Giorno: 24 agosto 2012

24 agosto 2012 0

Tentano di rapinare portavalori sull’A14 in provincia di Bari, mezzi in fiamme

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Intorno alle 16 è stato chiuso sulla A14 Bologna-Taranto il tratto compreso tra Mottola e Acquaviva delle Fonti, in direzione di Ancona, per alcuni mezzi in fiamme.Dalle prime ricostruzioni, da parte della Polizia Stradale, sembrerebbe che i mezzi siano stati incendiati per un tentativo di rapina ad un furgone portavalori all’altezza del km 708. Sul luogo dell’evento, dove il traffico è bloccato e si registrano circa 1 km di coda all’interno del tratto chiuso (ore 16.45), sono all’opera le squadre dei Vigili del Fuoco, il personale della Direzione del 8° Tronco di Bari e le pattuglie della Polizia Stradale. Per chi è diretto a nord si consiglia di uscire ad Mottola e rientrare a Acquaviva delle Fonti dopo aver percorso la SS 100. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità sono diramati su RTL 102.5, Isoradio 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21.

24 agosto 2012 0

Tenta il furto nella comunità che lo ospita, arrestato 44enne

Di redazione

Ha tentato di derubare il fondo cassa nell’ufficio amministrativo della comunità per tossicodipendenti che lo aveva in cura. Per questo i carabinieri di Cassino hanno arrestato nella flagranza di reato di “rapina impropria” un 44enne senza fissa dimora, già censito. Lo stesso, sorpreso e bloccato all’interno di un ufficio di una locale comunità da una operatrice e da 3 utenti della comunità, è riuscito, al termine di violenta lotta, a liberarsi e darsi alla fuga. Subito dopo è stato raggiunto nell’attiguo giardino e bloccato nuovamente dagli stessi e dai militari operanti nel frattempo sopraggiunti. L’uomo, a seguito della colluttazione ha riportato lesioni giudicate guaribili in 20 giorni dai Sanitari del locale Pronto Soccorso. La refurtiva asportata dall’ufficio, consistente in un’agenda contenente la somma di 300 euro in contanti e un assegno postale del valore di 500 euro, è stata interamente recuperata e restituita all’avente diritto.

24 agosto 2012 0

Pesta la ex moglie per rubargli la borsa, 43enne arrestato a Cassino

Di redazione

Ha picchiato e rapinato l’ex moglie ed è stato arrestato dalla polizia dopo un giorno di latitanza. Nella tarda mattinata di oggi, gli uomini del vice questore Francesco Putortì, dirigente del commissariato di Cassino, hanno proceduto al fermo di indiziato di delitto del cittadino rumeno A.C., di 49 anni. Ieri pomeriggio, il personale della Squadra Volanti del Commissariato di P.S. di Cassino, è interveniva in Via Enrico De Nicola angolo Via Pinchera, su segnalazione al “113” per una lite violenta. Sul posto si accertava che la cittadina rumena A.C.F. era stata poco prima aggredita dal suo ex marito il quale, dopo averla percossa con calci e pugni, una volta a terra, la rapinava della borsa contenente i suoi pochi valori. Il personale operante dopo aver soccorso la donna, che veniva ricoverata presso l’Ospedale di Cassino per le lesioni subìte, iniziava le ricerche dell’autore della rapina. Alle 13,00 di oggi, personale delle Volanti ha rintracciato, in Piazza Corte, il rumeno ancora in possesso della borsa sottratta alla ex consorte nonché di due coltelli a serramanico della lunghezza di circa 19 centimetri ed associato alla locale Casa Circondariale.

24 agosto 2012 0

Quattro evasori fiscali individuati a Sora, la finanza sequestra loro beni per un quarto di milione

Di redazione

La Tenenza della Guardia di Finanza di Sora, in esecuzione di specifici provvedimenti emessi dal Tribunale di Cassino, ha sottoposto a sequestro preventivo, finalizzato alla funzionale confisca per valore equivalente, beni immobili destinati a civili abitazioni, quote societarie, titoli e denaro depositato su conti bancari, per un valore di circa 250.000 euro, nei confronti di quattro imprenditori che si sono resi responsabili di evasione fiscale.

