Giorno: 8 agosto 2012

8 agosto 2012 0

Notte di furti nel Pontino, I carabinieri arrestano un pregiudicato e mettono in fuga una banda

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La notte scorsa, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Latina, in due distinte operazioni di servizio, alle 1,30 circa, a Latina, hanno arrestato un pregiudicato con precedenti specifici per reati contro il patrimonio, già sottoposto agli obblighi di P.G. sorpreso mentre tentava la fuga, unitamente ad altri complici poi dileguatisi, dopo avere compiuto un furto di monili d’oro asportandoli dall’interno di un’abitazione ove si era introdotto forzando la porta d’ingresso. I Carabinieri sono riusciti a bloccare il malfattore, trasferendolo in camera di sicurezza, recuperando inoltre l’intera refurtiva che è stata restituita al proprietario. Alle successive 2,40 i militari dello stesso NORM hanno eseguito un successivo intervento a Sezze (LT) dove ignoti stavano consumando un furto all’interno di un esercizio commerciale, dopo aver infranto la vetrata del locale. La sopraggiunta e tempestiva presenza sul posto dei Carabinieri, ha indotto i ladri alla fuga, abbandonando precipitosamente gli attrezzi da scasso utilizzati per tentare di commettere il reato.

8 agosto 2012 0

Operazione anti droga a Ponza, due giovani denunciati e altri due segnalati

Di redazione

I Carabinieri della stazione di Ponza hanno denunciato due giovani che, nel corso di perquisizione personale, sono stati trovati in possesso uno di 21 grammi di marijuana e l’altro di 14 grammi di hashish. Nel medesimo contesto operativo sono stati segnalati, alla Prefettura di Latina, altri due giovani trovati in possesso rispettivamente di 1 grammo di marijuana e 3 grammi di hashish. Lo stupefacente rinvenuto è stato posto in sequestro.

8 agosto 2012 0

Brucia mezza Italia, aerei su 37 incendi

Di redazione

Stanno operando ininterrottamente dalle prime luci del giorno i Canadair e gli elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile, impegnati nelle operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi che hanno visto l’intervento dei mezzi aerei in supporto delle operazioni svolte alle squadre a terra.

La giornata di oggi ha registrato un totale di 37 richieste giunte al Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento, di cui 9 dalla Sicilia e 8 dal Lazio. A seguire, 5 schede di concorso aereo sono arrivate dalla Campania, 4 dalla Calabria, 3 da Umbria e Sardegna, 2 dalla Puglia, una ciascuno da Abruzzo, Molise e Basilicata.

L’intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, fino ad ora, 11 roghi mentre 26 incendi risultano ancora attivi. A causa dell’alto numero di roghi, nonostante il dispiegamento di tutte le risorse disponibili e il forte impegno a cui sono stati chiamati oggi gli equipaggi dei Canadair e degli elicotteri, non è stato possibile garantire, per il momento, l’invio dei mezzi aerei su alcuni incendi. Al momento stanno operando otto Canadair, sei fire-boss e sette elicotteri, tra cui quattro S64: il lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguirà finché le condizioni di luce consentiranno di effettuare le operazioni in sicurezza.

È utile ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d’emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo. Fornendo informazioni il più possibile precise, si contribuisce in modo determinante nel limitare i danni all’ambiente, consentendo a chi dovrà operare sul fuoco di intervenire con tempestività, prima che l’incendio aumenti di forza e di capacità distruttiva.

