Droga contaminata dall’antrace, è allarme

16 luglio 2012 0 Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: A partire dal 10 luglio 2012, sono stati segnalati altri due nuovi casi di antrace tra i consumatori di stupefacenti in Danimarca e Francia oltre ai tre casi in Germania. Questi nuovi episodi si sono manifestati contemporaneamente tra l’inizio di giugno 2012 e l’11 luglio 2012. Un paziente in Danimarca è morto l’8 luglio. Queste nuove informazioni sono state fornite dall’ECDC e l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) che hanno elevato lo stato di allerta.

I primi due casi accaduti in Germania sono probabilmente collegati tra loro attraverso l’esposizione di eroina contaminata da un ceppo identico di anthracis Bacillus. Il terzo caso tedesco non può essere confermato anche se ci sono anche alcune prove di laboratorio che il ceppo potrebbe essere identico al ceppo iniziale. Il collegamento dei due casi restanti, anche se è probabile, deve essere confermato tramite tipizzazione molecolare.

Il rischio di esposizione per i consumatori di eroina in Europa presumibilmente è ancora presente e quindi non è escluso che nel prossimo futuro saranno identificati ulteriori casi.

Anche le autorità inglesi hanno lanciato un avvertimento di pericolo ai tossicodipendenti in Europa per una probabile partita di eroina contaminata in circolazione. Le autorità sanitarie britanniche, Health Protection Agency (Hpa), hanno confermato un nuovo caso di contaminazione a Londra con la micidiale spora, l’antrace che è usato anche per produrre armi biologiche.

Finora le persone contaminate, con il caso denunciato oggi, sono due in Inghilterra, 24 in Scozia. Dodici finora le persone morte da quando è stato segnalato il primo caso in Scozia in dicembre.

Come antrace normalmente è estremamente raro che l’antrace possa essere trasmesso da una persona all’altra e pertanto il rischio per la popolazione in generale è trascurabile.

Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” potrebbe arrivare anche qui in Italia una partita di eroina-killer contaminata con l’antrace e proveniente dall’Afghanistan. Per cui lancia un appello a tutti coloro che fanno uso di eroina da iniettare di essere estremamente vigili e di cercare subito assistenza medica se avvertono i primi sintomi d’infezione (da antrace), come rossore, gonfiore o febbre alta, sintomi influenzali improvvisi o forte mal di testa.