Giorno: 30 luglio 2012

30 luglio 2012 0

Ferito ad una gamba da cacciatore di frodo, 54enne muore dissanguato a Casalbordino

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il suo corpo è stato trovato esanime in un vigneto a Casalbordino lungo la strada statale 16, a pochi chilometri dallo svincolo autostradale Vasto Nord dell’A14. Gabriele Di Tullio, 54anni del posto, era scomparso la sera prima e il suo corpo è stato ritrovato questa mattina da uno dei parenti che lo hanno cercato tutta la notte. Il 54enne, vedovo, sarebbe morto per dissanguamento a causa di un colpo di fucile, probabilmente un pallettone per cinghiali, lo ha raggiunto e ferito ad un a gamba. L’uomo, senza cellulare, non ha potuto chiedere aiuto e avrebbe tentato di raggiungere la sua auto parcheggiata poco distante senza riuscirci. Probabilmente a sparare il colpo assassino è stato un cacciatore di frodo che ha fatto fuoco convinto di sparare ad un cinghiale. Quando ha capito dell’errore, sarebbe fuggito condannando a morte Di Tullio.

30 luglio 2012 0

Guida un autocarro senza patente, provoca un incidente e scappa, 41enne denunciato ad Ortona

Di redazione

Ieri mattina a Ortona, sulla S.S. 16 Adriatica al Km 470+700, in località Saraceni, A.G., 41enne da Fossacesia, alla guida del proprio autocarro Seat Wan, per cause in corso di accertamento ha perso il controllo del mezzo e, invadendo l’opposta corsia di marcia, si è schiantato frontalmente con il motociclo Piaggio X9 condotto da S.W. 32enne da Ortona. A seguito dell’impatto, A.R., si è dato alla fuga a piedi, mentre S.W., prontamente soccorso da automobilisti in transito, dai carabinieri e dagli operatori del 118, è stato elitrasportato presso il pronto soccorso dell’ospedale Civile di Pescara, dove è stato ricoverato in prognosi riservata per le gravi lesioni riportate. Ulteriori indagini hanno consentito di accertare che il conducente dell’autocarro era sprovvisto di patente di guida perché revocata. Sono in corso ulteriori indagini per accertare compiutamente le cause dell’evento e le ricerche per il rintraccio di A.G., che e’ stato denunciato alla Procura della Repubblica di Chieti per lesioni personali, omissione di soccorso e guida senza patente.

30 luglio 2012 0

Incendi boschivi, 21 richieste di intervento aereo

Di admin

Sono stati particolarmente impegnati per tutta la giornata nella lotta agli incendi boschivi i mezzi aerei della flotta dello Stato, chiamati a intervenire a supporto delle squadre di terra su 21 incendi distribuiti su tutto il territorio nazionale.

È dalle regioni Lazio e Sicilia che sono arrivate le maggiori richieste di intervento, cinque ciascuna, al Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento della Protezione Civile nazionale. A seguire Umbria e Calabria con 4 richieste, Sardegna con due, una richiesta dalla Liguria.

L’intenso lavoro svolto dagli equipaggi dei mezzi aerei ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, fino ad ora, 10 roghi mentre 11 incendi risultano ancora attivi. Al momento stanno operando tredici Canadair, due S64, un AB412 e un fire-boss: il lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguirà finché le condizioni di luce consentiranno di effettuare le operazioni in sicurezza.

È utile ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d’emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo. Fornendo informazioni il più possibile precise, si contribuisce in modo determinante nel limitare i danni all’ambiente, consentendo a chi dovrà operare sul fuoco di intervenire con tempestività, prima che l’incendio aumenti di forza e di capacità distruttiva.

30 luglio 2012 0

Soccorso alpino carabinieri e forestale e vigili del fuoco cercano 22enne disperso a Cerro al Volturno nell’isernino

Di admin

Risulta disperso dalle ore 13.00 di oggi, 30.07.2012, a Cerro al Volturno (IS) ragazzo di 22 anni, allontanatosi volontariamente. I Tecnici del Soccorso Alpino Regionale, quattro persone dalla Stazione di Campobasso e tre da quella di Isernia, allertati verso le ore 15, si sono immediatamente recati sul posto, coadiuvati dai Carabinieri, dal Corpo Forestale dello Stato e dai Vigili del Fuoco. Le ricerche, finora di superficie, probabilmente saranno supportate dall’elicottero ricognitore della Protezione Civile: al momento sono tuttora in corso e proseguiranno senza interruzioni.

30 luglio 2012 0

Eroina contaminata dall’antrace: un nuovo caso è stato segnalato dalla Scozia dopo i casi segnalati per primi dallo “Sportello dei Diritti”

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

Dopo i casi segnalati di contaminazione da antrace di partite di eroina per primo da Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” in data 15 luglio scorso, la cui notizia ha avuto ampia diffusione sulla stampa nazionale a seguito della conferma da parte del Sistema Nazionale di Allerta Precoce del Dipartimento Politiche Antidroga, la cui delega è affidata al Ministro per la Cooperazione Internazionale e l’integrazione Andrea Riccardi, un nuovo caso è stato segnalato dalla Scozia il 25 luglio 2012.