8 agosto 2012 0

Due operazioni degli agenti della Questura di Frosinone,sequestrati 300 grammi di cocaina e arrestati due romani

Di redazione

Trecento grammi di cocaina e due giovani in manette in due distinte operazioni sono un bel bottino per gli uomini della questura di Frsosinone. Dopo l’arresto di un giovane romano che alcuni giorni fa era stato fermato con 200 gr di cocaina all’uscita del casello A1 di Frosinone, ieri sera, a cadere nella trappola della polizia, è stato un altro ventenne capitolino, che nascondeva quasi 100 gr di cocaina purissima, nel pannello dello sportello della sua auto. Anche questa volta gli uomini in borghese del questore De Matteis, appostati in prossimità dell’uscita di Frosinone, hanno segnalato al posto di controllo dei colleghi della sottosezione Autostradale, la macchina sospetta, con a bordo il ragazzo. Il giovane, con precedenti proprio per reati inerenti gli stupefacenti, si è dimostrato subito nervoso e spaventato dal controllo, tanto da indurre la successiva perquisizione che ha consentito di scoprire la cocaina contenuta in due involucri da 50 gr ciascuno. Continua l’intensa attività di controllo del territorio, disposta dal Questore De Matteis, per contrastare lo spaccio della sostanza stupefacente e più in generale i gli altri reati che normalmente segnano una recrudescenza proprio durante il periodo estivo.

8 agosto 2012 0

Da Lanciano a Medjugorje in bicicletta, oggi l’arrivo a Mostar

Di redazione

Dopo tre giorni di fatica, una giornata relativamente tranquilla per i ciclisti lancianesi che “stanno pedalando” in Croazia. Appena sessanta chilometri percorsi in un percorso fatto i sali e scendi con pendenze fino all’8%. Continuano gli incontri. oggi il gruppo che è arrivato a Mostar hanno incontrato e stretto amicizia con un fratello mussulmano, Apep Abdul Sikinti (nella foto).

8 agosto 2012 0

Scalia (Pd): “ Nuovo carico per i cittadini, la Polverini nomina altri dirigenti”

Di redazionecassino1

“In un periodo di sacrifici, tagli e aumenti di tasse, la Giunta Polverini decide di andare contro ogni norma e invece di riorganizzare la macchina amministrativa valorizzando le professionalità interne, pensa bene di fare nuove assunzioni, riportando alla luce quella logica clientelare che ha contraddistinto la Giunta Storace  e che la Polverini sta seguendo con gli stessi intendici metodi ”.

Così il consigliere regionale del PD, Francesco Scalia, commenta la decisione approvata dalla Giunta Polverini di aumentare il numero dei dirigenti della Giunta Regionale. “ Una decisione – continua Scalia – presa solo per aggirare le sentenze del TAR e del Consiglio di Stato che hanno bocciato lo scorso giugno nomine illegittime. Con questa nuova riorganizzazione – prosegue – i dirigenti da 283 passano a 327. Nel 2009 – ricorda Scalia – quando ero Assessore al Personale il numero dei dirigenti è stato ridotto da 442 a 283 unità. Una riduzione di 159 posti che si traduceva per l’Amministrazione regionale in un risparmio economico di 15.900.000 euro annui, e che tendeva a ripristinare un più giusto rapporto numerico tra i dirigenti e dipendenti pubblici. La Giunta Polverini ora, dopo aver regalato i vitalizi anche agli assessori esterni, aumenta il numero dei dirigenti, facendo lievitare i costi della macchina amministrativa a carico di tutti i cittadini, ingrossando i costi improduttivi a danno delle nostre aziende e della nostra economia, ovvero, l’esatto contrario di ciò che dovrebbe fare una buona amministrazione”.

8 agosto 2012 0

Vallerotonda – Vincenzo Tomasso (PdL): zona “Castello” senza acqua, situazione da Terzo mondo

Di redazionecassino1

La zona “Castello” del paese da giorni è a secco. L’acqua è diventata una sorta di miraggio e per i residenti i disagi non si contano, tanto più con il caldo torrido che opprime tutto e tutti.

