Giorno: 10 agosto 2012

10 agosto 2012 0

Morte sospetta di un 34enne in un alloggio Ater di via Garigliano a Cassino

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una morte inspiegabile quella avvenuta oggi nel primo pomeriggio in un alloggio Ater di via Garigliano. Si tratta di un uomo di 34 anni , Mirko Tronchi, dipendente con contratto semestrale per una azienda locale. L’uomo che viveva con la compagna nell’alloggio di via Garigliano, era in attesa di ottenere la separazione dalla moglie, lascia due  bambini  di 6 e 7 anni. Sul posto oltre ai carabinieri anche una squadra di Vigili del Fuoco. Al momento non si conoscono le cause del decesso, sembrerebbe, dai primi accertamenti, trattarsi di un infarto, ma le indagini dei carabinieri non tralasciano alcuna ipotesi e seguono tutte le piste. Soltanto l’esame autoptico che verrà disposto dal magistrato potrà chiarire la dinamica della morte.

F. P.

Foto: A. Ceccon

   

10 agosto 2012 0

Allarme marijuana, crea danni cerebrali alla memoria e al cervello

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

I ricercatori made in Australia lanciano l’allarme sulla parte della popolazione mondiale che fa uso regolare costante e massiccio di cannabis e derivati sul consumo.

Secondo lo studio, infatti, lo spinello danneggerebbe il cervello, con danni alla memoria e alla capacità di apprendimento. Questo è il primo studio che dimostra come l’età in cui si inizia a consumare regolarmente cannabis rappresenta un fattore chiave nel determinare la gravità del danno cerebrale.

Gli scienziati del Melbournès Murdoch Childrens Research Institute (Mcri) e degli atenei di Melbourne e Wollongong hanno sottoposto a risonanza magnetica 59 persone che hanno riferito di consumare marijuana da 15 anni in media. Le immagini cerebrali sono state confrontate con quelle di 33 persone che non hanno mai fumato cannabis. L’analisi ha riguardato in particolare la materia bianca del cervello: nei consumatori di marijuana è stata osservata da un lato la distruzione delle fibre nervose, e dall’altro una riduzione di oltre l’80% del volume di questa sostanza, che a differenza della materia grigia continua a svilupparsi anche in età adulta.

L’età media di inizio consumo era pari a 16 anni, ma alcuni partecipanti allo studio avevano iniziato a fumare a 10-11 anni. E in caso di consumo precoce, i danni riportati erano superiori e particolarmente gravi a lungo termine.

Le alterazioni riscontrate non si conosce se siano o meno irreversibili ma di certo appaiono significativi.

La conclusione di questo studio dichiara Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” sta rimbalzando in queste ore sulla stampa internazionale. I ricercatori sottolineano di avere dimostrato per la prima volta che il rischio associato alla marijuana è tanto maggiore quando più precoce è l’età in cui si prova lo ‘spinello’.

10 agosto 2012 0

“Bancarella” della droga in pieno centro a Fiuggi, 38enne in manette

Di redazione

Sono stati intensificati e rafforzati con l’invio di altro personale i servizi di prevenzione e controllo del Commissariato P.S. di Fiuggi con il preciso obiettivo di garantire un’estate sicura ai cittadini ed a tutti coloro che trascorrono un periodo di riposo nella cittadina termale. Proprio durante una mirata attività gli agenti di polizia hanno notato uno strano “ passaggio” di autovetture in pieno centro, in particolare nelle ore più calde della giornata. Nel primo pomeriggio di ieri, quindi, gli investigatori della Polizia si sono appostati sul terrazzo di un edificio per poter osservare in maniera discreta questi movimenti sospetti. Hanno notato, infatti, un uomo, un trentanovenne del posto già noto ai poliziotti e pregiudicato per reati in materia di stupefacenti, passare un involucro al guidatore di un’autovettura che si era avvicinata. I poliziotti a quel punto sono intervenuti e, con l’ausilio di un’altra pattuglia, hanno bloccato sia l’uomo che l’autovettura . Il controllo ha dato un positivo esito: infatti gli investigatori hanno rinvenuto all’interno dell’auto la sostanza stupefacente appena acquistata. Per il trentanovenne, che aveva ancora con sé il denaro ricavato dalla cessione di droga, è scattato quindi l’arresto.

