Arano la storia, ad Aquino agricoltori distruggono importanti reperti di epoca romana

31 agosto 2012 0 Di redazione

Senza alcuna autorizzazione hanno estirpato un vigneto ed hanno arato in maniera profonda un’area di 2400 metri quadrati sotto cui erano celati i resti dell’antica Aquinum. La segnalazione è arrivata dalla Sovrintendenza ai beni archeologici ai carabinieri di Aquino che, dopo una indagine, hanno sequestrato l’area. Si tratta di un sito archeologico importantissimo dove molti resti sono affioranti come il teatro, molti altri sono coperti dal terreno in attesa di una campagna di scavi. In pieno agosto, in tre, hanno rimosso il vigneto che era lì da anni e non arrecava danni ai resti archeologici e con potenti trattori hanno arato in profondità l’area urbana distruggendo pezzi di muro e colonne risalenti all’epoca dell’insediamento romano. I carabinieri, quindi, hanno proceduto al sequestro dell’area e si sta valutando la posizione dei tre.