati conseguiti auspicando per l’ufficiale sempre maggiori soddisfazioni. Il Comandante Regionale ha formulato al Col. Domenico Pellecchia fervidi voti augurali per il nuovo incarico e per ogni futuro successo. Il Col. D’amata, che ha ceduto il comando dopo 3 anni e che è stato destinato ad altro incarico alla capitale. Il nuovo Comandante Provinciale, Col. Domenico Pellecchia, nativo di Avellino, ha 53 anni. Negli ultimi anni ha ricoperto l’incarico di Comandante del Reparto Tecnico Logistico Amministrativo del Comando Regionale Emilia Romagna con sede in Bologna, già Comandante del Comando Provinciale di Torino e Capo Centro della Direzione Investigativa Antimafia di Bari. Il Colonnello Pellecchia è entrato nell’accademia del Corpo nel 1978; laureato in Giurisprudenza ha conseguito il Diploma di Laurea Specialistica in Scienza della Sicurezza Economica Finanziaria presso l’Università di Tor Vergata Roma; è stato insignito di varie onorificenze, tra cui quella di Commendatore dell’O.M.R.I. e decorato della medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera militare e della medaglia d’Oro al merito di Lungo Comando di Reparto. Ha prestato servizio anche nelle città di Trapani, Alessandria, Roma. Ha frequentato presso l’IASD, Istituto Alti Studi per la Difesa, la 58^ Sessione di studi, massimo livello di formazione per l’Alta Dirigenza militare e civile della Difesa e della Guardia di Finanza, per lo studio di strategie di sicurezza e difesa nazionale.

Durante il periodo di permanenza (settembre 2009 – luglio 2012), in cui il Col. D’Amata ha retto il Comando Provinciale di Chieti, il Corpo ha subito dei cambiamenti sostanziali assumendo sempre più il compito di tutore delle entrate e delle uscite dello Stato. Di seguito si delineano i principali risultati conseguiti dal Comando Provinciale di Chieti nel periodo in esame durante la reggenza del Col. D’Amata: A. LOTTA E CONTRASTO ALL’EVASIONE FISCALE. TUTELA DELL’ENTRATE. Sono state eseguite complessivamente nr. 814 verifiche sostanziali che hanno consentito di constatare nel settore delle imposte dirette oltre 650 milioni di euro di materia imponibile sottratta all’imposizione e nel settore dell’iva oltre 80 milioni di euro d’imposta evasa.

Le ritenute d’acconto non operate e non versate ammontano ad oltre 11 milioni di euro.

A seguito delle verifiche svolte sono state denunciate all’autorità giudiziaria 194 persone per reati di natura fiscale, di cui 2 in stato di arresto.

Di notevole spessore sono i risultati conseguiti nella lotta all’economia sommersa.

Sono stati infatti individuati e sottoposti a controllo ben 183 evasori totali e 43 paratotali, con un recupero a tassazione di oltre 304 milioni di euro di base imponibile e la constatazione di oltre 44 milioni di euro di iva dovuta.

Sono stati scoperti 356 lavoratori impiegati in nero, di cu 3 minorenni, 344 lavoratori irregolari, e 128 lavoratori non risultanti dalle scritture obbligatorie.

Sono stati eseguiti, infine, 3.378 controlli in materia di documenti di trasporto riguardanti le merci movimentate su strada e 9.586 controlli concernenti ricevute e scontrini fiscali, dei quali 2.117 ( circa il 22% ) si sono conclusi con esito positivo. Complessivamente, per questo tipo di violazione, sono state avanzate nr 43 proposte di chiusura, sulla base delle violazioni accertate nel corso di specifiche operazioni condotte dai militari appartenenti ai reparti territoriali del Comando Provinciale di Chieti, ed eseguiti nr. 22 provvedimenti di chiusura.

Discreti i risultati relativi all’attività di prevenzione e di repressione del “gioco d’azzardo”, dell’esercizio abusivo del gioco e delle “scommesse clandestine”, infatti, nel corso degli anni è continuata l’operazione, c.d. “senza rete” che ha permesso di sequestrare circa 200 videogiochi tipo videopoker e slot machine installati ma non collegati alla rete telematica con l’azienda autonoma dei monopoli di stato e conseguentemente di segnalare all’AA.M.S. oltre 200 persone tra gestori ed esercenti.

Fra le varie importanti operazioni concluse, degna di novero è sicuramente quella che ha interessato il titolare del Gruppo “Villa Pini”, Vincenzo Maria Angelini: le indagini per bancarotta fraudolenta e falso in bilancio, hanno portato ad accertare una distrazione delle risorse finanziarie della citata società per oltre 100 milioni di euro. A seguito di quanto rilevato, è stato disposto il sequestro preventivo di oggetti d’arte di un valore stimato superiore a 10 milioni di euro.

