Giorno: 25 agosto 2012

25 agosto 2012 0

Piantagione di marijuana per circa 30 quintali, arrestato un pregiudicato

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I carabinieri di Sabaudia ieri hanno arrestato un pregiudicato indagato per aver prodotto illegalmente piante di marijuana, in concorso con altri, per un peso complessivo di circa 30 quintali e per aver detenuto la medesima sostanza stupefacente del peso complessivo di circa 21 chilogrammi. L’arresto veniva disposto dall’A.G. di Latina, in seguito all’attività investigativa, svolta dall’Arma del posto, che aveva consentito di scoprire e sequestrare nei giorni scorsi, ( 7 agosto scorso) un’estesa piantagione di marijuana, individuando ed arrestando altre tre persone responsabili della vicenda. Il prevenuto è stato recluso presso la Casa Circondariale di Latina.

25 agosto 2012 0

Cinofili e Nas a caccia di droga a Ceprano, tre abruzzesi in manette

Di admin

Questa notte a Ceprano nel corso di un servizio coordinato a largo raggio attuato dai Reparti dipendenti la Compagnia Carabinieri di Pontecorvo con l’ausilio del personale del Nucleo Carabinieri Cinofili di Ponte Galeria e del NAS di Latina, procedevano al controllo di 23 automezzi e di 43 persone, nonché all’ispezione di due esercizi pubblici ubicati al centro del paese. Nel corso delle operazioni venivano altresì tratti in arresto un 48enne, un 29enne ed un 22enne, tutti residenti a Capistrello (AQ), poiché resisi responsabile del reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”. I tre, fermati dai militari operanti a bordo della proprio autovettura, a seguito di perquisizione veicolare e personale venivano trovati in possesso di 12 grammi di sostanza stupefacente del tipo “eroina”, confezionata all’interno di 11 bussolotti e pronta per essere venduta. Inoltre i militari operanti deferivano in stato di libertà, poiché ritenuto responsabile del reato di produzione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti un 28enne del luogo, trovato in possesso a seguito di perquisizione domiciliare di una pianta di canapa indiana e tre semi della stessa pianta.

25 agosto 2012 0

Incendi boschivi, elicotteri e canadair su 44 roghi

Di admin

Prosegue incessantemente il grande impegno nella lotta agli incendi boschivi della flotta aerea dello Stato, chiamata oggi ad intervenire a supporto delle squadre di terra su 44 roghi distribuiti in undici diverse regioni del Paese.

Il Lazio è la regione che ha inviato il maggior numero di richieste, 12, al Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento della Protezione Civile. A seguire 7 interventi in Calabria e altrettanti in Campania, 4 ciascuno in Abruzzo e Sicilia, 3 nelle Marche, mentre Sicilia e Basilicata hanno richiesto l’intervento su 2 roghi a testa, uno in Puglia, Emilia-Romagna e Liguria.

L’intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei fin dalle prime luci dell’alba ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 18 incendi. A causa dell’alto numero di roghi, nonostante il dispiegamento di tutte le risorse disponibili e il forte impegno a cui sono stati chiamati oggi gli equipaggi dei Canadair e degli elicotteri, non è stato possibile garantire, per il momento, l’invio dei mezzi aerei su alcuni incendi. Ad ora stanno operando tredici Canadair, sei Fire-Boss e tre elicotteri, un S64 e un CH47. Il lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguirà finché le condizioni di luce consentiranno di effettuare le operazioni in sicurezza.

È utile ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d’emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo.

