pubblicato il12 luglio 2012 alle 18:59

Non sarà chiusa la scuola media, lo annuncia il sindaco Salvati

“Salva la Scuola Media a San Giovanni Incarico”: lo annuncia il Sindaco Antonio Salvati che insieme all’Assessore alla Pubblica Istruzione Paolo Fallone, hanno intrapreso una serie di azioni a tutela delle famiglie e degli alunni contro la soppressione della prima classe della scuola media di San Giovanni Incarico. Una notizia, quella della eliminazione della prima classe, che aveva suscitato non poche proteste da parte dei genitori, preoccupati al pensiero di dover mandare i figli ancora troppo piccoli a scuola in un altro paese con il trasporto pubblico, o perché impossibilitati ad accompagnarli di persona quotidianamente.

La soppressione, scongiurata dalle iniziative messe in essere da Salvati e Fallone, era una conseguenza del recente e contestato piano di razionalizzazione della Rete Scolastica (promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) che ha previsto la cancellazione di diverse scuole, classi e plessi, nell’ottica del risparmio di spesa, con penalizzazione specie dei piccoli centri. Il relativo regolamento prevede infatti,  per la Scuola Secondaria di 1° Grado (ex-Scuola Media) la costituzione di classi con non meno di 18 alunni, con la conseguenza che al di sotto di tale limite, specie nelle scuole di piccoli comuni, si determina la soppressione della classe, dirottando le iscrizioni presso gli istituti dei comuni limitrofi.

Questo era il destino per la prima classe della Scuola Media di San Giovanni Incarico, ma l’Amministrazione Comunale non si è data per vinta, e ha proposto una serie di iniziative contro la disposta soppressione, riuscendo ad ottenere la ricostituzione della prima classe.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07