B. LOTTA E CONTRASTO ALL’EVASIONE FISCALE. TUTELA DELLE USCITE. La Guardia di Finanza è molta attenta al bilancio dello stato – segmento uscite – perché la spesa è il termometro dell’andamento dell’economia nazionale, si verifica se si spende di più di quanto si incassa.

Nell’ambito dell’azione di prevenzione e repressione delle frodi al bilancio dello stato, delle regioni, degli enti locali e dell’Unione Europea esercitata dalle Fiamme Gialle teatine, si registrano numerevoli controlli in materia di:

1) indebita fruizione di prestazioni sociali agevolate – P.S.A. -. In questi anni sono stati formalizzati protocolli d’intesa tra il Comando Provinciale della Guardia di Finanza ed i Comuni di Chieti, San Giovanni Teatino, Vasto, Lanciano, San Salvo che impegna i sottoscrittori a collaborare per un miglior coordinamento dei controlli sostanziali della posizione reddituale e patrimoniale dei nuclei familiari, dei beneficiari delle provvidenze per accrescere l’efficacia complessiva dell’azione ispettiva in materia di prestazioni sociali agevolate e favorire ogni opportuna sinergia nell’espletamento delle verifiche di rispettiva competenza.

Sono state esaminate oltre 400 posizioni nei confronti di quelle persone richiedenti ed ammesse ai vari benefici economici, quali il gratuito patrocinio, borse universitarie, libri e refezione scolastica, assegni per nuclei familiari che hanno permesso di acclarare irregolarità per circa il 20% di esse.

2) spesa sanitaria La Compagnia di Chieti ha individuato la posizione irregolare di un medico che, in quanto percettore di borsa di studio, non poteva esercitare la libera professione, rendendosi responsabile del reato di truffa e dell’appropriazione indebita di una somma pari ad €. 29.008,80.

La Tenenza di Ortona ha constatato l’esercizio abusivo della professione medica di una persona la quale, senza la laurea, prescriveva diete e praticava interventi ambulatoriali estetici. Il responsabile è stato denunciato all’a.g. per il reato previsto dall’art. 348 del c.p..

Il Nucleo di P.T. di Chieti, nell’ambito dei controlli finalizzati ad accertare il buono e corretto andamento della spesa sanitaria, ha accertato nei confronti di 16 medici di base il reato di “comparaggio”, previsto e punito dal T.U. delle Leggi Sanitarie, nonché, nei confronti di una società avente sede a Pomezia, resasi responsabile di comportamenti illeciti e di aver corrisposto benefits vari a medici in cambio di una rilevante prescrizione di farmaci facenti capo a quella casa farmaceutica.

3) frode ai danni del bilancio comunitario, nazionale, regionale e locale. Nell’ambito del bilancio comunitario si ricordano i sottonotati servizi:

il Nucleo di P.T. di Chieti ha constatato in materia di fondi strutturali una truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche per progetti mai avviati, sono state denunciate all’A.G. 4 persone;

la Tenenza di Ortona ha accertato indebiti contributi comunitari percepiti nel settore della pesca da parte di due persone. Gli individui, pur avendo dichiarato di bloccare in porto il loro motopeschereccio per poter percepire le provvidenze comunitarie per il fermo biologico, vendevano il mezzo, lucrando indebitamente il contributo pari ad euro 55.730,00; le persone resesi responsabili del reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, sono state denunciate a piede libero alla competente A.G..

Nell’ambito del bilancio nazionale, regionale e locale si ricordano i sottonotati servizi:

il Nucleo di P.T. di Chieti ha constatato a carico di: – un responsabile dell’area tecnico manutentiva del comune di Filetto; – un responsabile del dipartimento tecnico e patrimonio dell’A.s.l. di Chieti; la violazione del principio di buon andamento della pubblica amministrazione e del reato previsto e punito dall’art. 323 del c.p. “abuso d’ufficio”, con un danno presunto ammontante ad €. 87.371,31;

il Nucleo di p.t. di Chieti ha constatato: – a carico di un ente locale l’illecita applicazione della normativa per l’accesso ad agenzie interinali per l’assunzione temporanea di lavoratori, determinando un aggravio alle casse dell’erario per un importo pari ad €. 14.637.731,95; – a carico di un comune, la mancata riscossione dei canoni enfiteutici connessi all’utilizzo di aree territoriali appartenenti alla propria disponibilità patrimoniale. La mancata riscossione per anni ha determinato l’automatica prescrizione dei canoni dovuti per annualità pregresse per un ammontare di €. 1.143.758,83;

il Nucleo di p.t. di Chieti ha constatato, nei confronti di una società cooperativa nella gestione di ambulanze per il trasporto di pazienti dializzati, una truffa all’erario per un importo pari ad €. 235.000,00. 2 le persone denunciate;

la Compagnia di Vasto ha accertato a carico di un ente territoriale locale, l’approvazione di spese non previste dai medesimi amministratori che determinava un aggravio alle casse dell’erario per un importo pari ad €. 1.545.998,00;

la Compagnia di Chieti e la Tenenza di Ortona, a conclusione delle attività ispettive, hanno accertato indebiti finanziamenti a carico di società per un importo di oltre 180 mila Euro ed hanno denunciato due persone per il reato di truffa aggravata a carico del bilancio nazionale.