25 agosto 2012 0

Controesodo, miglioramento atteso nel tardo pomeriggio

Di admin

Autostrade per l’Italia comunica che il traffico si mantiene intenso sulla propria rete soprattutto lungo le direttrici A1 Milano-Napoli e A14 Bologna-Taranto verso nord, pur registrando un miglioramento, rispetto alla mattinata di oggi. Alle 15:30 le tratte autostradali con i maggiori flussi di traffico sono le seguenti: A1 Milano Napoli, dove per percorrere il tratto tra Firenze Scandicci e Barberino occorre circa 1 ora; A14 Bologna -Taranto, nel tratto della riviera romagnola, dove per percorrere il tratto tra Fano e Rimini in direzione nord occorre 1 ora e 10 minuti; mentre più a nord , tra Faenza ed Imola si registrano tempi di percorrenza di circa 30 minuti; Un più deciso miglioramento della situazione potrà verificarsi solo dal tardo pomeriggio di oggi; mentre per domani, domenica 26 agosto, la giornata sarà di nuovo caratterizzata da traffico intenso dal sud verso le grandi città. Si ricorda che i mezzi pesanti non potranno circolare fino alle 23 di oggi e tra le 7 e le 24 di domani. Resterà attivo, fino al completamento della fase dei rientri prevista per la fine del mese, il piano operativo di Autostrade per l’Italia, con oltre 6.000 operatori, 2.000 pannelli a messaggio variabile e più di 1.000 telecamere per garantire assistenza ed informazione ai clienti in viaggio. Per assicurare la massima fluidità della circolazione rimarranno inoltre sospesi lungo i principali itinerari tutti i cantieri di lavoro. Autostrade per l’Italia raccomanda ai viaggiatori una condotta di guida prudente nel rispetto delle norme del Codice della Strada. È importante fermarsi in Area di Sosta o di Servizio ai primi accenni di stanchezza; allacciare le cinture di sicurezza, anche sui sedili posteriori; assicurare i bambini agli appositi seggiolini; rispettare i limiti di velocità e le distanze di sicurezza. Per conoscere la situazione aggiornata del traffico sulla rete autostradale, si consiglia di viaggiare sintonizzati su RTL 102.5 o Isoradio FM 103.3; per ulteriori informazioni è possibile contattare anche il Call Center di Autostrade per l’Italia al numero 840.04.21.21, che fornisce notizie in tempo reale sulle condizioni di viabilità, oltre che sul network TV INFOMOVING in Area di Servizio.

25 agosto 2012 0

Maltempo, pioggia anche sul nord-est dell’Italia

Di admin

La permanenza di correnti umide di provenienza atlantica sulle regioni settentrionali del Paese, continuerà a generare condizioni di tempo marcatamente instabile, specie sulle zone alpine e prealpine.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dalla serata di oggi, sabato 25 agosto, precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Veneto e Friuli Venezia Giulia. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Dalla mattinata di domani, domenica 26 agosto, si prevedono, inoltre, sulla Sardegna, venti da forti a burrasca dai settori nord-occidentali, con mareggiate lungo le coste esposte.

Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

25 agosto 2012 0

A 25 anni si schianta con l’auto contro un albero, tragedia sulla Cassino Sora

Di redazione

Un drammatico schianto contro un albero ha strappatola vita, questa mattina, ad un giovane di Isola del Liri. Si chiama Andrea Fosco e aveva 25 anni l’ultima vittima della strada in provincia di Frosinone. Questa mattina poco prima delle sette, stava percorrendo la superstrada Cassino Sora nel territorio di Vicalvi quando ha perso il controllo della sua Alfa 147 finendo prima in una scarpata e poi schiantandosi contro un albero. Nulla da fare per lui, all’arrivo dei soccorritori il ragazzo era già morto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Vicalvi, i vigili del fuoco e gli operatori del 118. Si indaga sulla dinamica dell’incidente anche se al momento nessuna causa è esclusa ma il colpo di sonno resta l’ipotesi più probabile.

25 agosto 2012 0

Traffico intenso dalle prime ore del mattino sulle autostrade per il secondo week-end di rientri

