Sequestro di persona e violenza sessuale, il Gip di Cassino non convalida il fermo del 27enne aquinate

6 luglio 2012 0 Di redazione

Il giudice del tribunale di Cassino Lanna non ha convalidato il fermo per il 27enne di Aquino accusato di sequestro di persona e violenza sessuale. Dopo una notte di carcere il ragazzo è tornato in libertà: il giudice ha accolto in pieno la tesi dell’avvocato difensore.
Il giovane ha spiegato che lui effettivamente quella notte era a San Vittore ma perchè conosceva quella ragazza già da qualche settimana: quella sera si erano incontrati per caso a Cassino e poi si erano dati appuntamento a San Vittore. Due gli elementi che hanno convinto il magistrato: dal referto dell’ospedale non sono emersi dati oggettivi che dimostrassero la violenza, nè dalla visita ginecologica nè dall’ecografia addominale (eppure lei ha raccontato di essere stata presa a pugni nello stomaco).
Poi lei ha parcheggiato la macchina vicino a casa: ha raccontato di essere stata aggredita. Perchè allora non ha urlato, non ha suonato il clacson o non ha chiamato la polizia con il cellulare che aveva?
Una tesi che ha convinto il giudice che ha rimesso in libertà il 27enne non convalidando il fermo.