Un ruolo primario nel contrasto alle frodi della specie, è rivestito dalla Corte dei Conti, con la quale il Corpo collabora costantemente al fine di individuare quanti hanno utilizzato indebitamente provvidenze pubbliche.

C. TUTELA DEL MERCATO DEI BENI E DEI SERVIZI. Le Fiamme Gialle, sempre in prima linea nella tutela del mercato legale del “made in Italy”, della sicurezza della salute dei consumatori, hanno profuso uno sforzo particolare addivenendo a brillanti risultati operativi come segue:

CONTRAFFAZIONE MARCHI

Nel periodo sono stati eseguiti oltre 100 interventi che hanno permesso di sequestrare oltre 6.500 prodotti tra abbigliamento, occhiali, orologi, articoli di pelletteria, accessori vari. Sono state denunciate all’A.G. 98 persone, di cui 3 in stato di arresto.

PIRATERIA AUDIOVISIVA E INFORMATICA

Nel periodo sono stati eseguiti oltre 70 interventi che hanno permesso di sequestrare oltre 6.800 prodotti tra CD, DVD, supporti magnetici. Sono state denunciate all’A.G. 68 persone.

TUTELA DEL CONSUMATORE

Nel periodo sono stati eseguiti circa 44 interventi che hanno permesso di sequestrare oltre 23.900 prodotti, tra alimenti e prodotti di profumeria, e sono state segnalate e/o denunciate alle Autorità competenti 32 persone.

LOTTA AL CAROVITA

Nel periodo sono stati eseguiti complessivamente 519 interventi. I controlli hanno riguardato il rilevamento di prezzi di prodotti quali carne, latte, pasta, benzina, prodotti di salumeria e di bar, frutta e verdura etc., rilevando circa il 10% di violazioni alla normativa vigente.

D. TUTELA DEL MERCATO DEI CAPITALI.

Il triennio appena trascorso è stato caratterizzato da sostanziali modifiche legislative ed operative. Nei settori sottoindicati sono stati complessivamente condotti nr. 260 interventi, riscontrando 287 violazioni, denunciando all’A.G. 388 persone di cui 11 tratte in arresto. E’ stato proceduto al sequestro di beni per un importo pari a circa €.9.000.000,00.

LOTTA ALL’USURA ED AL RICICLAGGIO

Il fenomeno dell’usura è sempre tenuto in considerazione, in quanto rappresenta l’anticamera di altri fenomeni di inquinamento dell’economia legale, quali il riciclaggio di denaro sporco.

Tra le principali operazioni ricordiamo le oltre 109 Segnalazioni per Operazioni Sospette esaminate, riguardanti trasferimenti illeciti di denaro senza l’ausilio di intermediari finanziari autorizzati.

E. TUTELA DELLA SICUREZZA.

In questo ambito la Guardia di Finanza è chiamata a porre in essere strategie operative che permettano il contrasto alla criminalità organizzata, l’aggressione di patrimoni illecitamenti costituiti, le verifiche di posizioni fiscali di soggetti condannati per il reato p.p. dall’art. 416-bis – associazione mafiosoa o sottoposta a misura di prevenzione -, al controllo economico del territorio.

La Guardia di Finanza di Chieti, in questi anni, è stata impegnata soprattutto:

LOTTA E CONTRASTO AL TRAFFICO E SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Nel periodo sono stati eseguiti circa 96 interventi, che hanno permesso di sequestrare oltre 17 Kg. tra hashish e marijuana, circa 7 Kg. di eroina, 261 Gr. di cocaina oltre 4.000 semi di canapa. Sono stati sequestrati 2 automezzi e denunciate all’Autorità Giudiziaria 58 persone, di cui 20 in stato di arresto. 69 sono state le persone segnalate alla locale Prefettura di Chieti quali consumatori abituali.

TUTELA AMBIENTALE Nel periodo sono stati eseguiti circa 58 interventi, che hanno permesso di sequestrare 14 aree di circa 28.000 Mq. ove era stipato un quantitativo enorme di rifiuti industriali e tossici, sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria 19 persone e segnalate alle Autorità competenti 45 persone per violazioni amministrative.