Di admin

Autostrade per l’Italia comunica che il traffico è intenso sulla propria rete, sin dalle prime ore del mattino, confermando quanto indicato nelle previsioni che riportavano il bollino rosso nella giornata di oggi e per quella di domani. Le principali direttrici di questo secondo week-end di rientro dalle località di villeggiatura, sono sopratutto l’A14 Bologna Taranto e l’A1 Milano-Napoli, in direzione nord. Questa la situazione con i maggiori flussi di traffico alle ore 12:30: A1 Milano- Napoli: dove per percorrere l’area fiorentina da Scandicci a Barberino in direzione nord, occorrono circa 50 minuti; A14 Bologna-Taranto: dove per percorrere il tratto tra Roseto e San Benedetto del Tronto in direzione nord, occorre circa 1 ora; più a nord nella riviera romagnola, occorre circa 1 ora e 50 minuti per percorrere il tratto tra Fano e Rimini ed infine nell’area Bolognese, tra Castel San Pietro ed il bivio con l’A1 si registrano tempi di percorrenza di 1 ora. In considerazione della situazione che si registra sull’A14 in direzione Nord, sin dal tratto abbruzzese, si consiglia per chi fosse diretto dalla Puglia, Molise ed Abruzzo verso Nord, di posticipare le partenze al tardo pomeriggio o in serata. Nelle prossime ore è previsto traffico con flussi molto elevati. Si ricorda che i mezzi pesanti non potranno circolare fino alle 23 di oggi e tra le 7 e le 24 di domani. E’ attivo il piano operativo di Autostrade per l’Italia con oltre 6.000 operatori, 2.000 pannelli a messaggio variabile e più di 1.000 telecamere per garantire assistenza ed informazione ai clienti in viaggio. Per assicurare la massima fluidità della circolazione sono stati inoltre rimossi tutti i cantieri di lavoro. Autostrade per l’Italia raccomanda ai viaggiatori una condotta di guida prudente nel rispetto delle norme del Codice della Strada. È importante fermarsi in Area di Sosta o di Servizio ai primi accenni di stanchezza. Per conoscere la situazione aggiornata del traffico sulla rete autostradale, si consiglia di viaggiare sintonizzati su Isoradio FM 103.3; per ulteriori informazioni è possibile contattare anche il Call Center di Autostrade per l’Italia al numero 840.04.21.21, che fornisce notizie in tempo reale sulle condizioni di viabilità.

25 agosto 2012 0

Giro di vite dei Carabinieri della Compagnia di Atessa

Di admin

Ieri 24 agosto 2012, nel corso di specifici servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, nonché al contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti e della guida sotto l’effetto di sostanze alcooliche e psicotrope; i Carabinieri hanno effettuato il controllato di 110 persone e 73 automezzi, elevato 10 contravvenzioni al C.d.S. ed effettuato 18 accertamenti con apparecchiatura “etilometro”. Nel corso dell’ ordinata attività, è stato tratto in arresto C.M. 47 enne di Atessa poiché trovato in possesso di 7 piante di marijuana in coltivazione e gr.200 di analoga sostanza stupefacente già essiccata. (ora in detenzione domiciliare a disposizione A.G di Lanciano) Sono state deferite in stato di libertà due persone: un autista originario di Foggia tale M.G. che guidava il proprio autocarro nel territorio di Atessa poiché trovato positivo al controllo per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti; un 37 enne locale, tale G.T. , sorpreso alla guida della sua Alfa 156 in evidente stato di ebbrezza e riscontrato positivo all’etilometro con un tasso di alcool nel sangue superiore ai limiti consentiti; Per entrambi è ovviamente scattato anche il ritiro della patente di guida. I posti di controllo istituiti dai militari dell’Arma hanno riguardato soprattutto le principali arterie di comunicazione del territorio nonché le adiacenze delle uscite dei principali locali notturni frequentati da giovani e giovanissimi, al fine di incrementare il livello di percezione della sicurezza soprattutto per ciò che concerne l’abuso di alcool e droga. Questo tipo di operazioni, assicurano i Carabinieri, continueranno sistematicamente per prevenire quelle condotte di guida indisciplinate e pericolose, spesso causa di gravi incidenti stradali.

25 agosto 2012 0

Febbre del Nilo occidentale nuovi casi nell’UE e 46 paesi limitrofi. Ecco la mappa delle zone colpite

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Dopo l’allerta lanciata in Europa dall’ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control) riportata in Italia per prima da Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, e il grande risalto che sta avendo negli Usa una vera e propria epidemia per centinaia di casi scoperti in vari stati dell’unione, altri 33 nuovi casi umani di febbre del Nilo occidentale sono stati segnalati dal Centro Europeo per la Prevenzione e Controllo delle Malattie nell’Unione europea e 46 nei paesi limitrofi extra Ue durante la scorsa settimana.

L’agenzia europea parla di ben ventinove nuovi casi nella vicina Grecia segnalati dall’Hellenic Centre for Disease Control and Prevention (KEELPNO). La maggior parte dei casi, 26 per la precisione sono stati scoperti nelle zone che avevano riportato segnalazioni di casi precedenti: nelle prefetture di Attiki (3), Kavala (8), Samo (1), Salonicco (2), Xanthi (12). Due altri casi probabili sono stati circoscritti recentemente nella prefettura Calcidica, mentre la posizione di un caso non è nota. I nuovi casi e aree colpite in Grecia non sono arrivati completamente inaspettati dato che dal 2010 la trasmissione del virus del Nilo occidentale ha subito una progressiva espansione geografica in tutto il paese, come indicato nella valutazione del rischio pubblicata di recente da parte dell’ECDC sulla situazione epidemiologica della febbre del Nilo occidentale in Grecia.