Secondo la ECDC, il centro europeo di prevenzione e controllo delle malattie (ECDC) che assieme all’ Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) a lanciato l’allarme, le indagini sono tutt’ora in corso. Basti ricordare che già nel 2009/2010, un’epidemia di antrace ha coinvolto 124 di stupefacenti per via parenterale nel Regno Unito (Inghilterra e Scozia con cinque e 119 casi rispettivamente) e Germania (tre casi).

A questo punto, le conclusioni della valutazione rapida del rischio da parte dell’ECDC/OEDT rimangono valide, come il rischio di esposizione all’eroina contaminata per le persone che si iniettano droghe persiste e la contaminazione accidentale è la spiegazione più plausibile.

Le stesse agenzie hanno dichiarato, inoltre, che ulteriori infezioni tra persone che si iniettano la droga non possono essere escluse.

Lo “Sportello dei Diritti” invita, quindi, alla massima attenzione e prudenza non solo i tossicodipendenti ma tutte le strutture sanitarie a partire dai centri di primo intervento al fine di una pronta diagnosi dell’infezione, spesso dimostratasi letale.

30 luglio 2012 0

Fonte (IdV): “Un articolo specifico nello Statuto comunale per la salvaguardia dell’ambiente e degli spazi naturali”

Di redazionecassino1

Tutelare l’ambiente ,la natura del nostro territorio è questo lo spirito dell’iniziativa del capogruppo IdV in consiglio comunale, Igor Fonte. L’iniziativa consiste nell’ inserire nello Statuto un articolo specifico che riconosca fra i poteri del Comune la salvaguardia dell’ambiente e degli spazi naturali. “Porterò in sede di prima commissione consiliare permanente  – spiega Fonte – una proposta di modifica allo statuto comunale che si tradurrà nell’inserimento di un articolo che riconosca, nell’ambito di quelle che sono le competenze e i poteri del Comune, tra i principi fondamentali una disposizione relativa alla salvaguardia dell’ambiente e degli spazi naturali che compongono la nostra città.” “Le ultime notizie di cronaca, – ha continuato Fonte, da sempre in prima linea per la legalità – come il paventato ritorno del progetto di installazione di un impianto per lo smaltimento dell’amianto e di rifiuti tossici pericolosi nel cassinate, unito all’annosa vicenda del sito di rifiuti del Nocione, pongono alla ribalta la tematica della tutela dell’ambiente nel nostro territorio. Da qui la volontà di portare all’attenzione della massima assise civica una proposta che renderebbe Cassino, non solo un Comune virtuoso in ambito della tutela dell’ambiente, ma un vero e proprio esempio per tutti gli altri Comuni italiani. Senza dimenticare che così facendo si andrebbe a colmare una lacuna del nostro ordinamento giuridico che è sprovvisto di un articolo che tuteli espressamente la natura e l’ambiente. Infatti nella nostra Costituzione (che di certo è completa e strutturalmente ben fatta) viene nominato solo il paesaggio del nostro Paese, andando di fatto a regolamentare solo l’aspetto visivo e pittoresco. Questo comporta che i reati ambientali nel nostro ordinamento penale non configurano mai come delitti (eccetto il trasporto illecito dei rifiuti), ma vengono sanzionati esclusivamente come contravvenzioni. Ciò implica conseguenze paradossali, tra cui la prescrizione del reato in tempi molto brevi: chi, ad esempio, si rende colpevole di un interramento di rifiuti tossici, potrebbe non essere punito per la prescrizione quinquennale del reato. Va da sé che di questa lacuna ne trae beneficio soprattutto la criminalità organizzata, dal momento che le contravvenzioni, a differenza dei delitti, non sono comprese nel reato di associazione a delinquere. Sulla scorta delle Costituzioni Sud Americane (Ecuador e Bolivia), quindi, vorrei far inserire nel nostro Statuto Comunale una norma di principio che garantisca la massima tutela dell’ambiente e della natura sul nostro territorio, definendo la natura con la dicitura ‘Madre Terra’. Sono ben consapevole che per la ripartizione delle competenze Stato – Regioni la tutela dell’ambiente spetta esclusivamente allo Stato, ma prevedendo questa norma di principio all’interno del nostro Statuto potremmo dare un forte segnale, non solo ideologico, ma di senso civico oltre che un esempio per altri Comuni della Regione Lazio e perché no dell’Italia al fine di poter, eventualmente, coinvolgere anche il Legislatore per una riforma che andrebbe ad avvantaggiare la natura, l’ambiente e quindi tutti i cittadini.”

30 luglio 2012 0

Cassino Calcio: Conferenza stampa domani per presentare la nuova squadra

Di redazionecassino1

Domani, martedì 31 luglio alle ore 12.00, presso l’Aula la Sala Restagno del Comune di Cassino, avrà luogo una conferenza stampa nel corso della quale la nuova società del Cassino Calcio, rinforzata con l’ingresso del gruppo che fa capo all’imprenditore molisano Mimmo Cicchetti, si presenterà alla città.

Alla conferenza interverranno il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, l’assessore allo sport Danilo Grossi ed i responsabili della società del Cassino Calcio.