L’operazione di servizio è scaturita da indagini ed accertamenti eseguiti dalle fiamme gialle sorane nei confronti di quattro aziende, operanti nell’hinterland del sorano nel settore dell’autotrasporto per conto terzi e della media distribuzione alimentare, al termine dei quali sono state rilevate violazioni all’Imposta sul Valore Aggiunto per un ammontare complessivo 531.000 euro.

I quattro imprenditori, responsabili di un’evasione fiscale per importi superiori alle soglie di punibilità previste dagli artt. 4 e 10 ter del D.Lgs. 74/2000 – che sanzionano con la pena della reclusione le irregolarità di presentazione della dichiarazione annuale con dati infedeli e l’omesso versamento delle imposte -, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino.

Rilevata la fattispecie penale, i finanzieri hanno eseguito accertamenti patrimoniali sul conto degli imprenditori verificati al fine di rilevare l’esistenza di consistenze patrimoniali di valore equivalente all’imposta sottratta al fisco e, ancora una volta, la naturale predisposizione delle fiamme gialle a questo tipo di indagine ha dato importanti frutti: sono stati individuati, infatti, i beni nella disponibilità degli indagati, che seppur di valore inferiore all’imposta complessivamente evasa, sono stati oggetto di sequestro preventivo.

Va detto che il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente è un provvedimento di natura eminentemente sanzionatoria adottato dall’Autorità Giudiziaria in ragione della commissione di un delitto, e non pregiudica le attività amministrative di recupero del tributo evaso e di irrogazione delle sanzioni ad opera dell’Agenzia delle Entrate, alla quale la Guardia di Finanza di Sora ha trasmesso gli atti relativi alla verifiche concluse nei confronti delle aziende ispezionate.

24 agosto 2012 0

Narcoagricoltura a Cassino, la polizia sequestra piantine di canapa

Di redazione

Questa mattina, gli agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Cassino, hanno proceduto al sequestro di 9 piantine di canapa indiana. Al termine di un’articolata attività investigativa, i poliziotti diretti dal vice Questore Francesco Putortì hanno proceduto al sequestro delle piantine dell’altezza di circa cm. 160. Lo stupefacente, coltivato con cura all’interno di vasi di plastica, è stato rinvenuto all’interno di un terreno ubicato nella periferia di Cassino.

24 agosto 2012 0

Da domani tregua per caldo e afa, in arrivo pioggia già dal mattino

Di admin

L’arrivo di correnti più umide ed instabili di provenienza atlantica interesserà, dalla giornata di domani, gran parte delle nostre regioni settentrionali portando condizioni di maltempo diffuso, specie sulle zone alpine e prealpine.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dalla mattinata di domani, sabato 25 agosto, precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Lombardia e Piemonte. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

Da alcuni giorni, inoltre, sul sito internet del Dipartimento della protezione civile,www.protezionecivile.gov.it, è disponibile per tutti i cittadini una sezione aggiornata sul rischio meteo-idrogeologico e idraulico (con le norme di comportamento da tenere in caso di temporali e fulmini, che si aggiungono a quelle già presenti sul sito e riferite, tra gli altri, a fenomeni franosi, alluvioni, venti e mareggiate).

All’interno della sezione, inoltre, a scopo puramente divulgativo, è possibile consultare, in tempo reale, i dati acquisiti dalla rete radar nazionale. Insieme alle stazioni meteoidropluviometriche, la mappa è il principale strumento di monitoraggio e sorveglianza per il rischio meteo-idrogeologico e idraulico utilizzato, ventiquattrore su ventiquattro, dal Centro Funzionale centrale del Dipartimento della protezione civile e dai Centri Funzionali decentrati delle Regioni e Province autonome, che insieme concorrono al Sistema di allertamento nazionale previsto dalla direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004. Fondamentali per una efficace sorveglianza degli effetti dei fenomeni meteorologici al suolo sono anche i presidi territoriali, ovvero le strutture che hanno il compito di osservare, monitorare e vigilare gli eventi e la loro evoluzione, le cui informazioni vengono integrate dai Centri Funzionali con quelle elaborate dagli strumenti meteorologici.