Inoltre, per la prima volta in questa stagione sono stati segnalati casi di trasmissione di febbre del Nilo occidentale in Romania: tre confermati e uno probabile, nel comune di Bucurest, nella Contea di Braila e nella Contea di Ilfov.

Per quanto riguarda i paesi limitrofi all’area Ue, la Russia ha riferito la presenza di 42 nuovi

casi: corrispondo a 20 le nuove aree colpite che si aggiungono alle 22 precedenti già segnalate nei report.

I primi casi in Serbia, per questa stagione sono stati segnalati la scorsa settimana: uno nella capitale Belgrado e tre nel distretto di Juzno-Banatski.

L’ampia diffusione dei contagi ha indotto l’ECDC ha mettere in rete sul proprio portale una mappa delle aree colpite, che lo “Sportello dei Diritti” ritiene utile far conoscere a chi si sposta in Europa e nei paesi limitrofi al fine di adottare le opportune misure di profilassi per evitare un possibile contagio.

25 agosto 2012 0

Stipendi folli nella pubblica amministrazione: alcuni segretari, funzionari e dirigenti comunali costano come 2 manager

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

La crisi economica sembra esserci per molti ma non per tutti. Nella pubblica amministrazione ci sono dirigenti, i quali vengono definiti come privilegiati, con stipendi elevati di centinaia di migliaia di euro l’anno e qualcuno addirittura più di mezzo milione.

Gli alti papaveri dello Stato italiano che secondo l’indagine dell’Ocse “Government at a glance 2011″ sono i meglio pagati al mondo, con una media di 308 mila euro per i top manager, riescono addirittura a doppiare il tetto imposto dal governo alle retribuzioni pubbliche. I dirigenti pubblici italiani, insomma, non si possono davvero lamentare dei loro stipendi. Ma se la passano molto bene e senza troppe verifiche i manager pubblici, ci sono i dirigenti comunali che sono completamente fuori dalla grazia di dio. A prescindere dalle dimensioni del Comune e dal numero dei suoi abitanti, gli stipendi dei dirigenti sono tutti pressochè uguali e tutti al massimo della retribuibilit. Qui si parla anche e soprattutto di dirigenti, presidenti e commissari di autorità indipendenti, di municipalizzate, di signorotti e burocrati con stipendi maturati in anni di privilegi e vacche grasse che adesso guai a chi glieli tocca. Come nel caso del segretario generale del Comune di Lecce (95.520 abitanti) che si accaparra un reddito annuo di 205.108 euro e, al top, il direttore generale del Comune di Milano che sbanca con i suoi 289.000 euro tondi tondi. Emolumenti da centinaia di migliaia di euro l’anno che sono schiaffi in faccia a chi tocca ogni giorno con mano il livello qualitativo medio dei servizi erogati dalla pubblica amministrazione. Quando si tratta di onorare i debiti con i fornitori e pagare il dovuto per i beni e servizi ricevuti, la PA si prende tutto il tempo che vuole, quando invece deve pagare lo stipendio ai suoi alti papaveri non ci sono problemi.

Come faranno i sindaci e gli amministratori comunali a giustificarli davanti ai cittadini ai quali continuamente ripetono che non c’è una lira in cassa per questo o quel servizio o ai loro dipendenti, che guadagnano la quarta, quinta parte dei loro stipendi, spesso per accollarsi la maggioranza del lavoro ?

Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, occorre dare una sforbiciata alle retribuzioni dei dirigenti con più anzianità congelando in attesa immediatamente gli stipendi e i premi dei per i prossimi 5 anni. Oltre ad un effettivo risparmio per le casse comunali sarebbe un bel segnale nei confronti dei tanti cittadini che non arrivano a fine mese ed un occasione per ridurre le tasse inique. Insomma tagli che non servono solo a salvare i Comuni ma che dovrebbero servire a salvare la faccia di chi ci governa.