10 agosto 2012 0

San Vittore del Lazio, Bucci polemico con la maggioranza: “Ai consigli comunali sono fumo per i cittadini”

Di redazione

“Solo interventi di facciata per prendere in giro i cittadini, mentre si continua a non affrontare quelli che sono i veri problemi del paese”. Sono le considerazioni di Roberto Bucci, consigliere comunale di opposizione a San Vittore del Lazio. “Purtroppo lo scorso 8 agosto abbiamo assistito all’ennesimo consiglio comunale degno di uno spettacolo comico e poco edificante. Il sindaco evidentemente infastidito dai manifesti dell’opposizione e dagli articoli presenti su giornalini di informazione ai cittadini si è esibito in battute e pettegolezzi che poco hanno a che fare con l’affrontare i problemi del paese. Il consiglio comunale è sempre più una farsa a cui si partecipa solo per onorare i cittadini e il mandato, ma che non serve a costruire alcunché. La cosa vergognosa è che il sindaco Pirollo cerca di riciclarsi ammettendo egli stesso di essere vecchio per la politica per aggiungere poi di essere saggio. Forse alle prossime amministrative sarà questo il suo slogan “largo ai saggi”. In effetti la saggezza scaturisce dal comprendere gli errori commessi in una vita, e lui ne ha commessi tanti, però forse ancora non ha compreso di quali errori e “orrori” è stato responsabile. Fa il paladino dell’ecologia ora. Prova a vendere come sue idee l’obbligo di differenziare l’immondizia, che si scontra con la presenza sul territorio dell’Inceneritore. Ribadisce in Consiglio che “basta parlare di violette” perché occorre rilanciare la zootecnia della Radicosa, fa il sindaco ecologista e poi si irrita per articoli, di Progetto per San Vittore, dove si evidenziano gravi problemi alla conservazione della biodiversità e del territorio montano. Purtroppo per amministrare ci vuole competenza, senso del dovere e idee. Sulle prime due voci non mi voglio esprimere sicuro che ognuno può farsi un idea analizzando la disastrosa gestione comunale. Naturalmente la maggioranza non ha nemmeno idee ed i miei suggerimenti si sono trasformati in prese in giro per la popolazione. Gli attuali amministratori si comportano come i politici della vecchia democrazia cristiana cercando di mettere una pezza ai problemi. Il fatto è che non avendo idee interessanti e nemmeno la capacità di rimediare risorse si buttano su interventi che sono solo specchietti per le allodole, sperando che gli elettori abbocchino. Pensate che dopo trent’anni e dopo le infinite segnalazioni e proteste dei cittadini ristrutturano una vecchia palestra fatiscente che avrebbero speso meno a buttarla giù e rifare moderna magari con una struttura a prova di terremoto. Magari una bella struttura in legno provvista di tribune e spogliatoi. Si interviene sull’edilizia popolare ma non per migliorare l’efficienza energetica delle strutture o la sicurezza o l’accessibilità, ma solo per imbiancare un vecchio muretto che fa da parapetto. Pensate che alcune abitazioni sono di assoluto disagio per inquilini avanti con l’età o affetti da patologie. L’ingresso del paese anonimo e degradato è oggi reso “arido”da una rotonda inguardabile. Fa ridere che annunciandone la costruzione sia stata definita “ecologica”. Ora che il cemento è ecologico proprio mi risulta nuova come cosa, ma giustamente se tanto mi da tanto una bella rotonda di solo cemento fa pendant con la vicina Latermusto e il suo carico di morte di cromo esavalente e tetti di eternit. Bravi veramente bravi forse prima delle elezioni daranno un imbiancata al centro storico dove dopo i poco azzeccati interventi fatti negli ultimi decenni nulla si fa per incentivare ristrutturazioni volte ad eliminare pericoli pubblici come l’eternit dalle abitazioni. Insomma tanti bei specchietti per le allodole ma niente di serio. Le fogne sono ancora a cielo aperto, nessun incentivo per famiglie e aziende derivanti dalla grande quantità di energia prodotta dagli inceneritori, nessun teleriscaldamento. In altre realtà tanto decantate da chi sostiene l’utilità degli inceneritori, gli amministratori hanno salvaguardato gli interessi collettivi e ci si scalda con 500 euro l’anno..Noi ancora dobbiamo leccarci le ferite per un inverno lungo e freddo che ha fortemente inciso sulle economie delle famiglie di San Vittore del Lazio ed aspettiamo il prossimo con i suoi rincari”.