Il progetto della rete radar nazionale, sviluppato negli anni e gestito dal Dipartimento della protezione civile, integrando le informazioni registrate dai radar stessi con i dati provenienti dai satelliti e con i sensori pluviometrici, ha l’obiettivo di migliorare la fase di monitoraggio e sorveglianza in tempo reale dei fenomeni atmosferici che interessano, di giorno in giorno, l’Italia. La rete, in corso di completamento, prevede trenta radar distribuiti sull’intero territorio nazionale, di cui ventisei fissi e quattro mobili; al momento, ne sono operativi ventiquattro: dieci installati e gestiti direttamente dalle diverse Regioni, otto dal Dipartimento della Protezione civile, quattro di proprietà dell’Aeronautica Militare e due di ENAV (Ente Nazionale di Assistenza al Volo).

Sul sito del Dipartimento della protezione civile le immagini della mappa radar – risultanti dall’acquisizione di informazioni dei radar regolarmente funzionanti ogni 15 minuti – vengono pubblicate in tempo reale, prima ancora di essere sottoposte a un processo di validazione; perciò, è bene precisare che in caso di malfunzionamento di uno o più strumenti della rete, il quadro visualizzato sul sito internet potrebbe essere parziale.

24 agosto 2012 0

Anche per chi guida da ubriaco il motorino ritiro della patente esclusi i ciclisti

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Non la fa franca chi viene sorpreso alla guida di un ciclomotore in stato di ebrezza tant’è anche per costui è previsto il ritiro della patente nei casi contemplati nel CdS. A nulla vale la circostanza della guida di quel tipo di motoveicolo il Codice della Strada non preveda la patente. A stabilirlo è la sentenza del 13 agosto 2012, n. 32439 della Suprema Corte di Cassazione, che ha ribadito il principio stabilito dalle Sezioni Unite della stessa Corte in base al quale le sanzioni accessorie non si applicano alle infrazioni commesse quando si è alla guida di mezzo che non richiede la patente, non si applica quando si guida un veicolo che richiede una “abilitazione” come nel caso del motorino. Alla luce di tanto quanto statuito dalle sezioni unite resta valido per altri tipi di veicoli come le biciclette. Nel caso in questione la suprema corte, ha ha respinto il ricorso del conducente di un ciclomotore sorpreso alla guida mentre era un pò “alticcio”. Nel ricorso aveva contestato la sospensione della patente, decisa dal Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi, sulla base del rilievo che il reato era stato commesso alla guida di un veicolo per il quale non è prevista la patente. Nel motivare la decisione gli ermellini evidenziamo “Nel caso di guida di un ciclomotore in stato di ebbrezza da parte di un soggetto munito di patente di guida, tale titolo abilitativo ha un’idoneità assorbente rispetto al certificato di idoneità, con l’ulteriore conseguenza che la sanzione amministrativa accessoria alla sospensione della patente di guida, prevista quale sanzione amministrativa obbligatoria anche in caso di sentenza di patteggiamento, deve necessariamente avere ad oggetto la patente di guida, in quanto titolo che abilita il soggetto anche alla guida del ciclomotore” . Inoltre i Giudici di Piazza Cavour tra le altre cose hanno sottolineato anche che “i requisiti fisici e psichici richiesti per la guida dei ciclomotori sono quelli prescritti per la patente di categoria A, ivi compresa quella speciale”. Se ne desume quindi che il certificato di idoneità per la guida di ciclomotori è un vero e proprio titolo di abilitazione alla guida, del tutto assimilabile alla patente di guida.

Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, invita quindi i motociclisti e conducenti di motorini ad evitare di mettersi alla guida dopo avere assunto bevande alcoliche per evitare le pesanti sanzioni che sono previste nella generalità dei casi, non confidando furbescamente che la guida di un mezzo a due ruote possa esentarli dalle pesanti conseguenze previste per legislazione vigente.

24 agosto 2012 0

Contrasto ai reati predatori, sventato il furto di alcune autovetture e recuperata ingente refurtiva

Di admin

Alle ore 04,00 di ieri i Carabinieri di Sperlonga sono stati impegnati nell’inseguimento di due autovetture rubate poco prima in centro. Nella circostanza i malviventi vistisi braccati, abbandonavano le auto dileguandosi a piedi nelle campagne circostanti. Durante le successive ricerche per catturare i fuggitivi, veniva rinvenuta un’altra autovettura abbandonata lungo la strada. In una delle auto, è stata recuperata ingente refurtiva consistente in diversi computer portatili, navigatori satellitari, iphone, alcune casse di vino e numerosi attrezzi da scasso. Il tutto è stato sequestrato e quanto prima verrà restituito ai proprietari.

24 agosto 2012 0

Riabilitazione all’ospedale di Atessa, da domani al via i ricoveri: 17 i posti letto a disposizione

Di admin

Apre domani la Riabilitazione all’ospedale di Atessa. Sono stati completati, infatti, i lavori di adeguamento effettuati al 3° piano per dare alla nuova attività una collocazione immediata, seppur temporanea, in attesa della ristrutturazione dell’ex Chirurgia, dove sarà ubicata in modo stabile l’unità operativa.

Al “San Camillo de Lellis” i posti letto della Riabilitazione al momento sono 17, che già da lunedì saranno tutti occupati in virtù di ricoveri programmati. Assistenza a pieno regime da subito, quindi, sia come degenza che come attività ambulatoriale aperta agli esterni, grazie a un’équipe di medici, infermieri e fisioterapisti già al completo.

«Abbiamo tenuto fede all’impegno di dare all’ospedale di Atessa nuovi contenuti al fine di migliorarne la caratterizzazione e l’offerta – sottolinea il Direttore Generale della Asl Lanciano Vasto Chieti Francesco Zavattaro – . La nuova unità operativa servirà a migliorare la risposta assistenziale ai pazienti affetti da problemi neuorologici, respiratori e di tipo ortopedico, e a sviluppare un’attività per la quale la nostra Azienda continua a registrare una domanda crescente» .

Passi avanti anche sul fronte dei lavori per la ristrutturazione dell’ex Chirurgia, più spaziosa e idonea ad offrire una collocazione adeguata ai 20 posti letto assegnati alla Riabilitazione: a breve sarà pubblicata la gara d’appalto per le opere di ristrutturazione e adeguamento, per un importo a base d’asta pari 1,4 milioni di euro.

24 agosto 2012 0

Lavoro, quali sono le professioni più richieste dal mercato?

Di admin

Nonostante la crisi, la forte disoccupazione che specie tra le fasce giovanili ha toccato livelli da record, un barlume di mercato del lavoro esiste ancora in Italia. Certo é che le circostanze rendono sempre più difficile trovare un posto di lavoro, specie quello che si desidera o per il quale si è studiato o ci si é specializzati.

A questo punto resta da chiedersi quali siano, di questi tempi le categorie professionali più richieste.

Anche perché, evidenzia Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti, la conoscenza di quali siano i profili lavorativi più richiesti, anche in relazione alle diverse aree geografiche, se non é la soluzione alla ricerca di un posto di lavoro in questo momento così difficile, può servire a facilitare il compito.