30 luglio 2012 0

Grossi: “Programmati gli interventi per gli edifici scolastici dei tre circoli Didattici Comprensivi”

Di redazionecassino1

“Ho voluto convocare i rappresentanti dei tre circoli didattici comprensivi della città di Cassino per fare un punto della situazione in vista dell’inizio del prossimo anno scolastico.” A dichiararlo a margine della riunione che si è svolta questa mattina negli uffici comunali, a seguito della recente nomina dei nuovi dirigenti scolastici dei tre circoli comprensivi, è l’assessore alla pubblica istruzione Danilo Grossi. “Abbiamo avuto modo – ha continuato Grossi – di stilare una programmazione per affrontare al meglio l’anno scolastico 2012 –2013. Nello specifico, questa mattina, la nostra attenzione si è focalizzata sulle esigenze e sulle relative criticità infrastrutturali che i tre plessi presentano. Infatti, alla presenza del responsabile della manutenzione del Comune di Cassino, abbiamo programmato una serie di interventi, in calendario per l’intero mese di agosto, al fine di giungere senza alcun tipo di problema quando le scuole si apriranno. A tal proposito si è parlato anche dell’arredo scolastico che, così come per gli interventi di manutenzione, verrà garantito in tutte le scuole per la fine del prossimo mese. Oggi, quindi, abbiamo voluto dare precedenza agli aspetti prettamente pratici che interesseranno i tre plessi scolastici di Cassino, riservandoci per il mese di settembre un secondo incontro nel corso del quale sarà possibile programmare in maniera ancora più dettagliata il prossimo anno scolastico. Proprio per questo abbiamo fissato un appuntamento per il 5 settembre, quando i neo dirigenti scolastici dei tre circoli comprensivi si saranno insediati in maniera definitiva e avranno un quadro della situazione più definito che ci consentirà di portare avanti questo lavoro di programmazione le cui basi sono state gettate nell’incontro odierno.”

30 luglio 2012 0

La Guardia di Finanza scopre evasione fiscale di una casa di cura per omesso versamento di ritenute alla fonte per oltre 7 milioni di euro

Di admin

Continua incessante l’azione delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Caserta alla lotta dell’evasione fiscale su tutto il territorio provinciale.

I militari della Compagnia di Caserta, nel corso di indagini coordinate dalla Dott.ssa Antonella Cantiello, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno eseguito una verifica fiscale nei confronti di una nota Casa di Cura, operante a Castel Morrone, al termine della quale hanno constatato che la stessa, dal 2008 al 2012, ha omesso di effettuare il versamento delle ritenute alla fonte operate nei confronti dei dipendenti della struttura sanitaria, per un importo di oltre 7 milioni euro.

La società verificata gestisce la casa di cura in Castel Morrone e opera in regime di convenzione stipulata con la Regione Campania – ASL Caserta, presso la quale la stessa risulta accreditata.

Nel corso delle operazioni, a seguito di un meticoloso esame e riscontro della documentazione fiscale, sono state ricostruite, per anni d’imposta, le ritenute alla fonte operate e non versate nei confronti dei circa 200 dipendenti.

Il responsabile, C.L. di anni 53 di Casal di Principe, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, in quanto, pur avendo operato le ritenute fiscali sui lavoratori dipendenti, sulla base degli scaglioni di reddito da ognuno percepito e quelle a titolo di acconto in capo ai professionisti sulle certificazioni dei compensi, ha omesso i relativi versamenti mensili e quelli a saldo, in violazione all’art. 10-bis del D.Lgs. 74/00, per un importo complessivo di €. 7.155.325,00.

L’operazione di servizio condotta costituisce un’ulteriore conferma del controllo economico-finanziario esercitato dalla Guardia di Finanza sul territorio casertano.

30 luglio 2012 0

Tir sbanda e precipita sullo svincolo sottostante in A6, un morto e un ferito grave

Di admin

Sull’A6 Torino-Savona, nel tratto tra Altare e l’allacciamento A10 verso Savona, intorno le 12.15, è avvenuto un incidente che ha visto coinvolto un mezzo pesante che, mentre percorreva lo svincolo che dalla A6 porta sulla A10 in direzione Ventimiglia, ha perso il controllo sfondando il guard-rail di protezione e cadendo nello svincolo sottostante che porta a Genova. A causa dell’incidente una persona è deceduta e un’altra risulta gravemente ferita. Si è resa necessaria la chiusura dello svincolo di allacciamento A6/A10 in direzione Genova. Sul luogo dell’incidente sono intervenutile le pattuglie della Polizia Stradale, i Vigili del Fuoco, i soccorsi sanitari e meccanici, oltre al personale della Società Torino-Savona. Autostrade per l’Italia consiglia agli utenti provenienti da Torino e diretti a Genova di uscire a Savona Vado e rientrare nuovamente in direzione di Genova. Costanti aggiornamenti sulle condizioni di viabilità vengono diramati su RTL 102.5, Isoradio 103.3 FM e sul circuito TV INFOMOVING in Area di Servizio, oltre che sui pannelli a messaggio variabile. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840-04.21.21.