A denunciare la gravissima situazione è il capogruppo del Pdl Vincenzo Tomasso. Che rincara la dose: <Il problema è tanto più grave se si considera che tale carenza idrica si manifesta ogni estate quando in paese, come sta accadendo da diversi giorni anche quest’anno, tornano numerose famiglie di immigrati. Persone che meriterebbero ben altra accoglienza e che invece non possono farsi neanche una doccia. Di tutto questo l’Acea, ma soprattutto l’Amministrazione comunale, è perfettamente a conoscenza, è un fenomeno che si conosce in anticipo, eppure anche quest’anno si sono fatti trovare impreparati così che l’acqua, con l’aumento dei residenti, come al solito non basta più e al “Castello” dai rubinetti ne escono poche gocce, quando esce. Una situazione da terzo mondo – affonda il colpo Tomasso – che dimostra una volta di più l’inefficienza di questa Amministrazione perché è vero che a gestire la rete idrica è l’Acea ma è altrettanto vero che a pressare l’azienda, a far rilevare i problemi e a chiederne la soluzione, dovrebbe essere in particolare il Comune, specie in questo periodo caratterizzato dal ritorno di moltissimi immigrati.  Nella zona “Castello” intanto la protesta cresce ogni giorno di più. Da parte nostra ci adopereremo per sollecitare Acea e Comune a risolvere al più presto il problema e ad assicurare un flusso di acqua adeguato in tutto il paese>.

Tomasso ha concluso: <Nemmeno nei periodi più bui della gestione del Consorzio degli Aurunci stavamo così male: siamo passati da un piccolo carrozzone ad un grande carrozzone>.

8 agosto 2012 0

Il Soccorso Alpino salva un giovane escursionista nella Valle delle Cento Fonti

Di redazionecassino1

Nel primo pomeriggio una famiglia di Cremona, in escursione nella valle delle Cento Fonti, sul versante teramano dei Monti della Laga, nel comune di Cesacastina, ha dovuto allertare i soccorsi per un incidente  che ha coinvolto uno dei due figli. Mentre stavano percorrendo il sentiero in salita ad una quota di circa 1200 metri, il ragazzo di 10 anni si è allontanato dalla traccia ed ha perso l’equilibrio su delle rocce bagnate, scivolando per alcuni metri e battendo il capo. I soccorso sono stato subito allertate alle ore 13.10 e, mentre era in volo l’elicottero del SUEM 118 da Preturo (AQ), il padre ha recuperato il ragazzo portandolo in una vicina radura. Qui sono scesi con il verricello il tecnico di elisoccorso del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il medico del 118, che ha riscontrato al ragazzo una ferita sul labbro e traumi facciali. Il giovane escursionista è stato quindi recuperato con il verricello e portato all’ospedale di Teramo dov’è arrivato alle ore 14.40. Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dell’Abruzzo raccomanda la massima prudenza nel percorrere i sentieri montani, ricordando che proprio nella stessa zona delle Cento Fonti nel 2012 si sono già verificati alcuni incidenti causati dalla presenza di acqua sulle rocce.

8 agosto 2012 0

Iannarilli: “La Regione ha assegnato 11mln di euro per la raccolta differenziata, a breve il programma per individuare le iniziative da finanziare”

Di redazionecassino1

“La Giunta Polverini ci assegna, per il triennio 2012-2014, 11,3 milioni di euro per incentivare la raccolta differenziata, prevenire e ridurre la pericolosità dei rifiuti e per promuoverne il recupero. Per noi sono risorse preziose che dobbiamo mettere a frutto nel migliore dei modi. E’ noto, infatti, come nella gran parte del territorio provinciale le percentuali di raccolta differenziata siano assai basse e molto lontane dai target stabiliti dalle norme in materia che prevedono, per l’anno in corso, il raggiungimento del 65% di rifiuti differenziati sul totale prodotto. Un risultato che nessuno nella nostra regione ha raggiunto ma che dobbiamo avere chiaro in mente per poterlo avvicinare il più possibile.