Un modo empirico per individuare qualisiano le professioni oggetto di maggiore domanda é senza alcun dubbio rivelato analizzando i dati relativi agli annunci di lavoro apparsi negli ultimi mesi sui vari siti internet. Una recentissima indagine ha messo sotto la lente d’ingrandimento quelli apparsi da maggio sino ad oggi su uno dei principali portali che incrociano domanda ed offerta di lavoro, ossia lavoro.org. A farla da padrone nella speciale classifica delle professioni più richieste sono quelle nel campo commerciale, un ambito assai vasto per il quale sono richieste buone capacita nella vendita dei prodotti. Una miriade sono i prodotti per i quali sono richiesti “venditori”: dagli elettromedicali, alle assicurazioni, passando per prodotti benessere, impianti fotovoltaici, prodotti per tabacchi e tanto di più. Basti pensare che negli ultimi 3 mesi in questo settore si sono registrati oltre 5.000 annunci di offerte lavorative.

Sul secondo gradino del podio c’è un settore in costante espansione da anni: quello informatico. Anche in questo caso, il campo dei tipi di offerte è molto vasto. Sono richiesti: programmatori, sistemisti, grafici, web master, consulenti ed altro ancora. In questo caso le proposte sono state pari ad oltre 1.300.

Di poco al di sotto,con quasi 1200 offerte di lavoro, si collocano al terzo posto i richiestissimi ingegneri, ovviamente con le più disparate specializzazioni. Si va da quelli meccanici, agli elettronici, ai navali, ambientali, esperti di telecomunicazioni ed altro ancora. In questo campo, inoltre, vi sono molte possibilità di stage.

Sorprende che al quarto posto con 1100 offerte di posti di lavoro, ci sia una categoria che si trova in profonda crisi: quella dell’industria metalmeccanica che comunque nel nostro Paese vanta una profonda tradizione che probabilmente favorisce un continuo turn over nonostante la profonda recessione in cui si trova il settore. Le tipologie professionali più richieste sono gli assemblatori, carpentieri, montatori, operai generici, collaudatori, manutentori oltre ad altre figure più specifiche.

Tra gli altri profili professionali la classifica conta a seguire gli addetti alla vendite, area manager; agenti monomandatari, elettricisti, magazzinieri, commessi e camerieri.

Agli ultimi posti e quindi tra le categorie meno ricercate, troviamo: controller, capi reparto, parrucchieri, insegnanti, avvocati, custode care, receptionist e cuochi.

Per quanto concerne l’offerta per categorie generiche, la prima posizione è per lavoro commerciale e agenti procacciatori; a seguire informatica; amministrazione, segreteria e direzione; banche, assicurazioni e finanziamenti; commercio, grande distribuzione e dettaglio; risorse umane e formazione. Sul fondo della classifica delle categorie generiche lavorative, troviamo architettura; immobiliare; ricerca e sviluppo; telelavoro e lavoro da casa. Un dato sorprendente è quello della categoria lavorativa delle badanti e colf, che chiude la graduatoria con sole 3 offerte di lavoro nonostante il periodo estivo. Ma in questo caso, é molto probabile che i dati non riportino fedelmente la realtà perché è un settore nel quale funziona ancora il passaparola per lo scambio tra domanda e offerta e molto meno la rete.

Altri dati significativi giungono dall’analisi della provenienza geografica delle offerte di lavoro: al primo posto c’è quella che si conferma la capitale economica del Paese, ossia Milano, con oltre 4.000 offerte di lavoro pubblicate; più del doppio della capitale istituzionale, Roma, con quasi 2.500. A seguire Torino e Bolzano con 1.300; Bologna 1.200; Modena 1.100; Bergamo 1.000. Tra le città con meno annunci di lavoro inseriti, Pavia, Bari, Pesaro, Lucca e Arezzo con poco più di 200 per ciascuna.

Va, infine, evidenziato come tra le città con più offerte di lavoro pubblicate, non siamo nemmeno presenti importanti realtà territoriali quali Palermo, Messina, Catania, Reggio Calabria, Cosenza e, più in generale, molte grandi città del sud Italia.