27 luglio 2012 0

Asilo nido, dal primo al sedici agosto sarà possibile presentare le domande per l’ammissione

Di admin

“A decorrere dal primo agosto e fino a tutto il 16 agosto 2012 presso gli uffici del Comune sarà possibile presentare le richieste per l’ammissione alla frequenza dell’asilo nido comunale per l’anno scolastico 2012 – 2013.” A renderlo noto è l’assessore alla pubblica istruzione del Comune di Cassino, Danilo Grossi. La nuova modulistica, quindi, così come ci spiega Andrea Velardocchia, presidente della seconda commissione consiliare permanente, è pronta e disponibile presso gli uffici comunali. “A seguito del Consiglio del 24 luglio – ha continuato Velardocchia – dopo un lavoro svolto all’interno della commissione competente, è stato modificato l’articolo 6 per quanto concerne i criteri d’accesso all’asilo nido comunale. Un provvedimento che si è reso necessario perché questa Amministrazione ha voluto tener conto, non solo delle situazioni economico – reddituali, ma anche delle esigenze sociali e familiari all’interno dei nuclei di provenienza dei bambini. È stata una riforma che rende sicuramente il nostro Comune al passo con tutte le realtà comunali dove c’è un’adeguata attenzione nell’erogazione dei servizi essenziali, tra cui ovviamente rientra quello dell’asilo nido comunale. Infatti, abbiamo voluto dare rilevanza alla tutela della famiglia monogenitoriale unitamente alla presenza di disabilità in famiglia riguardante il bambino o uno dei genitori. Per quel che riguarda i posto disponibili all’interno dell’asilo nido, il numero è, come ogni anno, pari a 60, di cui 55 ammessi al bando e 5 riservati all’Amministrazione per le esigenze previste dall’articolo 6 del regolamento comunale. Una volta presentata la domanda direttamente all’ufficio protocollo del Comune, ricordo che il termine ultimo per la presentazione è fissato per le ore 12.00 del 16 agosto, si procederà a stilare la graduatoria secondo i criteri di cui all’art. 6 del regolamento come modificato con delibera del 24 luglio 2012. Infine, il modello di domanda e la dichiarazione sostitutiva di certificazioni saranno reperibili, oltre che presso gli uffici comunali preposti, anche sul sito istituzionale del Comune di Cassino.” Una serie di criteri ben precisi che regolamentano, dunque, l’ammissione all’asilo nido di chi fa domanda, come ci conferma l’assessore Grossi. “Questa – ha concluso Grossi – è stata una vera e propria rivoluzione per Cassino il cui regolamento per quanto concerne l’asilo nido era fermo al 1987 e a seguito di questa modifica finalmente anche la nostra diventa una città moderna. Si tratta di un primo, ma fondamentale passo nel portare avanti un’azione mirata al miglioramento costante del servizio a vantaggio dei cittadini che ne usufruiscono. Infine, come fatto presente anche nella modulistica, le domande che perverranno presso gli uffici del Comune, come da protocollo di intesa, verranno controllate dalla Guardia di Finanza al fine di evitare che, quando si andrà a stilare la graduatoria, chi non ha diritto venga ammesso all’asilo nido.” Si rende noto inoltre che alla domanda va allegata la seguente documentazione:

– Dichiarazione Sostitutiva Unica, completa di attestazione ISE/ISEE (reddito di riferimento anno 2011);

– Dichiarazione Sostitutiva di Certificazioni;

– Fotocopia di un documento di identità in corso di validità.

Coloro che non risultano in regola con il pagamento della retta relativa al decorso anno, non saranno ammessi alla frequenza del nido. Per ogni tipo di informazione rivolgersi al 2° settore – Servizi al cittadino – Ufficio Pubblica Istruzione, dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12.00 – martedì e giovedì anche dalle ore 15.30 alle ore 17.00 al numero 0776 298407.

27 luglio 2012 0

Due incidenti, cinque feriti nel frentano

Di redazione

Cinque feriti in due incidenti stradali frontali avvenuti a distanza di poche ore a Lanciuano e a Rocca San Giovanni. Il primo è accaduto alle 10 circa a Sant’Onofrio sulla strada provinciale che da Lanciano scende ad Atessa. In questo caso a scontrarsi sono state una Fiat Punto e una Ford Fiesta, coinvolta marginalmente anche un’altra Fiat Punto. Tutti i conducenti delle vetture sono stati trasportati in ospedale ma la donna alla guida della Fiesta, per uscire dalla vettura, ha spettato pochi minuti l’arrivo dei vigili del fuoco che l’hanno liberata dai rottami. In ospedale le hanno riscontrato la rottura del femore. A Rocca San Giovanni, invece, poco dopo le 12, si sono scontrati sempre frontalmente, una Fiat 500 vecchio modello e un’Alfa. Ad avere la peggio sono stati gli occupanti della vettura d’epoca che hanno riportato, il primo la rottura di una spalla e di una mano, la rottura del piede il secondo.