10 agosto 2012 0

Nonostante le faceva le elemosina, la rom le va a rubare a casa. Cinquantenne di Lanciano in manette

Di redazione

Da quell’anziana donna aveva ricevuto grande sostegno: la bottiglia di olio, qualcosa da mangiare. Ma ha contraccambiato con uno spregevole furto in casa. Nel pomeriggio di ieri, infatti, mentre all’interno dell’abitazione non vi era nessuno, qualche vicino aveva avvertito dei rumori sospetti e notato una macchina parcheggiata davanti al cancello dell’abitazione. Immediatamente avvertito, il figlio della donna si è precipitato presso l’abitazione materna e lì ha scorto all’interno una donna di etnia rom che, vistasi scoperta, ha tentato di darsi alla fuga, mentre l’uomo richiedeva al 112 l’intervento sul posto della pattuglia dei carabinieri. Non avendo potuto recuperare la sua autovettura, rimasta parcheggiata dinanzi alla casa e, dovendosi creare immediatamente un alibi, la donna si è recata all’interno del supermercato Todis, poi ha raggiunto l’esterno del piazzale venendo nell’immediatezza notata dai Carabinieri che la traevano in arresto. Dalla visione delle riprese delle telecamere di videosorveglianza, però, si è chiaramente potuto constatare il momento in cui Antonietta Spinelli, ben nota alle forze di polizia, da tempo residente a Lanciano, aveva scavalcato il cancello che dalla stradina in cui si trova la casa porta al piazzale del discount. Facile ricostruire la dinamica dell’azione delittuosa: dopo aver raggiunto l’abitazione in macchina e sinceratasi che all’interno non vi fosse nessuno, rompe una persiana e si introduce in un vestibolo, dove si imbatte in una porta di vetri chiusa; afferra un vaso e con un colpo manda in frantumi il vetro, accede in casa, per correre a rovistare tra i monili conservati sul comò, ma intanto qualcuno ha scoperto la sua presenza, per cui scappa, portando con sé una croce che crede preziosa ed accorgendosi solo durante la fuga che in realtà si tratta di bigiotteria se ne disfa lungo il vialetto, monile poi trovato successivamente dai carabinieri. In fondo al vialetto, però, si imbatte in un cancelletto chiuso, ma lei, nonostante i suoi quasi 50 anni ed un corpo non esattamente esile, lo scavalca con disarmante disinvoltura, tentando di mimetizzarsi tra i molti altri clienti del discount. Lì viene raggiunta dai Carabinieri e tratta in arresto. Questa mattina ha avuto luogo il rito direttissimo. La donna ha patteggiato la pena innanzi al Tribunale frentano in 1 anno e 6 mesi che dovrà scontare presso la sezione femminile del carcere di Chieti, oltre al pagamento di una multa di 600 Euro.

10 agosto 2012 0

Il Tribunale di Cassino è salvo. Incluso nell’elenco dei sei che non verranno chiusi

Di redazionecassino1

La battaglia per salvare il tribunale di Cassino può considerarsi vinta, il Ministero ha pubblicato le sedi che non verranno chiuse, se ne salvano soltanto sei sulle trentasette previste. Sarà meno pesante la sforbiciata sul loro numero, salvando le sedi giudiziarie nelle zone dove è più forte la criminalità organizzata. Si apprende da fonti governative che il Consiglio dei ministri ha approvato un provvedimento per modificare la geografia giudiziaria, sopprimendo 31 tribunali e non i 37 previsti inizialmente, salvando dai tagli 6 sedi nelle zone con maggior presenza di mafia.

Rimangono le sedi di: Lamezia Terme, Paola e Castrovillari, che accorperà il tribunale di Rossano, in Calabria; Caltagirone e Sciacca, in Sicilia; nel Lazio Cassino, che accorperà la sezione distaccata di Gaeta.

