Una firma per chiedere la riduzione degli stipendi dei parlamentari. I media snobbano l’iniziativa, internet no

13 luglio 2012 3 Di redazione

Una firma per limitare i privilegi della Casta “dei politici”. L’iniziativa è promossa da Unione Popolare e punta all’abrogazione dell’art.2 della legge 31 ottobre 1965 nr. 1261 sulla determinazione dell’indennità spettante ai membri del Parlamento ed è stata presentata il 19 aprile scorso. Si tratta in sostanza del taglio della ‘diaria’, una cifra aggiuntiva rispetto allo stipendio parlamentare vero e proprio e che ammonta in media a circa 48 mila euro annui per ogni deputato e senatore. Una iniziativa che passa sottobanco e che gli stessi media sembrano snobbare. Eppure la notizia si è diffusa con il tam tam dei social network. Per partecipare basta recarsi nei comuni di residenza presso l’ufficio elettorale, lì si trovano i moduli per la raccolta firme. Chiunque voglia allestire banchetti per la raccolta firme può richiedere informazioni all’indirizzo mail referendum@unionepopolare.eu.
Er. Amedei