Le risorse che ci provengono dalla Regione, sono destinate a sostenere interventi per l’attuazione, nei Comuni, di nuovi servizi di raccolta differenziata e di realizzazione di interventi anche di natura strutturale. Infatti l’importo di 11,3 milioni di euro che ci sono stati assegnati, oltre ad essere ripartito in tre annualità è suddiviso in somme per spese correnti (acquisti di sacchi, spese di personale ecc.) e in somme per spese in conto capitale (acquisto di compostiere, automezzi, isole ecologiche ecc.). La Provincia, entro breve tempo, adotterà un Programma per individuare le iniziative che andrà a finanziare. L’obiettivo da perseguire è quello di consentire ai Comuni di attivare o estendere la raccolta differenziata e garantire un miglioramento sostanziale dell’attuale pratica della raccolta dei rifiuti con un aumento sensibile della frazione differenziata. Ciò allo scopo di rientrare nei parametri fissati dalle norme del Piano Regionale che prevede il raggiungimento della differenzia al 65% dei rifiuti prodotti. Inoltre, una volta a regime, assicurare anche un significativo risparmio di spesa.

Con questo percorso di sostegno economico ai Comuni si ha l’intento di colmare, attraverso modelli di sviluppo virtuosi e sostenibili, il deficit di attenzione sulle questioni ambientali. Infatti con il potenziamento della raccolta differenziata si ottiene, parallelamente, la riduzione della frazione merceologica indifferenziata da avviare a smaltimento presso le discariche, con un aumento della quantità di prodotti da avviare a riciclo e recupero di materia (carta, cartone, vetro, plastica) e materiale organico e verde da avviare ad impianti di compostaggio o valorizzazione energetica.

La raccolta differenziata non è un punto di arrivo delle politiche ambientali del territorio provinciale ma quello di partenza, per una valorizzazione dei prodotti del servizio da trasformare in un beneficio per i cittadini che, tra l’altro, vedranno ridurre le loro spese per i costi di smaltimento”.

E’ quanto afferma il Presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli

8 agosto 2012 0

Fonte: “Piantumato un nuovo albero a Caira”

Di redazionecassino1

“Questa mattina, nel pieno centro della popolosa frazione di Caira, abbiamo provveduto alla sostituzione dell’albero segato da ignoti nel corso delle passate settimane.” A darne notizia è il capogruppo consiliare dell’Italia dei Valori Igor Fonte che aggiunge: “qualche settimana fa, infatti, in pieno centro è stato segato e trasportato via, in maniera del tutto arbitraria, un albero che noi questa mattina abbiamo provveduto a sostituire. Si tratta di un problema che ci è stato segnalato prontamente da alcuni residenti di Caira e di cui mi sono prontamente occupato, andando il giorno seguente con la polizia locale a fare un sopralluogo nel corso del quale abbiamo avuto modo di constatare il fatto e di esplicare tutti gli adempimenti necessari per poter sporgere denuncia contro ignoti. Come promesso, quindi, abbiamo, anche per dare un forte segnale di civiltà oltre che di legalità, provveduto alla piantumazione di un nuovo albero, risarcendo l’intera comunità di Caira per il danno recato dal gesto sconsiderato ed incivile di un singolo. Mi fa piacere sottolineare i numerosi attestati di stima che sono giunti dai residenti di Caira presenti questa mattina che si sono voluti complimentare con l’Amministrazione per la rapidità dell’intervento. La testimonianza di quanto sia stato apprezzato il gesto è data anche dalle moltissime persone che si sono offerte volontariamente per innaffiare l’albero piantumanto, dimostrando grande civiltà e maturità, qualità che non possono fare altro che bene alla frazione di Caira. Quella di questa mattina, inoltre, è stata anche l’occasione per un confronto diretto con i cittadini che mi hanno segnalato altre problematiche che riguardano Caira, di cui mi farò personalmente portavoce, rimanendo, come fatto in questa circostanza, a loro completa disposizione.”