F. Pensabene

10 agosto 2012 0

Nuovo parco pubblico a Tarquinia tra via Bruschi Falgari e via Ripagretta

Di admin

Concluso il recupero dell’area verde, compresa tra via Bruschi Falgari e Via Rpagretta. L’intervento, promosso dall’assessorato ai lavori pubblici del Comune di Tarquinia, ha permesso di completare la riqualificazione della zona, iniziata con il restauro e il consolidamento della cinta muraria. Abbandonata per anni nel degrado, l’area verde è stata valorizzata realizzando un sentiero pedonale, installando panchine e una staccionata e creando aiuole con piante e arbusti tipici della macchia mediterranea. Tre gli ingressi segnalati ognuno da un cipresso. Rinnovata anche l’illuminazione delle mura, con il posizionamento a terra di punti luce di ultima generazione. «Abbiamo trasformato un luogo lasciato nell’incuria in un fiore all’occhiello del centro storico. – dichiara l’assessore Anselmo Ranucci – Sono quindi molto soddisfatto, perché abbiamo creato una vasta area verde a ridosso della cinta muraria che comprende questo nuovo giardino e il parco detto delle Mura». L’assessore Ranucci difende poi l’operato dell’Amministrazione in tema di verde pubblico: «Sorrido nell’ascoltare chi parla di pini abbattuti ingiustamente. Non mi diverto a tagliare gli alberi. Sono invece l’amministratore che ha messo a dimora più piante e creato più parchi. Ogni intervento è stato svolto sempre con grande attenzione, con il conforto di pareri di tecnici e agronomi, sempre per evitare l’abbattimento. Su questo argomento però non si può scherzare, perché prima di tutto viene la sicurezza dei cittadini che non può essere messa a repentaglio da chi gioca a fare l’ambientalista. Come per il parcheggio alla circonvallazione Vincenzo Cardarelli, anche per questo giardino sono state messe a dimora molte piante. Quando iniziamo un’opera, lo facciamo con tutti i permessi e le carte in regola, soprattutto in luoghi che richiedono autorizzazioni particolari da parte della Soprintendenza. Dietro ogni progetto c’è il lavoro di seri professionisti, criticati senza motivo da chi di mestiere fa il “tuttologo” o lo “spara sentenze”».

10 agosto 2012 0

Tragedia ad Ustica. Prendono l’auto di un pensionato per fare un giro, due 14enni cadono in mare ed affogano

Di redazione

Una bravata tra adolesenti si è trasformata, ieri sera ad Ustica, in tragedia. Due 14enni che erano in compagnia di altri coetanei, hanno pensato di fare un giro con la Fia Panda che un pensionato che abita al Porto Nuovo, aveva lasciata aperta e con le chiavi inserite nel quadro. Un giro che è durato pochio metri dato che la vettura è finita in mare portando a fondo il giovane carico umano. Inutili i soccorsi anche di un gruppo di sommozzatori che si trovava lì per caso, per im due ragazzi, che da poco avevano conseguito la licenza media, non c’è stato nulla da fare; sono morti affogati. Uno dei due, tra l’altro, era il fiuglio dell’autista dell’ambulanza che a sirene spiegate era arrivata per soccorrere i due giovani. L’uomo ha scoperto sul posto che il ragazzo che non ha potuto salvare era suo figlio.

10 agosto 2012 0

Moto GP: Valentino Rossi torna alla Yamaha

Di redazionecassino1

Fine di un amore è quello fra Valentino Rossi e la Ducati. Era stato annunciato da tempo, ora è ufficiale il pilota pesarese a fine stagione lascerà il team di Borgo Panigale per tornare alla Yamaha dove troverà jorge Lorenzo come compagno di squadra.  E’ la stessa casa di Borgo Panigale a confermarlo attraverso un comunicato pubblicato sul suo sito internet ufficiale: “In attesa che il motomondiale si rimetta in azione per il Gran Premio di Indianapolis del 19 agosto, Ducati comunica che alla fine del Campionato del Mondo MotoGP 2012 si concluderà il rapporto di collaborazione con Valentino Rossi. Ducati  fa gli auguri al pilota italiano per le nuove sfide che andrà ad affrontare, continuando nel frattempo a mettere in campo tutte le sue energie per condividere un finale di stagione in crescita”. Valentino Rossi tornerà alla Yamaha, come annunciato dalla stessa casa giapponese, a far coppia con Jorge Lorenzo. Il contratto sarà di due anni, fino alla fine del 2014.

 

10 agosto 2012 0

Si schianta con lo scooter contro un guard rail. Grave un 27enne

Di redazione

Sono gravi le condizioni di un 27enne di Cassino che ieri, ha perso il controllo del suo scooter schiantandosi contro il guard rail. L’incidente è avvenuto alle 15 circa in via Appia e nessun altro mezzo è rimasto coinvolto. Inizialmente si pensava che il ragazzo se l’era cavata con la rottura del femore, ma dopo ulteriori accertamenti sono emerse anche fratture di vertebre e altri porblemi alla schiena, per questo, nella tarda serata di ieri, in elicottero il 27enne è stato trasferito in un centro meglio attrezzato della Capitale. er. Am.